Annuncio pubblicitario
Io nuoto mediamente tutti i giorni lavorativi nella pausa pranzo per ca. 45/50 minuti. Abitualmente faccio: 500 m s.l. 500 dorso 500 (20 vasche andata s.l. ritorno rana) 250 s.l. solo braccia con pull Sinceramente mi sono rotto di fare sempre le stesse cose. Ho 55 anni , peso ca. 81 kg. Ho un po' mal di schiena ma la salute è discreta Potete consigliarmi un programma adatto di allenamento da seguire? grazie
Io nuoto mediamente tutti i giorni lavorativi nella pausa pranzo per ca. 45/50 minuti. Abitualmente faccio: 500 m s.l. 500 dorso 500 (20 vasche andata s.l. ritorno rana) 250 s.l. solo braccia con pull Sinceramente mi sono rotto di fare sempre le stesse cose. Ho 55 anni , peso ca. 81 kg. Ho un po' mal di schiena ma la salute è discreta Potete consigliarmi un programma adatto di allenamento da seguire? grazie
modificato Nov 8 '15 a 11:27 am
 
0
risposta
Ciao bruce. Quello che posso consigliarti é di allenarti con un allenatore. Chiedi alla tua piscina se esiste una squadra da te, e iscriviti. Non é necessario che tu faccia gare, ma allenarti da solo é una rottura (come tu stesso hai sperimentato). Pochi ti daranno tabelle, che perlatro non esistono: se vai nelle piscine, ci sono elementi di nuoto guidato (spesso delle schede) in cui c'é scritto proprio quello che dici tu. Sai perché? Perché non le fa un allenatore, che non si metterebbe mai a scrivere tabelle per sconosciuti perché non sa chi ha davanti. Tu fai tanti metri per il tuo livello e il tempo che hai. Tuttavia é difficile dirti cosa fare, non so come nuoti, non so cosa ti piace, se vuoi andare veloce, lungo, lento. Questo é il paradosso. Quando io alleno i miei master, e sono 30, li conosco uno per uno, ci parlo, vedo cosa riescono a fare e cosa no ogni sera. Ne posso allenare cosí anche 30, ma uno solo, che non conosco, non posso fare quasi nulla. L'unico mio consiglio serio é quindi di trovarti dei compagni di allenamento in una squadra, se i tuoi orari te lo consentono, o quantomeno parlarci. Se invece hai giá una idea di allenamento, allora posso darti qualche lavoro, ma cosí vado alla cieca totalmente. Un saluto bierre
Ciao bruce. Quello che posso consigliarti é di allenarti con un allenatore. Chiedi alla tua piscina se esiste una squadra da te, e iscriviti. Non é necessario che tu faccia gare, ma allenarti da solo é una rottura (come tu stesso hai sperimentato). Pochi ti daranno tabelle, che perlatro non esistono: se vai nelle piscine, ci sono elementi di nuoto guidato (spesso delle schede) in cui c'é scritto proprio quello che dici tu. Sai perché? Perché non le fa un allenatore, che non si metterebbe mai a scrivere tabelle per sconosciuti perché non sa chi ha davanti. Tu fai tanti metri per il tuo livello e il tempo che hai. Tuttavia é difficile dirti cosa fare, non so come nuoti, non so cosa ti piace, se vuoi andare veloce, lungo, lento. Questo é il paradosso. Quando io alleno i miei master, e sono 30, li conosco uno per uno, ci parlo, vedo cosa riescono a fare e cosa no ogni sera. Ne posso allenare cosí anche 30, ma uno solo, che non conosco, non posso fare quasi nulla. L'unico mio consiglio serio é quindi di trovarti dei compagni di allenamento in una squadra, se i tuoi orari te lo consentono, o quantomeno parlarci. Se invece hai giá una idea di allenamento, allora posso darti qualche lavoro, ma cosí vado alla cieca totalmente. Un saluto bierre
modificato Nov 9 '15 a 7:06 am
 
0
risposta
nuoto discretamente a stile (soprattutto se uso il pull tra le gambe) e a rana. A dorso vado lentissimo anche se mi sembra di fare il movimento corretto (si vede che ho uno scarso galleggiamento..). Comunque nuoto lentamente e costantemente, nel senso che tra una serie e l'altra di quelle che ho indicato, mi fermo un minuto al massimo. Dammi qualche traccia da seguire per variare un po', accetto qualunque consiglio.. ciao e grazie
nuoto discretamente a stile (soprattutto se uso il pull tra le gambe) e a rana. A dorso vado lentissimo anche se mi sembra di fare il movimento corretto (si vede che ho uno scarso galleggiamento..). Comunque nuoto lentamente e costantemente, nel senso che tra una serie e l'altra di quelle che ho indicato, mi fermo un minuto al massimo. Dammi qualche traccia da seguire per variare un po', accetto qualunque consiglio.. ciao e grazie
modificato Nov 22 '15 a 11:29 am
 
0
risposta
Mah tutto quello che ti posso dire, é di frazionare le tue distanze e vedere quanto ci metti a farle: invece di fare 500 metri a stile, fai 12x50 stile. oppure 6x100 a stile, o 24x25 stile, e recupera 5-10" dopo ogni ripetizione. Cosí risulta meno monotono e hai un termine di paragone bierre
Mah tutto quello che ti posso dire, é di frazionare le tue distanze e vedere quanto ci metti a farle: invece di fare 500 metri a stile, fai 12x50 stile. oppure 6x100 a stile, o 24x25 stile, e recupera 5-10" dopo ogni ripetizione. Cosí risulta meno monotono e hai un termine di paragone bierre
modificato Nov 23 '15 a 10:40 am
 
0
risposta
Da profana (master :)), mi permetto di darti un consiglio: se dici che a stile nuoti meglio con il pull buoy che senza, io al posto tuo farei tante gambe! Potresti inserirne un paio di cento metri, magari alternandole al pull buoy, cominciando con 100 e poi aumentando. E secondo me potresti anche ridurre leggermente il volume dei tuoi allenamenti, privilegiando la qualità e la varietà. E' preferibile nuotare magari meno metri, ma cambiando passo o alternando lavori di tecnica con velocità e misti e cambiando le distanze, come dice Bierre, buttando un occhio sul cronometro per metterti un po' in gioco e divertirti un po', in modo che le tue sedute diventino meno monotone. La specificità dei lavori però dipende dagli obbiettivi che vuoi conseguire, per questo è sempre consigliabile affidarsi ad un istruttore/allenatore che ti veda in acqua e ti consigli il lavoro giusto. Saluti! Elemaster
Da profana (master :)), mi permetto di darti un consiglio: se dici che a stile nuoti meglio con il pull buoy che senza, io al posto tuo farei tante gambe! Potresti inserirne un paio di cento metri, magari alternandole al pull buoy, cominciando con 100 e poi aumentando. E secondo me potresti anche ridurre leggermente il volume dei tuoi allenamenti, privilegiando la qualità e la varietà. E' preferibile nuotare magari meno metri, ma cambiando passo o alternando lavori di tecnica con velocità e misti e cambiando le distanze, come dice Bierre, buttando un occhio sul cronometro per metterti un po' in gioco e divertirti un po', in modo che le tue sedute diventino meno monotone. La specificità dei lavori però dipende dagli obbiettivi che vuoi conseguire, per questo è sempre consigliabile affidarsi ad un istruttore/allenatore che ti veda in acqua e ti consigli il lavoro giusto. Saluti! Elemaster
modificato Nov 23 '15 a 1:51 pm
 
0
risposta
anteprima immediata
inserisci almeno 10 caratteri
ATTENZIONE: Hai menzionato %MENTIONS%, ma non possono vedere questo messaggio e non ne riceveranno notifica
Salvataggio...
Salvato
With selected deselect posts show selected posts
Tutti i messaggi di questo argomento saranno cancellato ?
Bozza in attesa ... Click per tornare alla modifica
Elimina la bozza