Advertisement

Ok, chiedo scusa per il titolo orrendo del 3read ma non riuscivo a scegliere cosa scrivere smile

Sapendo che il nostro encomiabile funuotofan (che mi continua a estasiare con i suoi posts) non è avvezzo frequentatore dei social, riporto qui quanto pubblicato in giornata dal profilo instagram "swimmingstats", che avvalendosi della teoria dei valori estremi ha provato a rapportare il mostruoso record del mondo di Peaty dei 100 metri rana a tutte le altre distanze. Vengono fuori numeri che mettono i brividi in cui il solo record di Biedermann dei 200 stile riesce a non sfigurare rispetto ai valori di Peaty.

5f1aa271cabd4.jpg

Ok, chiedo scusa per il titolo orrendo del 3read ma non riuscivo a scegliere cosa scrivere ]:) Sapendo che il nostro encomiabile funuotofan (che mi continua a estasiare con i suoi posts) non è avvezzo frequentatore dei social, riporto qui quanto pubblicato in giornata dal profilo instagram "swimmingstats", che avvalendosi della teoria dei valori estremi ha provato a rapportare il mostruoso record del mondo di Peaty dei 100 metri rana a tutte le altre distanze. Vengono fuori numeri che mettono i brividi in cui il solo record di Biedermann dei 200 stile riesce a non sfigurare rispetto ai valori di Peaty. ![5f1aa271cabd4.jpg](serve/attachment&path=5f1aa271cabd4.jpg)
modificato Jul 24 a 9:57 am
 
0
risposta

Ok, chiedo scusa per il titolo orrendo del 3read ma non riuscivo a scegliere cosa scrivere smile

Sapendo che il nostro encomiabile funuotofan (che mi continua a estasiare con i suoi posts) non è avvezzo frequentatore dei social, riporto qui quanto pubblicato in giornata dal profilo instagram "swimmingstats", che avvalendosi della teoria dei valori estremi ha provato a rapportare il mostruoso record del mondo di Peaty dei 100 metri rana a tutte le altre distanze. Vengono fuori numeri che mettono i brividi in cui il solo record di Biedermann dei 200 stile riesce a non sfigurare rispetto ai valori di Peaty.

Sportsnuoto non si vede l'allegato! (almeno a me)

>Ok, chiedo scusa per il titolo orrendo del 3read ma non riuscivo a scegliere cosa scrivere ]:) >Sapendo che il nostro encomiabile funuotofan (che mi continua a estasiare con i suoi posts) non è avvezzo frequentatore dei social, riporto qui quanto pubblicato in giornata dal profilo instagram "swimmingstats", che avvalendosi della teoria dei valori estremi ha provato a rapportare il mostruoso record del mondo di Peaty dei 100 metri rana a tutte le altre distanze. Vengono fuori numeri che mettono i brividi in cui il solo record di Biedermann dei 200 stile riesce a non sfigurare rispetto ai valori di Peaty. >[5f1a001ebf081.jpg](serve/attachment&path=5f1a001ebf081.jpg) Sportsnuoto non si vede l'allegato! (almeno a me)
 
0
risposta

Ok, chiedo scusa per il titolo orrendo del 3read ma non riuscivo a scegliere cosa scrivere smile

Sapendo che il nostro encomiabile funuotofan (che mi continua a estasiare con i suoi posts) non è avvezzo frequentatore dei social, riporto qui quanto pubblicato in giornata dal profilo instagram "swimmingstats", che avvalendosi della teoria dei valori estremi ha provato a rapportare il mostruoso record del mondo di Peaty dei 100 metri rana a tutte le altre distanze. Vengono fuori numeri che mettono i brividi in cui il solo record di Biedermann dei 200 stile riesce a non sfigurare rispetto ai valori di Peaty.

Sportsnuoto non si vede l'allegato! (almeno a me)

Ieri sera quando ho postato si vedeva ma adesso non lo vedevo anch'io. smile

Comunque ho provato a ricaricare la tabella e al momento è visibile. smile

>>Ok, chiedo scusa per il titolo orrendo del 3read ma non riuscivo a scegliere cosa scrivere ]:) >>Sapendo che il nostro encomiabile funuotofan (che mi continua a estasiare con i suoi posts) non è avvezzo frequentatore dei social, riporto qui quanto pubblicato in giornata dal profilo instagram "swimmingstats", che avvalendosi della teoria dei valori estremi ha provato a rapportare il mostruoso record del mondo di Peaty dei 100 metri rana a tutte le altre distanze. Vengono fuori numeri che mettono i brividi in cui il solo record di Biedermann dei 200 stile riesce a non sfigurare rispetto ai valori di Peaty. >>[5f1a001ebf081.jpg](serve/attachment&path=5f1a001ebf081.jpg) >Sportsnuoto non si vede l'allegato! (almeno a me) Ieri sera quando ho postato si vedeva ma adesso non lo vedevo anch'io. (doh) Comunque ho provato a ricaricare la tabella e al momento è visibile. :)
 
0
risposta

Ce ne sono tante di tabelle: https://www.instagram.com/swimmingstats/
e, da una rapida occhiata, sono in disaccordo in particolare con quella che converte i WR del periodo 2008-2009 in tempi con le regole attuali sui costumi.

Già scritto fin troppo spesso che il problema principale dei costumi, prima placcati e poi interamente gommati, del biennio 2008-2009, era che fornivano vantaggi molto, ma molto diversi da nuotatore a nuotatore.

Il presupposto da cui partivano alcuni osservatori (mi viene in mente un nome ma non lo faccio, anche per non riaprire un topicone di centinaia di pagine smile ) era che il vantaggio di quei costumi fosse simile per tutti.

In realtà non era assolutamente così: alcuni avevano un grandissimo vantaggio, altri un vantaggio minore, altri ancora (quelli più efficienti natatoriamente, con una certa struttura fisica già molto "acquatica", e che mal sopportavano la costrizione del costume gommato) un vantaggio ancora inferiore.

A parte il fatto che alcuni (Phelps, Lochte, Hayden, la Coventry ad esempio) non hanno mai usato i gommati integrali di seconda generazione, talmente più efficienti, in media, rispetto ai placcati da essere adottati da oltre il 95% dei partecipanti ai Mondiali 2009, anche a costo di pagare penali alla Speedo (caso clamoroso quello dell'intera nazionale australiana, ma anche le quasi intere nazionali Usa e britannica che dismisero lo Speedo Lzr in favore dei gommati integrali di ultima generazione prodotti da Arena, Adidas e Jaked ), ma è proprio il vantaggio che fornivano, sia i costumi placcati che, a maggior ragione, quelli gommati, a differire notevolmente da nuotatore a nuotatore.

Quindi, come si fa a calcolare il vantaggio del costume placcato o gommato per quel particolare nuotatore?

Ma, in generale, come si fa a non capire che i costumi sono progrediti sempre, non solo nel biennio 2008-2009, e che quelle caratteristiche di compressione del famoso core, principale vantaggio dei costumi gommati, sono poi state sempre meglio simulate, o addirittura riprodotte (sulla superficie corporea coperta, ovviamente) anche con i costumi in tessuto che si sono susseguiti dal 2010 in poi?

E' vero: la superficie coperta è inferiore, ma anche i jammers maschili, che pure sono assai più contenuti dei costumi femminili, ricoprono tutta la parte della gamba sopra il ginocchio e, come acutamente osservò Nuotatore, sono ad esempio di grande aiuto in uno stile come la rana (e non solo).

Insomma, per tanti motivi, e i costumi sono tra quelli, insieme alle modifiche regolamentari, alle conoscenze acquisite in termini di training, alimentazione e preparazione alla gara, alle piscine più scorrevoli etc etc, i tempi nel nuoto continuano a progredire.
Sarebbe interessante misurare l'incremento medio (che io chiamo "inflazione natatoria" ) delle prime 100 prestazioni, nelle varie distanze, che c'è stato negli ultimi 30 anni.
E' evidente che c'è stato un marcato regresso tra il 2009 e il 2010, perché i costumi del biennio 2008/2009 erano stati un evidente "doping tecnologico", secondo la nota definizione di Castagnetti, ma ormai anche quel regresso è stato quasi del tutto assorbito, e questo - ripeto - anche per il progresso che c'è stato nei costumi in tessuto tra il 2010 e il 2020.

Ecco perché è impossibile, per me, confrontare i crono di epoche diverse: proprio per quella sorta di "inflazione natatoria" che ha portato ad un continuo miglioramento nelle prestazioni cronometriche e che andrebbe depurata per trovare una specie di "tempo reale", tramite cui provare davvero a confrontare i vari record, anche quelli distanti decenni tra di loro (es. WR di Janet Evans nei 400, 800 e 1500 sl a fine anni '80, o quello famoso della Meagher nei 200 delfino nel 1981, o quello della Egerszegi nei 200 dorso del 1991 etc etc).

Ce ne sono tante di tabelle: https://www.instagram.com/swimmingstats/ e, da una rapida occhiata, sono in disaccordo in particolare con quella che converte i WR del periodo 2008-2009 in tempi con le regole attuali sui costumi. Già scritto fin troppo spesso che il problema principale dei costumi, prima placcati e poi interamente gommati, del biennio 2008-2009, era che fornivano vantaggi molto, ma molto diversi da nuotatore a nuotatore. Il presupposto da cui partivano alcuni osservatori (mi viene in mente un nome ma non lo faccio, anche per non riaprire un topicone di centinaia di pagine ;) ) era che il vantaggio di quei costumi fosse simile per tutti. In realtà non era assolutamente così: alcuni avevano un grandissimo vantaggio, altri un vantaggio minore, altri ancora (quelli più efficienti natatoriamente, con una certa struttura fisica già molto "acquatica", e che mal sopportavano la costrizione del costume gommato) un vantaggio ancora inferiore. A parte il fatto che alcuni (Phelps, Lochte, Hayden, la Coventry ad esempio) non hanno mai usato i gommati integrali di seconda generazione, talmente più efficienti, in media, rispetto ai placcati da essere adottati da oltre il 95% dei partecipanti ai Mondiali 2009, anche a costo di pagare penali alla Speedo (caso clamoroso quello dell'intera nazionale australiana, ma anche le quasi intere nazionali Usa e britannica che dismisero lo Speedo Lzr in favore dei gommati integrali di ultima generazione prodotti da Arena, Adidas e Jaked ), ma è proprio il vantaggio che fornivano, sia i costumi placcati che, a maggior ragione, quelli gommati, a differire notevolmente da nuotatore a nuotatore. Quindi, come si fa a calcolare il vantaggio del costume placcato o gommato per quel particolare nuotatore? Ma, in generale, come si fa a non capire che i costumi sono progrediti sempre, non solo nel biennio 2008-2009, e che quelle caratteristiche di compressione del famoso core, principale vantaggio dei costumi gommati, sono poi state sempre meglio simulate, o addirittura riprodotte (sulla superficie corporea coperta, ovviamente) anche con i costumi in tessuto che si sono susseguiti dal 2010 in poi? E' vero: la superficie coperta è inferiore, ma anche i jammers maschili, che pure sono assai più contenuti dei costumi femminili, ricoprono tutta la parte della gamba sopra il ginocchio e, come acutamente osservò Nuotatore, sono ad esempio di grande aiuto in uno stile come la rana (e non solo). Insomma, per tanti motivi, e i costumi sono tra quelli, insieme alle modifiche regolamentari, alle conoscenze acquisite in termini di training, alimentazione e preparazione alla gara, alle piscine più scorrevoli etc etc, i tempi nel nuoto continuano a progredire. Sarebbe interessante misurare l'incremento medio (che io chiamo "inflazione natatoria" ) delle prime 100 prestazioni, nelle varie distanze, che c'è stato negli ultimi 30 anni. E' evidente che c'è stato un marcato regresso tra il 2009 e il 2010, perché i costumi del biennio 2008/2009 erano stati un evidente "doping tecnologico", secondo la nota definizione di Castagnetti, ma ormai anche quel regresso è stato quasi del tutto assorbito, e questo - ripeto - anche per il progresso che c'è stato nei costumi in tessuto tra il 2010 e il 2020. Ecco perché è impossibile, per me, confrontare i crono di epoche diverse: proprio per quella sorta di "inflazione natatoria" che ha portato ad un continuo miglioramento nelle prestazioni cronometriche e che andrebbe depurata per trovare una specie di "tempo reale", tramite cui provare davvero a confrontare i vari record, anche quelli distanti decenni tra di loro (es. WR di Janet Evans nei 400, 800 e 1500 sl a fine anni '80, o quello famoso della Meagher nei 200 delfino nel 1981, o quello della Egerszegi nei 200 dorso del 1991 etc etc).
modificato Jul 24 a 3:07 pm
 
1
risposta

Sì, ma dove si trova il metodo che hanno usato per fare questi calcoli?

C'entrano ancora i punti FINA?

Sì, ma dove si trova il metodo che hanno usato per fare questi calcoli? C'entrano ancora i punti FINA?
 
1
risposta

Sì, ma dove si trova il metodo che hanno usato per fare questi calcoli?

Mi sembra giusto assegnare a Sportsnuoto il compito di trovarlo smile

Anche senza conoscere il metodo adottato, è comunque chiaro che ci si basa sull'enorme differenza tra il WR di Peaty (56.88 ) e i migliori crono di tutti gli altri, a partire dal secondo miglior crono che appartiene a Shymanovich in 58.29.

Siamo ad un 2.42%-2.48% (a seconda che si consideri la variazione rispetto al 58.29 o al 56.88 ) di differenza, mentre nelle altre gare c'è una differenza percentuale molto più esigua tra WR e secondo miglior tempo, o qualsiasi altro parametro si voglia considerare tra il WR e gli altri migliori crono.

Peaty è un caso veramente particolare. E' eccezionale nella rana (ma solo fino ai 100) e davvero modesto, rispetto al livello stratosferico che è in grado di esprimere nei 50 e 100 rana, in tutti gli altri stili.

Anche se i ranisti sono tradizionalmente una categoria a sé, di solito uno che primeggia a livello mondiale nella rana (e mai nessuno aveva dominato come Peaty) ha comunque almeno un altro stile in cui è abbastanza forte. Ma non è il caso di Peaty .

>Sì, ma dove si trova il metodo che hanno usato per fare questi calcoli? Mi sembra giusto assegnare a Sportsnuoto il compito di trovarlo :) Anche senza conoscere il metodo adottato, è comunque chiaro che ci si basa sull'enorme differenza tra il WR di Peaty (56.88 ) e i migliori crono di tutti gli altri, a partire dal secondo miglior crono che appartiene a Shymanovich in 58.29. Siamo ad un 2.42%-2.48% (a seconda che si consideri la variazione rispetto al 58.29 o al 56.88 ) di differenza, mentre nelle altre gare c'è una differenza percentuale molto più esigua tra WR e secondo miglior tempo, o qualsiasi altro parametro si voglia considerare tra il WR e gli altri migliori crono. Peaty è un caso veramente particolare. E' eccezionale nella rana (ma solo fino ai 100) e davvero modesto, rispetto al livello stratosferico che è in grado di esprimere nei 50 e 100 rana, in tutti gli altri stili. Anche se i ranisti sono tradizionalmente una categoria a sé, di solito uno che primeggia a livello mondiale nella rana (e mai nessuno aveva dominato come Peaty) ha comunque almeno un altro stile in cui è abbastanza forte. Ma non è il caso di Peaty .
modificato Jul 25 a 2:18 pm
 
2
risposta

Sì, ma dove si trova il metodo che hanno usato per fare questi calcoli?

Mi sembra giusto assegnare a Sportsnuoto il compito di trovarlo smile

Anche senza conoscere il metodo adottato, è comunque chiaro che ci si basa sull'enorme differenza tra il WR di Peaty (56.88 ) e i migliori crono di tutti gli altri, a partire dal secondo miglior crono che appartiene a Shymanovich in 58.29.

Siamo ad un 2.42%-2.48% (a seconda che si consideri la variazione rispetto al 58.29 o al 56.88 ) di differenza, mentre nelle altre gare c'è una differenza percentuale molto più esigua tra WR e secondo miglior tempo, o qualsiasi altro parametro si voglia considerare tra il WR e gli altri migliori crono.

Peaty è un caso veramente particolare. E' eccezionale nella rana (ma solo fino ai 100) e davvero modesto, rispetto al livello stratosferico che è in grado di esprimere nei 50 e 100 rana, in tutti gli altri stili.

Anche se i ranisti sono tradizionalmente una categoria a sé, di solito uno che primeggia a livello mondiale nella rana (e mai nessuno aveva dominato come Peaty) ha comunque almeno un altro stile in cui è abbastanza forte. Ma non è il caso di Peaty .

Ora comincio a capire.
In pratica se nelle altre discipline ci fosse la stessa distanza % tra il primatista del mondo e gli altri "X" nuotatori che lo seguono, quelli sarebbero i tempi.
No perché mi ero spaventato nel leggere che il suo 56.88 equivarrebbe ad 14.09.00 sui 1500. Cioè a tre frazioni da 3'41" per ogni 400 è 55" di media negli ultimi tre 100m.
Pensavo a un'altra "FiNAta" ben più assurda di quella attuale dei punteggi FINA che invece sfavoriscono chi si trova alle spalle di un record mostruoso, come quello di Peaty, Zhang o Biedermann.

>>Sì, ma dove si trova il metodo che hanno usato per fare questi calcoli? >Mi sembra giusto assegnare a Sportsnuoto il compito di trovarlo :) >Anche senza conoscere il metodo adottato, è comunque chiaro che ci si basa sull'enorme differenza tra il WR di Peaty (56.88 ) e i migliori crono di tutti gli altri, a partire dal secondo miglior crono che appartiene a Shymanovich in 58.29. >Siamo ad un 2.42%-2.48% (a seconda che si consideri la variazione rispetto al 58.29 o al 56.88 ) di differenza, mentre nelle altre gare c'è una differenza percentuale molto più esigua tra WR e secondo miglior tempo, o qualsiasi altro parametro si voglia considerare tra il WR e gli altri migliori crono. >Peaty è un caso veramente particolare. E' eccezionale nella rana (ma solo fino ai 100) e davvero modesto, rispetto al livello stratosferico che è in grado di esprimere nei 50 e 100 rana, in tutti gli altri stili. >Anche se i ranisti sono tradizionalmente una categoria a sé, di solito uno che primeggia a livello mondiale nella rana (e mai nessuno aveva dominato come Peaty) ha comunque almeno un altro stile in cui è abbastanza forte. Ma non è il caso di Peaty . Ora comincio a capire. In pratica se nelle altre discipline ci fosse la stessa distanza % tra il primatista del mondo e gli altri "X" nuotatori che lo seguono, quelli sarebbero i tempi. No perché mi ero spaventato nel leggere che il suo 56.88 equivarrebbe ad 14.09.00 sui 1500. Cioè a tre frazioni da 3'41" per ogni 400 è 55" di media negli ultimi tre 100m. Pensavo a un'altra "FiNAta" ben più assurda di quella attuale dei punteggi FINA che invece sfavoriscono chi si trova alle spalle di un record mostruoso, come quello di Peaty, Zhang o Biedermann.
 
0
risposta

Sì, ma dove si trova il metodo che hanno usato per fare questi calcoli?

Mi sembra giusto assegnare a Sportsnuoto il compito di trovarlo smile

Vi prego, no! Quando si tratta di numeri il mio cervello va in tilt 😁😁😁

>>Sì, ma dove si trova il metodo che hanno usato per fare questi calcoli? >Mi sembra giusto assegnare a Sportsnuoto il compito di trovarlo :) Vi prego, no! Quando si tratta di numeri il mio cervello va in tilt
 
0
risposta

(mi viene in mente un nome ma non lo faccio, anche per non riaprire un topicone di centinaia di pagine smile )

smile

>(mi viene in mente un nome ma non lo faccio, anche per non riaprire un topicone di centinaia di pagine ;) ) :D
modificato Aug 13 a 10:18 pm
 
0
risposta

Peaty è un caso veramente particolare. E' eccezionale nella rana (ma solo fino ai 100) e davvero modesto, rispetto al livello stratosferico che è in grado di esprimere nei 50 e 100 rana, in tutti gli altri stili.

Questo succede perchè il suo vantaggio è di tipo meccanico, articolare (delle articolazioni) direi, e non propulsivo. E' il telaio, le sospensioni (lo scafo, l'elica) e non il motore dove si combatte per una manciata di cavalli.

>Peaty è un caso veramente particolare. E' eccezionale nella rana (ma solo fino ai 100) e davvero modesto, rispetto al livello stratosferico che è in grado di esprimere nei 50 e 100 rana, in tutti gli altri stili. Questo succede perchè il suo vantaggio è di tipo meccanico, articolare (delle articolazioni) direi, e non propulsivo. E' il telaio, le sospensioni (lo scafo, l'elica) e non il motore dove si combatte per una manciata di cavalli.
 
0
risposta
Dettagli Discussione
266
viste
9 risposte
5 followers
anteprima immediata
inserisci almeno 10 caratteri
ATTENZIONE: Hai menzionato %MENTIONS%, ma non possono vedere questo messaggio e non ne riceveranno notifica
Salvataggio...
Salvato
With selected deselect posts show selected posts
Tutti i messaggi di questo argomento saranno cancellato ?
Bozza in attesa ... Click per tornare alla modifica
Elimina la bozza