Advertisement

In questi giorni ferragostani, purtroppo segnati dal lutto, ho più tempo del solito per navigare su internet e mi sono imbattuto in questo articolo http://questionedistile.gazzetta.it/2018/08/16/la-ledecky-vuole-tutto-ma-simona-savvicina-e-sogna-di-fare-come-fede/
dal blog di Arcobelli.
Capisco l'euforia post-Europei, la leggerezza del periodo, il fatto di scrivere articoli su articoli senza preoccuparsi troppo della competenza di chi li legge, però leggere che i 200sl diverranno in futuro la gara della Quadarella, capace di battere, come la Pellegrini di Budapest2017, la Ledecky, davvero non avrei mai creduto di poterlo leggere da un giornalista che si occupa abitualmente di nuoto.
E quindi, con questa "perla", inauguro un thread dedicato alle tante cose "surreali" che ci capita di incontrare..

In questi giorni ferragostani, purtroppo segnati dal lutto, ho più tempo del solito per navigare su internet e mi sono imbattuto in questo articolo http://questionedistile.gazzetta.it/2018/08/16/la-ledecky-vuole-tutto-ma-simona-savvicina-e-sogna-di-fare-come-fede/ dal blog di Arcobelli. Capisco l'euforia post-Europei, la leggerezza del periodo, il fatto di scrivere articoli su articoli senza preoccuparsi troppo della competenza di chi li legge, però leggere che i 200sl diverranno in futuro la gara della Quadarella, capace di battere, come la Pellegrini di Budapest2017, la Ledecky, davvero non avrei mai creduto di poterlo leggere da un giornalista che si occupa abitualmente di nuoto. E quindi, con questa "perla", inauguro un thread dedicato alle tante cose "surreali" che ci capita di incontrare..
modificato Aug 16 a 2:20 pm
 
0
risposta

Il blog di Arcobelli è spesso gestito in maniera piuttosto sciatta (spesso ho trovato informazioni inesatte, tempi palesemente errati, etc etc) il problema è che rimane (insieme a swimbiz) una delle pochissime fonti di notizie sul nuoto abbastanza attendibili. L'articolo in questione mi sembra un modo subdolo di sfruttare la nuova popolarità della Quadarella per generare un minimo di traffico. Ovvio che ad oggi la Quadarella non sia minimamente considerabile un'avversaria per la Ledecky sui 200 nonostante ad oggi potrebbe essere tra le nostre migliori 200iste del momento (più per demerito delle altre).

Per quanto riguarda queste "perle" mi vengono in mente gli articoli sulle possibili medaglie della spedizione di Rio (su siti non specializzati nel nuoto ad onor del vero) dove consideravano Detti come un 200ista da podio. Altra, secondo me, perla è questo articolo: https://www.swimbiz.it/portal/a-swimbiz-di-giorgio-racconta-la-4x200-che-verra-si-riparte-da-ostia-e-da-rossetto-con-un-capitano-in-piu/
Un Di Giorgio che vorrebbe fare il "capitano" della 4x200 per non si sa bene quale capacità di leadership in un gruppo che molto probabilmente (spalla permettendo) comprenderà un campione del mondo ed un altro atleta che agli europei ha dimostrato di poter nuotare 1'45" lanciato.

Il blog di Arcobelli è spesso gestito in maniera piuttosto sciatta (spesso ho trovato informazioni inesatte, tempi palesemente errati, etc etc) il problema è che rimane (insieme a swimbiz) una delle pochissime fonti di notizie sul nuoto abbastanza attendibili. L'articolo in questione mi sembra un modo subdolo di sfruttare la nuova popolarità della Quadarella per generare un minimo di traffico. Ovvio che ad oggi la Quadarella non sia minimamente considerabile un'avversaria per la Ledecky sui 200 nonostante ad oggi potrebbe essere tra le nostre migliori 200iste del momento (più per demerito delle altre). Per quanto riguarda queste "perle" mi vengono in mente gli articoli sulle possibili medaglie della spedizione di Rio (su siti non specializzati nel nuoto ad onor del vero) dove consideravano Detti come un 200ista da podio. Altra, secondo me, perla è questo articolo: https://www.swimbiz.it/portal/a-swimbiz-di-giorgio-racconta-la-4x200-che-verra-si-riparte-da-ostia-e-da-rossetto-con-un-capitano-in-piu/ Un Di Giorgio che vorrebbe fare il "capitano" della 4x200 per non si sa bene quale capacità di leadership in un gruppo che molto probabilmente (spalla permettendo) comprenderà un campione del mondo ed un altro atleta che agli europei ha dimostrato di poter nuotare 1'45" lanciato.
modificato Aug 16 a 7:57 pm
 
1
risposta

Verrebbe da rispondere come fa la Quadarella ad ogni domanda della Caporale: seee, seee... smile

A me è piaciuta un'intervista della Quadarella in cui ha ripetuto un po' le solite cose su impegno, fatica, ma poi ha concluso dicendo che deve anche essere preparata a perdere e così la gente.
Bisogna far capire a chi segue il nuoto un po' superficialmente che se la Quadarella dovesse vincere un argento e un bronzo ai prossimi mondiali o alle Olimpiadi, sarebbe qualcosa di eccezionale.

Verrebbe da rispondere come fa la Quadarella ad ogni domanda della Caporale: seee, seee... :D A me è piaciuta un'intervista della Quadarella in cui ha ripetuto un po' le solite cose su impegno, fatica, ma poi ha concluso dicendo che deve anche essere preparata a perdere e così la gente. Bisogna far capire a chi segue il nuoto un po' superficialmente che se la Quadarella dovesse vincere un argento e un bronzo ai prossimi mondiali o alle Olimpiadi, sarebbe qualcosa di eccezionale.
 
1
risposta

Il blog di Arcobelli è spesso gestito in maniera piuttosto sciatta (spesso ho trovato informazioni inesatte, tempi palesemente errati, etc etc) il problema è che rimane (insieme a swimbiz) una delle pochissime fonti di notizie sul nuoto abbastanza attendibili.

Vero. Arcobelli ha parecchi contatti con allenatori e il mondo del nuoto italiano in genere.
Resta per me incredibile che un giornalista che segue il nuoto da tanti anni possa incorrere in tante inesattezze come quelle che io stesso, che pure lo leggo solo di tanto in tanto, ho visto scritte sul suo blog.

Sì, non male anche l'articolo su Di Giorgio che si candida a capitano della 4x200sl.., per la quale, invece, Giorgio Lamberti propone di inserire Miressi.
Detti, Megli, Miressi più un quarto potrebbero, secondo lui, costituire un quartetto capace di nuotare tra 7.01 e 7.03, quindi potenzialmente da podio a Mondiali e Olimpiadi.
Ecco, questa, pur con tutte le variabili del caso (Miressi dovrebbe dimostrare di poter nuotare una frazione lanciata da 1.45.5-1.46, Detti recuperare in pieno e poi bisognerebbe trovare un quarto frazionista capace di nuotare almeno un 1.46 lanciato o magari sotto l'1.46) è già un'ipotesi molto più ragionevole e che, quindi, non merita di essere commentata in questo thread smile

>Il blog di Arcobelli è spesso gestito in maniera piuttosto sciatta (spesso ho trovato informazioni inesatte, tempi palesemente errati, etc etc) il problema è che rimane (insieme a swimbiz) una delle pochissime fonti di notizie sul nuoto abbastanza attendibili. Vero. Arcobelli ha parecchi contatti con allenatori e il mondo del nuoto italiano in genere. Resta per me incredibile che un giornalista che segue il nuoto da tanti anni possa incorrere in tante inesattezze come quelle che io stesso, che pure lo leggo solo di tanto in tanto, ho visto scritte sul suo blog. Sì, non male anche l'articolo su Di Giorgio che si candida a capitano della 4x200sl.., per la quale, invece, Giorgio Lamberti propone di inserire Miressi. Detti, Megli, Miressi più un quarto potrebbero, secondo lui, costituire un quartetto capace di nuotare tra 7.01 e 7.03, quindi potenzialmente da podio a Mondiali e Olimpiadi. Ecco, questa, pur con tutte le variabili del caso (Miressi dovrebbe dimostrare di poter nuotare una frazione lanciata da 1.45.5-1.46, Detti recuperare in pieno e poi bisognerebbe trovare un quarto frazionista capace di nuotare almeno un 1.46 lanciato o magari sotto l'1.46) è già un'ipotesi molto più ragionevole e che, quindi, non merita di essere commentata in questo thread :)
 
0
risposta

Sempre sulla Quadarella, mi sembra nel servizio andato in onda al TG1 (ma potrei sbagliarmi) hanno concluso con la domanda: "pensi di fare anche i 100 m". Sono rimasta basita, vuol dire veramente non avere idea neanche di chi si ha davanti.

Su Arcobelli purtroppo condivido, e'sempre pieno di refusi e inesattezze, credo non rilegga neanche quello che scrive. Continuo pero'a leggerlo, essendo una delle poche fonti italiane.

Sempre sulla Quadarella, mi sembra nel servizio andato in onda al TG1 (ma potrei sbagliarmi) hanno concluso con la domanda: "pensi di fare anche i 100 m". Sono rimasta basita, vuol dire veramente non avere idea neanche di chi si ha davanti. Su Arcobelli purtroppo condivido, e'sempre pieno di refusi e inesattezze, credo non rilegga neanche quello che scrive. Continuo pero'a leggerlo, essendo una delle poche fonti italiane.
 
2
risposta

Ecco l'articolo sui "gemelli Burdisso" smile (poco importa che Alessandro sia nato 14 mesi prima di Federico smile ) apparso su Swimswam Italia..
https://swimswam.com/un-italiano-alla-ncaa-burdisso-alla-northwestern-di-chigago/

Chiedere a Giusy Cisale di correggere il refuso dei suoi iperattivi colleghi Usa sarebbe stato chiedere troppo, per cui ha pensato bene di inserire un'altra inesattezza confondendo i Big Ten Championships con i Campionati nazionali.

Ecco l'articolo sui "gemelli Burdisso" (wasntme) (poco importa che Alessandro sia nato 14 mesi prima di Federico ;) ) apparso su Swimswam Italia.. https://swimswam.com/un-italiano-alla-ncaa-burdisso-alla-northwestern-di-chigago/ Chiedere a Giusy Cisale di correggere il refuso dei suoi iperattivi colleghi Usa sarebbe stato chiedere troppo, per cui ha pensato bene di inserire un'altra inesattezza confondendo i Big Ten Championships con i Campionati nazionali.
 
2
risposta

Ha semplicemente tradotto l'articolo swimswam usa. Dispiace perché questo errore, come i tanti che si trovano sul blog di Arcobelli, sarebbero facilmente evitabili con una ricerca di 30 secondi su Google o con una semplice rilettura veloce dell'articolo. Qualche giorno fa leggendo un articolo riguardo le convocazioni per i mondiali in corta sul blog di Arcobelli (http://questionedistile.gazzetta.it/2018/11/18/azzurri-mondiali-il-ritorno-di-tre-assi-e-qualche-dubbio-finale-prima-del-varo-della-squadra/), per esempio, ho trovato 2 errori di evidente distrazione: la ripetizione del nome di Megli (nella lista convocati e nella lista probabili ripescati) e la dimenticanza del nome di Zazzeri (per il quale ha avuto lamentele nei commenti). La verità è che il loro impegno è proporzionale alla risposta ai loro articoli ovvero molto basso.

Ha semplicemente tradotto l'articolo swimswam usa. Dispiace perché questo errore, come i tanti che si trovano sul blog di Arcobelli, sarebbero facilmente evitabili con una ricerca di 30 secondi su Google o con una semplice rilettura veloce dell'articolo. Qualche giorno fa leggendo un articolo riguardo le convocazioni per i mondiali in corta sul blog di Arcobelli (http://questionedistile.gazzetta.it/2018/11/18/azzurri-mondiali-il-ritorno-di-tre-assi-e-qualche-dubbio-finale-prima-del-varo-della-squadra/), per esempio, ho trovato 2 errori di evidente distrazione: la ripetizione del nome di Megli (nella lista convocati e nella lista probabili ripescati) e la dimenticanza del nome di Zazzeri (per il quale ha avuto lamentele nei commenti). La verità è che il loro impegno è proporzionale alla risposta ai loro articoli ovvero molto basso.
 
1
risposta

La verità è che il loro impegno è proporzionale alla risposta ai loro articoli ovvero molto basso.

Vero, ma proprio perchè gli articoli sono zeppi di errori, piuttosto fastidiosi per un appassionato minimamente competente, passa anche la voglia di commentarli.

Io lo feci tempo fa a proposito di un post di Arcobelli che riportava i crono delle batterie come se fossero le finali, o di un articolo sulla gazzetta in cui la Ruck veniva chiamata Taylor come se quello fosse il suo cognome etc etc.

Poi uno si chiede: " ma perchè sprecare tempo (tra l'altro gratuitamente) per correggere simili strafalcioni di gente che magari percepisce anche una retribuzione.."?

Avevo salutato con favore e cominciato a leggere volentieri Swimswam Italia perchè, da super-appassionato, apprezzo qualsiasi novità riguardante il nuoto, ma, nulla contro la Cisale (che non conosco), dopo averne letti un po', devo dire che leggere i suoi report di un evento natatorio lo trovo un'esperienza abbastanza demoralizzante.

D'altra parte, questo rientra in pieno nell'epoca che stiamo vivendo, dove, non voglio dire la passione, ma anche solo l'impegno di scrivere cose corrette sono caratteristiche scarsamente praticate.

> La verità è che il loro impegno è proporzionale alla risposta ai loro articoli ovvero molto basso. Vero, ma proprio perchè gli articoli sono zeppi di errori, piuttosto fastidiosi per un appassionato minimamente competente, passa anche la voglia di commentarli. Io lo feci tempo fa a proposito di un post di Arcobelli che riportava i crono delle batterie come se fossero le finali, o di un articolo sulla gazzetta in cui la Ruck veniva chiamata Taylor come se quello fosse il suo cognome etc etc. Poi uno si chiede: " ma perchè sprecare tempo (tra l'altro gratuitamente) per correggere simili strafalcioni di gente che magari percepisce anche una retribuzione.."? Avevo salutato con favore e cominciato a leggere volentieri Swimswam Italia perchè, da super-appassionato, apprezzo qualsiasi novità riguardante il nuoto, ma, nulla contro la Cisale (che non conosco), dopo averne letti un po', devo dire che leggere i suoi report di un evento natatorio lo trovo un'esperienza abbastanza demoralizzante. D'altra parte, questo rientra in pieno nell'epoca che stiamo vivendo, dove, non voglio dire la passione, ma anche solo l'impegno di scrivere cose corrette sono caratteristiche scarsamente praticate.
modificato Nov 21 a 1:49 pm
 
0
risposta

Qualche giorno fa leggendo un articolo riguardo le convocazioni per i mondiali in corta sul blog di Arcobelli (http://questionedistile.gazzetta.it/2018/11/18/azzurri-mondiali-il-ritorno-di-tre-assi-e-qualche-dubbio-finale-prima-del-varo-della-squadra/), per esempio, ho trovato 2 errori di evidente distrazione: la ripetizione del nome di Megli (nella lista convocati e nella lista probabili ripescati) e la dimenticanza del nome di Zazzeri (per il quale ha avuto lamentele nei commenti).

Qualche settimana fa Arcobelli ha fatto vincere a Kolesnikov i campionati russi nei 100sl. Ci sta sbagliare a trascrivere un tempo, ma qui ha confuso tempi, tempi limite e persone. Non era facile, anche dal cirillico.
http://questionedistile.gazzetta.it/2018/11/13/le-parole-di-tete-quelle-di-barelli-i-test-della-kohler-il-team-di-fiore-e-le-seconde-linee-russe/
Per la cronaca: 1 Grinev 46.39 2. Kolesnikov 46.43. Mentre 46.58 era il tempo limite richiesto.
Comunque non è un problema, in fondo è solo nuoto e il suo blog è una buona fonte di informazione. Ogni tanto però faccio il paragone e penso a come mi prendono in giro i giornali, le tv, le radio, per non parlare di internet, quando affrontano argomenti di cui so poco o nulla, cioè il 99,9% degli argomenti.
Spread, benzina, vita su Marte...cose del genere smile

> Qualche giorno fa leggendo un articolo riguardo le convocazioni per i mondiali in corta sul blog di Arcobelli (http://questionedistile.gazzetta.it/2018/11/18/azzurri-mondiali-il-ritorno-di-tre-assi-e-qualche-dubbio-finale-prima-del-varo-della-squadra/), per esempio, ho trovato 2 errori di evidente distrazione: la ripetizione del nome di Megli (nella lista convocati e nella lista probabili ripescati) e la dimenticanza del nome di Zazzeri (per il quale ha avuto lamentele nei commenti). Qualche settimana fa Arcobelli ha fatto vincere a Kolesnikov i campionati russi nei 100sl. Ci sta sbagliare a trascrivere un tempo, ma qui ha confuso tempi, tempi limite e persone. Non era facile, anche dal cirillico. http://questionedistile.gazzetta.it/2018/11/13/le-parole-di-tete-quelle-di-barelli-i-test-della-kohler-il-team-di-fiore-e-le-seconde-linee-russe/ Per la cronaca: 1 Grinev 46.39 2. Kolesnikov 46.43. Mentre 46.58 era il tempo limite richiesto. Comunque non è un problema, in fondo è solo nuoto e il suo blog è una buona fonte di informazione. Ogni tanto però faccio il paragone e penso a come mi prendono in giro i giornali, le tv, le radio, per non parlare di internet, quando affrontano argomenti di cui so poco o nulla, cioè il 99,9% degli argomenti. Spread, benzina, vita su Marte...cose del genere :D
 
1
risposta

Qualche settimana fa Arcobelli ha fatto vincere a Kolesnikov i campionati russi nei 100sl. Ci sta sbagliare a trascrivere un tempo, ma qui ha confuso tempi, tempi limite e persone. Non era facile, anche dal cirillico.
http://questionedistile.gazzetta.it/2018/11/13/le-parole-di-tete-quelle-di-barelli-i-test-della-kohler-il-team-di-fiore-e-le-seconde-linee-russe/
Per la cronaca: 1 Grinev 46.39 2. Kolesnikov 46.43. Mentre 46.58 era il tempo limite richiesto.
Comunque non è un problema, in fondo è solo nuoto e il suo blog è una buona fonte di informazione. Ogni tanto però faccio il paragone e penso a come mi prendono in giro i giornali, le tv, le radio, per non parlare di internet, quando affrontano argomenti di cui so poco o nulla, cioè il 99,9% degli argomenti.
Spread, benzina, vita su Marte...cose del genere smile

Le fake news su Internet e sui social secondo me sono uno dei problemi principali del nostro tempo.
Io stesso ne avevo sottovalutato la rilevanza (anche perchè, come detto più volte, sono a-social), poi mi sono reso conto che, in un'epoca di straniamenti e rancori diffusi, una quota davvero notevole della popolazione crede a notizie senza fondamento, ma che vengono rilanciate su Internet con grande efficacia.

Non voglio però andare off-topic e trattare "argomenti seri" in questo forum che, sono il primo a pensarlo, deve servire a rilassarsi parlando della nostra passione comune: il nuoto (e altri sport).

>Qualche settimana fa Arcobelli ha fatto vincere a Kolesnikov i campionati russi nei 100sl. Ci sta sbagliare a trascrivere un tempo, ma qui ha confuso tempi, tempi limite e persone. Non era facile, anche dal cirillico. >http://questionedistile.gazzetta.it/2018/11/13/le-parole-di-tete-quelle-di-barelli-i-test-della-kohler-il-team-di-fiore-e-le-seconde-linee-russe/ >Per la cronaca: 1 Grinev 46.39 2. Kolesnikov 46.43. Mentre 46.58 era il tempo limite richiesto. >Comunque non è un problema, in fondo è solo nuoto e il suo blog è una buona fonte di informazione. Ogni tanto però faccio il paragone e penso a come mi prendono in giro i giornali, le tv, le radio, per non parlare di internet, quando affrontano argomenti di cui so poco o nulla, cioè il 99,9% degli argomenti. >Spread, benzina, vita su Marte...cose del genere :D Le fake news su Internet e sui social secondo me sono uno dei problemi principali del nostro tempo. Io stesso ne avevo sottovalutato la rilevanza (anche perchè, come detto più volte, sono a-social), poi mi sono reso conto che, in un'epoca di straniamenti e rancori diffusi, una quota davvero notevole della popolazione crede a notizie senza fondamento, ma che vengono rilanciate su Internet con grande efficacia. Non voglio però andare off-topic e trattare "argomenti seri" in questo forum che, sono il primo a pensarlo, deve servire a rilassarsi parlando della nostra passione comune: il nuoto (e altri sport).
 
1
risposta

Avevo salutato con favore e cominciato a leggere volentieri Swimswam Italia perchè, da super-appassionato, apprezzo qualsiasi novità riguardante il nuoto, ma, nulla contro la Cisale (che non conosco), dopo averne letti un po', devo dire che leggere i suoi report di un evento natatorio lo trovo un'esperienza abbastanza demoralizzante.

Concordo, io continuo a seguire SwimSwam Italia come fonte di notizie ma poche volte ho letto suoi articoli senza notare errori di qualche tipo (e non è che io sia chissà quale esperto di nuoto o di scrittura quindi alcuni mi sfuggono anche con tutta probabilità), una volta non ho resistito dal commentare dopo aver letto degli ottimi risultati in vasca dellA nuotatRICE giapponese Daiya Seto smile

>Avevo salutato con favore e cominciato a leggere volentieri Swimswam Italia perchè, da super-appassionato, apprezzo qualsiasi novità riguardante il nuoto, ma, nulla contro la Cisale (che non conosco), dopo averne letti un po', devo dire che leggere i suoi report di un evento natatorio lo trovo un'esperienza abbastanza demoralizzante. Concordo, io continuo a seguire SwimSwam Italia come fonte di notizie ma poche volte ho letto suoi articoli senza notare errori di qualche tipo (e non è che io sia chissà quale esperto di nuoto o di scrittura quindi alcuni mi sfuggono anche con tutta probabilità), una volta non ho resistito dal commentare dopo aver letto degli ottimi risultati in vasca dellA nuotatRICE giapponese Daiya Seto :D
modificato Nov 23 a 3:25 pm
 
0
risposta

Concordo, io continuo a seguire SwimSwam Italia come fonte di notizie ma poche volte ho letto suoi articoli senza notare errore di qualche tipo (e non è che io sia chissà quale esperto di nuoto o di scrittura quindi alcuni mi sfuggono anche con tutta probabilità), una volta non ho resistito dal commentare dopo aver letto degli ottimi risultati in vasca dellA nuotatRICE giapponese Daiya Seto smile

Per citarne solo un altro (ma sono tanti quelli che ricordo, nonostante abbia letto sicuramente meno della metà degli articoli apparsi su Swimswam Italia) ricordo le breve righe a commento del 100sl al recente Nico Sapio, vinto dalla Dahlia in 52.56 sulla Pellegrini (52.70).

Come è ovvio conoscendo le caratteristiche delle nuotatrici, in quel 100sl la Pellegrini, nella seconda metà di gara, ha rimontato molto del vantaggio che la Dahlia aveva ai 50m.

Invece la Cisale scrisse che era stata l'americana alla fine a prevalere, dopo che la Pellegrini era in testa ai 50m..

Ora, anche se uno non ha visto la gara, per le caratteristiche delle nuotatrici è ben difficile immaginare possibile una cosa del genere.

>Concordo, io continuo a seguire SwimSwam Italia come fonte di notizie ma poche volte ho letto suoi articoli senza notare errore di qualche tipo (e non è che io sia chissà quale esperto di nuoto o di scrittura quindi alcuni mi sfuggono anche con tutta probabilità), una volta non ho resistito dal commentare dopo aver letto degli ottimi risultati in vasca dellA nuotatRICE giapponese Daiya Seto :D Per citarne solo un altro (ma sono tanti quelli che ricordo, nonostante abbia letto sicuramente meno della metà degli articoli apparsi su Swimswam Italia) ricordo le breve righe a commento del 100sl al recente Nico Sapio, vinto dalla Dahlia in 52.56 sulla Pellegrini (52.70). Come è ovvio conoscendo le caratteristiche delle nuotatrici, in quel 100sl la Pellegrini, nella seconda metà di gara, ha rimontato molto del vantaggio che la Dahlia aveva ai 50m. Invece la Cisale scrisse che era stata l'americana alla fine a prevalere, dopo che la Pellegrini era in testa ai 50m.. Ora, anche se uno non ha visto la gara, per le caratteristiche delle nuotatrici è ben difficile immaginare possibile una cosa del genere.
modificato Nov 23 a 2:52 pm
 
0
risposta

Purtroppo la proliferazione di siti web e blog a tema sportivo ha portato ad un abbassamento della qualita' degli articoli. Sospetto sia dovuto al fatto che spesso sono scritti da giovani pagati per il numero di articoli e quindi si predilige la quantita'alla qualita'. Ricordo una volta, un articolo per Swimbiz era talmente illegibile - frasi senza senso compiuto, verbi sbagliati - che mi sono sentita in dovere di mandare una mail all'autore per chiedergli di correggerlo. Il ragazzo poverino si e' scusato profondamente (ho capito poi che lo faceva un po'a tempo perso), ma credo che un livello minimo di leggibiilta'debba essere garantito dagli autori de sito.
Altro caso lampante, l'articolo di Giusy Cisale che avete linkato, va bene che e'una traduzione, ma fa venire mal di testa a leggerlo.

Discorso diverso per chi scrive di mestiere (es. Arcobelli), mi aspetterei almeno in questo caso almeno una rilettura del testo e invece e'sempre pieno di errori di battitura e refusi.
Su Swimbiz, poco da dire, personalmente non mi piace per niente il modo di scrivere di Zicche, lo trovo troppo arzigogolato, quasi un flusso di coscienza. A un certo punto avevo pensato di propormi per scrivergli io gli articoli... smile

Purtroppo la proliferazione di siti web e blog a tema sportivo ha portato ad un abbassamento della qualita' degli articoli. Sospetto sia dovuto al fatto che spesso sono scritti da giovani pagati per il numero di articoli e quindi si predilige la quantita'alla qualita'. Ricordo una volta, un articolo per Swimbiz era talmente illegibile - frasi senza senso compiuto, verbi sbagliati - che mi sono sentita in dovere di mandare una mail all'autore per chiedergli di correggerlo. Il ragazzo poverino si e' scusato profondamente (ho capito poi che lo faceva un po'a tempo perso), ma credo che un livello minimo di leggibiilta'debba essere garantito dagli autori de sito. Altro caso lampante, l'articolo di Giusy Cisale che avete linkato, va bene che e'una traduzione, ma fa venire mal di testa a leggerlo. Discorso diverso per chi scrive di mestiere (es. Arcobelli), mi aspetterei almeno in questo caso almeno una rilettura del testo e invece e'sempre pieno di errori di battitura e refusi. Su Swimbiz, poco da dire, personalmente non mi piace per niente il modo di scrivere di Zicche, lo trovo troppo arzigogolato, quasi un flusso di coscienza. A un certo punto avevo pensato di propormi per scrivergli io gli articoli... ;)
 
0
risposta

Alcuni giorni fa mi è capitato di leggere un articolo sulla piscina che stanno ristrutturando a Pavullo (Mo).
Impianto con tre vasche, due dedicate a bimbi piccoli, anziani, principianti, riabilitazione etc, e poi la vasca da 25 metri.
Tutto bene, a parte la profondità max della vasca da 25 metri, prevista di un metro e mezzo smile , per cui (ovviamente) qualcuno ha eccepito.
La risposta del sindaco? Tutti i cittadini di Pavullo che frequenteranno la piscina, toccando in ogni punto della stessa, potranno sentirsi sicuri..
E io che pensavo che in piscina ci si andasse per imparare a nuotare, vincere la paura dell'acqua etc
Niente affatto, ci si va per muoversi nell'acqua, toccando il fondo (e poi magari si scava smile ).

Alcuni giorni fa mi è capitato di leggere un articolo sulla piscina che stanno ristrutturando a Pavullo (Mo). Impianto con tre vasche, due dedicate a bimbi piccoli, anziani, principianti, riabilitazione etc, e poi la vasca da 25 metri. Tutto bene, a parte la profondità max della vasca da 25 metri, prevista di un metro e mezzo (wasntme) , per cui (ovviamente) qualcuno ha eccepito. La risposta del sindaco? Tutti i cittadini di Pavullo che frequenteranno la piscina, toccando in ogni punto della stessa, potranno sentirsi sicuri.. E io che pensavo che in piscina ci si andasse per imparare a nuotare, vincere la paura dell'acqua etc Niente affatto, ci si va per muoversi nell'acqua, toccando il fondo (e poi magari si scava :D ).
modificato Dec 1 a 3:06 pm
 
0
risposta
Dettagli Discussione
647
viste
13 risposte
5 followers
anteprima immediata
inserisci almeno 10 caratteri
ATTENZIONE: Hai menzionato %MENTIONS%, ma non possono vedere questo messaggio e non ne riceveranno notifica
Salvataggio...
Salvato
With selected deselect posts show selected posts
Tutti i messaggi di questo argomento saranno cancellato ?
Bozza in attesa ... Click per tornare alla modifica
Elimina la bozza