Annuncio pubblicitario

Scusate, non è record del mondo. Non lo ricordavo e mi sono fatto ingannare dal titolo errato della notizia di Ansa.it Meno male che ho ricontrollato. Dovrebbe comunque sia essere il miglior crono della stagione, questo sì. Aspettando Chupkov che sta per entrare in acqua

Ciao Johnny

Ho appena letto la news su Ansa.it e c'è un divertente virgolettato:
"Ho stabilito il primato del mondo - il commento di Sato -, ma ciò che per me veramente conta è l'oro dei Giochi".
E per forza, direi. smile

Intanto Chupkov, detentore del WR, poco fa si è limitato a vincere la finale ai camp Russsi con un normale 2.08.31, peggio del terzo giapponese, l' ex-recordman del mondo Ippei Watanabe. 3° sia nei 100 che nei 200 rana.

Fra poco c'è la finale russa dei 100sl. Live on YouTube.

>Scusate, non è record del mondo. Non lo ricordavo e mi sono fatto ingannare dal titolo errato della notizia di Ansa.it Meno male che ho ricontrollato. Dovrebbe comunque sia essere il miglior crono della stagione, questo sì. Aspettando Chupkov che sta per entrare in acqua Ciao Johnny Ho appena letto la news su Ansa.it e c'è un divertente virgolettato: "Ho stabilito il primato del mondo - il commento di Sato -, ma ciò che per me veramente conta è l'oro dei Giochi". E per forza, direi. :D Intanto Chupkov, detentore del WR, poco fa si è limitato a vincere la finale ai camp Russsi con un normale 2.08.31, peggio del terzo giapponese, l' ex-recordman del mondo Ippei Watanabe. 3° sia nei 100 che nei 200 rana. Fra poco c'è la finale russa dei 100sl. Live on YouTube.
 
1
risposta

47.31 Kolesnikov con passaggio a 22.5

47.77 Minakov, poi abbiamo 47.89 e 48.18 di Morozov che peggiora il crono di ieri. Sì, possono anche pensare di contendere l'oro agli USA nella 4x100, decisamente. Sono una staffetta da 3.09 netto

47.31 Kolesnikov con passaggio a 22.5 47.77 Minakov, poi abbiamo 47.89 e 48.18 di Morozov che peggiora il crono di ieri. Sì, possono anche pensare di contendere l'oro agli USA nella 4x100, decisamente. Sono una staffetta da 3.09 netto
modificato Apr 7 a 5:12 pm
 
2
risposta

Ieri avevo qualche dubbio ma, dopo questo 47.31, credo che Kolesnikov farà quasi certamente anche la finale della 4x100sl, nonostante sia un quarto d'ora dopo la semi dei 100dor. Putin in persona potrebbe portargli la bombola ad ossigeno.

Ieri avevo qualche dubbio ma, dopo questo 47.31, credo che Kolesnikov farà quasi certamente anche la finale della 4x100sl, nonostante sia un quarto d'ora dopo la semi dei 100dor. Putin in persona potrebbe portargli la bombola ad ossigeno.
 
0
risposta

Record europeo di Eugenio Rylov nei 200 dorso; 1.53.23. Non cambia la sua posizione nel ranking all time, sempre quinti, terzo sgommato

Record europeo di Eugenio Rylov nei 200 dorso; 1.53.23. Non cambia la sua posizione nel ranking all time, sempre quinti, terzo sgommato
 
0
risposta

Record europeo di Eugenio Rylov nei 200 dorso; 1.53.23. Non cambia la sua posizione nel ranking all time, sempre quinto, terzo sgommato

Record europeo di Eugenio Rylov nei 200 dorso; 1.53.23. Non cambia la sua posizione nel ranking all time, sempre quinto, terzo sgommato
 
0
risposta

Stiamo assistendo ai migliori campionati russi da anni a questa parte, anzi bisogna tornare ai tempi dell'URSS per vederne di livello uguale, quando gareggiavano anche ucraini, bielorussi ecc.
Il fatto più saliente è l'esplosione di Kolesnikov a stile libero, peraltro attesa da tempo e rimandata solo per i problemi alla spalla denunciati dal nuotatore in passato e ora risolti. Kolesnikov ha anche messo tra parentesi i 200 dorso per dedicarsi esclusivamente alla velocità, una scelta che sta pagando (del resto non aveva molta logica sbattere contro il connazionale Rylov). Rylov naturalmente è l'altro grande protagonista: il duello con Xu si annuncia entusiasmante sul palcoscenico olimpico. Clamoroso il livello medio di 100 e 200 stile libero maschile, a tutto beneficio di staffette difficili da battere. Per la prima volta la Efimova deve fronteggiare una seria concorrenza interna, si dovrà concentrare solo sui 100 e questo potrebbe essere un bene per lei. Di un certo interesse l'esplosione di Minakov, il quale oltretutto non sembra nella forma stupefacente dello scorso dicembre. In mezzo a tante rose c'è la spina della condizione approssimativa di Chupkov, tuttavia credo che nei prossimi mesi non lo vedremo certo nuotare 2'08"...

Stiamo assistendo ai migliori campionati russi da anni a questa parte, anzi bisogna tornare ai tempi dell'URSS per vederne di livello uguale, quando gareggiavano anche ucraini, bielorussi ecc. Il fatto più saliente è l'esplosione di Kolesnikov a stile libero, peraltro attesa da tempo e rimandata solo per i problemi alla spalla denunciati dal nuotatore in passato e ora risolti. Kolesnikov ha anche messo tra parentesi i 200 dorso per dedicarsi esclusivamente alla velocità, una scelta che sta pagando (del resto non aveva molta logica sbattere contro il connazionale Rylov). Rylov naturalmente è l'altro grande protagonista: il duello con Xu si annuncia entusiasmante sul palcoscenico olimpico. Clamoroso il livello medio di 100 e 200 stile libero maschile, a tutto beneficio di staffette difficili da battere. Per la prima volta la Efimova deve fronteggiare una seria concorrenza interna, si dovrà concentrare solo sui 100 e questo potrebbe essere un bene per lei. Di un certo interesse l'esplosione di Minakov, il quale oltretutto non sembra nella forma stupefacente dello scorso dicembre. In mezzo a tante rose c'è la spina della condizione approssimativa di Chupkov, tuttavia credo che nei prossimi mesi non lo vedremo certo nuotare 2'08"...
 
1
risposta

Fine dei campionati russi con Morozov a 21"41 nei 50 sl e Kameneva, tornata alla brillante condizione di tre anni fa, a 24"20.
...
All'Open di Stoccolma decisi progressi dell'austriaco Auboeck (ora di stanza in Gran Bretagna): 3'44 sui 400 e 1'45"70 nei 200.
...
Nel frattempo sono iniziate anche le selezioni tedesche, spalmate su più eventi, con gran finale il 16-18 aprile a Berlino. Si sono già guadagnati il pass olimpico (oltre agli atleti già qualificati nel 2019 come Wellbrock e Koehler) Schwingenschlögl con un notevole 58"95 nei 100 rana (che cancella il record gommato di Feldwehr risalente ai mondiali di Roma 2009) e il farfallista Thomasberger 1'55"04 sui 200.

Fine dei campionati russi con Morozov a 21"41 nei 50 sl e Kameneva, tornata alla brillante condizione di tre anni fa, a 24"20. ... All'Open di Stoccolma decisi progressi dell'austriaco Auboeck (ora di stanza in Gran Bretagna): 3'44 sui 400 e 1'45"70 nei 200. ... Nel frattempo sono iniziate anche le selezioni tedesche, spalmate su più eventi, con gran finale il 16-18 aprile a Berlino. Si sono già guadagnati il pass olimpico (oltre agli atleti già qualificati nel 2019 come Wellbrock e Koehler) Schwingenschlögl con un notevole 58"95 nei 100 rana (che cancella il record gommato di Feldwehr risalente ai mondiali di Roma 2009) e il farfallista Thomasberger 1'55"04 sui 200.
 
1
risposta

Con il fiorire continuo di duecentisti si rischia che con 1'45 bassissimo, tempo che fino a Gwanjiu era da medaglia certa, si possa rimanere fuori dalla finale.

Con il fiorire continuo di duecentisti si rischia che con 1'45 bassissimo, tempo che fino a Gwanjiu era da medaglia certa, si possa rimanere fuori dalla finale.
 
0
risposta

Si gareggia anche in Olanda ad Eindhoven; oggi 26.8 di Kamminga nei 100 rana e 24.11 dell'eterna Kromowidjojo nei 50 sl

Si gareggia anche in Olanda ad Eindhoven; oggi 26.8 di Kamminga nei 100 rana e 24.11 dell'eterna Kromowidjojo nei 50 sl
 
0
risposta

Con il fiorire continuo di duecentisti si rischia che con 1'45 bassissimo, tempo che fino a Gwanjiu era da medaglia certa, si possa rimanere fuori dalla finale.

La notizia è che potrebbe esserci anche Dressel nel gruppo.
Ieri a Mission Viejo ha vinto i 200sl con un crono non eclatante in assoluto (1.47.57) ma molto interessante per lui. Per dire, sempre ieri ha nuotato "solo" 51.6 nei 100 farfalla. Quindi ha parecchio margine.
Nell'intervista post gara ha detto che a Tokyo vorrebbe fare tutte le staffette. Quindi il suo obiettivo minimo nei 200sl sembra quello di finire nei primi 4 (o 6) ai Trials.

Sempre a Mission Viejo, tra i tempi che più mi hanno sorpreso (Ledecky a parte) c'è il 2.12 nei 200 rana di Michael Andrew. E stasera (mattina USA) c'è la finale. Mi sa che si sta impegnando molto per mettere su un bel 200 misti. E credo che ce la farà.

>Con il fiorire continuo di duecentisti si rischia che con 1'45 bassissimo, tempo che fino a Gwanjiu era da medaglia certa, si possa rimanere fuori dalla finale. La notizia è che potrebbe esserci anche Dressel nel gruppo. Ieri a Mission Viejo ha vinto i 200sl con un crono non eclatante in assoluto (1.47.57) ma molto interessante per lui. Per dire, sempre ieri ha nuotato "solo" 51.6 nei 100 farfalla. Quindi ha parecchio margine. Nell'intervista post gara ha detto che a Tokyo vorrebbe fare tutte le staffette. Quindi il suo obiettivo minimo nei 200sl sembra quello di finire nei primi 4 (o 6) ai Trials. Sempre a Mission Viejo, tra i tempi che più mi hanno sorpreso (Ledecky a parte) c'è il 2.12 nei 200 rana di Michael Andrew. E stasera (mattina USA) c'è la finale. Mi sa che si sta impegnando molto per mettere su un bel 200 misti. E credo che ce la farà.
 
0
risposta

Ledecky sta dando una risposta pazzesca sui 200, la sua gara fino a oggi più problematica. 1'54"40 è il record mondiale in un meeting. Mentre il 4'01"5 nei 400 per lei è un tempo "normale" lo show sui 200 la mette sugli stessi tempi del 2016, la sua stagione migliore sulle 4 vasche, quando poi vinse anche le Olimpiadi.
...
Nel frattempo ad Eindhoven record europeo della Toussaint sui 50 dorso 27"10.

Ledecky sta dando una risposta pazzesca sui 200, la sua gara fino a oggi più problematica. 1'54"40 è il record mondiale in un meeting. Mentre il 4'01"5 nei 400 per lei è un tempo "normale" lo show sui 200 la mette sugli stessi tempi del 2016, la sua stagione migliore sulle 4 vasche, quando poi vinse anche le Olimpiadi. ... Nel frattempo ad Eindhoven record europeo della Toussaint sui 50 dorso 27"10.
 
0
risposta

Domani scattano a Londra i Trials britannici, un appuntamento molto atteso. Naturalmente non c'è solo Peaty. Scruteremo con particolare attenzione i tempi degli atleti in diretta concorrenza con gli azzurri, a cominciare da quanto ci farà vedere Freya Anderson nei 200 sl. Nella prima parte della stagione è stato soprattutto il dorso ad essere in fermento (Dawson, Greenbank). Ma ci si aspettano risultati interessanti in più settori.

Domani scattano a Londra i Trials britannici, un appuntamento molto atteso. Naturalmente non c'è solo Peaty. Scruteremo con particolare attenzione i tempi degli atleti in diretta concorrenza con gli azzurri, a cominciare da quanto ci farà vedere Freya Anderson nei 200 sl. Nella prima parte della stagione è stato soprattutto il dorso ad essere in fermento (Dawson, Greenbank). Ma ci si aspettano risultati interessanti in più settori.
 
0
risposta

Vedendo i tempi che stanno facendo in giro per il mondo è considerando che mancano all’appello ancora Usa, Cina e Australia inizio a pensare che il progresso generale della nostra nazionale e’ avvenuto anche per le altre. Ed in questo le proiezioni di Johnny Utah sulle prossime Olimpiadi rischiano di essere troppo ottimistiche.

Esss... Addirittura ottimistiche? Siam messi male allora. smilesmile

A parte gli scherzi, come ci si poteva aspettare, nell'anno olimpico tutti alzano l'asticella. Però insomma, nonostante i russi abbiano fatto dei campionati strepitosi, a noi ci riguardano solo marginalmente. Nel senso che loro sono andati forte dove noi facciamo più fatica e viceversa. Grandissima densità di prestazione nei 100 e nei 200 stile ma c'erano già davanti a noi sia nelle gare individuali, sia nelle staffette. Non è su di loro che noi dobbiamo fare la corsa nelle staffette: loro sono da medaglia, forse anche da oro, noi al massimo possiamo ambire ad una bella prestazione in finale. L'unica cosa potrebbe essere che la Efimova si è qualificata solo nei 100 e dunque si concenterà solo su questa gara che è una di quelle in cui ambiamo ambizioni.

Comunque facendo un raffronto abbastanza veloce con i russi e giapponesi, per quel che si è visto nei loro campionati, abbiamo questo:

ITALIA vs RUSSIA

Settore femminile: nello stile libero meglio loro nei 50. nei 100 e nei 400. Noi meglio nei 200, 800 e 1500. 3 a 3
a rana noi meglio nei 100, loro nei 200. 1 a1
A delfino meglio le russe sia nei 100 che nei 200, nei misti meglio le nostre sia nei 200 che nei 400
A dorso 1 pari, meglio loro nei 100, meglio noi nei 200.
In pratica totale parità: le staffette a stile sono molto meglio le loro mentre la mista è in sostanziale parità, forse un po' meglio loro ma ce la possiamo giocare contro di loro.
Però le russe, dove possono andare a medaglia? Tempi alla mano le uniche possibilità che hanno sono nella rana, con Efimova nei 100 e la giovanissima Chikunova nei 200. Nelle altre gare sono lontane.
Noi tempi alla mano siamo da medaglia negli 800, nei 1500, nei 100 rana, nei 200 dorso e lasciamo sempre una porta aperta per la Pellegrini nei 200. Secondo me il nostro settore femminile è miglior del loro.

Settore maschile: nello stile libero meglio loro fino ai 200, dai 400 in su meglio noi. 3 a 3
nel dorso meglio loro. 2 a 0
nella rana, meglio noi nei 100, meglio loro nei 200. 1 a 1
A farfalla meglio loro nei 100, meglio noi nei 200. 1 a 1
Nei misti, meglio loro nei 400,meglio noi nei 200. 1 a 1
Insomma facendo un raffronto con ciò che si è visto nei rispettivi campionati loro sono andati più forte di noi in 8 gare su 14 (considero solo le distanze olimpiche). Sì meglio loro di noi. Come possibilità di medaglia loro si presenteranno a Tokyo con possibilità nei 50, nei 100 e nei 200 stile libero. nei 100 e nei 200 dorso e nei 200 rana. in sei gare. Noi nei 400, 800, 1500, nei 100 rana e forse nei 200 farfalla. 5 gare. Probabilmente loro hanno delle medaglie sicure tra 100, 200 dorso e 200 rana. Le nostre più concrete possibilità sono negli 800 e nei 1500. Quindi sì, in sostanza a livello individuale meglio loro ma non in una maniera così esagerata. La vera differenza i russi la fanno con le staffette dove non solo sono davanti a noi ma in quelle dello stile libero sono assolutamente da medaglia e forse appunto anche da oro. La loro mista è davanti a noi, però non di tantissimo e speriamo di accorciare il divario a Tokyo. Dopo le prime due frazioni dovremmo trovarci in sostanziale parità, con loro meglio nel dorso e noi meglio nella rana. Dove scavano il solco è nella farfalla e nello stile dove ci danno un secondo a frazione. Speriamo di accorciare le distanze da loro tirando giù mezzo secondo sia nel delfino che nello stile libero. Per potercela giocare veramente con loro ci dovrebbe essere una ulteriore crescita dei nostri due più giovani, magari con Martinenghi che scende sotto i 58 secondi e Ceccon che ci lancia con un tempo sotto il 52.5 però sono tante troppe cose che devono accadere e in così poco tempo. Il vero nostro obbiettivo è sfidarli tra tre anni a Parigi dovre presenteremo una staffetta praticamente uguale a quella che schiereremo a Tokyo, solo un po' più esperta e si spera all'apice della condizione per tutti.

ITALIA vs GIAPPONE

settore femminile: nei 50 meglio loro, nei 100 meglio noi ma Pellegrini e Ikee hanno praticamente nuotato pari. Nei 200 meglio noi, nei 400 meglio loro ma la Quadarella ha nuotato praticamente gli stessi tempi delle Nippo. Negli 800 e nei 1500 meglio noi. 4 a 2 per l'italia
nel dorso meglio noi sia nei 100 che nei 200. 2 a 0
Nella rana meglio noi nei 100, meglio le nippo nei 200. 1 a 1
Nella farfalla meglio loro sia nei 100 che nei 200. 2 a 0
Nei misti meglio loro sia nei 200 che nei 400. 2 a 0.

Fondamentalmente in 7 gare sono andate meglio loro, in 7 gare meglio noi. Tra le donne noi abbiamo possibilità di medaglie (come sopra) negli 800 e 1500, nei 100 rana e 200 dorso e sempre con il bonus pellegrini. Da loro pesa l'incognita IKEE, che speriamo tutti possa vincere qualche medaglia a TOKYO, però la condizione, dopo la terribile malattia, sembra non sia ancora tornata quella che il suo talento promette di essere. Al momento le uniche concrete possibilità di medaglia che hanno sono nei misti soprattutto con la Ohashi, però non sarà semplice, anzi. Nelle staffette a stile meglio loro ma non sono un fattore a livello assoluto. La mista è simile alla nostra, è da finale ma secondo me siamo un po' meglio noi. Siamo per adesso meglio sia nel dorso che nella rana. Poi se loro mettono Ikee a farfalla sono meglio loro ma poi Federica è nettamente meglio a stile libero. Se invece la Ikee la mettono in chiusura se la gioca alla pari con Federica ma a quel punto a Farfalla siamo più meno pari e non ci guadagnano niente. Insomma la mista mi pare meglio la nostra, aspettando di vedere se la Ikee migliora in questi 3 mesi la condizione.

settore maschile: a stile libero meglio loro nei 100 e nei 200. Nei 50 e dai 400 in su meglio noi. 4 a 2 per noi
a dorso meglio loro sia nei 100 che nei 200. 2 a 0
a rana noi meglio nei 100 loro nei 200. 1 a 1
a farfalla meglio loro nei 100 meglio noi nei 200. 1 a 1
nei misti meglio noi nei 200 meglio i nippo nei 400.

Insomma, 7 a 7. Vero che Seto probabilmente ha nuotato sotto le sue possibilità sia nei 200 misti che nei 200 farfalla, ma per ora questi sono i tempi. Le loro concrete possibilità di medaglia sono nei 200 rana e se Seto nuota quel che sa nuotare, 200 farfalla, 200 misti e 400 misti. 4 gare, più o meno come noi. Io credo che in questo momento il nostro settore maschile sia molto simile al loro. Capitolo staffette: ecco la veloce giapponese era stata la prima delle escluse dalla finale ai mondiali e aveva nuotato 3.14.16. Ecco tempi dei loro trials alla mano, questa è una staffetta da 3.12. Come la nostra, anzi per il momento anche leggermente meglio visto che hanno due 48 alti come noi, un 48.3 come noi però poi noi abbiamo un 48.5 mentre loro un 48.2. Certo, io confido che la nostra staffetta possa migliorare da qui a Tokyo però la staffetta giapponese potrebbe aver alzato il livello per l'ingresso in finale e bisognerà nuotare sul 3.12 già in batteria per essere certi dell'ingresso in finale. La loro 4x200 che era andata a medaglia a Rio, non pare essere della partita per il podio anche se possono vantare un 1.44.6. Anzi, visti i loro criteri rigidi potrebbero anche non schierarla ma nel complesso ritengo che forse è leggermente meglio la nostra o comunque sia molto simili.
La mista è più o meno come la nostra. Nel dorso probabilmente meglio loro vista la maggior esperienza di Irie rispetto a Ceccon, a rana gli diamo un secondo, a farfalla ce lo danno loro, a stile più o meno siamo pari ma confido che Tokyo Miressi sarà meglio del loro miglior stile liberista.

Insomma secondo me i nostri campionati come livello prestativo hanno egregiamente retto il colpo contro i campionati di due nazioni importanti come Russia e Giappone.

Ovviamente siamo solo agli inizi e quindi tutti questi discorsi che ho fatto sulle possibilità nostre, di russi e giapponesi di medaglia, sono molto parziali. Si riferiscono a quello che si è visto agli ultimi mondiali e a quel poco che si è nuotato l'anno scorso. Ma insomma, in qualche modo bisogna ingannare l'attesa.

Capiremo un po' meglio dopo questa settimana: come ha ricordato il grande XMAN domani partono i trials britannici (niente inversione mattino-pomeriggio per loro) e contemporaneamente ci saranno anche i campionati australiani. Non sono i trials, quelli saranno stranamente a cavallo della metà di Giugno, in pratica qualche giorno prima dei trials americani. Non so se questa sia una scelta strategica o dettata dal covid però solitamente i loro trials sono a fine marzo, primi di Aprile. Inoltre leggendo qua e là non si capisce bene una cosa: o meglio, non ho capito io ma mi pare di aver compreso che anche questi campionati possano valere come qualificazione olimpica o meglio i tempi verranno presi in considerazione se ci fossero problemi con la preparazione di qualche atleta. Boh, devo dire la verità, stavo cercando di leggere ma non ci ho capito granché. Comunque credo che questi campionati saranno comunque indicativi di una condizione generale in attesa dei trials di giugno.
Poi sempre come ha detto XMAN, questa settimana chiudono i tedeschi, la prossima avremo i campionati brasiliani. e i canadesi ho visto che faranno i trials una settimana dopo gli europei di budapest.

Quelli di cui non riesco a trovare notizie sono i cinesi e i francesi. I francesi hanno già pronta la squadra per Budapest ma non riesco a capire quando e se saranno i loro campionati nazionali. Nel loro calendario ci sono due manifestazioni indicate come campionati francesi elite e nationale e sono una a fine aprile e una a fine maggio ma non riesco a capire se saranno i loro trials. Boh?

I cinesi invece solitamente sono sempre i primi o quasi a fare i loro trials ma non è che causa il covid, hanno già fatto le selezioni quest'autunno?

P.S. Io continuo a pensare che il nostro maggior problema sia quello di non spremerci troppo tra Budapest e sette colli e arrivare a Tokyo in riserva di energie. Non deve accadere. L'appuntament clou sono le olimpiadi e quelle dobbiamo preparare. Ad esempio, mi pare di aver letto che i tempi fatti a Budapest dagli staffettisti non varranno come crono di qualificazione. E allora, io dico, che senso ha portarli? Falli preparare per il 7colli e via. A Budapest si gareggia in staffetta con i già qualificati: nella 4x100 CEccon, Miressi, Zazzeri e Ballo. Nella 4x200 Ballo, Detti, De Tullio e uno tra Miressi e Ceccon che un 200 dignitoso te lo dovrebbero garantire a livello europeo. Boh, io non capisco.

Comunque, questi sono discorsi

>Vedendo i tempi che stanno facendo in giro per il mondo è considerando che mancano all’appello ancora Usa, Cina e Australia inizio a pensare che il progresso generale della nostra nazionale e’ avvenuto anche per le altre. Ed in questo le proiezioni di Johnny Utah sulle prossime Olimpiadi rischiano di essere troppo ottimistiche. Esss... Addirittura ottimistiche? Siam messi male allora. ;( :) A parte gli scherzi, come ci si poteva aspettare, nell'anno olimpico tutti alzano l'asticella. Però insomma, nonostante i russi abbiano fatto dei campionati strepitosi, a noi ci riguardano solo marginalmente. Nel senso che loro sono andati forte dove noi facciamo più fatica e viceversa. Grandissima densità di prestazione nei 100 e nei 200 stile ma c'erano già davanti a noi sia nelle gare individuali, sia nelle staffette. Non è su di loro che noi dobbiamo fare la corsa nelle staffette: loro sono da medaglia, forse anche da oro, noi al massimo possiamo ambire ad una bella prestazione in finale. L'unica cosa potrebbe essere che la Efimova si è qualificata solo nei 100 e dunque si concenterà solo su questa gara che è una di quelle in cui ambiamo ambizioni. Comunque facendo un raffronto abbastanza veloce con i russi e giapponesi, per quel che si è visto nei loro campionati, abbiamo questo: ITALIA vs RUSSIA **Settore femminile**: nello stile libero meglio loro nei 50. nei 100 e nei 400. Noi meglio nei 200, 800 e 1500. 3 a 3 a rana noi meglio nei 100, loro nei 200. 1 a1 A delfino meglio le russe sia nei 100 che nei 200, nei misti meglio le nostre sia nei 200 che nei 400 A dorso 1 pari, meglio loro nei 100, meglio noi nei 200. In pratica totale parità: le staffette a stile sono molto meglio le loro mentre la mista è in sostanziale parità, forse un po' meglio loro ma ce la possiamo giocare contro di loro. Però le russe, dove possono andare a medaglia? Tempi alla mano le uniche possibilità che hanno sono nella rana, con Efimova nei 100 e la giovanissima Chikunova nei 200. Nelle altre gare sono lontane. Noi tempi alla mano siamo da medaglia negli 800, nei 1500, nei 100 rana, nei 200 dorso e lasciamo sempre una porta aperta per la Pellegrini nei 200. Secondo me il nostro settore femminile è miglior del loro. **Settore maschile**: nello stile libero meglio loro fino ai 200, dai 400 in su meglio noi. 3 a 3 nel dorso meglio loro. 2 a 0 nella rana, meglio noi nei 100, meglio loro nei 200. 1 a 1 A farfalla meglio loro nei 100, meglio noi nei 200. 1 a 1 Nei misti, meglio loro nei 400,meglio noi nei 200. 1 a 1 Insomma facendo un raffronto con ciò che si è visto nei rispettivi campionati loro sono andati più forte di noi in 8 gare su 14 (considero solo le distanze olimpiche). Sì meglio loro di noi. Come possibilità di medaglia loro si presenteranno a Tokyo con possibilità nei 50, nei 100 e nei 200 stile libero. nei 100 e nei 200 dorso e nei 200 rana. in sei gare. Noi nei 400, 800, 1500, nei 100 rana e forse nei 200 farfalla. 5 gare. Probabilmente loro hanno delle medaglie sicure tra 100, 200 dorso e 200 rana. Le nostre più concrete possibilità sono negli 800 e nei 1500. Quindi sì, in sostanza a livello individuale meglio loro ma non in una maniera così esagerata. La vera differenza i russi la fanno con le staffette dove non solo sono davanti a noi ma in quelle dello stile libero sono assolutamente da medaglia e forse appunto anche da oro. La loro mista è davanti a noi, però non di tantissimo e speriamo di accorciare il divario a Tokyo. Dopo le prime due frazioni dovremmo trovarci in sostanziale parità, con loro meglio nel dorso e noi meglio nella rana. Dove scavano il solco è nella farfalla e nello stile dove ci danno un secondo a frazione. Speriamo di accorciare le distanze da loro tirando giù mezzo secondo sia nel delfino che nello stile libero. Per potercela giocare veramente con loro ci dovrebbe essere una ulteriore crescita dei nostri due più giovani, magari con Martinenghi che scende sotto i 58 secondi e Ceccon che ci lancia con un tempo sotto il 52.5 però sono tante troppe cose che devono accadere e in così poco tempo. Il vero nostro obbiettivo è sfidarli tra tre anni a Parigi dovre presenteremo una staffetta praticamente uguale a quella che schiereremo a Tokyo, solo un po' più esperta e si spera all'apice della condizione per tutti. ITALIA vs GIAPPONE **settore femminile:** nei 50 meglio loro, nei 100 meglio noi ma Pellegrini e Ikee hanno praticamente nuotato pari. Nei 200 meglio noi, nei 400 meglio loro ma la Quadarella ha nuotato praticamente gli stessi tempi delle Nippo. Negli 800 e nei 1500 meglio noi. 4 a 2 per l'italia nel dorso meglio noi sia nei 100 che nei 200. 2 a 0 Nella rana meglio noi nei 100, meglio le nippo nei 200. 1 a 1 Nella farfalla meglio loro sia nei 100 che nei 200. 2 a 0 Nei misti meglio loro sia nei 200 che nei 400. 2 a 0. Fondamentalmente in 7 gare sono andate meglio loro, in 7 gare meglio noi. Tra le donne noi abbiamo possibilità di medaglie (come sopra) negli 800 e 1500, nei 100 rana e 200 dorso e sempre con il bonus pellegrini. Da loro pesa l'incognita IKEE, che speriamo tutti possa vincere qualche medaglia a TOKYO, però la condizione, dopo la terribile malattia, sembra non sia ancora tornata quella che il suo talento promette di essere. Al momento le uniche concrete possibilità di medaglia che hanno sono nei misti soprattutto con la Ohashi, però non sarà semplice, anzi. Nelle staffette a stile meglio loro ma non sono un fattore a livello assoluto. La mista è simile alla nostra, è da finale ma secondo me siamo un po' meglio noi. Siamo per adesso meglio sia nel dorso che nella rana. Poi se loro mettono Ikee a farfalla sono meglio loro ma poi Federica è nettamente meglio a stile libero. Se invece la Ikee la mettono in chiusura se la gioca alla pari con Federica ma a quel punto a Farfalla siamo più meno pari e non ci guadagnano niente. Insomma la mista mi pare meglio la nostra, aspettando di vedere se la Ikee migliora in questi 3 mesi la condizione. settore maschile: a stile libero meglio loro nei 100 e nei 200. Nei 50 e dai 400 in su meglio noi. 4 a 2 per noi a dorso meglio loro sia nei 100 che nei 200. 2 a 0 a rana noi meglio nei 100 loro nei 200. 1 a 1 a farfalla meglio loro nei 100 meglio noi nei 200. 1 a 1 nei misti meglio noi nei 200 meglio i nippo nei 400. Insomma, 7 a 7. Vero che Seto probabilmente ha nuotato sotto le sue possibilità sia nei 200 misti che nei 200 farfalla, ma per ora questi sono i tempi. Le loro concrete possibilità di medaglia sono nei 200 rana e se Seto nuota quel che sa nuotare, 200 farfalla, 200 misti e 400 misti. 4 gare, più o meno come noi. Io credo che in questo momento il nostro settore maschile sia molto simile al loro. Capitolo staffette: ecco la veloce giapponese era stata la prima delle escluse dalla finale ai mondiali e aveva nuotato 3.14.16. Ecco tempi dei loro trials alla mano, questa è una staffetta da 3.12. Come la nostra, anzi per il momento anche leggermente meglio visto che hanno due 48 alti come noi, un 48.3 come noi però poi noi abbiamo un 48.5 mentre loro un 48.2. Certo, io confido che la nostra staffetta possa migliorare da qui a Tokyo però la staffetta giapponese potrebbe aver alzato il livello per l'ingresso in finale e bisognerà nuotare sul 3.12 già in batteria per essere certi dell'ingresso in finale. La loro 4x200 che era andata a medaglia a Rio, non pare essere della partita per il podio anche se possono vantare un 1.44.6. Anzi, visti i loro criteri rigidi potrebbero anche non schierarla ma nel complesso ritengo che forse è leggermente meglio la nostra o comunque sia molto simili. La mista è più o meno come la nostra. Nel dorso probabilmente meglio loro vista la maggior esperienza di Irie rispetto a Ceccon, a rana gli diamo un secondo, a farfalla ce lo danno loro, a stile più o meno siamo pari ma confido che Tokyo Miressi sarà meglio del loro miglior stile liberista. Insomma secondo me i nostri campionati come livello prestativo hanno egregiamente retto il colpo contro i campionati di due nazioni importanti come Russia e Giappone. Ovviamente siamo solo agli inizi e quindi tutti questi discorsi che ho fatto sulle possibilità nostre, di russi e giapponesi di medaglia, sono molto parziali. Si riferiscono a quello che si è visto agli ultimi mondiali e a quel poco che si è nuotato l'anno scorso. Ma insomma, in qualche modo bisogna ingannare l'attesa. Capiremo un po' meglio dopo questa settimana: come ha ricordato il grande XMAN domani partono i trials britannici (niente inversione mattino-pomeriggio per loro) e contemporaneamente ci saranno anche i campionati australiani. Non sono i trials, quelli saranno stranamente a cavallo della metà di Giugno, in pratica qualche giorno prima dei trials americani. Non so se questa sia una scelta strategica o dettata dal covid però solitamente i loro trials sono a fine marzo, primi di Aprile. Inoltre leggendo qua e là non si capisce bene una cosa: o meglio, non ho capito io ma mi pare di aver compreso che anche questi campionati possano valere come qualificazione olimpica o meglio i tempi verranno presi in considerazione se ci fossero problemi con la preparazione di qualche atleta. Boh, devo dire la verità, stavo cercando di leggere ma non ci ho capito granché. Comunque credo che questi campionati saranno comunque indicativi di una condizione generale in attesa dei trials di giugno. Poi sempre come ha detto XMAN, questa settimana chiudono i tedeschi, la prossima avremo i campionati brasiliani. e i canadesi ho visto che faranno i trials una settimana dopo gli europei di budapest. Quelli di cui non riesco a trovare notizie sono i cinesi e i francesi. I francesi hanno già pronta la squadra per Budapest ma non riesco a capire quando e se saranno i loro campionati nazionali. Nel loro calendario ci sono due manifestazioni indicate come campionati francesi elite e nationale e sono una a fine aprile e una a fine maggio ma non riesco a capire se saranno i loro trials. Boh? I cinesi invece solitamente sono sempre i primi o quasi a fare i loro trials ma non è che causa il covid, hanno già fatto le selezioni quest'autunno? P.S. Io continuo a pensare che il nostro maggior problema sia quello di non spremerci troppo tra Budapest e sette colli e arrivare a Tokyo in riserva di energie. Non deve accadere. L'appuntament clou sono le olimpiadi e quelle dobbiamo preparare. Ad esempio, mi pare di aver letto che i tempi fatti a Budapest dagli staffettisti non varranno come crono di qualificazione. E allora, io dico, che senso ha portarli? Falli preparare per il 7colli e via. A Budapest si gareggia in staffetta con i già qualificati: nella 4x100 CEccon, Miressi, Zazzeri e Ballo. Nella 4x200 Ballo, Detti, De Tullio e uno tra Miressi e Ceccon che un 200 dignitoso te lo dovrebbero garantire a livello europeo. Boh, io non capisco. Comunque, questi sono discorsi
modificato Apr 13 a 6:43 pm
 
1
risposta

Intanto peaty 57.70 in batteria tanto per gradire

Intanto peaty 57.70 in batteria tanto per gradire
 
0
risposta

Freya Anderson 1.56.90 e complessivamente una 4x200 femminile britannica molto compatta che può ambire a scendere sotto il 7.50 a Tokyo

Bird a 3.46 netto nei 400 stile libero

La Wilmott a 4.35.70 nei 400 misti

Harriet Jones a 57.79 nei 100 farfalla

e poi sono entrati in acque i due pezzi da 90 del nuoto britannico, come già preannunciato da Vale75

Peaty vince la finale dei 100 con un crono di 57.39, passaggio in 26.69. Wilby si conferma uno dei pretendenti al podio olimpico nuotando in 58.76. Murdoch a 59.51

Il secondo pezzo da 90 è ovviamente Duncan Scott che nuota il miglior crono stagionale nei 200 misti in 1.55.90. PB e terzo crono europeo di sempre. Litchfield secondo a 1.57.74

Facendo un rapido paragone con i nostri campionati, su 6 gare in 2 noi abbiamo ottenuto un tempo migliore (200 stile libero donne e 400 stile libero uomini), in 4 loro. In tre piuttosto nettamente, la Wilmott da quasi 1 secondo e mezzo alla Franceschi mentre Scott e Peaty danno un secondo a Razzetti e Martinenghi. Nei 100 farfalla meglio la loro atleta ma la Di Liddo ha nuotato sostanzialmente pari.

Infine: se pensate che io sia stato fin troppo ottimistico allora non andate a vedere le previsioni statistiche che la Gracenote ha fatto sul medagliere olimpico di Tokyo. Nel nuoto ci assegnano ben 7 medagliesmilesmile

https://www.eurosport.it/olimpiadi/tokyo-2020/2020/olimpiadi-100-a-tokyo-il-medagliere-virtuale-italia-nella-top-10-e-in-crescita-rispetto-a-rio_sto8242135/story.shtml?fbclid=IwAR1XPqPNrgGBX3pXs3F4Pwsl-GfWF-JUY0KJaLNXOGvTUiiv11jN0OOfCVw

Freya Anderson 1.56.90 e complessivamente una 4x200 femminile britannica molto compatta che può ambire a scendere sotto il 7.50 a Tokyo Bird a 3.46 netto nei 400 stile libero La Wilmott a 4.35.70 nei 400 misti Harriet Jones a 57.79 nei 100 farfalla e poi sono entrati in acque i due pezzi da 90 del nuoto britannico, come già preannunciato da Vale75 Peaty vince la finale dei 100 con un crono di 57.39, passaggio in 26.69. Wilby si conferma uno dei pretendenti al podio olimpico nuotando in 58.76. Murdoch a 59.51 Il secondo pezzo da 90 è ovviamente Duncan Scott che nuota il miglior crono stagionale nei 200 misti in 1.55.90. PB e terzo crono europeo di sempre. Litchfield secondo a 1.57.74 Facendo un rapido paragone con i nostri campionati, su 6 gare in 2 noi abbiamo ottenuto un tempo migliore (200 stile libero donne e 400 stile libero uomini), in 4 loro. In tre piuttosto nettamente, la Wilmott da quasi 1 secondo e mezzo alla Franceschi mentre Scott e Peaty danno un secondo a Razzetti e Martinenghi. Nei 100 farfalla meglio la loro atleta ma la Di Liddo ha nuotato sostanzialmente pari. Infine: se pensate che io sia stato fin troppo ottimistico allora non andate a vedere le previsioni statistiche che la Gracenote ha fatto sul medagliere olimpico di Tokyo. Nel nuoto ci assegnano ben 7 medaglie(:| :x https://www.eurosport.it/olimpiadi/tokyo-2020/2020/olimpiadi-100-a-tokyo-il-medagliere-virtuale-italia-nella-top-10-e-in-crescita-rispetto-a-rio_sto8242135/story.shtml?fbclid=IwAR1XPqPNrgGBX3pXs3F4Pwsl-GfWF-JUY0KJaLNXOGvTUiiv11jN0OOfCVw
modificato Apr 14 a 8:37 pm
 
0
risposta

Bene Peaty (non c'erano dubbi !), molto bene Scott che irrompe in modo autorevole nei 200 misti, come in passato hanno fatto diversi stileliberisti di razza, a cominciare da Rosolino.
Peaty non è mai andato così forte in primavera ed ora può contare su tutte le prime 20 prestazioni di sempre nella stessa gara, fatto davvero notevole per il nuoto contemporaneo. Non bene a mio avviso la Anderson, con un crono non significativo a livello internazionale.

Bene Peaty (non c'erano dubbi !), molto bene Scott che irrompe in modo autorevole nei 200 misti, come in passato hanno fatto diversi stileliberisti di razza, a cominciare da Rosolino. Peaty non è mai andato così forte in primavera ed ora può contare su tutte le prime 20 prestazioni di sempre nella stessa gara, fatto davvero notevole per il nuoto contemporaneo. Non bene a mio avviso la Anderson, con un crono non significativo a livello internazionale.
 
1
risposta

Non vedo note sulle recenti prestazioni di Curzan (17 anni scarsi) e Huske (18anni) che hanno stampato dei tempi "discreti":

100 sl

1 Huske, Torri 53.46
25.51 53.46 (27.95)

2 Curzan, Claire 54.40
25.79 54.40 (28.61)

100fa

1 Curzan, Claire 56.20
26.21 56.20 (29.99)

2 Huske, Torri 56.69

200mx

1 Huske, Torri J 2:11.65
27.82 1:01.54 (33.72)
1:39.73 (38.19) 2:11.65 (31.92)

100do

1 Curzan, Claire 59.37
28.74 59.37 (30.63)

ah!! poi Andrews è sceso a 2'11 sui 200 rana ed ha fatto un grande 150 misto...........smilesmile

Non vedo note sulle recenti prestazioni di Curzan (17 anni scarsi) e Huske (18anni) che hanno stampato dei tempi "discreti": 100 sl 1 Huske, Torri 53.46 25.51 53.46 (27.95) 2 Curzan, Claire 54.40 25.79 54.40 (28.61) 100fa 1 Curzan, Claire 56.20 26.21 56.20 (29.99) 2 Huske, Torri 56.69 200mx 1 Huske, Torri J 2:11.65 27.82 1:01.54 (33.72) 1:39.73 (38.19) 2:11.65 (31.92) 100do 1 Curzan, Claire 59.37 28.74 59.37 (30.63) ah!! poi Andrews è sceso a 2'11 sui 200 rana ed ha fatto un grande 150 misto...........8) :D
modificato Apr 14 a 8:49 pm
 
0
risposta

Mi aspettavo di più da Tom Dean, nonostante abbia fatto il suo primato nei 400sl (3.47.48, aveva 3.48.59 ma 3.36.56 in corta). Può darsi che abbia preparato soprattutto i 200.

Duncan Scott invece ha fatto il botto e all'orizzonte non si vede gente da meno di 1.55, a parte Andrew, se aggiusta l'ultimo 50, cioè se diventa un 200ista.
L'unico problema per Scott è che 100sl e 200 misti sono quasi in rotta di collisione a Tokyo. La semi dei 200 misti è pochi minuti dopo la finale dei 100sl, ma potrebbe bastare 1.57 per la finale.

Molto bene anche Joe Litchfield, sceso a 1.57.7 da 1.59.1. Potrebbe essere lui il 4° della 4x200.

Mi aspettavo di più da Tom Dean, nonostante abbia fatto il suo primato nei 400sl (3.47.48, aveva 3.48.59 ma 3.36.56 in corta). Può darsi che abbia preparato soprattutto i 200. Duncan Scott invece ha fatto il botto e all'orizzonte non si vede gente da meno di 1.55, a parte Andrew, se aggiusta l'ultimo 50, cioè se diventa un 200ista. L'unico problema per Scott è che 100sl e 200 misti sono quasi in rotta di collisione a Tokyo. La semi dei 200 misti è pochi minuti dopo la finale dei 100sl, ma potrebbe bastare 1.57 per la finale. Molto bene anche Joe Litchfield, sceso a 1.57.7 da 1.59.1. Potrebbe essere lui il 4° della 4x200.
 
0
risposta

Mi aspettavo di più da Tom Dean, nonostante abbia fatto il suo primato nei 400sl (3.47.48, aveva 3.48.59 ma 3.36.56 in corta). Può darsi che abbia preparato soprattutto i 200.

Ho visto un po' delle finali sul canale youtube e il commentatore raccontava che ha dovuto fare per due volte la quarantena perdendo ovviamente molti giorni di allenamento, aspetto che sicuramente avrà influito sulla preparazione.

Gran tempo di Scott (Peaty oramai non fa più notiziasmile ): per curiosità sono andato a riguardarmi i passaggi di Razzetti e praticamente del secondo e 2 decimi che paga allo scozzese, 1 secondo netto lo prende nei 50 metri nuotati a dorso mentre il resto viene dall'ultima vasca, distacco minimo in termini assoluti e a maggior ragione se pensiamo alle qualità di Duncan nello stile libero. Chiudo dicendo che se potessimo mettere insieme i primi 100 metri di Ceccon (ho ancora negli occhi il passaggio a 54.1 del Settecolli) e i secondi 100 di Razzetti avremmo un duecentista con i controfiocchi smile

>Mi aspettavo di più da Tom Dean, nonostante abbia fatto il suo primato nei 400sl (3.47.48, aveva 3.48.59 ma 3.36.56 in corta). Può darsi che abbia preparato soprattutto i 200. Ho visto un po' delle finali sul canale youtube e il commentatore raccontava che ha dovuto fare per due volte la quarantena perdendo ovviamente molti giorni di allenamento, aspetto che sicuramente avrà influito sulla preparazione. Gran tempo di Scott (Peaty oramai non fa più notizia:D ): per curiosità sono andato a riguardarmi i passaggi di Razzetti e praticamente del secondo e 2 decimi che paga allo scozzese, 1 secondo netto lo prende nei 50 metri nuotati a dorso mentre il resto viene dall'ultima vasca, distacco minimo in termini assoluti e a maggior ragione se pensiamo alle qualità di Duncan nello stile libero. Chiudo dicendo che se potessimo mettere insieme i primi 100 metri di Ceccon (ho ancora negli occhi il passaggio a 54.1 del Settecolli) e i secondi 100 di Razzetti avremmo un duecentista con i controfiocchi 8)
 
1
risposta

Ho visto un po' delle finali sul canale youtube e il commentatore raccontava che ha dovuto fare per due volte la quarantena perdendo ovviamente molti giorni di allenamento, aspetto che sicuramente avrà influito sulla preparazione.

Questo spiega tutto. Quindi in estate andrà sicuramente più forte, anche perché nuota veramente molto bene.

Jo Litchfield è cresciuto anche a dorso. La loro mista può giocarsi veramente l'oro se trovano un dorsista capace di limitare a 1" il distacco dagli americani.

>Ho visto un po' delle finali sul canale youtube e il commentatore raccontava che ha dovuto fare per due volte la quarantena perdendo ovviamente molti giorni di allenamento, aspetto che sicuramente avrà influito sulla preparazione. Questo spiega tutto. Quindi in estate andrà sicuramente più forte, anche perché nuota veramente molto bene. Jo Litchfield è cresciuto anche a dorso. La loro mista può giocarsi veramente l'oro se trovano un dorsista capace di limitare a 1" il distacco dagli americani.
 
0
risposta
Dettagli Discussione
31.66k
viste
2.15k risposte
26 followers
anteprima immediata
inserisci almeno 10 caratteri
ATTENZIONE: Hai menzionato %MENTIONS%, ma non possono vedere questo messaggio e non ne riceveranno notifica
Salvataggio...
Salvato
With selected deselect posts show selected posts
Tutti i messaggi di questo argomento saranno cancellato ?
Bozza in attesa ... Click per tornare alla modifica
Elimina la bozza