Annuncio pubblicitario
SitoFIN PERTH - Campioni del mondo! La pallanuoto azzurra non finisce mai di stupire. Dopo l'argento olimpico di Londra col Settebello e l'oro continentale con l'Under 19 di Nando Pesci vinto a Canet en Roussillon, è la volta dei più piccoli: i nati '94 e seguenti allenati dal tecnico federale Amedeo Pomilio schiantano l'Ungheria 10-8 in finale a Perth e si laureano campioni del mondo nella prima edizione della rassegna iridata riservata agli under 18. Luca Cupido miglior marcatore della finale con 4 reti. Azzurrini che hanno subito solo nel primo tempo quando erano in vantaggio 3-2, sono andati sotto 5-3. Poi la rimonta nel secondo, chiuso in vantaggio 6-5. Eqiuilibrio nel terzo e l'allungo finale nel quarto tempo con il gol decisivo di Cupido che ha dato il massimo vantaggio di due gol portato fino alla fine. La Serbia ha battuto la Croazia 8-7 ed è bronzo. Il titolo femminile se l'è aggiudicato la Grecia sconfiggendo 9-5 l'Ungheria. IL COMMENTO DEL TECNICO AMEDEO POMILIO. "E' stata una finale durissima - afferma al telefono il tecnico pescarese campione olimpico col Settebello a Barcellona '92 - loro hanno cercato di metterla sul piano fisico e noi siamo stati bravi a non disunirci e continuare a fare la nostra pallanuoto. Sul 5-3 per i magiari abbiamo avuto una grande reazione e siamo poi riusciti a tenere alla distanza soprattutto sul piano psicologico. La nostra è stata una crescita graduale in special modo dal punto di vista mentale, cosa che ci ha consentito di saper modulare bene il nostro gioco in base all'avversario. A questo aspetto si è aggiunta un'elasticità tattica che ha contribuito a poter affrontare e battere le più forti nazionali al mondo della categoria. E' stato un mondiale perfetto e do un 10 e lode a tutti!".
SitoFIN http://www.federnuoto.it/images/trasp.gif PERTH - Campioni del mondo! La pallanuoto azzurra non finisce mai di stupire. Dopo l'argento olimpico di Londra col Settebello e l'oro continentale con l'Under 19 di Nando Pesci vinto a Canet en Roussillon, è la volta dei più piccoli: i nati '94 e seguenti allenati dal tecnico federale Amedeo Pomilio schiantano l'Ungheria 10-8 in finale a Perth e si laureano campioni del mondo nella prima edizione della rassegna iridata riservata agli under 18. Luca Cupido miglior marcatore della finale con 4 reti. Azzurrini che hanno subito solo nel primo tempo quando erano in vantaggio 3-2, sono andati sotto 5-3. Poi la rimonta nel secondo, chiuso in vantaggio 6-5. Eqiuilibrio nel terzo e l'allungo finale nel quarto tempo con il gol decisivo di Cupido che ha dato il massimo vantaggio di due gol portato fino alla fine. La Serbia ha battuto la Croazia 8-7 ed è bronzo. Il titolo femminile se l'è aggiudicato la Grecia sconfiggendo 9-5 l'Ungheria. IL COMMENTO DEL TECNICO AMEDEO POMILIO. "E' stata una finale durissima - afferma al telefono il tecnico pescarese campione olimpico col Settebello a Barcellona '92 - loro hanno cercato di metterla sul piano fisico e noi siamo stati bravi a non disunirci e continuare a fare la nostra pallanuoto. Sul 5-3 per i magiari abbiamo avuto una grande reazione e siamo poi riusciti a tenere alla distanza soprattutto sul piano psicologico. La nostra è stata una crescita graduale in special modo dal punto di vista mentale, cosa che ci ha consentito di saper modulare bene il nostro gioco in base all'avversario. A questo aspetto si è aggiunta un'elasticità tattica che ha contribuito a poter affrontare e battere le più forti nazionali al mondo della categoria. E' stato un mondiale perfetto e do un 10 e lode a tutti!".
modificato Dec 9 '12 a 1:38 pm
 
0
risposta
anteprima immediata
inserisci almeno 10 caratteri
ATTENZIONE: Hai menzionato %MENTIONS%, ma non possono vedere questo messaggio e non ne riceveranno notifica
Salvataggio...
Salvato
With selected deselect posts show selected posts
Tutti i messaggi di questo argomento saranno cancellato ?
Bozza in attesa ... Click per tornare alla modifica
Elimina la bozza