Annuncio pubblicitario

Sì, direi anch'io medaglia possibile, più che probabile (davo comunque Canada e Olanda favorite sulla Francia per il bronzo, e poi c'è il solito "mistero-Cina" ) per la Francia femminile nella 4x100sl e abbiamo commentato sul forum (in primis Sportnuoto) la miope severità dei criteri applicati dalla Federazione francese per le loro selezioni di aprile, con peraltro i medagliati di Glasgow già qualificati di diritto, per cui tra le otto staffette ai Mondiali mi pare che la Francia ne disputi solo due a Gwangju: la 4x100sl maschile e la mixed sempre a sl.

In compenso, mi pare evidente che - per recuperare il tempo perduto quando si specchiavano nelle medaglie prodotte da una ristretta elite di velocisti e dorsisti - i francesi abbiano ripreso a curare molto di più il settore giovanile.
Però ci vuole tempo per i avere risultati, a meno di non trovarti in sorte un'altra Manaudou o Agnel, cioè un super-talento che ti copre più distanze (la Manaudou del 2006-2007 era incredibile e - secondo me - con una gestione più prudente avrebbe avuto una carriera natatoria decisamente più lunga).

Sì, direi anch'io medaglia possibile, più che probabile (davo comunque Canada e Olanda favorite sulla Francia per il bronzo, e poi c'è il solito "mistero-Cina" ) per la Francia femminile nella 4x100sl e abbiamo commentato sul forum (in primis Sportnuoto) la miope severità dei criteri applicati dalla Federazione francese per le loro selezioni di aprile, con peraltro i medagliati di Glasgow già qualificati di diritto, per cui tra le otto staffette ai Mondiali mi pare che la Francia ne disputi solo due a Gwangju: la 4x100sl maschile e la mixed sempre a sl. In compenso, mi pare evidente che - per recuperare il tempo perduto quando si specchiavano nelle medaglie prodotte da una ristretta elite di velocisti e dorsisti - i francesi abbiano ripreso a curare molto di più il settore giovanile. Però ci vuole tempo per i avere risultati, a meno di non trovarti in sorte un'altra Manaudou o Agnel, cioè un super-talento che ti copre più distanze (la Manaudou del 2006-2007 era incredibile e - secondo me - con una gestione più prudente avrebbe avuto una carriera natatoria decisamente più lunga).
modificato Jul 15 '19 a 11:03 am
 
0
risposta

https://www.facebook.com/NuotataIgnoranteWoodstock/videos/921635441515926/

Provo a mettere il video qui, sperando di riuscirci.
Per chiudere la questione Zazzeri, ho trovato (per caso!) una su intervista del 23 giugno al Settecolli in cui dice chiaramente "aspetto la decisione dei tecnici federali".

Sapevano quindi che la qualificazione non era certa, a questo punto mi sembra veramente una leggerezza non aver chiesto delucidazioni sugli obiettivi del Settecolli.

https://www.facebook.com/NuotataIgnoranteWoodstock/videos/921635441515926/ Provo a mettere il video qui, sperando di riuscirci. Per chiudere la questione Zazzeri, ho trovato (per caso!) una su intervista del 23 giugno al Settecolli in cui dice chiaramente "aspetto la decisione dei tecnici federali". Sapevano quindi che la qualificazione non era certa, a questo punto mi sembra veramente una leggerezza non aver chiesto delucidazioni sugli obiettivi del Settecolli.
modificato Jul 15 '19 a 11:56 am
 
0
risposta

abbiamo commentato sul forum (in primis Sportnuoto) la miope severità dei criteri applicati dalla Federazione francese per le loro selezioni di aprile.

Ma i tempi non sono severi, anzi. E' il metodo ad essere iniquo e poco congruo sotto il profilo tecnico. 3'38"2 per la veloce donne non è un limite draconiano, infatti le 4 migliori francesi hanno una somma tempi di 3'35"8. Il problema è che non ha senso parametrare la forza di una staffetta sul livello della prima riserva escludendo completamente il leader, a maggior ragione nella 4x100 sl femminile, dove le qualifiche sono una formalità per le squadre migliori.
La Bonnet tra l'altro non ha preso bene il mancato ripescaggio del team. Per lei era infatti quasi più facile arrivare alla medaglia con la 4x100 che nei 100 (dove non ha possibilità) o nei 200 (dove deve fronteggiare una concorrenza durissima).

> abbiamo commentato sul forum (in primis Sportnuoto) la miope severità dei criteri applicati dalla Federazione francese per le loro selezioni di aprile. Ma i tempi non sono severi, anzi. E' il metodo ad essere iniquo e poco congruo sotto il profilo tecnico. 3'38"2 per la veloce donne non è un limite draconiano, infatti le 4 migliori francesi hanno una somma tempi di 3'35"8. Il problema è che non ha senso parametrare la forza di una staffetta sul livello della prima riserva escludendo completamente il leader, a maggior ragione nella 4x100 sl femminile, dove le qualifiche sono una formalità per le squadre migliori. La Bonnet tra l'altro non ha preso bene il mancato ripescaggio del team. Per lei era infatti quasi più facile arrivare alla medaglia con la 4x100 che nei 100 (dove non ha possibilità) o nei 200 (dove deve fronteggiare una concorrenza durissima).
 
0
risposta

abbiamo commentato sul forum (in primis Sportnuoto) la miope severità dei criteri applicati dalla Federazione francese per le loro selezioni di aprile.

Ma i tempi non sono severi, anzi. E' il metodo ad essere iniquo e poco congruo sotto il profilo tecnico. 3'38"2 per la veloce donne non è un limite draconiano, infatti le 4 migliori francesi hanno una somma tempi di 3'35"8. Il problema è che non ha senso parametrare la forza di una staffetta sul livello della prima riserva escludendo completamente il leader, a maggior ragione nella 4x100 sl femminile, dove le qualifiche sono una formalità per le squadre migliori.
La Bonnet tra l'altro non ha preso bene il mancato ripescaggio del team. Per lei era infatti quasi più facile arrivare alla medaglia con la 4x100 che nei 100 (dove non ha possibilità) o nei 200 (dove deve fronteggiare una concorrenza durissima).

Io posso solo immaginare i motivi che hanno portato alla decisione di utilizzare questo criterio, ma sembra che l'idea fosse quella di portare la staffetta solo se fossero stati abbastanza certi di potersi qualificare alla finale schierando una riserva perchè probabilmente non contemplavano l'opzione di schierare tutte le titolari per il doppio turno. O magari sapendo di avere una atleta (la Bonnet) superiore a tutte che innalza il livello della staffetta veloce hanno voluto dare una scossa al movimento mettendo in chiaro che non basta la competitività data dalla loro stella per qualificare altre 3/4 staffettiste ai mondiali ma che tutte dovevano lavorare sodo per qualificarsi. Nessuno dei due ragionamenti secondo me giustifica il forfait di una staffetta con quantomeno la finale a portata, considerando anche l'opportunità di qualificazione olimpica, ma tant'è.

>> abbiamo commentato sul forum (in primis Sportnuoto) la miope severità dei criteri applicati dalla Federazione francese per le loro selezioni di aprile. >Ma i tempi non sono severi, anzi. E' il metodo ad essere iniquo e poco congruo sotto il profilo tecnico. 3'38"2 per la veloce donne non è un limite draconiano, infatti le 4 migliori francesi hanno una somma tempi di 3'35"8. Il problema è che non ha senso parametrare la forza di una staffetta sul livello della prima riserva escludendo completamente il leader, a maggior ragione nella 4x100 sl femminile, dove le qualifiche sono una formalità per le squadre migliori. >La Bonnet tra l'altro non ha preso bene il mancato ripescaggio del team. Per lei era infatti quasi più facile arrivare alla medaglia con la 4x100 che nei 100 (dove non ha possibilità) o nei 200 (dove deve fronteggiare una concorrenza durissima). Io posso solo immaginare i motivi che hanno portato alla decisione di utilizzare questo criterio, ma sembra che l'idea fosse quella di portare la staffetta solo se fossero stati abbastanza certi di potersi qualificare alla finale schierando una riserva perchè probabilmente non contemplavano l'opzione di schierare tutte le titolari per il doppio turno. O magari sapendo di avere una atleta (la Bonnet) superiore a tutte che innalza il livello della staffetta veloce hanno voluto dare una scossa al movimento mettendo in chiaro che non basta la competitività data dalla loro stella per qualificare altre 3/4 staffettiste ai mondiali ma che tutte dovevano lavorare sodo per qualificarsi. Nessuno dei due ragionamenti secondo me giustifica il forfait di una staffetta con quantomeno la finale a portata, considerando anche l'opportunità di qualificazione olimpica, ma tant'è.
 
0
risposta

abbiamo commentato sul forum (in primis Sportnuoto) la miope severità dei criteri applicati dalla Federazione francese per le loro selezioni di aprile.

Ma i tempi non sono severi, anzi. E' il metodo ad essere iniquo e poco congruo sotto il profilo tecnico. 3'38"2 per la veloce donne non è un limite draconiano, infatti le 4 migliori francesi hanno una somma tempi di 3'35"8. Il problema è che non ha senso parametrare la forza di una staffetta sul livello della prima riserva escludendo completamente il leader, a maggior ragione nella 4x100 sl femminile, dove le qualifiche sono una formalità per le squadre migliori.
La Bonnet tra l'altro non ha preso bene il mancato ripescaggio del team. Per lei era infatti quasi più facile arrivare alla medaglia con la 4x100 che nei 100 (dove non ha possibilità) o nei 200 (dove deve fronteggiare una concorrenza durissima).

Allora: i limiti richiesti in parecchie gare, soprattutto considerando che dovevano essere nuotati - decimo più, decimo meno - sia nelle batterie che nella finale, erano severi per il livello medio del nuoto francese, e in più, come tu dici, c'era quella regola per le staffette, a cui non si è derogato per nulla: mancavano pochi centesimi per qualificare la 4x100sl femminile e non c'è stato niente da fare, nonostante Bonnet, Gastaldello e Wattel fossero già qualificate e quindi bastasse includere una staffettista.
E' per me assurdo anche il fatto di non considerare minimamente le due 4x100 miste e la 4x200sl femminile, perchè - a parte il discorso della qualificazione olimpica per le prime 12 staffette dei Mondiali - gareggiare ai Mondiali è comunque un'occasione di crescita (ma i responsabili francesi la pensano diversamente e credono che siano più formativi i limiti imposti alle loro selezioni; e se uno non li raggiunge non è pronto per confrontarsi a livello internazionale e deve riprovare l'anno dopo).

Questa intervista https://www.ffnatation.fr/actualites/disciplines/cest-encourageant al loro responsabile tecnico (Richard Martinez) è "illuminante".

Gli viene chiesto: "11 qualificati ai Mondiali non sono meno di quanto atteso"?
Risposta: "Forse sì, ma sono comunque più dei 9 di Budapest, e comunque siamo contenti del livello medio delle prestazioni" (ergo: Martinez ritiene che molti nuotatori francesi non meritino nemmeno di andarci ai Mondiali..).

E alla fine gli viene chiesto esplicitamente della 4x100sl femminile e Martinez si difende con il fatto che le regole erano note prima delle gare e, comunque, c'è la possibilità di rifarsi nella prossima stagione olimpica.

Rispetto a tutto ciò, l'atteggiamento della Federazione Italiana mi sembra (giustamente) molto più comprensivo degli sforzi che gli atleti fanno.

>> abbiamo commentato sul forum (in primis Sportnuoto) la miope severità dei criteri applicati dalla Federazione francese per le loro selezioni di aprile. >Ma i tempi non sono severi, anzi. E' il metodo ad essere iniquo e poco congruo sotto il profilo tecnico. 3'38"2 per la veloce donne non è un limite draconiano, infatti le 4 migliori francesi hanno una somma tempi di 3'35"8. Il problema è che non ha senso parametrare la forza di una staffetta sul livello della prima riserva escludendo completamente il leader, a maggior ragione nella 4x100 sl femminile, dove le qualifiche sono una formalità per le squadre migliori. >La Bonnet tra l'altro non ha preso bene il mancato ripescaggio del team. Per lei era infatti quasi più facile arrivare alla medaglia con la 4x100 che nei 100 (dove non ha possibilità) o nei 200 (dove deve fronteggiare una concorrenza durissima). Allora: i limiti richiesti in parecchie gare, soprattutto considerando che dovevano essere nuotati - decimo più, decimo meno - sia nelle batterie che nella finale, erano severi per il livello medio del nuoto francese, e in più, come tu dici, c'era quella regola per le staffette, a cui non si è derogato per nulla: mancavano pochi centesimi per qualificare la 4x100sl femminile e non c'è stato niente da fare, nonostante Bonnet, Gastaldello e Wattel fossero già qualificate e quindi bastasse includere una staffettista. E' per me assurdo anche il fatto di non considerare minimamente le due 4x100 miste e la 4x200sl femminile, perchè - a parte il discorso della qualificazione olimpica per le prime 12 staffette dei Mondiali - gareggiare ai Mondiali è comunque un'occasione di crescita (ma i responsabili francesi la pensano diversamente e credono che siano più formativi i limiti imposti alle loro selezioni; e se uno non li raggiunge non è pronto per confrontarsi a livello internazionale e deve riprovare l'anno dopo). Questa intervista https://www.ffnatation.fr/actualites/disciplines/cest-encourageant al loro responsabile tecnico (Richard Martinez) è "illuminante". Gli viene chiesto: "11 qualificati ai Mondiali non sono meno di quanto atteso"? Risposta: "Forse sì, ma sono comunque più dei 9 di Budapest, e comunque siamo contenti del livello medio delle prestazioni" (ergo: Martinez ritiene che molti nuotatori francesi non meritino nemmeno di andarci ai Mondiali..). E alla fine gli viene chiesto esplicitamente della 4x100sl femminile e Martinez si difende con il fatto che le regole erano note prima delle gare e, comunque, c'è la possibilità di rifarsi nella prossima stagione olimpica. Rispetto a tutto ciò, l'atteggiamento della Federazione Italiana mi sembra (giustamente) molto più comprensivo degli sforzi che gli atleti fanno.
 
0
risposta

https://www.facebook.com/NuotataIgnoranteWoodstock/videos/921635441515926/

Provo a mettere il video qui, sperando di riuscirci.
Per chiudere la questione Zazzeri, ho trovato (per caso!) una su intervista del 23 giugno al Settecolli in cui dice chiaramente "aspetto la decisione dei tecnici federali".

Sapevano quindi che la qualificazione non era certa, a questo punto mi sembra veramente una leggerezza non aver chiesto delucidazioni sugli obiettivi del Settecolli.

Beh che non fosse ancora qualificato ufficialmente non potevano non saperlo. Per cui non poteva dire "adesso vedremo come andranno i mondiali", è normale che abbia lasciato incertezza sulla sua partecipazione, però probabilmente internamente dava quasi per scontato che la scelta sarebbe ricaduta su di lui. Detto questo, come abbiamo già sottolineato la leggerezza nell'affrontare il SetteColli c'è sicuramente stata perchè che quelle prestazioni potessero influenzare anche minimamente si sapeva.

In tutto questo comunque, immaginando che per il momento le polemiche si esauriscano a favore del tifo azzurro, aspetto con grande curiosità un'eventuale partecipazione di Zazzeri e Vendrame ai Categoria di inizio agosto, che potrebbero riaprire violentemente la discussione in caso di tempi rilevanti smile

>https://www.facebook.com/NuotataIgnoranteWoodstock/videos/921635441515926/ >Provo a mettere il video qui, sperando di riuscirci. >Per chiudere la questione Zazzeri, ho trovato (per caso!) una su intervista del 23 giugno al Settecolli in cui dice chiaramente "aspetto la decisione dei tecnici federali". >Sapevano quindi che la qualificazione non era certa, a questo punto mi sembra veramente una leggerezza non aver chiesto delucidazioni sugli obiettivi del Settecolli. Beh che non fosse ancora qualificato ufficialmente non potevano non saperlo. Per cui non poteva dire "adesso vedremo come andranno i mondiali", è normale che abbia lasciato incertezza sulla sua partecipazione, però probabilmente internamente dava quasi per scontato che la scelta sarebbe ricaduta su di lui. Detto questo, come abbiamo già sottolineato la leggerezza nell'affrontare il SetteColli c'è sicuramente stata perchè che quelle prestazioni potessero influenzare anche minimamente si sapeva. In tutto questo comunque, immaginando che per il momento le polemiche si esauriscano a favore del tifo azzurro, aspetto con grande curiosità un'eventuale partecipazione di Zazzeri e Vendrame ai Categoria di inizio agosto, che potrebbero riaprire violentemente la discussione in caso di tempi rilevanti (wasntme)
 
0
risposta

https://www.facebook.com/NuotataIgnoranteWoodstock/videos/921635441515926/

Provo a mettere il video qui, sperando di riuscirci.
Per chiudere la questione Zazzeri, ho trovato (per caso!) una su intervista del 23 giugno al Settecolli in cui dice chiaramente "aspetto la decisione dei tecnici federali".

Sapevano quindi che la qualificazione non era certa, a questo punto mi sembra veramente una leggerezza non aver chiesto delucidazioni sugli obiettivi del Settecolli.

Zazzeri dice, testuale: "Il Settecolli non è andato tanto bene, però era prevedibile dato il periodo di allenamenti intensi".

Decisamente non si sono capiti tra Firenze (team Zazzeri) e Roma (Butini/Federnuoto) sul tema: "a cosa serve il Settecolli per chi non è qualificato dopo gli Assoluti" (e Zazzeri non lo era).

Detto questo - se invece Bori ha finalizzato la preparazione per il Settecolli - resta il "nonsense" di avere scelto per i Mondiali un nuotatore che ha finalizzato la preparazione un mese prima dei Mondiali ed ha come Season Best un crono peggiore del Season Best di chi (Zazzeri) ha finalizzato per gli Assoluti di aprile e poteva fare il secondo scarico solo ai Mondiali.

Da qui l'evidente bisogno - e, promesso, è l'ultima volta che lo scrivo smile - di chiarire meglio l'iter decisionale e, in particolare, la funzione del Settecolli.

>https://www.facebook.com/NuotataIgnoranteWoodstock/videos/921635441515926/ >Provo a mettere il video qui, sperando di riuscirci. >Per chiudere la questione Zazzeri, ho trovato (per caso!) una su intervista del 23 giugno al Settecolli in cui dice chiaramente "aspetto la decisione dei tecnici federali". >Sapevano quindi che la qualificazione non era certa, a questo punto mi sembra veramente una leggerezza non aver chiesto delucidazioni sugli obiettivi del Settecolli. Zazzeri dice, testuale: "Il Settecolli non è andato tanto bene, però era prevedibile dato il periodo di allenamenti intensi". Decisamente non si sono capiti tra Firenze (team Zazzeri) e Roma (Butini/Federnuoto) sul tema: "a cosa serve il Settecolli per chi non è qualificato dopo gli Assoluti" (e Zazzeri non lo era). Detto questo - se invece Bori ha finalizzato la preparazione per il Settecolli - resta il "nonsense" di avere scelto per i Mondiali un nuotatore che ha finalizzato la preparazione un mese prima dei Mondiali ed ha come Season Best un crono peggiore del Season Best di chi (Zazzeri) ha finalizzato per gli Assoluti di aprile e poteva fare il secondo scarico solo ai Mondiali. Da qui l'evidente bisogno - e, promesso, è l'ultima volta che lo scrivo :) - di chiarire meglio l'iter decisionale e, in particolare, la funzione del Settecolli.
 
2
risposta

Ciao Nuotatore!

Ciao xman, è un piacere rileggerti. Non ci lasciare più soli! smile

>Ciao Nuotatore! Ciao **xman**, è un piacere rileggerti. Non ci lasciare più soli! :)
 
0
risposta

Buonasera a tutti!

Vorrei lanciare una provocazione, perché non ho letto nessuna interpretazione in questo senso della faccenda.

Pensiamo a Zazzeri e al suo allenatore.
Zazzeri non ha mai partecipato ad un Mondiale né ad una Olimpiade e, per quanto mi ricordo, neanche ad un Europeo. Si gioca la qualificazione quest'anno, in un contesto estremamente competitivo, con un sacco di atleti che nuotano tempi molto simili al suo. Riesce, agli assoluti, a mettersi in condizione di essere il primo di questo nutrito gruppo di pretendenti ad un posto in staffetta, senza però avere la certezza matematica di essersi qualificato. A livello sportivo potremmo definirla la sua occasione della vita, sicuramente la sua occasione della vita fino a questo momento.
L'allenatore di Zazzeri è cosciente che per il suo atleta questa è l'occasione della vita. Inoltre, l'allenatore di Zazzeri non è un habitué del giro della Nazionale e quindi questa rappresenta anche per lui una grande occasione.

Con quale probabilità, date le premesse, è stata fatta una "leggerezza" da parte del Team? Con quale probabilità c'è stata invece una cattiva gestione della questione dal lato della Nazionale?

Buonasera a tutti! Vorrei lanciare una provocazione, perché non ho letto nessuna interpretazione in questo senso della faccenda. Pensiamo a Zazzeri e al suo allenatore. Zazzeri non ha mai partecipato ad un Mondiale né ad una Olimpiade e, per quanto mi ricordo, neanche ad un Europeo. Si gioca la qualificazione quest'anno, in un contesto estremamente competitivo, con un sacco di atleti che nuotano tempi molto simili al suo. Riesce, agli assoluti, a mettersi in condizione di essere il primo di questo nutrito gruppo di pretendenti ad un posto in staffetta, senza però avere la certezza matematica di essersi qualificato. A livello sportivo potremmo definirla la sua occasione della vita, sicuramente la sua occasione della vita fino a questo momento. L'allenatore di Zazzeri è cosciente che per il suo atleta questa è l'occasione della vita. Inoltre, l'allenatore di Zazzeri non è un habitué del giro della Nazionale e quindi questa rappresenta anche per lui una grande occasione. Con quale probabilità, date le premesse, è stata fatta una "leggerezza" da parte del Team? Con quale probabilità c'è stata invece una cattiva gestione della questione dal lato della Nazionale?
 
1
risposta

Zazzeri era titolare agli ultimi Europei ed ha contribuito alla conquista di una bella medaglia d'argento. Il suo allenatore è in contatto con lo staff federale perchè piazza in Nazionale anche il dorsista Restivo e il talentuoso duecentista Megli. Dunque c'erano tutte le condizioni per evitare fraintendimenti. L'Esercito (club militare di Zazzeri) ha inviato una lettera alla Federazione chiedendo lumi sull'esclusione. Ma a cosa servono i dirigenti, se non a chiarire i dubbi, laddove eventualmente ce ne fossero? Quindi forse la lettera andava spedita prima e non dopo. L'Italia ha un ampio ventaglio di velocisti di valore (anche se non così ampio come altre nazioni), ed è legittimo che la FIN cerchi di tenere tutti sulla corda per evitare cali di tensione e portare il meglio alle grandi manifestazioni estive.

Zazzeri era titolare agli ultimi Europei ed ha contribuito alla conquista di una bella medaglia d'argento. Il suo allenatore è in contatto con lo staff federale perchè piazza in Nazionale anche il dorsista Restivo e il talentuoso duecentista Megli. Dunque c'erano tutte le condizioni per evitare fraintendimenti. L'Esercito (club militare di Zazzeri) ha inviato una lettera alla Federazione chiedendo lumi sull'esclusione. Ma a cosa servono i dirigenti, se non a chiarire i dubbi, laddove eventualmente ce ne fossero? Quindi forse la lettera andava spedita prima e non dopo. L'Italia ha un ampio ventaglio di velocisti di valore (anche se non così ampio come altre nazioni), ed è legittimo che la FIN cerchi di tenere tutti sulla corda per evitare cali di tensione e portare il meglio alle grandi manifestazioni estive.
 
0
risposta

Zazzeri era titolare agli ultimi Europei ed ha contribuito alla conquista di una bella medaglia d'argento. Il suo allenatore è in contatto con lo staff federale perchè piazza in Nazionale anche il dorsista Restivo e il talentuoso duecentista Megli. Dunque c'erano tutte le condizioni per evitare fraintendimenti. L'Esercito (club militare di Zazzeri) ha inviato una lettera alla Federazione chiedendo lumi sull'esclusione. Ma a cosa servono i dirigenti, se non a chiarire i dubbi, laddove eventualmente ce ne fossero? Quindi forse la lettera andava spedita prima e non dopo. L'Italia ha un ampio ventaglio di velocisti di valore (anche se non così ampio come altre nazioni), ed è legittimo che la FIN cerchi di tenere tutti sulla corda per evitare cali di tensione e portare il meglio alle grandi manifestazioni estive.

Tutto in questo caso è legittimo, se chiaro. Quello che volevo suggerire è che mi sembra ingenuo parlare di leggerezza da parte di chi ha tutto da perdere e non considerare che possa essere stata la federazione a gestire male la vicenda. Io ci vedo una combinazione di regole poco chiare e (almeno) cattiva gestione delle regole poco chiare.

>Zazzeri era titolare agli ultimi Europei ed ha contribuito alla conquista di una bella medaglia d'argento. Il suo allenatore è in contatto con lo staff federale perchè piazza in Nazionale anche il dorsista Restivo e il talentuoso duecentista Megli. Dunque c'erano tutte le condizioni per evitare fraintendimenti. L'Esercito (club militare di Zazzeri) ha inviato una lettera alla Federazione chiedendo lumi sull'esclusione. Ma a cosa servono i dirigenti, se non a chiarire i dubbi, laddove eventualmente ce ne fossero? Quindi forse la lettera andava spedita prima e non dopo. L'Italia ha un ampio ventaglio di velocisti di valore (anche se non così ampio come altre nazioni), ed è legittimo che la FIN cerchi di tenere tutti sulla corda per evitare cali di tensione e portare il meglio alle grandi manifestazioni estive. Tutto in questo caso è legittimo, se chiaro. Quello che volevo suggerire è che mi sembra ingenuo parlare di leggerezza da parte di chi ha tutto da perdere e non considerare che possa essere stata la federazione a gestire male la vicenda. Io ci vedo una combinazione di regole poco chiare e (almeno) cattiva gestione delle regole poco chiare.
 
1
risposta

Io ci vedo una combinazione di regole poco chiare e (almeno) cattiva gestione delle regole poco chiare.

Il comportamento della Federazione può apparire ambiguo rileggendo la seguente frase che compare nelle regole di qualificazione: "per l’eventuale completamento delle staffette , saranno prese in considerazione le prestazioni ottenute nelle finali del Trofeo Sette Colli, a condizione che siano migliori o uguali a rispetto ai tempi-limite indicati nella colonna “staffette”." E' evidente che il 48"9 di Bori non è migliore del 48"7 del crono della colonna staffette. Ma allora perché Bori è stato convocato? L'entourage di Zazzeri basa le proprie lamentazioni essenzialmente su questo e visto che nessuno ha soddisfatto le richieste come da documento bisognava riavvolgere il nastro fino ad aprile e ripescare il primo degli esclusi, cioè il fiorentino. Lo staff federale ha invece disposto l'arruolamento di Bori a proprio insindacabile giudizio (tecnico).

> Io ci vedo una combinazione di regole poco chiare e (almeno) cattiva gestione delle regole poco chiare. Il comportamento della Federazione può apparire ambiguo rileggendo la seguente frase che compare nelle regole di qualificazione: _"per l’eventuale completamento delle staffette , saranno prese in considerazione le prestazioni ottenute nelle finali del Trofeo Sette Colli, **a condizione** che siano **migliori o uguali** a rispetto ai tempi-limite indicati nella colonna “staffette”_." E' evidente che il 48"9 di Bori non è migliore del 48"7 del crono della colonna staffette. Ma allora perché Bori è stato convocato? L'entourage di Zazzeri basa le proprie lamentazioni essenzialmente su questo e visto che nessuno ha soddisfatto le richieste come da documento bisognava riavvolgere il nastro fino ad aprile e ripescare il primo degli esclusi, cioè il fiorentino. Lo staff federale ha invece disposto l'arruolamento di Bori a proprio insindacabile giudizio (tecnico).
modificato Jul 15 '19 a 9:10 pm
 
0
risposta

Zazzeri era titolare agli ultimi Europei ed ha contribuito alla conquista di una bella medaglia d'argento. Il suo allenatore è in contatto con lo staff federale perchè piazza in Nazionale anche il dorsista Restivo e il talentuoso duecentista Megli. Dunque c'erano tutte le condizioni per evitare fraintendimenti. L'Esercito (club militare di Zazzeri) ha inviato una lettera alla Federazione chiedendo lumi sull'esclusione. Ma a cosa servono i dirigenti, se non a chiarire i dubbi, laddove eventualmente ce ne fossero? Quindi forse la lettera andava spedita prima e non dopo. L'Italia ha un ampio ventaglio di velocisti di valore (anche se non così ampio come altre nazioni), ed è legittimo che la FIN cerchi di tenere tutti sulla corda per evitare cali di tensione e portare il meglio alle grandi manifestazioni estive.

Tutto in questo caso è legittimo, se chiaro. Quello che volevo suggerire è che mi sembra ingenuo parlare di leggerezza da parte di chi ha tutto da perdere e non considerare che possa essere stata la federazione a gestire male la vicenda. Io ci vedo una combinazione di regole poco chiare e (almeno) cattiva gestione delle regole poco chiare.

Ciao Lube e benvenuto sul forum.

Pensavo di non tornare più sulla vicenda (ho scritto molto anche per la mia media esagerata di post smile ), ma ha ragione Xman quando dice che il team in cui si allena Zazzeri non è certo alle prime esperienze nel giro della nazionale. E se c'erano dubbi (che però, nel mondo natatorio che immagino io, non dovrebbero esserci, visto che ci dovrebbe essere un dialogo costante tra la Federazione e i coach che allenano gli atleti di interesse nazionale) questi andavano chiariti per tempo, non a convocazioni definite.

E hai ragione tu quando sottolinei che - alla fine - chi ci ha rimesso è l'escluso, cioè Zazzeri, che in quell'intervista appena dopo le sue gare del Settecolli ha chiarito in modo per me inequivocabile che lui al Settecolli non poteva essere brillante perchè reduce da un ciclo di lavoro intenso.
Sempre in quell'intervista, Zazzeri mi sembrava tranquillo in vista delle decisioni del dt Butini: forse pensava che, non avendo nessuno nuotato al Settecolli il TL, la sua convocazione fosse abbastanza al sicuro, visti i risultati degli Assoluti.

Che dire oltre a quello che abbiamo già detto? Di sicuro chi ha impostato quel ciclo di lavoro per Zazzeri (che, a differenza di Megli e Restivo, non era qualificato dopo gli Assoluti) ha sbagliato clamorosamente, visto quello di molto diverso che si aspettava il dt Butini.
A meno che non ci sia tanto di non detto (cioè che, in qualche modo, a Zazzeri fosse stata data per molto probabile la convocazione), ma questo mi rifiuto di pensarlo alla luce delle decisioni finali del dt.

A questo punto la questione è: la "delusione" del dt, in particolare per il 50.6 di Zazzeri, giustificava la convocazione di Bori al posto di Zazzeri o Vendrame (tralasciamo lo "strategico" Dotto, che comunque ha nuotato più che discretamente al Settecolli)?

Per me, in questo, diventa decisivo conoscere il lavoro che i tre (Bori, Vendrame e Zazzeri) hanno fatto nell'imminenza del Settecolli. Se i tre si sono presentati al Settecolli con carichi di lavoro molto diversi, non ha senso confrontarne le prestazioni.
A meno che non si voglia punire, più di Zazzeri, il suo coach, le cui dichiarazioni - peraltro - quando la polemica ormai divampava ("nessuno ci aveva garantito la convocazione, ma anche la non-convocazione" ) sono perlomeno stravaganti, e proprio alla luce dell'incertezza sul destino di Zazzeri doveva: 1) Chiedere lumi al dt su cosa si aspettava per il Settecolli 2) In assenza di certezze, non impostare mai, nell'imminenza del Settecolli, un ciclo di lavoro come se Zazzeri fosse già qualificato per i Mondiali.

>>Zazzeri era titolare agli ultimi Europei ed ha contribuito alla conquista di una bella medaglia d'argento. Il suo allenatore è in contatto con lo staff federale perchè piazza in Nazionale anche il dorsista Restivo e il talentuoso duecentista Megli. Dunque c'erano tutte le condizioni per evitare fraintendimenti. L'Esercito (club militare di Zazzeri) ha inviato una lettera alla Federazione chiedendo lumi sull'esclusione. Ma a cosa servono i dirigenti, se non a chiarire i dubbi, laddove eventualmente ce ne fossero? Quindi forse la lettera andava spedita prima e non dopo. L'Italia ha un ampio ventaglio di velocisti di valore (anche se non così ampio come altre nazioni), ed è legittimo che la FIN cerchi di tenere tutti sulla corda per evitare cali di tensione e portare il meglio alle grandi manifestazioni estive. >Tutto in questo caso è legittimo, se chiaro. Quello che volevo suggerire è che mi sembra ingenuo parlare di leggerezza da parte di chi ha tutto da perdere e non considerare che possa essere stata la federazione a gestire male la vicenda. Io ci vedo una combinazione di regole poco chiare e (almeno) cattiva gestione delle regole poco chiare. Ciao Lube e benvenuto sul forum. Pensavo di non tornare più sulla vicenda (ho scritto molto anche per la mia media esagerata di post :) ), ma ha ragione Xman quando dice che il team in cui si allena Zazzeri non è certo alle prime esperienze nel giro della nazionale. E se c'erano dubbi (che però, nel mondo natatorio che immagino io, non dovrebbero esserci, visto che ci dovrebbe essere un dialogo costante tra la Federazione e i coach che allenano gli atleti di interesse nazionale) questi andavano chiariti per tempo, non a convocazioni definite. E hai ragione tu quando sottolinei che - alla fine - chi ci ha rimesso è l'escluso, cioè Zazzeri, che in quell'intervista appena dopo le sue gare del Settecolli ha chiarito in modo per me inequivocabile che lui al Settecolli non poteva essere brillante perchè reduce da un ciclo di lavoro intenso. Sempre in quell'intervista, Zazzeri mi sembrava tranquillo in vista delle decisioni del dt Butini: forse pensava che, non avendo nessuno nuotato al Settecolli il TL, la sua convocazione fosse abbastanza al sicuro, visti i risultati degli Assoluti. Che dire oltre a quello che abbiamo già detto? Di sicuro chi ha impostato quel ciclo di lavoro per Zazzeri (che, a differenza di Megli e Restivo, non era qualificato dopo gli Assoluti) ha sbagliato clamorosamente, visto quello di molto diverso che si aspettava il dt Butini. A meno che non ci sia tanto di non detto (cioè che, in qualche modo, a Zazzeri fosse stata data per molto probabile la convocazione), ma questo mi rifiuto di pensarlo alla luce delle decisioni finali del dt. A questo punto la questione è: la "delusione" del dt, in particolare per il 50.6 di Zazzeri, giustificava la convocazione di Bori al posto di Zazzeri o Vendrame (tralasciamo lo "strategico" Dotto, che comunque ha nuotato più che discretamente al Settecolli)? Per me, in questo, diventa decisivo conoscere il lavoro che i tre (Bori, Vendrame e Zazzeri) hanno fatto nell'imminenza del Settecolli. Se i tre si sono presentati al Settecolli con carichi di lavoro molto diversi, non ha senso confrontarne le prestazioni. A meno che non si voglia punire, più di Zazzeri, il suo coach, le cui dichiarazioni - peraltro - quando la polemica ormai divampava ("nessuno ci aveva garantito la convocazione, ma anche la non-convocazione" ) sono perlomeno stravaganti, e proprio alla luce dell'incertezza sul destino di Zazzeri doveva: 1) Chiedere lumi al dt su cosa si aspettava per il Settecolli 2) In assenza di certezze, non impostare mai, nell'imminenza del Settecolli, un ciclo di lavoro come se Zazzeri fosse già qualificato per i Mondiali.
 
0
risposta

Zazzeri era titolare agli ultimi Europei ed ha contribuito alla conquista di una bella medaglia d'argento. Il suo allenatore è in contatto con lo staff federale perchè piazza in Nazionale anche il dorsista Restivo e il talentuoso duecentista Megli. Dunque c'erano tutte le condizioni per evitare fraintendimenti. L'Esercito (club militare di Zazzeri) ha inviato una lettera alla Federazione chiedendo lumi sull'esclusione. Ma a cosa servono i dirigenti, se non a chiarire i dubbi, laddove eventualmente ce ne fossero? Quindi forse la lettera andava spedita prima e non dopo. L'Italia ha un ampio ventaglio di velocisti di valore (anche se non così ampio come altre nazioni), ed è legittimo che la FIN cerchi di tenere tutti sulla corda per evitare cali di tensione e portare il meglio alle grandi manifestazioni estive.

Il fatto è che questa decisione fa l'esatto opposto perché anziché portare gli atleti col 4° e 5° miglior tempo sono stati portati il 6° ed il 7°. Si è quindi attivamente scelto di non portare il meglio alla grande manifestazione estiva.

Ultimo mio intervento sulla faccenda (almeno spero): anche accettando il fatto che Zazzeri sia stato "punito" dal pater familias Butini, qualcuno mi può spiegare perché è stato escluso anche Vendrame? Vendrame agli assoluti ha nuotato 48"87 e al Settecolli 49"39, Bori ha nuotato 49"36 agli assoluti e 48"95 al Settecolli. Inoltre se consideriamo il 50"63 di Zazzeri in pieno carico un tempo imbarazzante, cosa dobbiamo pensare del 49"90 di Bori agli assoluti (in staffetta)?

>Zazzeri era titolare agli ultimi Europei ed ha contribuito alla conquista di una bella medaglia d'argento. Il suo allenatore è in contatto con lo staff federale perchè piazza in Nazionale anche il dorsista Restivo e il talentuoso duecentista Megli. Dunque c'erano tutte le condizioni per evitare fraintendimenti. L'Esercito (club militare di Zazzeri) ha inviato una lettera alla Federazione chiedendo lumi sull'esclusione. Ma a cosa servono i dirigenti, se non a chiarire i dubbi, laddove eventualmente ce ne fossero? Quindi forse la lettera andava spedita prima e non dopo. L'Italia ha un ampio ventaglio di velocisti di valore (anche se non così ampio come altre nazioni), ed è legittimo che la FIN cerchi di tenere tutti sulla corda per evitare cali di tensione e **portare il meglio alle grandi manifestazioni estive**. Il fatto è che questa decisione fa l'esatto opposto perché anziché portare gli atleti col 4° e 5° miglior tempo sono stati portati il 6° ed il 7°. Si è quindi attivamente scelto di non portare il meglio alla grande manifestazione estiva. Ultimo mio intervento sulla faccenda (almeno spero): anche accettando il fatto che Zazzeri sia stato "punito" dal pater familias Butini, qualcuno mi può spiegare perché è stato escluso anche Vendrame? Vendrame agli assoluti ha nuotato 48"87 e al Settecolli 49"39, Bori ha nuotato 49"36 agli assoluti e 48"95 al Settecolli. Inoltre se consideriamo il 50"63 di Zazzeri in pieno carico un tempo imbarazzante, cosa dobbiamo pensare del 49"90 di Bori agli assoluti (in staffetta)?
 
0
risposta

Visto che qualche pagina fa si era parlato delle miste dei sogni mi prendo la libertà di completare il cerchio delle staffette riproponendo il messaggio sulla 4x200 che avevo scritto nel topic delle universiadi dopo l'argento della staffetta italiana.

Di Cola aveva nuotato un ottimo 1'46"52 lanciato già agli assoluti e sta dimostrando una grande costanza di rendimento sperando che il tutto possa tramutarsi in una ulteriore crescita. Seguendo lo schema classico di mettere i due più forti in prima e ultima frazione ad oggi abbiamo: Megli ad 1'46"5 circa, Di Cola a 1'46" lanciato, uno tra Ballo e Ciampi che si spera possa nuotare sotto l'1'47" lanciati (Ballo non sappiamo quanto possa valere lanciato, mentre Ciampi quest'anno nuota intorno all'1'47"0 e lo scorso anno agli europei ha fatto 1'46"49) e infine Detti che agli assoluti ha nuotato 1'45"75 in staffetta a Riccione (e ha nel repertorio l'1'45"39 di Londra 2016).

Con un calcolo sui tempi ipotizzabili in base a quanto nuotato nelle passate stagioni e quest'anno (1'46"5 + 1'47"0 + 1'46"4 + 1'45"6) possiamo ottenere un tempo di 7'05"5 che potrebbe essere ottimisticamente abbassato di mezzo secondo in base alla prestazione di Ciampi/Ballo e limato di qualche altro decimo nel caso di ulteriori miglioramenti da parte degli altri 3.

Non avendo la punta da 1.44 (o addirittura meglio come il Guy della quarta frazione di Budapest), bisogna puntare sull'omogeneità: 4 frazioni da 1.46 (la prima) e sub-1.46 (le tre lanciate) per arrivare a quel 7.03 con cui non si va lontano dalle medaglie.
Se poi Russia, Usa e Gran Bretagna non sbaglieranno nulla, forse bisognerà scendere ancora di qualcosa, però si è in zona-podio.

Io spero sempre che qualche 100ista (Lamberti auspicava Miressi e devo dire che in linea puramente teorica io sarei della stessa idea) cominci a tirare sino ai 200; matematicamente per nuotare 1'44" o addirittura meno io credo che servano un cambio perfetto o quasi, una velocità da 100ista al passaggio e tantissima adrenalina per chiudere la frazione senza arrivare in piedi.

Visto che qualche pagina fa si era parlato delle miste dei sogni mi prendo la libertà di completare il cerchio delle staffette riproponendo il messaggio sulla 4x200 che avevo scritto nel topic delle universiadi dopo l'argento della staffetta italiana. >Di Cola aveva nuotato un ottimo 1'46"52 lanciato già agli assoluti e sta dimostrando una grande costanza di rendimento sperando che il tutto possa tramutarsi in una ulteriore crescita. Seguendo lo schema classico di mettere i due più forti in prima e ultima frazione ad oggi abbiamo: Megli ad 1'46"5 circa, Di Cola a 1'46" lanciato, uno tra Ballo e Ciampi che si spera possa nuotare sotto l'1'47" lanciati (Ballo non sappiamo quanto possa valere lanciato, mentre Ciampi quest'anno nuota intorno all'1'47"0 e lo scorso anno agli europei ha fatto 1'46"49) e infine Detti che agli assoluti ha nuotato 1'45"75 in staffetta a Riccione (e ha nel repertorio l'1'45"39 di Londra 2016). >Con un calcolo sui tempi ipotizzabili in base a quanto nuotato nelle passate stagioni e quest'anno (1'46"5 + 1'47"0 + 1'46"4 + 1'45"6) possiamo ottenere un tempo di 7'05"5 che potrebbe essere ottimisticamente abbassato di mezzo secondo in base alla prestazione di Ciampi/Ballo e limato di qualche altro decimo nel caso di ulteriori miglioramenti da parte degli altri 3. >>Non avendo la punta da 1.44 (o addirittura meglio come il Guy della quarta frazione di Budapest), bisogna puntare sull'omogeneità: 4 frazioni da 1.46 (la prima) e sub-1.46 (le tre lanciate) per arrivare a quel 7.03 con cui non si va lontano dalle medaglie. >>Se poi Russia, Usa e Gran Bretagna non sbaglieranno nulla, forse bisognerà scendere ancora di qualcosa, però si è in zona-podio. >Io spero sempre che qualche 100ista (Lamberti auspicava Miressi e devo dire che in linea puramente teorica io sarei della stessa idea) cominci a tirare sino ai 200; matematicamente per nuotare 1'44" o addirittura meno io credo che servano un cambio perfetto o quasi, una velocità da 100ista al passaggio e tantissima adrenalina per chiudere la frazione senza arrivare in piedi.
 
0
risposta

Ultimo mio intervento sulla faccenda (almeno spero): anche accettando il fatto che Zazzeri sia stato "punito" dal pater familias Butini, qualcuno mi può spiegare perché è stato escluso anche Vendrame? Vendrame agli assoluti ha nuotato 48"87 e al Settecolli 49"39, Bori ha nuotato 49"36 agli assoluti e 48"95 al Settecolli. Inoltre se consideriamo il 50"63 di Zazzeri in pieno carico un tempo imbarazzante, cosa dobbiamo pensare del 49"90 di Bori agli assoluti (in staffetta)?

Evidentemente Butini si aspettava di più da Zazzeri (soprattutto), ma anche Vendrame al Settecolli, e ha voluto premiare il finale di stagione in crescendo di Bori. O forse vede in Bori potenzialità, anche per il futuro, superiori, e quindi ritiene opportuno fargli respirare aria di Mondiale.

In realtà non è semplice cercare di interpretare una scelta discrezionale del dt senza sapere su che cosa essa davvero si basi (da cui la mia richiesta - vari post fa - di cercare di chiarire, per il futuro, i criteri decisionali alla base delle scelte discrezionali).

PS Nessuno ha chiesto a Butini le ragioni della scelta su cui dibattiamo da un bel po'?

>Ultimo mio intervento sulla faccenda (almeno spero): anche accettando il fatto che Zazzeri sia stato "punito" dal pater familias Butini, qualcuno mi può spiegare perché è stato escluso anche Vendrame? Vendrame agli assoluti ha nuotato 48"87 e al Settecolli 49"39, Bori ha nuotato 49"36 agli assoluti e 48"95 al Settecolli. Inoltre se consideriamo il 50"63 di Zazzeri in pieno carico un tempo imbarazzante, cosa dobbiamo pensare del 49"90 di Bori agli assoluti (in staffetta)? Evidentemente Butini si aspettava di più da Zazzeri (soprattutto), ma anche Vendrame al Settecolli, e ha voluto premiare il finale di stagione in crescendo di Bori. O forse vede in Bori potenzialità, anche per il futuro, superiori, e quindi ritiene opportuno fargli respirare aria di Mondiale. In realtà non è semplice cercare di interpretare una scelta discrezionale del dt senza sapere su che cosa essa davvero si basi (da cui la mia richiesta - vari post fa - di cercare di chiarire, per il futuro, i criteri decisionali alla base delle scelte discrezionali). PS Nessuno ha chiesto a Butini le ragioni della scelta su cui dibattiamo da un bel po'?
modificato Jul 15 '19 a 9:23 pm
 
0
risposta

PS Nessuno ha chiesto a Butini le ragioni della scelta su cui dibattiamo da un bel po'?

Intervistato dal Corriere della Sera Butini ha risposto così:

"Comprendo la delusione del ragazzo, ma qui la questione è molto semplice -afferma Butini- Zazzeri non ha fatto il tempo limite, il suo 48"78 non è tra l'altro un tempo valido a livello di regolamento perché ottenuto nella prima frazione e non in una finale A o B. Lui non ha mai avuto la certezza di essere qualificato, ai ragazzi era richiesto di dare il massimo al Sette Colli e in quella occasione Lorenzo è arrivato 43°. Come DT devo fare delle scelte, per me Zazzeri non aveva in quel momento né il tempo né la condizione per affrontare l'impegno mondiale".

>PS Nessuno ha chiesto a Butini le ragioni della scelta su cui dibattiamo da un bel po'? Intervistato dal Corriere della Sera Butini ha risposto così: _"Comprendo la delusione del ragazzo, ma qui la questione è molto semplice -afferma Butini- Zazzeri non ha fatto il tempo limite, il suo 48"78 non è tra l'altro un tempo valido a livello di regolamento perché ottenuto nella prima frazione e non in una finale A o B. Lui non ha mai avuto la certezza di essere qualificato, ai ragazzi era richiesto di dare il massimo al Sette Colli e in quella occasione Lorenzo è arrivato 43°. Come DT devo fare delle scelte, per me Zazzeri non aveva in quel momento né il tempo né la condizione per affrontare l'impegno mondiale"._
modificato Jul 15 '19 a 10:03 pm
 
0
risposta

Ultimo mio intervento sulla faccenda (almeno spero): anche accettando il fatto che Zazzeri sia stato "punito" dal pater familias Butini, qualcuno mi può spiegare perché è stato escluso anche Vendrame? Vendrame agli assoluti ha nuotato 48"87 e al Settecolli 49"39, Bori ha nuotato 49"36 agli assoluti e 48"95 al Settecolli. Inoltre se consideriamo il 50"63 di Zazzeri in pieno carico un tempo imbarazzante, cosa dobbiamo pensare del 49"90 di Bori agli assoluti (in staffetta)?

Anche per me questo è il punto più oscuro. Come detto si sa che per il completamento delle staffette il SetteColli ha un suo peso, è sempre stato così negli ultimi anni, per cui viste le gare dei 100 sl a Roma l'idea che mi sono fatto subito dopo è che difficilmente Zazzeri sarebbe stato convocato, davo però come miglior candidato Vendrame proprio perchè è andato nettamente meglio di Bori agli assoluti e al SetteColli non ha fatto una prestazione disastrosa seppur non al livello di quelle di Aprile. La scelta evidentemente ha valutato molto di più le prestazioni del SetteColli e questo è ciò che mi lascia perplesso.

>Ultimo mio intervento sulla faccenda (almeno spero): anche accettando il fatto che Zazzeri sia stato "punito" dal pater familias Butini, qualcuno mi può spiegare perché è stato escluso anche Vendrame? Vendrame agli assoluti ha nuotato 48"87 e al Settecolli 49"39, Bori ha nuotato 49"36 agli assoluti e 48"95 al Settecolli. Inoltre se consideriamo il 50"63 di Zazzeri in pieno carico un tempo imbarazzante, cosa dobbiamo pensare del 49"90 di Bori agli assoluti (in staffetta)? Anche per me questo è il punto più oscuro. Come detto si sa che per il completamento delle staffette il SetteColli ha un suo peso, è sempre stato così negli ultimi anni, per cui viste le gare dei 100 sl a Roma l'idea che mi sono fatto subito dopo è che difficilmente Zazzeri sarebbe stato convocato, davo però come miglior candidato Vendrame proprio perchè è andato nettamente meglio di Bori agli assoluti e al SetteColli non ha fatto una prestazione disastrosa seppur non al livello di quelle di Aprile. La scelta evidentemente ha valutato molto di più le prestazioni del SetteColli e questo è ciò che mi lascia perplesso.
 
0
risposta

PS Nessuno ha chiesto a Butini le ragioni della scelta su cui dibattiamo da un bel po'?

Intervistato dal Corriere della Sera Butini ha risposto così:

"Comprendo la delusione del ragazzo, ma qui la questione è molto semplice -afferma Butini- Zazzeri non ha fatto il tempo limite, il suo 48"78 non è tra l'altro un tempo valido a livello di regolamento perché ottenuto nella prima frazione e non in una finale A o B. Lui non ha mai avuto la certezza di essere qualificato, ai ragazzi era richiesto di dare il massimo al Sette Colli e in quella occasione Lorenzo è arrivato 43°. Come DT devo fare delle scelte, per me Zazzeri non aveva in quel momento né il tempo né la condizione per affrontare l'impegno mondiale".

Grazie Xman, ma questo aumenta la confusione sulla vicenda.

Da quello che dice Butini ("ai ragazzi era richiesto di dare il massimo al Sette Colli" ) risulta davvero incomprensibile come mai Zazzeri si sia presentato al Sette Colli reduce da un intenso ciclo di lavoro, come detto dallo stesso Zazzeri in quell'intervista.

Ho da eccepire sulla conclusione del dt Butini, perchè dal Sette Colli al Mondiale passa un mese e c'è quindi tutto il tempo (abbondante) per uno scarico completo.
E' chiaro che al Mondiale bisogna arrivarci..smile

>>PS Nessuno ha chiesto a Butini le ragioni della scelta su cui dibattiamo da un bel po'? >Intervistato dal Corriere della Sera Butini ha risposto così: >_"Comprendo la delusione del ragazzo, ma qui la questione è molto semplice -afferma Butini- Zazzeri non ha fatto il tempo limite, il suo 48"78 non è tra l'altro un tempo valido a livello di regolamento perché ottenuto nella prima frazione e non in una finale A o B. Lui non ha mai avuto la certezza di essere qualificato, ai ragazzi era richiesto di dare il massimo al Sette Colli e in quella occasione Lorenzo è arrivato 43°. Come DT devo fare delle scelte, per me Zazzeri non aveva in quel momento né il tempo né la condizione per affrontare l'impegno mondiale"._ Grazie Xman, ma questo aumenta la confusione sulla vicenda. Da quello che dice Butini ("ai ragazzi era richiesto di dare il massimo al Sette Colli" ) risulta davvero incomprensibile come mai Zazzeri si sia presentato al Sette Colli reduce da un intenso ciclo di lavoro, come detto dallo stesso Zazzeri in quell'intervista. Ho da eccepire sulla conclusione del dt Butini, perchè dal Sette Colli al Mondiale passa un mese e c'è quindi tutto il tempo (abbondante) per uno scarico completo. E' chiaro che al Mondiale bisogna arrivarci..:)
modificato Jul 16 '19 a 2:12 am
 
1
risposta

Paltrinieri sesto nella 10 km di fondo e Sanzullo nono, entrambi qualificati per le Olimpiadi. Paltrinieri ha condotto a lungo la gara, spendendo molto e poco prima dell'ultimo giro (anche a causa di un piccolo errore di rotta) è stato risucchiato dal gruppo dal quale si sono avvantaggiati in seguito Wellbrock ed il francese Olivier che hanno dato vita ad un appassionante testa a testa negli ultimi 800 metri. Ha vinto il tedesco (nuotata magnifica, molto ergonomica, di gran scivolamento e bassissima frequenza di bracciata, sempre dietro a Paltrinieri per sfruttarne la scia). Gara dal livello molto alto, con tutti i più forti del mondo in prima fila (per cui il lusinghiero piazzamento di Sanzullo acquista significato). Gregorio deve ancora immagazzinare esperienza nel fondo ma sembra determinato nel portare aventi il progetto.

Paltrinieri sesto nella 10 km di fondo e Sanzullo nono, entrambi qualificati per le Olimpiadi. Paltrinieri ha condotto a lungo la gara, spendendo molto e poco prima dell'ultimo giro (anche a causa di un piccolo errore di rotta) è stato risucchiato dal gruppo dal quale si sono avvantaggiati in seguito Wellbrock ed il francese Olivier che hanno dato vita ad un appassionante testa a testa negli ultimi 800 metri. Ha vinto il tedesco (nuotata magnifica, molto ergonomica, di gran scivolamento e bassissima frequenza di bracciata, sempre dietro a Paltrinieri per sfruttarne la scia). Gara dal livello molto alto, con tutti i più forti del mondo in prima fila (per cui il lusinghiero piazzamento di Sanzullo acquista significato). Gregorio deve ancora immagazzinare esperienza nel fondo ma sembra determinato nel portare aventi il progetto.
 
1
risposta
1234567 ... 47
Dettagli Discussione
42.94k
viste
934 risposte
34 followers
anteprima immediata
inserisci almeno 10 caratteri
ATTENZIONE: Hai menzionato %MENTIONS%, ma non possono vedere questo messaggio e non ne riceveranno notifica
Salvataggio...
Salvato
With selected deselect posts show selected posts
Tutti i messaggi di questo argomento saranno cancellato ?
Bozza in attesa ... Click per tornare alla modifica
Elimina la bozza