Advertisement

Vista "l'abitudine" di Ceccon di risparmiarsi molto nei turni eliminatori (lo ha fatto anche nei 100 dorso, primo impegno di questi YOG), che si sommava alla fatica accumulata nelle gare precedenti, poteva capitare quello che poi è effettivamente capitato.

Peccato non avergli visto esprimere qui il suo potenziale nei 100sl, ma avrà tante occasioni nella stagione 2018/19 appena cominciata, e poi ovviamente in futuro.
Resta il tanto di positivo mostrato in questi giorni e la necessità di ponderare bene le scelte da parte di Federazione e Coach.

Il mio parere ovviamente vale zero, ma - a livello assoluto - io non punterei a troppi eventi per lui, nonostante la sua indubbia versatilità e facilità acquatica.
Solo pochissimi superman possono "permettersi" di disperdere tesori di energie, fisiche e nervose (lo stesso Milak, pur in un panorama giovanile e non certo ultra-competitivo, fatica a gestire tante gare in pochi giorni)

Meglio far brillare il talento di Ceccon dove gli viene più facile (per me 100 dorso e sl).

Vista "l'abitudine" di Ceccon di risparmiarsi molto nei turni eliminatori (lo ha fatto anche nei 100 dorso, primo impegno di questi YOG), che si sommava alla fatica accumulata nelle gare precedenti, poteva capitare quello che poi è effettivamente capitato. Peccato non avergli visto esprimere qui il suo potenziale nei 100sl, ma avrà tante occasioni nella stagione 2018/19 appena cominciata, e poi ovviamente in futuro. Resta il tanto di positivo mostrato in questi giorni e la necessità di ponderare bene le scelte da parte di Federazione e Coach. Il mio parere ovviamente vale zero, ma - a livello assoluto - io non punterei a troppi eventi per lui, nonostante la sua indubbia versatilità e facilità acquatica. Solo pochissimi superman possono "permettersi" di disperdere tesori di energie, fisiche e nervose (lo stesso Milak, pur in un panorama giovanile e non certo ultra-competitivo, fatica a gestire tante gare in pochi giorni) Meglio far brillare il talento di Ceccon dove gli viene più facile (per me 100 dorso e sl).
 
0
risposta

Il mio parere ovviamente vale zero, ma - a livello assoluto - io non punterei a troppi eventi per lui, nonostante la sua indubbia versatilità e facilità acquatica.
Solo pochissimi superman possono "permettersi" di disperdere tesori di energie, fisiche e nervose (lo stesso Milak, pur in un panorama giovanile e non certo ultra-competitivo, fatica a gestire tante gare in pochi giorni)

Meglio far brillare il talento di Ceccon dove gli viene più facile (per me 100 dorso e sl).

Il dilemma è: dove gli viene più facile o dove gli conviene?
Di sicuro 100 dorso e sl li fa meglio dei 200 misti, ma nelle prime due gare c'è una densità di campioni spaventosa. Kolesnikov in particolare. Non cercherei lo scontro frontale con lui, o comunque non mi concentrerei solo su quelle gare. Non so se nel 2019-20 c'è qualcuno che può battere un 18enne che fa 48.04 (con 24.6 di ritorno) in un periodo in cui non sembra al top della forma (a Buenos Aires ha nuotato rispettivamente 4 decimi e 7 decimi sopra i suoi PB dei 50 e 100 dorso).
Visto che Ceccon è versatile, visto che è giovane, spero che voglia lavorarci un po' di più su questi 200 misti. Agli europei abbiamo visto che si vince con 1.56 alto/1.57. Al mondo per il momento non si intravede nessuno da meno di 1.55.
In un'intervista di un paio di mesi aveva detto che nel 2019 si sarebbe dedicato anche allo stile libero (e mi pare che abbia già cominciato smile ) e che avrebbe fatto qualche 400 misti, immagino in ottica 200.

>Il mio parere ovviamente vale zero, ma - a livello assoluto - io non punterei a troppi eventi per lui, nonostante la sua indubbia versatilità e facilità acquatica. >Solo pochissimi superman possono "permettersi" di disperdere tesori di energie, fisiche e nervose (lo stesso Milak, pur in un panorama giovanile e non certo ultra-competitivo, fatica a gestire tante gare in pochi giorni) >Meglio far brillare il talento di Ceccon dove gli viene più facile (per me 100 dorso e sl). Il dilemma è: dove gli viene più facile o dove gli conviene? Di sicuro 100 dorso e sl li fa meglio dei 200 misti, ma nelle prime due gare c'è una densità di campioni spaventosa. Kolesnikov in particolare. Non cercherei lo scontro frontale con lui, o comunque non mi concentrerei solo su quelle gare. Non so se nel 2019-20 c'è qualcuno che può battere un 18enne che fa 48.04 (con 24.6 di ritorno) in un periodo in cui non sembra al top della forma (a Buenos Aires ha nuotato rispettivamente 4 decimi e 7 decimi sopra i suoi PB dei 50 e 100 dorso). Visto che Ceccon è versatile, visto che è giovane, spero che voglia lavorarci un po' di più su questi 200 misti. Agli europei abbiamo visto che si vince con 1.56 alto/1.57. Al mondo per il momento non si intravede nessuno da meno di 1.55. In un'intervista di un paio di mesi aveva detto che nel 2019 si sarebbe dedicato anche allo stile libero (e mi pare che abbia già cominciato :D ) e che avrebbe fatto qualche 400 misti, immagino in ottica 200.
 
1
risposta

Il mio parere ovviamente vale zero, ma - a livello assoluto - io non punterei a troppi eventi per lui, nonostante la sua indubbia versatilità e facilità acquatica.
Solo pochissimi superman possono "permettersi" di disperdere tesori di energie, fisiche e nervose (lo stesso Milak, pur in un panorama giovanile e non certo ultra-competitivo, fatica a gestire tante gare in pochi giorni)

Meglio far brillare il talento di Ceccon dove gli viene più facile (per me 100 dorso e sl).

Il dilemma è: dove gli viene più facile o dove gli conviene?
Di sicuro 100 dorso e sl li fa meglio dei 200 misti, ma nelle prime due gare c'è una densità di campioni spaventosa. Kolesnikov in particolare. Non cercherei lo scontro frontale con lui, o comunque non mi concentrerei solo su quelle gare. Non so se nel 2019-20 c'è qualcuno che può battere un 18enne che fa 48.04 (con 24.6 di ritorno) in un periodo in cui non sembra al top della forma (a Buenos Aires ha nuotato rispettivamente 4 decimi e 7 decimi sopra i suoi PB dei 50 e 100 dorso).
Visto che Ceccon è versatile, visto che è giovane, spero che voglia lavorarci un po' di più su questi 200 misti. Agli europei abbiamo visto che si vince con 1.56 alto/1.57. Al mondo per il momento non si intravede nessuno da meno di 1.55.
In un'intervista di un paio di mesi aveva detto che nel 2019 si sarebbe dedicato anche allo stile libero (e mi pare che abbia già cominciato smile ) e che avrebbe fatto qualche 400 misti, immagino in ottica 200.

Anche se in ritardo, ti rispondo volentieri (anche per "dimenticare" per 10 minuti la situazione generale assai grave.., ma pare che la maggioranza degli Italiani continui a non accorgersene..).

Le potenzialità di Kolesnikov nei 100sl sono indubbie (mi ricordo quel suo 48.5 all'ultima giornata dell'Euromeet in Lussemburgo di gennaio dopo varie gare disputate e -probabilmente - in condizioni di forma, dovute ai carichi di lavoro, ancora peggiori di quelle dei recenti YOG), ma è ancora da dimostrare che potrà diventare un grandissimo della specialità, come invece lo è già nei 50 dorso (primatista mondiale) ed anche nei 100 dorso.
Quel suo 48.04 in prima di staffetta sarà da corroborare (e di molto) nei tre turni della gara individuale contro i vari Dressel, Chalmers etc (e nell'elenco inserisco anche Miressi).

Ovviamente la cosa vale anche per Ceccon, e proprio la necessità di acquisire consistenza nei turni eliminatori è uno dei punti su cui Ceccon dovrà lavorare di più.
Se si parla di 200 misti in vasca lunga, poi, c'è da fare tutto un lavoro di resistenza non semplice. Certo fattibile, ma non semplice, come visto da diversi esempi in passato.
E che la resistenza e il duro lavoro in allenamento siano fondamentali per eccellere in un 200 misti in vasca lunga, lo dimostra Kalisz, arrivato ai vertici della specialità nonostante non disponga delle qualità, nei singoli stili, non solo dei grandissimi del passato (Phelps e Lochte), ma anche di un Hagino.

A me incanta la facilità di Ceccon sulle due vasche, quel suo avere nuotato sotto i 49" nei 100sl ai Categoria estivi nonostante i 100sl non siano certo stati al centro dei suoi programmi di allenamento.
Se uno ha questo dono, perchè cercare strade più impervie senza prima esplorare dove questo dono può portare?

>>Il mio parere ovviamente vale zero, ma - a livello assoluto - io non punterei a troppi eventi per lui, nonostante la sua indubbia versatilità e facilità acquatica. >>Solo pochissimi superman possono "permettersi" di disperdere tesori di energie, fisiche e nervose (lo stesso Milak, pur in un panorama giovanile e non certo ultra-competitivo, fatica a gestire tante gare in pochi giorni) >>Meglio far brillare il talento di Ceccon dove gli viene più facile (per me 100 dorso e sl). >Il dilemma è: dove gli viene più facile o dove gli conviene? >Di sicuro 100 dorso e sl li fa meglio dei 200 misti, ma nelle prime due gare c'è una densità di campioni spaventosa. Kolesnikov in particolare. Non cercherei lo scontro frontale con lui, o comunque non mi concentrerei solo su quelle gare. Non so se nel 2019-20 c'è qualcuno che può battere un 18enne che fa 48.04 (con 24.6 di ritorno) in un periodo in cui non sembra al top della forma (a Buenos Aires ha nuotato rispettivamente 4 decimi e 7 decimi sopra i suoi PB dei 50 e 100 dorso). >Visto che Ceccon è versatile, visto che è giovane, spero che voglia lavorarci un po' di più su questi 200 misti. Agli europei abbiamo visto che si vince con 1.56 alto/1.57. Al mondo per il momento non si intravede nessuno da meno di 1.55. >In un'intervista di un paio di mesi aveva detto che nel 2019 si sarebbe dedicato anche allo stile libero (e mi pare che abbia già cominciato :D ) e che avrebbe fatto qualche 400 misti, immagino in ottica 200. Anche se in ritardo, ti rispondo volentieri (anche per "dimenticare" per 10 minuti la situazione generale assai grave.., ma pare che la maggioranza degli Italiani continui a non accorgersene..). Le potenzialità di Kolesnikov nei 100sl sono indubbie (mi ricordo quel suo 48.5 all'ultima giornata dell'Euromeet in Lussemburgo di gennaio dopo varie gare disputate e -probabilmente - in condizioni di forma, dovute ai carichi di lavoro, ancora peggiori di quelle dei recenti YOG), ma è ancora da dimostrare che potrà diventare un grandissimo della specialità, come invece lo è già nei 50 dorso (primatista mondiale) ed anche nei 100 dorso. Quel suo 48.04 in prima di staffetta sarà da corroborare (e di molto) nei tre turni della gara individuale contro i vari Dressel, Chalmers etc (e nell'elenco inserisco anche Miressi). Ovviamente la cosa vale anche per Ceccon, e proprio la necessità di acquisire consistenza nei turni eliminatori è uno dei punti su cui Ceccon dovrà lavorare di più. Se si parla di 200 misti in vasca lunga, poi, c'è da fare tutto un lavoro di resistenza non semplice. Certo fattibile, ma non semplice, come visto da diversi esempi in passato. E che la resistenza e il duro lavoro in allenamento siano fondamentali per eccellere in un 200 misti in vasca lunga, lo dimostra Kalisz, arrivato ai vertici della specialità nonostante non disponga delle qualità, nei singoli stili, non solo dei grandissimi del passato (Phelps e Lochte), ma anche di un Hagino. A me incanta la facilità di Ceccon sulle due vasche, quel suo avere nuotato sotto i 49" nei 100sl ai Categoria estivi nonostante i 100sl non siano certo stati al centro dei suoi programmi di allenamento. Se uno ha questo dono, perchè cercare strade più impervie senza prima esplorare dove questo dono può portare?
modificato Oct 19 a 9:47 am
 
1
risposta
12
Dettagli Discussione
1.52k
viste
22 risposte
6 followers
anteprima immediata
inserisci almeno 10 caratteri
ATTENZIONE: Hai menzionato %MENTIONS%, ma non possono vedere questo messaggio e non ne riceveranno notifica
Salvataggio...
Salvato
With selected deselect posts show selected posts
Tutti i messaggi di questo argomento saranno cancellato ?
Bozza in attesa ... Click per tornare alla modifica
Elimina la bozza