Corsia4 Forum

Una piattaforma di emergenza per continuare a scambiare messaggi!

Accesso non effettuato.

#1476 19-12-2023 14:09:13

nuotofan
Utente
Registrato: 20-06-2022
Messaggi: 2'027

Re: Il 2023 tra le corsie

Su Swimswam hanno cominciato la lunga sequela di premi per il 2023 (pratica che un po' mi rattrista perché non mi piace guardare indietro ma avanti, oltre che per l'intrinseca soggettività di alcune scelte).

Una scelta indiscutibile è stata quella del nuotatore africano, andata ovviamente ad Ahmed Hafnaoui, autore di tre gare strepitose ai Mondiali di Fukuoka e di crono che lo mettono con serie potenzialità di WR nei 400 e 1500 sl ed il più indicato ad avvicinare il crono clamoroso di Zhang Lin a Roma09 negli 800 sl.

E quindi riflettevo, ancora una volta, sulla Tunisia, piccolo stato che si affaccia sul Mediterraneo, che ha già espresso due campioni come Mellouli ed Hafnaoui, ed ha anche due atleti che paiono assai promettenti, il 18enne Jaouadi e quel Rami Rahmouni di cui penso di essere stato il solo a parlare a seguito dei suoi crono al Mare Nostrum.

Giusto quindi dare un aggiornamento su Rahmouni, che nelle liste del Mare Nostrum figurava come nato nel 2010, ma altrove risulterebbe del 2009, quindi 14enne.
In ogni caso, ad oggi i suoi PBs in vasca lunga sono 3.57.59 nei 400 stile libero, 8.15.29 negli 800 e 15.42.52 nei 1500 stile libero; niente male davvero, anche ipotizzando che sia nato nel 2009, come il celebratissimo Mijatovic e quel Tajus Juska di cui ho parlato parecchio.

Ultima modifica di nuotofan (19-12-2023 18:12:50)

Non in linea

#1477 19-12-2023 20:17:36

nuotofan
Utente
Registrato: 20-06-2022
Messaggi: 2'027

Re: Il 2023 tra le corsie

A proposito di Jaouadi e di molti atleti francesi reduci dai Campionati Europei in vasca corta, si sono testati in vasca lunga con ottimi risultati https://www.liveffn.com/cgi-bin/resulta … langue=gbr

Grousset ha nuotato solo i 50 stile libero con un buon 21.81, mentre nei 50 stile libero femminili c'è stato il sorprendente 24.65 (RN) della belga Gaspard, conosciuta fin qui soprattutto come ranista.
La 16enne francese Cachot ha confermato gli ottimi crono dei Campionati nazionali juniores in vasca corta segnalati qualche post fa, nuotando 25.31 nei 50 e 55.18 (record francese di categoria) nei 100 stile libero.
Anche Jaouadi, come detto, si è distinto pure in vasca lunga con 3.47.75 nei 400 stile libero e 7.53.99 negli 800 stile libero, entrambe le gare vinte da Aubry, mentre ci sono stati due record nazionali giovanili per la 14enne LeChevalier nei 50 (29.56) e 100 dorso (1.02.73), vinti da un'ottima Moluh.

Rappresentativi delle differenze tra vasca corta e vasca lunga i risultati del dorso maschile dominato da Ndoye Brouard, che era stato invece preceduto da Tomac agli Europei di vasca corta.
Ndoye Brouard ha vinto i 100 dorso in 53.02 ed i 200 in 1.56.23, crono assai significativi per il periodo e per il 2024, considerando che nelle scorse stagioni Ndoye Brouard aveva avuto dei problemi fisici in inverno che ne avevano inficiato la preparazione ed i successivi risultati estivi.

In vasca lunga conta la cilindrata e Ndoye Brouard ha un wattaggio decisamente superiore al pur ottimo e frizzante Tomac, che gli è invece superiore nei cambi di direzione e nelle sub (un po' come Ceccon vs Mora, anche se Tomac, in vasca lunga, è più vicino come risultati a quelli di Ndoye di quanto Mora lo sia con Ceccon).

Ultima modifica di nuotofan (19-12-2023 22:57:39)

Non in linea

#1478 19-12-2023 22:48:39

nuotofan
Utente
Registrato: 20-06-2022
Messaggi: 2'027

Re: Il 2023 tra le corsie

Si è dunque scoperto dove Tajus Juska ed altri promettenti lituani hanno gareggiato nello scorso weekend (in cui spiccava la loro assenza nei Campionati nazionali in vasca corta svoltisi in Lituania, con invece Rapsys presente), e cioè ai Campionati invernali greci che si sono disputati in vasca lunga.

Juska ha continuato a progredire in modo impressionante, come ormai siamo abituati a vedere dallo scorso gennaio (quando cominciai a parlarne).

Il primo giorno ha disputato i 200 stile libero nuotando 1.50.85 in batteria (poi 1.51.03 in finale) ed i 50 farfalla (24.75 in batteria e 24.63 in finale).
Il secondo giorno i 100 farfalla in cui ha migliorato due volte il PB fino al 54.25 della finale.
Il terzo giorno gli attesi 100 stile libero in cui ha ottenuto 50.01 in batteria e poi 50.14 in finale.

Come scritto su Swimswam, alla fine del 2022 il suo PB nei 100 stile libero era a 53.81 ed ora siamo a 50.01, mentre nei 200 stile era addirittura sopra i 2' (scese per la prima volta sotto i 2' nel febbraio 2023, con 1.59.39) ed ora, con 1.50.85, è a ridosso dei più veloci 14enni di sempre.

Molto bene anche il 16enne Kauspedas che ha vinto i 50 dorso in 25.07 ed ha nuotato 55.41 nei 100 dorso vinti da Christou in 53.48.

Ritornando a Juska, non è riuscito a scendere sotto i 50" nei 100 (sarebbe stato il terzo 14enne a farlo dopo Popovici e Whittle), ma ormai i suoi crono sono arrivati ad un livello tale che non sarò più il solo a parlarne lol

Non in linea

#1479 20-12-2023 06:33:36

EdmondDantes
Utente
Registrato: 19-07-2022
Messaggi: 410

Re: Il 2023 tra le corsie

nuotofan ha scritto:

Si è dunque scoperto dove Tajus Juska ed altri promettenti lituani hanno gareggiato nello scorso weekend (in cui spiccava la loro assenza nei Campionati nazionali in vasca corta svoltisi in Lituania, con invece Rapsys presente), e cioè ai Campionati invernali greci che si sono disputati in vasca lunga.

Juska ha continuato a progredire in modo impressionante, come ormai siamo abituati a vedere dallo scorso gennaio (quando cominciai a parlarne).

Il primo giorno ha disputato i 200 stile libero nuotando 1.50.85 in batteria (poi 1.51.03 in finale) ed i 50 farfalla (24.75 in batteria e 24.63 in finale).
Il secondo giorno i 100 farfalla in cui ha migliorato due volte il PB fino al 54.25 della finale.
Il terzo giorno gli attesi 100 stile libero in cui ha ottenuto 50.01 in batteria e poi 50.14 in finale.

Come scritto su Swimswam, alla fine del 2022 il suo PB nei 100 stile libero era a 53.81 ed ora siamo a 50.01, mentre nei 200 stile era addirittura sopra i 2' (scese per la prima volta sotto i 2' nel febbraio 2023, con 1.59.39) ed ora, con 1.50.85, è a ridosso dei più veloci 14enni di sempre.

Molto bene anche il 16enne Kauspedas che ha vinto i 50 dorso in 25.07 ed ha nuotato 55.41 nei 100 dorso vinti da Christou in 53.48.

Ritornando a Juska, non è riuscito a scendere sotto i 50" nei 100 (sarebbe stato il terzo 14enne a farlo dopo Popovici e Whittle), ma ormai i suoi crono sono arrivati ad un livello tale che non sarò più il solo a parlarne lol

Super Juska, mi ha sorpreso soprattutto sui 200 che ormai ha portato a un livello superiore rispetto ai 100 farfalla che dovrebbero essere teoricamente la gara gemella.

Sull'andare sotto i 50" (non che 50"01 sia una brutta situazione in cui trovarsi) come 14enne purtroppo non credo avrà altre occasioni essendo nato a Gennaio...piccolo appunto, nel caso sarebbe stato il quarto visto che l'impresa è riuscita pure al 2007 cinese Zhang Xinchen il quale nuotò 49.76, vero record mondiale 14enni, nel 2021 (poi si è un po' perso infatti è tuttora il suo PB)

Sicuramente il nome di Juska guadagnerà un po' di trazione, ma finché non farà un WR o vincerà un oro olimpico sarà sempre secondo a un qualche 11enne californiano che ha fatto una bella gara in yards haha

Ultima modifica di EdmondDantes (20-12-2023 06:35:16)

Non in linea

#1480 20-12-2023 09:38:22

Lety
Utente
Registrato: 20-06-2022
Messaggi: 21

Re: Il 2023 tra le corsie

Altro giro altra giostra per Galossi:
https://questionedistile.gazzetta.it/20 … o-di-greg/

Non in linea

#1481 20-12-2023 10:10:57

EdmondDantes
Utente
Registrato: 19-07-2022
Messaggi: 410

Re: Il 2023 tra le corsie

Lety ha scritto:

Altro giro altra giostra per Galossi:
https://questionedistile.gazzetta.it/20 … o-di-greg/

Se da un lato mi fa davvero star male leggere che un simile talento non riesca più a trovare gli stimoli per lavorare duro (o almeno così ci viene detto), dall'altro, se c'è una vicinanza che può fare la differenza in tal senso è sicuramente quella di Greg, che come voglia di impegnarsi e agonismo è di gran lunga il migliore della storia del nuoto azzurro e che ricordo aveva speso molti complimenti per Galossi in quella super estate del 2022

Resto comunque sconvolto di come si sia potuti arrivare a questo punto...

Non in linea

#1482 20-12-2023 13:18:24

nuotofan
Utente
Registrato: 20-06-2022
Messaggi: 2'027

Re: Il 2023 tra le corsie

EdmondDantes ha scritto:
nuotofan ha scritto:

Si è dunque scoperto dove Tajus Juska ed altri promettenti lituani hanno gareggiato nello scorso weekend (in cui spiccava la loro assenza nei Campionati nazionali in vasca corta svoltisi in Lituania, con invece Rapsys presente), e cioè ai Campionati invernali greci che si sono disputati in vasca lunga.

Juska ha continuato a progredire in modo impressionante, come ormai siamo abituati a vedere dallo scorso gennaio (quando cominciai a parlarne).

Il primo giorno ha disputato i 200 stile libero nuotando 1.50.85 in batteria (poi 1.51.03 in finale) ed i 50 farfalla (24.75 in batteria e 24.63 in finale).
Il secondo giorno i 100 farfalla in cui ha migliorato due volte il PB fino al 54.25 della finale.
Il terzo giorno gli attesi 100 stile libero in cui ha ottenuto 50.01 in batteria e poi 50.14 in finale.

Come scritto su Swimswam, alla fine del 2022 il suo PB nei 100 stile libero era a 53.81 ed ora siamo a 50.01, mentre nei 200 stile era addirittura sopra i 2' (scese per la prima volta sotto i 2' nel febbraio 2023, con 1.59.39) ed ora, con 1.50.85, è a ridosso dei più veloci 14enni di sempre.

Molto bene anche il 16enne Kauspedas che ha vinto i 50 dorso in 25.07 ed ha nuotato 55.41 nei 100 dorso vinti da Christou in 53.48.

Ritornando a Juska, non è riuscito a scendere sotto i 50" nei 100 (sarebbe stato il terzo 14enne a farlo dopo Popovici e Whittle), ma ormai i suoi crono sono arrivati ad un livello tale che non sarò più il solo a parlarne lol

Super Juska, mi ha sorpreso soprattutto sui 200 che ormai ha portato a un livello superiore rispetto ai 100 farfalla che dovrebbero essere teoricamente la gara gemella.

Sull'andare sotto i 50" (non che 50"01 sia una brutta situazione in cui trovarsi) come 14enne purtroppo non credo avrà altre occasioni essendo nato a Gennaio...piccolo appunto, nel caso sarebbe stato il quarto visto che l'impresa è riuscita pure al 2007 cinese Zhang Xinchen il quale nuotò 49.76, vero record mondiale 14enni, nel 2021 (poi si è un po' perso infatti è tuttora il suo PB)

Sicuramente il nome di Juska guadagnerà un po' di trazione, ma finché non farà un WR o vincerà un oro olimpico sarà sempre secondo a un qualche 11enne californiano che ha fatto una bella gara in yards haha

Giusto il ricordo statistico del risultato del 14enne cinese che non è più menzionato in molti ranking (ed è sfuggito anche al meticoloso Sutherland, imo il migliore di Swimswam) e concordo con l'hype (divertente) ai risultati in yards che viene data sul sito che tutti ben conosciamo.

Come ho già avuto modo di osservare, è chiaro che questi ranking giovanili hanno un'importanza assai relativa (per non dire nulla) nell'ambito della carriera di un nuotatore; vedremo quale sarà la carriera di Juska che, pur mancandoci molte informazioni basilari (quanto si allena in primis), ha alcune caratteristiche che mi fanno pensare che non sarà un fuoco di paglia.

Non in linea

#1483 20-12-2023 13:32:34

nuotofan
Utente
Registrato: 20-06-2022
Messaggi: 2'027

Re: Il 2023 tra le corsie

Lety ha scritto:

Altro giro altra giostra per Galossi:
https://questionedistile.gazzetta.it/20 … o-di-greg/

La considero una buona ed in un certo senso attesa notizia, perché è evidente che la scelta di Chelli, come allenatore di Galossi, fosse transitoria.
Come dimostra anche la scelta di Burdisso, Antonelli si sta guadagnando fama di coach esigente ma dialogante e non c'è dubbio che la presenza di Greg, ancora pieno di motivazioni dopo una carriera infinita, sia un punto a favore per cercare di "ritrovare il Galossi perduto".

Come ha detto Edmond, resta lo sbigottimento per come si sia potuti arrivare ad una situazione simile.

Avevamo lasciato Galossi agli Europei di Roma nell'agosto 2022, dove era stato autore di quel gran crono negli 800 nonostante la stagione fitta di impegni, ed eravamo abituati e confortati dalle sue ambizioni dichiaratamente espresse, consolidate dai complimenti di Greg che lo incoronavano, di fatto, suo erede.

Come mai Galossi, a nemmeno 17 anni ed in seguito a qualche problema di salute, sia entrato nella crisi che si sta trascinando da oltre un anno, è impossibile da capire senza avere avuto nessuna spiegazione da parte dei diretti interessati.

Non in linea

#1484 20-12-2023 16:01:19

stilelibero
Utente
Registrato: 06-11-2022
Messaggi: 97

Re: Il 2023 tra le corsie

Stavolta potrebbe essere la svolta positiva, o almeno, se c'era una soluzione ideale probabilmente era questa. E se è vero che Greg può dare tantissimo a Galossi, anche un Galossi ritrovato può dare qualcosa a Greg. Ricominciamo ad aspettare notizie!

Ultima modifica di stilelibero (20-12-2023 16:02:28)

Non in linea

#1485 20-12-2023 23:35:26

nuotofan
Utente
Registrato: 20-06-2022
Messaggi: 2'027

Re: Il 2023 tra le corsie

I 100 sl dei Campionati invernali greci, vinti da Christou e con Juska al quarto posto, al minuto 17 https://www.youtube.com/watch?v=sNALKon7b9M
Veramente notevole come un ragazzo di nemmeno 15 anni con un fisico assai normale (come detto in precedenza, qualche centimetro guadagnato nei prossimi 3-4 anni sarebbe assai utile) riesca a nuotare questi crono.
Nei 100 Juska nuota (ovviamente) ad alte frequenze, mostrando comunque una buona tecnica nonostante qualche comprensibile imperfezione, mentre il risultato dei 200 dimostra le sue indiscutibili qualità acquatiche.
Ci vorrà, con la crescita, un oculato programma di potenziamento muscolare, per mantenere quella scorrevolezza che è la sua qualità migliore.

Non in linea

#1486 21-12-2023 03:04:50

xman
Utente
Registrato: 20-06-2022
Messaggi: 218

Re: Il 2023 tra le corsie

Lety ha scritto:

Altro giro altra giostra per Galossi:
https://questionedistile.gazzetta.it/20 … o-di-greg/

Quattro allenatori in un anno, mi ricorda la parabola della Manaudou nel 2007, anche lei 4 allenatori in dieci mesi (Lucas-Penso-N.Manaudou-Horter). Ma Laure era alla fine della carriera e nonostante fosse ancora giovane (21 anni) aveva già fatto la sua parte. Una tale girandola di allenatori per un diciassettenne è di sicuro qualcosa di più raro a vedersi.

Non in linea

#1487 21-12-2023 10:15:42

nuotofan
Utente
Registrato: 20-06-2022
Messaggi: 2'027

Re: Il 2023 tra le corsie

xman ha scritto:
Lety ha scritto:

Altro giro altra giostra per Galossi:
https://questionedistile.gazzetta.it/20 … o-di-greg/

Quattro allenatori in un anno, mi ricorda la parabola della Manaudou nel 2007, anche lei 4 allenatori in dieci mesi (Lucas-Penso-N.Manaudou-Horter). Ma Laure era alla fine della carriera e nonostante fosse ancora giovane (21 anni) aveva già fatto la sua parte. Una tale girandola di allenatori per un diciassettenne è di sicuro qualcosa di più raro a vedersi.

E stiamo parlando non di un diciassettenne qualunque, ma del 16enne (i problemi ed i cambi di allenatore sono cominciati prima che Galossi compisse 17 anni) più promettente del nuoto italiano, ma non solo.

A 16 anni Galossi aveva già dei PBs (1.47.42 nei 200, 3.45.93 nei 400 e 7.43.37 negli 800 in vasca lunga) tali da attirare su di lui l'interesse di tutti i conoscitori di nuoto al mondo, per cui possiamo ben dire che la totale assenza di notizie su cosa sia capitato in questo 2023 ha sorpreso tanti, anche al di fuori dei confini dell'Italia.

Non in linea

#1488 21-12-2023 13:36:52

nuotofan
Utente
Registrato: 20-06-2022
Messaggi: 2'027

Re: Il 2023 tra le corsie

Ci avviciniamo alla pausa delle competizioni fino al 10 gennaio circa (ci sarà ancora la Coppa Brema in varie regioni), e ho quindi deciso di ricordare brevemente quanto successo in questo 2023 con 12 post che sintetizzano i fatti salienti di ogni mese.

GENNAIO 2023 - CECCON FA SOGNARE ALL'EUROMEET

A fine gennaio 2023 si celebra in Lussemburgo il tradizionale Euromeet, e Ceccon nuota gare per lui inusuali: i 200 farfalla, i 200 stile libero ed i 100 rana, realizzando PBs in ognuna di esse.

Spicca, in particolare, l'1.46.52 nei 200 stile libero, crono di assoluto rilievo per il periodo, ma è notevole anche l'1.02.51 nei 100 rana, lo stile meno forte di Ceccon, in particolare in vasca lunga.

Sono crono che, a ragione, introdurrebbero il discorso dei 200 misti in vasca lunga, ma sarà lo stesso Ceccon a far capire di non volere cambiare gli obiettivi nei grandi eventi, ed ai Mondiali di Fukuoka riproporrà 50 farfalla e 50 e 100 dorso come gare individuali.

Resta da capire cosa sarebbe accaduto se la preparazione fosse filata liscia, cioè senza quei malanni di stagione che, tra quell'Euromeet di fine gennaio ed i Primaverili di aprile, hanno costretto Ceccon a vari stop, ma è probabile che anche il discorso della partecipazione alla 4x200 stile libero non avrebbe avuto seguito, visti gli impegni complessivi ai Mondiali di Fukuoka, terminati con quell'infausta eliminazione dalla finale della 4x100 mista campione del mondo.

Restano i risultati di quel meeting di fine gennaio, che dimostrano le grandi potenzialità di Ceccon.

Ultima modifica di nuotofan (22-12-2023 13:20:02)

Non in linea

#1489 21-12-2023 18:19:28

nuotofan
Utente
Registrato: 20-06-2022
Messaggi: 2'027

Re: Il 2023 tra le corsie

FEBBRAIO 2023 - I PRIMI SEGNALI DI QUELLO CHE (NON) SARA'

Febbraio si apre con la notizia della scelta, da parte di World Aquatics, di Singapore per i Mondiali 2025 (che si dovevano disputare a Kazan) e poi cominciano ad arrivare risultati significativi dai vari meeting.

Alcuni, vedi quelli della McKeown e della McIntosh, verranno confermati nel prosieguo della stagione, altri non troveranno seguito.

Tra questi ultimi (purtroppo) i risultati sui 200 stile libero di Galossi, che prima nuota 1.46.02 nell'esordio in vasca corta e poi rientra anche in vasca lunga al meeting del Titano, dove arriva secondo in 1.49.69, preceduto di 4 decimi da Ragaini (che invece continuerà a progredire). Ottimo protagonista al meeting del Titano è Daniele Del Signore (e per lui, come per Ragaini, si potrà parlare anche di un buon 2023)

Tra i risultati che non avranno riscontri all'altezza nei mesi successivi, ci sono gli ottimi crono di Masiuk al meeting di Lublino di fine febbraio: 24.44 nei 50 dorso e 52.81 nei 100 dorso.

Non in linea

#1490 22-12-2023 13:16:40

nuotofan
Utente
Registrato: 20-06-2022
Messaggi: 2'027

Re: Il 2023 tra le corsie

MARZO 2023 - LA PRIMAVERA NATATORIA PORTA WRS E NOMI NUOVI

Summer McIntosh (Estatina) sboccia già con l'annuncio della primavera, prima con tre WJRs ad inizio marzo a Ft Lauderdale e poi con il WR nei 400 stile libero (3.56.08) e con il nuovo WJR nei 200 misti (2.06.89) alla fine del mese, nelle prime due giornate dei trials canadesi.

Non le è da meno Kaylee McKeown che a metà mese, al NSW a Sydney, migliora il WR dei 200 dorso nuotando 2.03.14.

Si disputano anche i Primaverili cinesi e da Qin Haiyang arrivano i primi segnali di quello che verrà: 58.66 nei 100 rana, 2.07.60 nei 200 rana oltre ad un 1.57.68 nei 200 misti vinti dal campione olimpico Wang Shun che si ripropone ad ottimi livelli, prevalendo pure nei 100 dorso (privi di Xu Jiayu) e nei 200 stile libero (privi di Pan Zhanle). 

Pan Zhanle, causa influenza, nuota solo i 400 stile libero (vinti in 3.47 basso) ed il protagonista della velocità cinese  è il 2005 Wang Haoyu, vincitore dei 100 stile libero in 47.89.

In Usa è febbre da finali Ncaa, con grandi protagonisti Kate Douglass e Leon Marchand, mentre emergono problemi vari per Adam Peaty, Duncan Scott e Benny Pilato, risolti in modi diversi: Peaty annuncerà a fine mese il suo ritiro dagli imminenti trials britannici e il suo stop all'agonismo, mentre Scott e la Pilato prenderanno parte al Mondiale di Fukuoka.

Dal meeting di Firenze emerge l'ottima condizione di Simona Quadarella, dai trials coreani la nascita di una promettente 4x200 stile libero, mentre sul finire del mese, con l'attenzione generale catalizzata dalle imprese di Estatina, il 2004 portoghese Diogo Ribeiro riesce a scendere sotto i 48" nei 100 stile ai Campionati portoghesi (47.98).

Ultima modifica di nuotofan (22-12-2023 13:17:32)

Non in linea

#1491 22-12-2023 18:46:18

nuotofan
Utente
Registrato: 20-06-2022
Messaggi: 2'027

Re: Il 2023 tra le corsie

APRILE 2023 - SI NUOTA IN TUTTO IL MONDO, ALTROCHE' APRILE DOLCE DORMIRE..

Estatina ottiene il suo secondo WR, questa volta nei 400 misti con 4.25.87, e dalla lontana Nuova Zelanda Erika Fairweather (4.00.62) fa capire di essere intenzionata a scendere sotto la barriera dei 4' nei 400 stile libero.

In Giappone cominciano le selezioni per i Mondiali di casa e producono crono migliori di quelli che gli atleti nipponici nuoteranno poi a luglio, mentre Popovici sembra ancora... Popovici, nuotando con apparente facilità 47.61 nei 100 stile, tra un diversivo a dorso ed uno a delfino.

In Gran Bretagna non c'è Peaty ma non mancano i motivi di interesse, a partire dalle finali dei 100 e 200 stile libero, in cui Richards passa dalla cocente delusione dei 100 al superare il campione olimpico Dean in un anticipo di quello che avverrà al Mondiale.

Da appassionati di nuoto si vive all'interno di un  frullatore, con grandi crono che arrivano dalla Svezia (Wiffen 14.34.91 nei 1500), dall'Olanda, dall'Australia (esplode Short nei 400 stile con 3.42.4, oltre alla solita McKeown e ad un anticipo del duello mondiale nei 200 stile tra O'Callaghan e Titmus), dal Sudafrica (Coetze si porta a 52.7 nei 100 dorso), dalla Germania (Wellbrock risponde a Wiffen con 14.34.89, due centesimi meglio dell'irlandese) e dagli Usa con un meeting a Westmont dove Casas impegna nei 200 misti Marchand e Regan Smith eccelle.

Non mancano i risultati giovanili di rilievo, da Mijatovic a Juska a Tuncelli, primo 15enne a scendere sotto i 15' nei 1500 in vasca lunga con 14.56.67, e si celebrano - soprattutto - i Campionati italiani a Riccione: sono i Campionati di Sara Franceschi (2.10.05, RI nei 200 misti e 4.35.98 nei 400 misti) e di Federico Poggio (vittoria a sorpresa, con un grande 58.73, nei 100 rana), oltre che del poker di vittorie di Simona Quadarella e del bel rientro nei 50 rana (29.84) di Benedetta Pilato.

Il secondo WR, siderale, di questo aprile 2023 arriva dalla Russia, ed è il 2.17.55 della Chikunova nei 200 rana: che bello sarebbe se tutti potessero parlare solo di nuoto e del frullatore di aprile!

Ultima modifica di nuotofan (22-12-2023 18:51:14)

Non in linea

#1492 22-12-2023 23:12:18

nuotofan
Utente
Registrato: 20-06-2022
Messaggi: 2'027

Re: Il 2023 tra le corsie

La Gran Bretagna invierà una buona squadra al Mondiale di Doha (20 atleti, tra i 12 nuotatori e le 8 nuotatrici):

Freya Colbert, Loughborough Performance Centre (England), Lauren Cox, Loughborough University (England), Kathleen Dawson, University of Stirling (Scotland), Tom Dean, Bath Performance Centre (England), Luke Greenbank, Loughborough Performance Centre (England), Medi Harris, Loughborough Performance Centre (Wales), Lucy Hope, University of Stirling (Scotland), Anna Hopkin, Loughborough Performance Centre (England), Joe Litchfield, Loughborough Performance Centre (England), Max Litchfield, Loughborough Performance Centre (England), Jack McMillan, University of Stirling (Northern Ireland), Adam Peaty, Loughborough Performance Centre (England), Ben Proud, University of Bath (England), Matthew Richards, Millfield (Wales), Duncan Scott, University of Stirling (Scotland), Laura Stephens, Loughborough Performance Centre (England), Jacob Whittle, Bath Performance Centre (England), James Wilby, Loughborough Performance Centre (England), Brodie Williams, Bath Performance Centre (England), Abbie Wood, Loughborough Performance Centre (England)

C'è il rientro in nazionale di Max Litchfield, che si è a lungo allenato a Livorno con il gruppo di Stefano Franceschi (ed ora figura come appartenente al Loughborough Performance Centre), mentre mancano i migliori delfinisti, cioè Guy e Peters, per cui nella mista maschile la Gran Bretagna dovrà schierare un non specialista nella terza frazione (Duncan Scott o Joe Litchfield probabilmente).
Manca anche Burras, per cui il quartetto della 4x100 sl sarà Richards, Scott, Dean e Whittle (che dovrà farsi perdonare la squalifica di Fukuoka) ed è proprio la 4x100 sl maschile la staffetta che più interessa ai britannici, dopo quanto accaduto a Fukuoka, in vista di Parigi.

Ci saranno sia Peaty che Wilby nella rana, e quindi c'è la conferma che i 100 rana saranno una delle poche gare di livello degno di un Campionato Mondiale, visto che parteciperanno anche Qin, Martinenghi, Kamminga e Fink.

Qualche assenza in più in campo femminile (la Anderson, la Shanahan etc), ma comunque andranno a Doha delle nuotatrici di rilievo.

Ultima modifica di nuotofan (22-12-2023 23:13:49)

Non in linea

#1493 23-12-2023 02:41:42

xman
Utente
Registrato: 20-06-2022
Messaggi: 218

Re: Il 2023 tra le corsie

nuotofan ha scritto:

La Gran Bretagna invierà una buona squadra al Mondiale di Doha (20 atleti, tra i 12 nuotatori e le 8 nuotatrici):

Senza dubbio una buona squadra. I britannici hanno recuperato Greenbank ad un livello prevedibilmente alto. Sono curioso di vedere se Scott vincerà finalmente una gara individuale a livello mondiale. Poi ovviamente Peaty. Il piatto della rana mi sembra molto ricco, non manca quasi nessuno, compreso il bielorusso Shymanovich.

Non in linea

#1494 23-12-2023 12:17:18

EdmondDantes
Utente
Registrato: 19-07-2022
Messaggi: 410

Re: Il 2023 tra le corsie

Molto bene stamattina Carlos D'Ambrosio che prima nuota 3.48.70 sui 400 per poi a distanza di circa 50 minuti stampare un bel 48.29 sui 100, immagino che senza il 400 avremmo potuto vederlo sotto il muro dei 48 secondi.

Difatti conclude la mattinata con uno split lanciato da 47.25 sulla 4x100 mista, non è riportato il tempo di reazione ma possiamo immaginare sarebbe stato un 47.7-47.8 da fermo? Davvero altissimo livello per un 16enne

Ultima modifica di EdmondDantes (23-12-2023 13:02:32)

Non in linea

#1495 23-12-2023 16:09:43

nuotofan
Utente
Registrato: 20-06-2022
Messaggi: 2'027

Re: Il 2023 tra le corsie

EdmondDantes ha scritto:

Molto bene stamattina Carlos D'Ambrosio che prima nuota 3.48.70 sui 400 per poi a distanza di circa 50 minuti stampare un bel 48.29 sui 100, immagino che senza il 400 avremmo potuto vederlo sotto il muro dei 48 secondi.

Difatti conclude la mattinata con uno split lanciato da 47.25 sulla 4x100 mista, non è riportato il tempo di reazione ma possiamo immaginare sarebbe stato un 47.7-47.8 da fermo? Davvero altissimo livello per un 16enne

Agli Europei Juniores di Vilnius ad inizio luglio 2024, si prospetta un gran confronto tra i 100isti italiani; vedremo i due che supereranno il turno tra Ballarati, D'Ambrosio, Passafaro.. (in rigoroso ordine alfabetico).
I francesi saranno sicuramente assai competitivi: vedo molto bene il 2006 franco-spagnolo Fente-Damers oltre al "totalmente francese" Chalendar, e poi verificheremo a che livello sarà il 15enne Tajus Juska (sarebbe clamoroso se riuscisse già a competere con i migliori 2006).

Non in linea

#1496 23-12-2023 16:32:42

EdmondDantes
Utente
Registrato: 19-07-2022
Messaggi: 410

Re: Il 2023 tra le corsie

nuotofan ha scritto:
EdmondDantes ha scritto:

Molto bene stamattina Carlos D'Ambrosio che prima nuota 3.48.70 sui 400 per poi a distanza di circa 50 minuti stampare un bel 48.29 sui 100, immagino che senza il 400 avremmo potuto vederlo sotto il muro dei 48 secondi.

Difatti conclude la mattinata con uno split lanciato da 47.25 sulla 4x100 mista, non è riportato il tempo di reazione ma possiamo immaginare sarebbe stato un 47.7-47.8 da fermo? Davvero altissimo livello per un 16enne

Agli Europei Juniores di Vilnius ad inizio luglio 2024, si prospetta un gran confronto tra i 100isti italiani; vedremo i due che supereranno il turno tra Ballarati, D'Ambrosio, Passafaro.. (in rigoroso ordine alfabetico).
I francesi saranno sicuramente assai competitivi: vedo molto bene il 2006 franco-spagnolo Fente-Damers oltre al "totalmente francese" Chalendar, e poi verificheremo a che livello sarà il 15enne Tajus Juska (sarebbe clamoroso se riuscisse già a competere con i migliori 2006).

Sicuramente si preannuncia come una delle gare dei campionati, magari senza il picco assoluto rappresentato in competizioni giovanili del recente passato da Popovici o Minakov, ma con diversi atleti che potranno essere in grado di nuotare sotto i 49 secondi.

Ovviamente tutto ciò assumendo che Ballarati (che a oggi in vasca da 50 é sicuramente un passo avanti) non faccia uno scherzetto agli Assoluti primaverili soffiando il posto a Frigo o Zazzeri, dopotutto se quest'ultimi non si presentassero in condizioni più che smaglianti non escluderei il possibile ingresso del giovane Lorenzo nella lotta per un posto all'olimpiade con crono intorno al 48.5

Non in linea

#1497 23-12-2023 16:57:28

nuotofan
Utente
Registrato: 20-06-2022
Messaggi: 2'027

Re: Il 2023 tra le corsie

Visto che sono riuscito ad accedere (non è mai scontato, purtroppo) riprendo i miei diari mensili (che servono anche a dare un senso alle oltre 60 pagine del topic) su quanto accaduto nel 2023

MAGGIO 2023 - PRENDE FORMA L'ANNO DEL DRAGONE (E NON E' DRESSEL)

Il primo maggio iniziano i Campionati nazionali cinesi ed è un susseguirsi di risultati eccellenti.
Stavolta Pan Zhanle è in buone condizioni e lo fa sapere subito nuotando 47.22 nei 100 stile libero, a cui seguiranno 1.44.65 nei 200 e 3.46.40 nei 400 stile libero per un tris di vittorie.
Sono in grande condizione anche Xu Jiayu (52.26 come miglior crono nei 100 dorso), Wang Shun e Yu Yiting (1.55.55 e 2.08.34 nei 200 misti) ed arriva il primo 57" per Qin Haiyang nei 100 rana: 57.93 per lui che vince anche i 200 in 2.07.55, mentre subisce l'unica sconfitta della stagione nei 50, vinti da Sun Jiajun in 26.61.

Si forma quindi una grande nazionale cinese, ed i tanti dubbi sulla sua competitività ai Mondiali verranno fugati, come sappiamo bene.

A metà mese, all'Atlanta Classic, c'è l'attesissimo ritorno alle gare di Dressel e i risultati fanno capire che ci vorrà tempo per rivederlo sui suoi migliori livelli.

Chi, invece, continua a nuotare crono eccezionali è Kaylee McKeown che al Sydney Open realizza i PBs nei 200 misti (2.07.19) e 400 misti (4.31.68). Si fa vedere McEvoy vincendo i 50 stile libero in 21.84, oltre a King Kyle (47.69 nei 100 stile); ben pochi però giocherebbero l'ambo che invece uscirà sulla ruota di Fukuoka.

In Europa si disputa il Mare Nostrum, e tra Canet, Barcellona e Montecarlo si evidenzia l'ottima condizione di Sarah Sjostrom nella velocità a stile e farfalla. e della Haughey nei 100 e 200 stile libero. E' assente Milak e non ci si dà troppo peso, ed invece..

Da Burgas arriva infine la notizia dei PBs nei 200, 400 ed 800 stile libero del 2005 bulgaro Mitsin, di cui si parlerà diffusamente agli Eurojuniors di inizio luglio.

Ultima modifica di nuotofan (23-12-2023 16:59:29)

Non in linea

#1498 23-12-2023 17:24:23

EdmondDantes
Utente
Registrato: 19-07-2022
Messaggi: 410

Re: Il 2023 tra le corsie

Ulteriore ottima prova di D'Ambrosio che chiude il 200 con un effettivo negative split, cosa rarissima (53.08-53.04), ultimo 50 da 25.86 che dimostra come fosse partito un po addormentato nei primi 100 metri

Non in linea

#1499 23-12-2023 20:47:41

Vale75
Mod
Registrato: 20-06-2022
Messaggi: 170

Re: Il 2023 tra le corsie

E un altro sub 48 lanciato di d'ambrosio 47.69

Non in linea

#1500 24-12-2023 20:32:36

nuotofan
Utente
Registrato: 20-06-2022
Messaggi: 2'027

Re: Il 2023 tra le corsie

GIUGNO 2023 - ACCADE DI TUTTO: COMPAIONO IN PISCINA PERFINO THANOS, IL MINOTAURO E UFO ROBOT..

L'ultimo mese prima dei Mondiali è quello dei trials veri e propri in Francia, Australia e Usa, ma si comincia dalla Romania dove Popovici nuota un confortante 47.85 nei 100 stile libero ancora in pieno allenamento e dopo avere sostenuto l'esame di stato.
Dà quindi appuntamento al Sette Colli per un test probante prima di Fukuoka, ma il test romano segnala difficoltà inattese; Popovici vince di un soffio i 100 sl in 48.10 in quella piscina più bella del mondo in cui aveva nuotato il WR nell'agosto 2022.
Davvero strano l'andamento (calante) di Popovici nel 2023: 47.61 ad aprile, 47.85 ad inizio giugno e poi 48.10 a fine giugno.
Il sonoro allarme che scatta al Sette Colli troverà conferme un mese dopo al Mondiale, dove Popovici verrà escluso dal podio sia nei 100 che nei 200 stile libero.
Al Sette Colli si assiste invece ad un'altra ottima prova di Sara Franceschi che realizza il nuovo RI nei 200 misti in 2.09.30, e sarà il suo supporter numero uno Johnny Utah ad esultare, notando però come ai Mondiali Saretta si ritroverà contro Thanos, Ufo Robot e il Minotauro.

E' di sicuro un supereroe anche Leon Marchand che comincia alla grande i trials francesi con 2.06.59 nei 200 rana, per poi vincere i 200 stile in un discreto 1.46.44 e scendere di livello nelle successive gare, cosa che preoccupa tutti ma non il suo mentore Bowman ( e i Mondiali di Fukuoka daranno ragione a coach Bowman).
In Francia si distingue Grousset con 47.62 nei 100 stile e 50.61 nei 100 farfalla; si apre quindi il toto-gare da disputare ai Mondiali, ma ci penseranno il forfeit di Milak, annunciato poco prima del Sette Colli, e poi la mancata qualificazione di Dressel a spingere Grousset verso il trionfo iridato nei 100 farfalla.

In Australia, dopo crono entusiasmanti in stagione, i trials partono su un registro medio per poi salire di tono; nessun WR ma segnali di forza che poi verranno corroborati ai Mondiali, tipo il 21.27 di McEvoy nei 50 stile e il 47.44 di Chalmers nei 100 sl con un buon risultato di gruppo (spicca il 47.77 di Southam) che alimenta le speranze della 4x100 stile aussie.
Nei 200 stile femminili la O'Callaghan (1.53.83) supera in rimonta la Titmus (1.54.14), crono che, come tanti altri, verranno poi migliorati a Fukuoka, a dimostrazione di come gli australiani abbiano ormai capito come affrontare i trials a giugno riservando il meglio per l'appuntamento clou del mese successivo.

I campioni Usa dovrebbero essere i massimi specialisti di questo processo a due step, ma in molte gare dei trials di Indianapolis prevale la necessità di acciuffare i primi due posti, vista la concorrenza interna.
Il livello medio è comunque altissimo, come mostrato già nelle batterie dei 100 stile maschili del primo giorno, in cui Held nuota il miglior crono in 47.63, ma poi nella tesissima finale si ritrova quinto in 48.08.
Regan Smith aveva nuotato crono strepitosi al meeting di Tempe ad inizio giugno (2.03.87 nei 200 farfalla, 2.08.48 nei 200 misti nonostante una rana da 39.67) e ai trials si peggiora sensibilmente nei 200 farfalla, per poi risalire di livello nell'amato dorso (57.71 nei 100 e 2.03.80 nei 200 dorso, un decimo peggio del crono della McKeown ai trials australiani).
Fink vince i 100 rana in un grande 58.36, la Ledecky esulta per l'8.07.07 negli 800 che la mantiene a livelli spaziali per le avversarie, mentre il duello nei 100 dorso viene vinto da Armstrong in 52.33 su Murray (52.39).
La farfalla vede la doppia qualificazione mondiale del 2007 Heilman, mentre Dressel accetta con filosofia il suo non essere ancora nella condizione giusta di supereroe, come ormai questo nuoto di Thanos, Minotauro ed Ufo Robot richiede.

Ultima modifica di nuotofan (24-12-2023 20:42:42)

Non in linea

Piè di pagina