Annuncio pubblicitario

Buongiorno, sto provando a destreggiarsi sul forum, ma credo di essere una Pippa...

Mi sono altamente stancata dei Dpcm, ma questo ultimo mi fa arrabbiare un sacco... Chiudere le piscine??? Che senso ha??? Non so le vostre, ma la piscina di Oderzo e tutte quelle dell'Arca sono SUPER PULITE, SUPER DISINFETTATE, SUPER SICURE!!! C'è un modo per far ragionare il governo???? Che sistemino i trasporti e altro, ma non chiudere le piscine! Abbiamo necessità del cloro, abbiamo la necessità di sfogarci dopo il lavoro e non facendo assembramento, ma bittandoci in acqua e liberandoci dalle noie della giornata!
Porto la mascherina tutto il giorno, non abbraccio più nessuno, nemmeno mia madre, esco il meno possibile... LASCIATEMI LA PISCINA!!!!

Buongiorno, sto provando a destreggiarsi sul forum, ma credo di essere una Pippa... Mi sono altamente stancata dei Dpcm, ma questo ultimo mi fa arrabbiare un sacco... Chiudere le piscine??? Che senso ha??? Non so le vostre, ma la piscina di Oderzo e tutte quelle dell'Arca sono SUPER PULITE, SUPER DISINFETTATE, SUPER SICURE!!! C'è un modo per far ragionare il governo???? Che sistemino i trasporti e altro, ma non chiudere le piscine! Abbiamo necessità del cloro, abbiamo la necessità di sfogarci dopo il lavoro e non facendo assembramento, ma bittandoci in acqua e liberandoci dalle noie della giornata! Porto la mascherina tutto il giorno, non abbraccio più nessuno, nemmeno mia madre, esco il meno possibile... LASCIATEMI LA PISCINA!!!!
 
1
risposta

Buongiorno, sto provando a destreggiarsi sul forum, ma credo di essere una Pippa...

Mi sono altamente stancata dei Dpcm, ma questo ultimo mi fa arrabbiare un sacco... Chiudere le piscine??? Che senso ha??? Non so le vostre, ma la piscina di Oderzo e tutte quelle dell'Arca sono SUPER PULITE, SUPER DISINFETTATE, SUPER SICURE!!! C'è un modo per far ragionare il governo???? Che sistemino i trasporti e altro, ma non chiudere le piscine! Abbiamo necessità del cloro, abbiamo la necessità di sfogarci dopo il lavoro e non facendo assembramento, ma bittandoci in acqua e liberandoci dalle noie della giornata!
Porto la mascherina tutto il giorno, non abbraccio più nessuno, nemmeno mia madre, esco il meno possibile... LASCIATEMI LA PISCINA!!!!

Ciao Sara.
Anche per me è miope non capire che la pratica sportiva ha un altissimo valore sociale e salutistico, e lo scrissi sul forum in occasione del lockdown di marzo e aprile.

Adesso siamo davvero in emergenza, lo capiamo tutti, ma - posto che a mio parere si poteva fare molto di più nei mesi tra maggio ed ottobre per prepararsi meglio a fronteggiare la seconda ondata della pandemia, a partire dal potenziamento dei mezzi di trasporto e dalla creazione di luoghi appositi per il ricovero dei contagiati dal Covid utilizzando i famosi miliardi del Mes, che erano disponibili - anche io faccio fatica a trovare una logica in questi provvedimenti, se non quella di cercare di limitare, un po' a caso, i luoghi e le occasioni in cui ci si può avvicinare.

E mi dispiace moltissimo per tutti coloro che, con la massima responsabilità, frequentavano piscine e palestre, oltre che per i gestori che si sono sobbarcati costi ingenti per adeguarsi alle regole anti-Covid.

Speriamo che ora, davvero, quanti più cittadini possibile adottino le due regole fondamentali: distanziamento (dove è possibile.., resta, ad esempio, il problema dei mezzi pubblici) e mascherina (che io porto sempre all'esterno, ma che è davvero fondamentale se uno sale sui mezzi pubblici o entra in qualche locale) in modo da uscire, prima possibile, da questa situazione.

>Buongiorno, sto provando a destreggiarsi sul forum, ma credo di essere una Pippa... >Mi sono altamente stancata dei Dpcm, ma questo ultimo mi fa arrabbiare un sacco... Chiudere le piscine??? Che senso ha??? Non so le vostre, ma la piscina di Oderzo e tutte quelle dell'Arca sono SUPER PULITE, SUPER DISINFETTATE, SUPER SICURE!!! C'è un modo per far ragionare il governo???? Che sistemino i trasporti e altro, ma non chiudere le piscine! Abbiamo necessità del cloro, abbiamo la necessità di sfogarci dopo il lavoro e non facendo assembramento, ma bittandoci in acqua e liberandoci dalle noie della giornata! >Porto la mascherina tutto il giorno, non abbraccio più nessuno, nemmeno mia madre, esco il meno possibile... LASCIATEMI LA PISCINA!!!! Ciao Sara. Anche per me è miope non capire che la pratica sportiva ha un altissimo valore sociale e salutistico, e lo scrissi sul forum in occasione del lockdown di marzo e aprile. Adesso siamo davvero in emergenza, lo capiamo tutti, ma - posto che a mio parere si poteva fare molto di più nei mesi tra maggio ed ottobre per prepararsi meglio a fronteggiare la seconda ondata della pandemia, a partire dal potenziamento dei mezzi di trasporto e dalla creazione di luoghi appositi per il ricovero dei contagiati dal Covid utilizzando i famosi miliardi del Mes, che erano disponibili - anche io faccio fatica a trovare una logica in questi provvedimenti, se non quella di cercare di limitare, un po' a caso, i luoghi e le occasioni in cui ci si può avvicinare. E mi dispiace moltissimo per tutti coloro che, con la massima responsabilità, frequentavano piscine e palestre, oltre che per i gestori che si sono sobbarcati costi ingenti per adeguarsi alle regole anti-Covid. Speriamo che ora, davvero, quanti più cittadini possibile adottino le due regole fondamentali: distanziamento (dove è possibile.., resta, ad esempio, il problema dei mezzi pubblici) e mascherina (che io porto sempre all'esterno, ma che è davvero fondamentale se uno sale sui mezzi pubblici o entra in qualche locale) in modo da uscire, prima possibile, da questa situazione.
modificato Oct 26 '20 a 10:39 am
 
0
risposta

Sono momenti bui. Ancora più bui della scorsa primavera quando tutto era chiuso e non si facevano disparità. Adesso al danno si aggiunge la beffa di averci fatto adeguare gli impianti, di averci messo alla prova come dei ragazzini indisciplinati e poi, nonostante ci fossimo comportati bene, siamo stati ugualmente puniti.
Trovo tutto ciò molto ingiusto, specialmente quando sono ammesse le funzioni religiose molto piu inutili e contagiose, anche se capisco che davanti ad una emergenza sanitaria con migliaia di persone che muoiono in tutto il mondo, lo sport assume un'importanza marginale e in questo momento deve mettersi da parte.
Sono molto addolorata per questa chiusura, mi dispiace per me e per tutti quelli che conosco e che amo, sto male proprio fisicamente e ho l'angoscia come quando ti separi da un amico e sai che non lo vedrai per molto tempo e che non sarà piu come prima.
Questo è il mio ambiente, il mio mondo, il posto dove sto bene, dove condivido con gli altri lo stesso spirito e la stessa passione per questo bellissimo sport che mi ha sempre regalato tante soddisfazioni e mi ha aiutata a superare i momenti difficili della mia vita. Anche durante questa emergenza sanitaria è riuscito a farmi fare un'esperienza nuova, che mai avrei immaginato di provare nella vita, le acque libere. Con le piscine chiuse, il mare era sembrato l'unica via di uscita...Tutta emozionata, stretta nella nuova muta, mi sono tuffata un po' titubante in mare e in breve tempo sono riuscita a superare le mie incertezze e a divertirmi. Quando si è intravista la possibilità di gareggiare, ho cominciato ad allenarmi e mi sono allenata davvero tanto pur non avendo la certezza che poi alla fine sarebbe stato consentito. Ma il giorno è arrivato e con esso la soddisfazione immensa di partecipare ad un evento al quale fino ad allora avevo solo assistito come spettatrice. E poi la gioia del risultato, per me impensabile solo fino a due mesi prima. Ancora una volta il nuoto è riuscito ad illuminare un momento difficile della mia esistenza ed è per questo che il solo pensiero di doverlo abbandomare mi crea così tanta tristezza. Penso che sia così anche per tutti quelli che trovo in piscina la domenica mattina presto, che si sono alzati prima dell'alba per essere lì, puntuali per il riscaldamento, animati dallo stesso entusiasmo e dalla stessa passione. E' per questo che non mi arrendo e che sarò ancora là non appena possibile.

Sono momenti bui. Ancora più bui della scorsa primavera quando tutto era chiuso e non si facevano disparità. Adesso al danno si aggiunge la beffa di averci fatto adeguare gli impianti, di averci messo alla prova come dei ragazzini indisciplinati e poi, nonostante ci fossimo comportati bene, siamo stati ugualmente puniti. Trovo tutto ciò molto ingiusto, specialmente quando sono ammesse le funzioni religiose molto piu inutili e contagiose, anche se capisco che davanti ad una emergenza sanitaria con migliaia di persone che muoiono in tutto il mondo, lo sport assume un'importanza marginale e in questo momento deve mettersi da parte. Sono molto addolorata per questa chiusura, mi dispiace per me e per tutti quelli che conosco e che amo, sto male proprio fisicamente e ho l'angoscia come quando ti separi da un amico e sai che non lo vedrai per molto tempo e che non sarà piu come prima. Questo è il mio ambiente, il mio mondo, il posto dove sto bene, dove condivido con gli altri lo stesso spirito e la stessa passione per questo bellissimo sport che mi ha sempre regalato tante soddisfazioni e mi ha aiutata a superare i momenti difficili della mia vita. Anche durante questa emergenza sanitaria è riuscito a farmi fare un'esperienza nuova, che mai avrei immaginato di provare nella vita, le acque libere. Con le piscine chiuse, il mare era sembrato l'unica via di uscita...Tutta emozionata, stretta nella nuova muta, mi sono tuffata un po' titubante in mare e in breve tempo sono riuscita a superare le mie incertezze e a divertirmi. Quando si è intravista la possibilità di gareggiare, ho cominciato ad allenarmi e mi sono allenata davvero tanto pur non avendo la certezza che poi alla fine sarebbe stato consentito. Ma il giorno è arrivato e con esso la soddisfazione immensa di partecipare ad un evento al quale fino ad allora avevo solo assistito come spettatrice. E poi la gioia del risultato, per me impensabile solo fino a due mesi prima. Ancora una volta il nuoto è riuscito ad illuminare un momento difficile della mia esistenza ed è per questo che il solo pensiero di doverlo abbandomare mi crea così tanta tristezza. Penso che sia così anche per tutti quelli che trovo in piscina la domenica mattina presto, che si sono alzati prima dell'alba per essere lì, puntuali per il riscaldamento, animati dallo stesso entusiasmo e dalla stessa passione. E' per questo che non mi arrendo e che sarò ancora là non appena possibile.
 
0
risposta

Sono momenti bui. Ancora più bui della scorsa primavera quando tutto era chiuso e non si facevano disparità. Adesso al danno si aggiunge la beffa di averci fatto adeguare gli impianti, di averci messo alla prova come dei ragazzini indisciplinati e poi, nonostante ci fossimo comportati bene, siamo stati ugualmente puniti.
Trovo tutto ciò molto ingiusto, specialmente quando sono ammesse le funzioni religiose molto piu inutili e contagiose,

Ciao Ele.

Sulla parte riguardante il nuoto e le emozioni che dà, concordo in pieno.

Ovviamente, da cattolico praticante, non posso assolutamente condividere questo tuo passaggio sulle funzioni religiose; per uno che crede, tutto passa in subordine rispetto alla celebrazione dell'Eucarestia (anche il nuoto, ovviamente).
Sul fatto che le funzioni religiose siano fonti di contagio, io, a quelle che ho frequentato, ho sempre visto un rigoroso rispetto delle regole (mascherine sempre alzate, distanziamento e nessun contatto) da quando, dopo il lockdown, sono state ammesse di nuovo.

Se le torneranno a vietare, i cattolici praticanti si adegueranno, come fatto a marzo-aprile, ma è il sacrificio più grande in assoluto.

>Sono momenti bui. Ancora più bui della scorsa primavera quando tutto era chiuso e non si facevano disparità. Adesso al danno si aggiunge la beffa di averci fatto adeguare gli impianti, di averci messo alla prova come dei ragazzini indisciplinati e poi, nonostante ci fossimo comportati bene, siamo stati ugualmente puniti. >Trovo tutto ciò molto ingiusto, specialmente quando sono ammesse le funzioni religiose molto piu inutili e contagiose, Ciao Ele. Sulla parte riguardante il nuoto e le emozioni che dà, concordo in pieno. Ovviamente, da cattolico praticante, non posso assolutamente condividere questo tuo passaggio sulle funzioni religiose; per uno che crede, tutto passa in subordine rispetto alla celebrazione dell'Eucarestia (anche il nuoto, ovviamente). Sul fatto che le funzioni religiose siano fonti di contagio, io, a quelle che ho frequentato, ho sempre visto un rigoroso rispetto delle regole (mascherine sempre alzate, distanziamento e nessun contatto) da quando, dopo il lockdown, sono state ammesse di nuovo. Se le torneranno a vietare, i cattolici praticanti si adegueranno, come fatto a marzo-aprile, ma è il sacrificio più grande in assoluto.
 
0
risposta

Sono momenti bui. Ancora più bui della scorsa primavera quando tutto era chiuso e non si facevano disparità. Adesso al danno si aggiunge la beffa di averci fatto adeguare gli impianti, di averci messo alla prova come dei ragazzini indisciplinati e poi, nonostante ci fossimo comportati bene, siamo stati ugualmente puniti.
Trovo tutto ciò molto ingiusto, specialmente quando sono ammesse le funzioni religiose molto piu inutili e contagiose,

Ciao Ele.

Sulla parte riguardante il nuoto e le emozioni che dà, concordo in pieno.

Ovviamente, da cattolico praticante, non posso assolutamente condividere questo tuo passaggio sulle funzioni religiose; per uno che crede, tutto passa in subordine rispetto alla celebrazione dell'Eucarestia (anche il nuoto, ovviamente).
Sul fatto che le funzioni religiose siano fonti di contagio, io, a quelle che ho frequentato, ho sempre visto un rigoroso rispetto delle regole (mascherine sempre alzate, distanziamento e nessun contatto) da quando, dopo il lockdown, sono state ammesse di nuovo.

Se le torneranno a vietare, i cattolici praticanti si adegueranno, come fatto a marzo-aprile, ma è il sacrificio più grande in assoluto.

Ciao! 😀 Comprendo il tuo punto di vista e sottolineo che non sono assolutamente ostile ad alcun rito di alcun credo religioso, ma in una pandemia trovo che qualsiasi attività umana che venga svolta in gruppo in un ambiente chiuso sia da evitare, allo stesso modo di una palestra o di un ristorante, tanto per citarne alcuni. C’è il momento per ogni cosa e adesso ritengo che la salute sia la priorità assoluta per tutti, per questo lo dicevo.
Un grande abbraccio
Ele

>>Sono momenti bui. Ancora più bui della scorsa primavera quando tutto era chiuso e non si facevano disparità. Adesso al danno si aggiunge la beffa di averci fatto adeguare gli impianti, di averci messo alla prova come dei ragazzini indisciplinati e poi, nonostante ci fossimo comportati bene, siamo stati ugualmente puniti. >>Trovo tutto ciò molto ingiusto, specialmente quando sono ammesse le funzioni religiose molto piu inutili e contagiose, >Ciao Ele. >Sulla parte riguardante il nuoto e le emozioni che dà, concordo in pieno. >Ovviamente, da cattolico praticante, non posso assolutamente condividere questo tuo passaggio sulle funzioni religiose; per uno che crede, tutto passa in subordine rispetto alla celebrazione dell'Eucarestia (anche il nuoto, ovviamente). >Sul fatto che le funzioni religiose siano fonti di contagio, io, a quelle che ho frequentato, ho sempre visto un rigoroso rispetto delle regole (mascherine sempre alzate, distanziamento e nessun contatto) da quando, dopo il lockdown, sono state ammesse di nuovo. >Se le torneranno a vietare, i cattolici praticanti si adegueranno, come fatto a marzo-aprile, ma è il sacrificio più grande in assoluto. Ciao!
 
0
risposta

Ciao Ele smile

Tutto bene, e avevo capito il senso generale del tuo discorso. Solo che, da cattolico, non potevo stare in silenzio di fronte a quel definire "inutili" le funzioni religiose. Per chi crede davvero (quota ormai ampiamente minoritaria della popolazione italiana, lo so) le funzioni religiose sono la cosa più importante.

Ciò detto, è chiaro che, come fatto a marzo-aprile (perfino la Pasqua è stata senza funzioni religiose..) il cattolico, come cittadino responsabile, si adeguerà alle disposizioni delle autorità civili, sulla scorta di quel "rendete a Cesare quel che è di Cesare e a Dio quel che è di Dio", che Gesù ha mirabilmente espresso nel Vangelo (con la consapevolezza, peraltro, che per ogni cattolico il seguire le leggi di Dio è molto più importante del seguire le leggi civili).

Chiudo questa mia breve "predica" smile , notando che tu hai usato una bella frase: "c'è il momento per ogni cosa.." , che compare all'inizio del cap. 3 dell'Ecclesiaste (o libro del Qoèlet):
Per ogni cosa c'è il suo momento, il suo tempo per ogni faccenda sotto il cielo. C'è un tempo per nascere e un tempo per morire (...), un tempo per abbracciare e un tempo per astenersi dagli abbracci.

Come vedi, la saggezza ultra-millenaria della Bibbia aveva previsto anche l'attuale pandemia smile

Ciao Ele ;) Tutto bene, e avevo capito il senso generale del tuo discorso. Solo che, da cattolico, non potevo stare in silenzio di fronte a quel definire "inutili" le funzioni religiose. Per chi crede davvero (quota ormai ampiamente minoritaria della popolazione italiana, lo so) le funzioni religiose sono la cosa più importante. Ciò detto, è chiaro che, come fatto a marzo-aprile (perfino la Pasqua è stata senza funzioni religiose..) il cattolico, come cittadino responsabile, si adeguerà alle disposizioni delle autorità civili, sulla scorta di quel "rendete a Cesare quel che è di Cesare e a Dio quel che è di Dio", che Gesù ha mirabilmente espresso nel Vangelo (con la consapevolezza, peraltro, che per ogni cattolico il seguire le leggi di Dio è molto più importante del seguire le leggi civili). Chiudo questa mia breve "predica" :) , notando che tu hai usato una bella frase: "c'è il momento per ogni cosa.." , che compare all'inizio del cap. 3 dell'Ecclesiaste (o libro del Qoèlet): Per ogni cosa c'è il suo momento, il suo tempo per ogni faccenda sotto il cielo. C'è un tempo per nascere e un tempo per morire (...), un tempo per abbracciare e un tempo per astenersi dagli abbracci. Come vedi, la saggezza ultra-millenaria della Bibbia aveva previsto anche l'attuale pandemia ;)
 
0
risposta
Dettagli Discussione
198
viste
5 risposte
3 followers
anteprima immediata
inserisci almeno 10 caratteri
ATTENZIONE: Hai menzionato %MENTIONS%, ma non possono vedere questo messaggio e non ne riceveranno notifica
Salvataggio...
Salvato
With selected deselect posts show selected posts
Tutti i messaggi di questo argomento saranno cancellato ?
Bozza in attesa ... Click per tornare alla modifica
Elimina la bozza