Advertisement

Pare che i record non siano omologabili comunque per mancanza di controlli antidoping (in realtà si parla solo di Scozzoli, non so se valga anche per le ragazze).

RECORD 50 RANA SCOZZOLI NON OMOLOGABILE PER ASSENZA ANTIDOPING

Strano peraltro, visto che l'ISL si è sempre detta fortemente motivata a contrastare il doping (ad esempio con l'esclusione automatica degli atleti già sospesi in passato) e anche quando si era annunciato che la FINA avrebbe riconosciuto i tempi nuotati mi pareva venissero citati i controlli antidoping come requisito soddisfatto dall'ISL.

Pare che i record non siano omologabili comunque per mancanza di controlli antidoping (in realtà si parla solo di Scozzoli, non so se valga anche per le ragazze). [RECORD 50 RANA SCOZZOLI NON OMOLOGABILE PER ASSENZA ANTIDOPING](https://swimswam.com/record-50-rana-scozzoli-non-omologabile-per-assenza-antidoping/?fbclid=IwAR1TIkf3gb9uG1UJLdjYTeANaCO_G_gEdZ7OGJzuFESp9myAm-Uamu9l1e0) Strano peraltro, visto che l'ISL si è sempre detta fortemente motivata a contrastare il doping (ad esempio con l'esclusione automatica degli atleti già sospesi in passato) e anche quando si era annunciato che la FINA avrebbe riconosciuto i tempi nuotati mi pareva venissero citati i controlli antidoping come requisito soddisfatto dall'ISL.
modificato Nov 26 '19 a 2:34 pm
 
0
risposta

Pare che i record non siano omologabili comunque per mancanza di controlli antidoping (in realtà si parla solo di Scozzoli, non so se valga anche per le ragazze).

RECORD 50 RANA SCOZZOLI NON OMOLOGABILE PER ASSENZA ANTIDOPING

Strano peraltro, visto che l'ISL si è sempre detta fortemente motivata a contrastare il doping (ad esempio con l'esclusione automatica degli atleti già sospesi in passato) e anche quando si era annunciato che la FINA avrebbe riconosciuto i tempi nuotati mi pareva venissero citati i controlli antidoping come requisito soddisfatto dall'ISL.

Sono notizie che riportano bruscamente alla realtà di controlli antidoping che definire insufficienti (in questo caso sono addirittura inesistenti) è un eufemismo.

Non ho commentato la recente audizione di Sun Yang al Tas, ma quello che è emerso è sconfortante per la Wada, oltre che per l'atleta.
Anche se per me resta inaccettabile rifiutarsi di sottoporsi ad un controllo antidoping previsto dal protocollo (addirittura prendendo a martellate le provette), è emersa la totale mancanza di professionalità del personale Wada che aveva il compito di effettuare quel controllo.
E stiamo parlando di un controllo antidoping per uno dei più grandi campioni del nuoto mondiale, e probabilmente il più famoso atleta cinese in attività considerando qualsiasi sport..

Come fa la Wada ad apparire un credibile ente terzo nella lotta al doping se opera in un modo che definire approssimativo è, ancora una volta, eufemistico?

E la Isl che aveva dichiarato tolleranza zero al doping?
Non effettuando i controlli antidoping ai suoi eventi?

>Pare che i record non siano omologabili comunque per mancanza di controlli antidoping (in realtà si parla solo di Scozzoli, non so se valga anche per le ragazze). >[RECORD 50 RANA SCOZZOLI NON OMOLOGABILE PER ASSENZA ANTIDOPING](https://swimswam.com/record-50-rana-scozzoli-non-omologabile-per-assenza-antidoping/?fbclid=IwAR1TIkf3gb9uG1UJLdjYTeANaCO_G_gEdZ7OGJzuFESp9myAm-Uamu9l1e0) >Strano peraltro, visto che l'ISL si è sempre detta fortemente motivata a contrastare il doping (ad esempio con l'esclusione automatica degli atleti già sospesi in passato) e anche quando si era annunciato che la FINA avrebbe riconosciuto i tempi nuotati mi pareva venissero citati i controlli antidoping come requisito soddisfatto dall'ISL. Sono notizie che riportano bruscamente alla realtà di controlli antidoping che definire insufficienti (in questo caso sono addirittura inesistenti) è un eufemismo. Non ho commentato la recente audizione di Sun Yang al Tas, ma quello che è emerso è sconfortante per la Wada, oltre che per l'atleta. Anche se per me resta inaccettabile rifiutarsi di sottoporsi ad un controllo antidoping previsto dal protocollo (addirittura prendendo a martellate le provette), è emersa la totale mancanza di professionalità del personale Wada che aveva il compito di effettuare quel controllo. E stiamo parlando di un controllo antidoping per uno dei più grandi campioni del nuoto mondiale, e probabilmente il più famoso atleta cinese in attività considerando qualsiasi sport.. Come fa la Wada ad apparire un credibile ente terzo nella lotta al doping se opera in un modo che definire approssimativo è, ancora una volta, eufemistico? E la Isl che aveva dichiarato tolleranza zero al doping? Non effettuando i controlli antidoping ai suoi eventi?
modificato Nov 26 '19 a 4:42 pm
 
0
risposta

Il problema dei test antidoping assenti però riguarda solo il caso di Fabio perché i record di Carraro e Scalia sono stati omologati...

Il problema dei test antidoping assenti però riguarda solo il caso di Fabio perché i record di Carraro e Scalia sono stati omologati...
 
0
risposta

Il problema dei test antidoping assenti però riguarda solo il caso di Fabio perché i record di Carraro e Scalia sono stati omologati...

E quindi sono state sottoposte a controllo antidoping la Carraro, giunta seconda nei 100 rana, e la Scalia, giunta quinta nei 50 dorso, e non Scozzoli, che ha vinto i 50 rana eguagliando anche il record europeo?

Oppure il controllo antidoping è stato effettuato solo nelle gare della Carraro e della Scalia, e questo basta per omologarne i risultati?

Da sempre (forse per non disamorarmi del tutto...), ho evitato di approfondire la questione dei controlli antidoping ai meeting Fina, a partire dai maggiori eventi. Sarebbe utile sapere le differenze rispetto ai meeting Isl.

PS In quel comunicato Fin si parla addirittura di imbarazzo. Condivido.

>Il problema dei test antidoping assenti però riguarda solo il caso di Fabio perché i record di Carraro e Scalia sono stati omologati... E quindi sono state sottoposte a controllo antidoping la Carraro, giunta seconda nei 100 rana, e la Scalia, giunta quinta nei 50 dorso, e non Scozzoli, che ha vinto i 50 rana eguagliando anche il record europeo? Oppure il controllo antidoping è stato effettuato solo nelle gare della Carraro e della Scalia, e questo basta per omologarne i risultati? Da sempre (forse per non disamorarmi del tutto...), ho evitato di approfondire la questione dei controlli antidoping ai meeting Fina, a partire dai maggiori eventi. Sarebbe utile sapere le differenze rispetto ai meeting Isl. PS In quel comunicato Fin si parla addirittura di imbarazzo. Condivido.
modificato Nov 26 '19 a 5:36 pm
 
0
risposta

Non ne ho proprio idea. Magari i controlli previsti durante l'ISL sono random, a sorteggio, e visto che Scozzoli non è stato sorteggiato per essere controllato il suo tempo non può essere ratificato...

Non ne ho proprio idea. Magari i controlli previsti durante l'ISL sono random, a sorteggio, e visto che Scozzoli non è stato sorteggiato per essere controllato il suo tempo non può essere ratificato...
 
0
risposta

ciao a tutti, vi leggo sempre ma questo è il primo messaggio che scrivo.

Dovrebbe essere proprio come ha detto sportsnuoto perchè durante la prima tappa su eurosport hanno spiegato che venivano sorteggiate 2 posizioni per l’antidoping. A questo punto sicuramente scozzoli non sarà stato sorteggiato a differenza di carraro e scalia

ciao a tutti, vi leggo sempre ma questo è il primo messaggio che scrivo. Dovrebbe essere proprio come ha detto sportsnuoto perchè durante la prima tappa su eurosport hanno spiegato che venivano sorteggiate 2 posizioni per l’antidoping. A questo punto sicuramente scozzoli non sarà stato sorteggiato a differenza di carraro e scalia
 
0
risposta

ciao a tutti, vi leggo sempre ma questo è il primo messaggio che scrivo.

Dovrebbe essere proprio come ha detto sportsnuoto perchè durante la prima tappa su eurosport hanno spiegato che venivano sorteggiate 2 posizioni per l’antidoping. A questo punto sicuramente scozzoli non sarà stato sorteggiato a differenza di carraro e scalia

Benvenuta Marta e grazie per la precisazione (e continua a scrivere: vedrai che ti troverai a tuo agio in questo forum).

Trovo strano che per il primo di ogni gara non sia previsto il controllo antidoping e, in caso di WR o altro crono estremamente significativo (come il RE eguagliato di Scozzoli nei 50 rana), si debba "sperare" che sia tra i sorteggiati per vedere ratificato il suo crono.

>ciao a tutti, vi leggo sempre ma questo è il primo messaggio che scrivo. >Dovrebbe essere proprio come ha detto sportsnuoto perchè durante la prima tappa su eurosport hanno spiegato che venivano sorteggiate 2 posizioni per l’antidoping. A questo punto sicuramente scozzoli non sarà stato sorteggiato a differenza di carraro e scalia Benvenuta Marta e grazie per la precisazione (e continua a scrivere: vedrai che ti troverai a tuo agio in questo forum). Trovo strano che per il primo di ogni gara non sia previsto il controllo antidoping e, in caso di WR o altro crono estremamente significativo (come il RE eguagliato di Scozzoli nei 50 rana), si debba "sperare" che sia tra i sorteggiati per vedere ratificato il suo crono.
 
0
risposta

Ritorno, con un po' più di tempo disponibile, sul mio ultimo post.

All'inizio, uno dei "concetti-base" dell'Isl era che non importavano i tempi cronometrici, ma solo i piazzamenti.

Mi sembra evidente che già nel corso di questa prima stagione questo concetto-base si sia modificato e, oltre a rendere disponibili quasi in tempo reale tutti i crono dei partecipanti, si sia - per esempio - data molta enfasi al WR della Atherton nei 100 dorso (che tra l'altro infrangeva una barriera cronometrica, quella dei 55" ).

Il nuoto (come l'atletica peraltro) vive sia del confronto agonistico tra i partecipanti alla gara che del confronto di ogni concorrente con i propri crono fatti nel passato e, ovviamente, con i riferimenti assoluti.

Nella tappa finale di Las Vegas, come già scritto più volte, si avranno grandi sfide in acqua ma anche grandi tempi cronometrici. Mi auguro che per quell'evento i controlli antidoping siano (almeno) gli stessi previsti nei grandi eventi Fina (Mondiali e Olimpiade).

Ritorno, con un po' più di tempo disponibile, sul mio ultimo post. All'inizio, uno dei "concetti-base" dell'Isl era che non importavano i tempi cronometrici, ma solo i piazzamenti. Mi sembra evidente che già nel corso di questa prima stagione questo concetto-base si sia modificato e, oltre a rendere disponibili quasi in tempo reale tutti i crono dei partecipanti, si sia - per esempio - data molta enfasi al WR della Atherton nei 100 dorso (che tra l'altro infrangeva una barriera cronometrica, quella dei 55" ). Il nuoto (come l'atletica peraltro) vive sia del confronto agonistico tra i partecipanti alla gara che del confronto di ogni concorrente con i propri crono fatti nel passato e, ovviamente, con i riferimenti assoluti. Nella tappa finale di Las Vegas, come già scritto più volte, si avranno grandi sfide in acqua ma anche grandi tempi cronometrici. Mi auguro che per quell'evento i controlli antidoping siano (almeno) gli stessi previsti nei grandi eventi Fina (Mondiali e Olimpiade).
modificato Nov 26 '19 a 10:36 pm
 
0
risposta

Una nuova puntata di ISL vs FINA con l'accusa di plagio del format da parte della lega.

Trovati i dettagli e alcune considerazioni nel nostro articolo: International Swimming League vs FINA: è plagio?

Una nuova puntata di ISL vs FINA con l'accusa di plagio del format da parte della lega. Trovati i dettagli e alcune considerazioni nel nostro articolo: [International Swimming League vs FINA: è plagio?](https://corsia4.it/nuoto/international-swimming-league-vs-fina-e-plagio/ "International Swimming League vs FINA: è plagio?")
 
0
risposta
Dettagli Discussione
2.71k
viste
68 risposte
13 followers
anteprima immediata
inserisci almeno 10 caratteri
ATTENZIONE: Hai menzionato %MENTIONS%, ma non possono vedere questo messaggio e non ne riceveranno notifica
Salvataggio...
Salvato
With selected deselect posts show selected posts
Tutti i messaggi di questo argomento saranno cancellato ?
Bozza in attesa ... Click per tornare alla modifica
Elimina la bozza