Advertisement

Faranno finta di niente per cercare di chiudere questa polemica. L'unica cosa che mi chiedo è: avesse fatto qualche altro nuotatore le illazioni che ha fatto la Pellegrini avrebbero lasciato correre?

E' già arrivato lo scontato intervento pacificatore del presidente del Coni Malagò che, dopo avere detto che "tutte le opinioni sull'assegnazione del premio sono legittime", è però andato oltre parlando di condivisibilità delle cose scritte dalla Pellegrini.

Ha anche aggiunto che, forse, sarebbe meglio cambiare le regole del premio Castagnetti, introducendo un limite al numero di volte che un allenatore può essere premiato.

Ok, del tutto inutile che faccia altre considerazioni sulla vicenda smile

>Faranno finta di niente per cercare di chiudere questa polemica. L'unica cosa che mi chiedo è: avesse fatto qualche altro nuotatore le illazioni che ha fatto la Pellegrini avrebbero lasciato correre? E' già arrivato lo scontato intervento pacificatore del presidente del Coni Malagò che, dopo avere detto che "tutte le opinioni sull'assegnazione del premio sono legittime", è però andato oltre parlando di condivisibilità delle cose scritte dalla Pellegrini. Ha anche aggiunto che, forse, sarebbe meglio cambiare le regole del premio Castagnetti, introducendo un limite al numero di volte che un allenatore può essere premiato. Ok, del tutto inutile che faccia altre considerazioni sulla vicenda :D
 
1
risposta

Mi è capito solo oggi pomeriggio di leggere l'articolo su Swimswam/Italia, ad opera di Giusy Cisale, sull'audizione di Magnini e Santucci alla Nado e vi ripropongo il mio commento (chi voglia leggere l'articolo lo trova sul suddetto sito)

**"Chiarito la posizione di due Campioni Azzurri..", "il Campione Filippo Magnini...",
Quante maiuscole e quante "premure", anche dopo avere (purtroppo) saputo che i suddetti campioni hanno avuto certe frequentazioni e, nel caso di Magnini, addirittura amicizie....
Il garantismo in materia penale è doveroso, ma, almeno un tempo (probabilmente sono io ad essere vecchio dentro), era anche doveroso, per le persone "normali" (non uso nemmeno gli aggettivi "rispettabili" o "perbene" ), stare alla larga da chi, il dott. Porcellini nel nostro caso, aveva già subito una condanna per spaccio di stupefacenti, oltre ad avere, ho letto dalla Gazzetta, un procedimento in corso per maltrattamenti..

Quante premure, ripeto, quanta voglia di archiviare tutto e suonare di nuovo le fanfare per "i Grandi Campioni Modello per i gggiovani.."

Come diceva uno che forse la maiuscola di campione la meritava davvero anche nella vita (Gino Bartali): "Tutto sbagliato, tutto da rifare.."
**

Nei giorni scorsi ho letto l'intervista del presidente Fin Barelli, per una volta d'accordo con il presidente Coni Malagò nell'auspicare che tutta la vicenda Pellegrini-Paltrinieri-Morini si chiuda in fretta e furia, senza problemi (e visto che "indaga" la Procura della Fin, come non credere che sarà, o è già stato, così..).

Tre considerazioni finali

1) Questa voglia di far finta di niente, lasciare che il tempo faccia dimenticare tutto, la trovo sbagliatissima, oltre che abbastanza ipocrita.

2) Mai riuscirei a scrivere articoli, non solo con l'eccesso di maiuscole smile , ma anche con il tono che ha usato Giusy Cisale.
E, se devo essere sincero, mi sembra di avere percepito anche in questo sito una gran voglia di "addà passà 'a nuttata.." per le due vicende del topic da me aperto.

3) Mi si dirà che per me forse è facile, non conoscendo personalmente nessuno dei nostri campioni, e scrivendo dietro un nick da forum, ma in realtà non avrei nessun problema a dire le stesse cose ai diretti interessati presentandomi di persona.
Un conto è la sacrosanta ammirazione per le doti atletiche, le qualità natatorie, etc; altra cosa è valutare in piena libertà di critica i fatti extra-natatori che emergono.
Mai avuto problemi a criticare esplicitamente Phelps (mio massimo eroe natatorio) ai tempi dei party con bong e in occasione dei DUI, e non capisco perchè, chi è dell'ambiente, debba trattare in guanti bianchi gli eroi natatori nostrani sempre e comunque.

Come ho già scritto, ritengo sbagliatissimo, anzi: Assurdo (con la maiuscola) volere a tutti i costi fare, di chi non lo merita, un modello di vita a 360°.

Mi è capito solo oggi pomeriggio di leggere l'articolo su Swimswam/Italia, ad opera di Giusy Cisale, sull'audizione di Magnini e Santucci alla Nado e vi ripropongo il mio commento (chi voglia leggere l'articolo lo trova sul suddetto sito) ****"Chiarito la posizione di due Campioni Azzurri..", "il Campione Filippo Magnini...", Quante maiuscole e quante "premure", anche dopo avere (purtroppo) saputo che i suddetti campioni hanno avuto certe frequentazioni e, nel caso di Magnini, addirittura amicizie.... Il garantismo in materia penale è doveroso, ma, almeno un tempo (probabilmente sono io ad essere vecchio dentro), era anche doveroso, per le persone "normali" (non uso nemmeno gli aggettivi "rispettabili" o "perbene" ), stare alla larga da chi, il dott. Porcellini nel nostro caso, aveva già subito una condanna per spaccio di stupefacenti, oltre ad avere, ho letto dalla Gazzetta, un procedimento in corso per maltrattamenti.. Quante premure, ripeto, quanta voglia di archiviare tutto e suonare di nuovo le fanfare per "i Grandi Campioni Modello per i gggiovani.." Come diceva uno che forse la maiuscola di campione la meritava davvero anche nella vita (Gino Bartali): "Tutto sbagliato, tutto da rifare.." ** Nei giorni scorsi ho letto l'intervista del presidente Fin Barelli, per una volta d'accordo con il presidente Coni Malagò nell'auspicare che tutta la vicenda Pellegrini-Paltrinieri-Morini si chiuda in fretta e furia, senza problemi (e visto che "indaga" la Procura della Fin, come non credere che sarà, o è già stato, così..). Tre considerazioni finali 1) Questa voglia di far finta di niente, lasciare che il tempo faccia dimenticare tutto, la trovo sbagliatissima, oltre che abbastanza ipocrita. 2) Mai riuscirei a scrivere articoli, non solo con l'eccesso di maiuscole :) , ma anche con il tono che ha usato Giusy Cisale. E, se devo essere sincero, mi sembra di avere percepito anche in questo sito una gran voglia di "addà passà 'a nuttata.." per le due vicende del topic da me aperto. 3) Mi si dirà che per me forse è facile, non conoscendo personalmente nessuno dei nostri campioni, e scrivendo dietro un nick da forum, ma in realtà non avrei nessun problema a dire le stesse cose ai diretti interessati presentandomi di persona. Un conto è la sacrosanta ammirazione per le doti atletiche, le qualità natatorie, etc; altra cosa è valutare in piena libertà di critica i fatti extra-natatori che emergono. Mai avuto problemi a criticare esplicitamente Phelps (mio massimo eroe natatorio) ai tempi dei party con bong e in occasione dei DUI, e non capisco perchè, chi è dell'ambiente, debba trattare in guanti bianchi gli eroi natatori nostrani sempre e comunque. Come ho già scritto, ritengo sbagliatissimo, anzi: Assurdo (con la maiuscola) volere a tutti i costi fare, di chi non lo merita, un modello di vita a 360°.
modificato Oct 31 '17 a 5:12 pm
 
2
risposta

C'è bisogno che dica che sono totalmente d'accordo?

E c'è bisogno che aggiunga, anche se fa male, che non metto la mano sul fuoco assolutamente su nessun Campione, che sia nostrano o d'importazione e che anzi son convinto che più o meno "così fan tutti"? Infatti seguire gli sport in genere mi entusiasma sempre meno. Poi specifico come sempre che il nuoto è forse lo sport in cui la questione è più aleatoria: fattori morfologici prima che tecnici, influenzano la prestazione più della condizione atletica, e quindi più del doping per cui, magari un fenomeno è tale senza doparsi e... senza allenarsi.

Sul party con bong e in occasione dei DUI di Phelps però non calcherei troppo la mano: episodi diversamente disdicevoli (o irresponsabili) ma che non metto in relazione alla figura di atleta (perchè non credo assolutamente alla questione "modello per i giovani" ) e neppure reputo particolarmente riprovevoli (chiaramente la pericolosità potenzialmente criminale della guida in stato di ebbrezza è una questione a parte).

C'è bisogno che dica che sono totalmente d'accordo? E c'è bisogno che aggiunga, anche se fa male, che non metto la mano sul fuoco assolutamente su nessun Campione, che sia nostrano o d'importazione e che anzi son convinto che più o meno "così fan tutti"? Infatti seguire gli sport in genere mi entusiasma sempre meno. Poi specifico come sempre che il nuoto è forse lo sport in cui la questione è più aleatoria: fattori morfologici prima che tecnici, influenzano la prestazione più della condizione atletica, e quindi più del doping per cui, magari un fenomeno è tale senza doparsi e... senza allenarsi. Sul party con bong e in occasione dei DUI di Phelps però non calcherei troppo la mano: episodi diversamente disdicevoli (o irresponsabili) ma che non metto in relazione alla figura di atleta (perchè non credo assolutamente alla questione "modello per i giovani" ) e neppure reputo particolarmente riprovevoli (chiaramente la pericolosità potenzialmente criminale della guida in stato di ebbrezza è una questione a parte).
modificato Nov 1 '17 a 1:11 pm
 
2
risposta

Assolutamente d'accordo con tutto cio'che e' stato detto fin'ora.

E' che fondamentalmente siamo troppo ottimisti e pensiamo che dietro una persona che eccelle a livello sportivo ci sia anche "rettitudine", salvo poi essere smentiti alla prima occasione.

Ora i social media amplificano il tutto e di sicuro non aiutano in questo senso (e qui devo dar ragione a Umberto Eco..). Poi di sicuro il comportamento di Federazione e Coni non aiuta, facendo passare sotto silenzio tali atteggiamenti non ci si puo' aspettare nessun cambiamento.

Concludo dicendo che sono d'accordo con Nuotatore, non metto la mano sul fuoco su nessuno. Qualche giorno fa' per curiosita' mi sono messa a leggere commenti vari su Instagram e Ask di "campioncini" piu' volte incensati su questo forum e vi assicuro c'e' da rabbrividire.

Assolutamente d'accordo con tutto cio'che e' stato detto fin'ora. E' che fondamentalmente siamo troppo ottimisti e pensiamo che dietro una persona che eccelle a livello sportivo ci sia anche "rettitudine", salvo poi essere smentiti alla prima occasione. Ora i social media amplificano il tutto e di sicuro non aiutano in questo senso (e qui devo dar ragione a Umberto Eco..). Poi di sicuro il comportamento di Federazione e Coni non aiuta, facendo passare sotto silenzio tali atteggiamenti non ci si puo' aspettare nessun cambiamento. Concludo dicendo che sono d'accordo con Nuotatore, non metto la mano sul fuoco su nessuno. Qualche giorno fa' per curiosita' mi sono messa a leggere commenti vari su Instagram e Ask di "campioncini" piu' volte incensati su questo forum e vi assicuro c'e' da rabbrividire.
 
1
risposta

Concludo dicendo che sono d'accordo con Nuotatore, non metto la mano sul fuoco su nessuno. Qualche giorno fa' per curiosita' mi sono messa a leggere commenti vari su Instagram e Ask di "campioncini" piu' volte incensati su questo forum e vi assicuro c'e' da rabbrividire.

Visto che siamo in tema di "confessioni"..
Io non frequento i social, e tantomeno sono follower di chiunque, ma più più o meno due anni fa, quando cominciava a mietere record giovanili, ho fatto una banale ricerca su Google a proposito di Ceccon e (ahimè) mi è capito di cliccare su Ask (che non sapevo nemmeno cosa fosse).
Sì, c'era da rabbrividire.

Mia morale (probabilmente demodè).
Uno/a può essere un grande, sublime nuotatore/talento acquatico, può anche vincere medaglie su medaglie a livello mondiale o addirittura olimpico, ma questo non ha nulla a che fare con il discorso del "modello di vita".

Se uno/a scrive delle corbellerie o si comporta in modo irresponsabile o scorretto o anche semplicemente molto poco altruistico verso i compagni/e, per me non dovrebbe MAI essere indicato/a come "modello per i giovani"..
E chi, in nome delle medaglie vinte dal Vip (o potenziale Vip), accetta e giustifica tutto, per me compie un pessimo servizio alla comunità in senso lato.

PS @Nuotatore: nemmeno io metto in relazione bong e Dui con la figura di atleta di Phelps (anzi, queste evidenti fragilità umane, poi completamente disvelate, per certi versi rendono ancora più strabilianti le vittorie ottenute da chi per molti anni è stato considerato un mero "automa natatorio" ), ma con il discorso del "modello di vita" sì.
Phelps pare abbia poi fatto indubbi progressi nel controllo dei suoi problemi, e di questo sono contento per lui, ma il mio discorso è semplice: valutiamo i comportamenti, di ognuno, indipendentemente dai successi (eventualmente) conseguiti.

La legge (il giudizio) dovrebbe essere uguale per tutti.

>Concludo dicendo che sono d'accordo con Nuotatore, non metto la mano sul fuoco su nessuno. Qualche giorno fa' per curiosita' mi sono messa a leggere commenti vari su Instagram e Ask di "campioncini" piu' volte incensati su questo forum e vi assicuro c'e' da rabbrividire. Visto che siamo in tema di "confessioni".. Io non frequento i social, e tantomeno sono follower di chiunque, ma più più o meno due anni fa, quando cominciava a mietere record giovanili, ho fatto una banale ricerca su Google a proposito di Ceccon e (ahimè) mi è capito di cliccare su Ask (che non sapevo nemmeno cosa fosse). Sì, c'era da rabbrividire. Mia morale (probabilmente demodè). Uno/a può essere un grande, sublime nuotatore/talento acquatico, può anche vincere medaglie su medaglie a livello mondiale o addirittura olimpico, ma questo non ha nulla a che fare con il discorso del "modello di vita". Se uno/a scrive delle corbellerie o si comporta in modo irresponsabile o scorretto o anche semplicemente molto poco altruistico verso i compagni/e, per me non dovrebbe MAI essere indicato/a come "modello per i giovani".. E chi, in nome delle medaglie vinte dal Vip (o potenziale Vip), accetta e giustifica tutto, per me compie un pessimo servizio alla comunità in senso lato. PS @Nuotatore: nemmeno io metto in relazione bong e Dui con la figura di atleta di Phelps (anzi, queste evidenti fragilità umane, poi completamente disvelate, per certi versi rendono ancora più strabilianti le vittorie ottenute da chi per molti anni è stato considerato un mero "automa natatorio" ), ma con il discorso del "modello di vita" sì. Phelps pare abbia poi fatto indubbi progressi nel controllo dei suoi problemi, e di questo sono contento per lui, ma il mio discorso è semplice: valutiamo i comportamenti, di ognuno, indipendentemente dai successi (eventualmente) conseguiti. La legge (il giudizio) dovrebbe essere uguale per tutti.
modificato Nov 1 '17 a 5:13 pm
 
0
risposta

La prima risposta agonistica di Magnini all'inchiesta è stata buona, (volevo dire..."positiva" ma non mi sembra il caso di usare questo aggettivo...) visti i tempi segnati sui 200 in corta nei recenti meeting. E questo è un punto a favore di Filippo.
La magistratura ordinaria ha già stabilito il non luogo a procedere nei confronti di Magnini, ma quella sportiva deve continuare ad indagare. Ciò che infatti non è reato nel sistema ordinario può esserlo in quello sportivo. Pertanto Nado Italia (ovvero la ex-procura antidoping del Coni) sta continuando ad approfondire.
Se l'atleta dovesse essere scagionato definitivamente (come penso) la notizia avrà una rilevanza minuscola sui mezzi di informazione, mentre il coinvolgimento e l'indagine sono state riportate su tutti i giornali e i siti del mondo, con ampio risalto. E questa è una situazione su cui riflettere.

La prima risposta agonistica di Magnini all'inchiesta è stata buona, (volevo dire..."positiva" ma non mi sembra il caso di usare questo aggettivo...) visti i tempi segnati sui 200 in corta nei recenti meeting. E questo è un punto a favore di Filippo. La magistratura ordinaria ha già stabilito il non luogo a procedere nei confronti di Magnini, ma quella sportiva deve continuare ad indagare. Ciò che infatti non è reato nel sistema ordinario può esserlo in quello sportivo. Pertanto Nado Italia (ovvero la ex-procura antidoping del Coni) sta continuando ad approfondire. Se l'atleta dovesse essere scagionato definitivamente (come penso) la notizia avrà una rilevanza minuscola sui mezzi di informazione, mentre il coinvolgimento e l'indagine sono state riportate su tutti i giornali e i siti del mondo, con ampio risalto. E questa è una situazione su cui riflettere.
 
0
risposta

Ma pare abbia annunciato il ritiro? Mah?! smile

Ma pare abbia annunciato il ritiro? Mah?! (wasntme)
 
1
risposta

Ma pare abbia annunciato il ritiro? Mah?! smile

Già. Dopo avere letto (e per quel che mi riguarda non è facile arrivare alla fine dei suoi pezzi.., ma ammetto la mia limitatezza smile ) anche il "presunto" anticonformista Darkpool esprimere la sua ammirazione per il timing scelto da Magnini per annunciare il suo ritiro, pensavo a come, in altre nazioni, un atleta che decidesse di annunciare il suo ritiro con un'indagine Nado ancora aperta nei suoi confronti, magari avrebbe raccolto commenti meno entusiastici di quelli letti e ascoltati da tanti commentatori "ufficiali" nostrani.

Xman, sopra, ha espresso concetti generali più che condivisibili. Nel caso in ispecie, come già scritto in precedenza, mi ha stupito (e amareggiato) la frequentazione così stretta con un personaggio come Porcellini che abbiamo appreso avere già procedimenti, di vario tipo, aperti.

Ma questo attiene al discorso già fatto sulla distinzione tra grandi campioni sportivi e "modelli di vita", e non voglio ripetermi.

>Ma pare abbia annunciato il ritiro? Mah?! (wasntme) Già. Dopo avere letto (e per quel che mi riguarda non è facile arrivare alla fine dei suoi pezzi.., ma ammetto la mia limitatezza :) ) anche il "presunto" anticonformista Darkpool esprimere la sua ammirazione per il timing scelto da Magnini per annunciare il suo ritiro, pensavo a come, in altre nazioni, un atleta che decidesse di annunciare il suo ritiro con un'indagine Nado ancora aperta nei suoi confronti, magari avrebbe raccolto commenti meno entusiastici di quelli letti e ascoltati da tanti commentatori "ufficiali" nostrani. Xman, sopra, ha espresso concetti generali più che condivisibili. Nel caso in ispecie, come già scritto in precedenza, mi ha stupito (e amareggiato) la frequentazione così stretta con un personaggio come Porcellini che abbiamo appreso avere già procedimenti, di vario tipo, aperti. Ma questo attiene al discorso già fatto sulla distinzione tra grandi campioni sportivi e "modelli di vita", e non voglio ripetermi.
 
1
risposta

Vedo che non sono l'unica a pensarla in questo modo. Peraltro mi ha molto "appassionato" anche la lettura/ascolto del discorso di addio al nuoto che, come sempre, ha messo in evidenza la mancanza di quella caratteristica tipica di tutti i nuotatori, specialmente se campioni, che è appunto la modestia...smile

Vedo che non sono l'unica a pensarla in questo modo. Peraltro mi ha molto "appassionato" anche la lettura/ascolto del discorso di addio al nuoto che, come sempre, ha messo in evidenza la mancanza di quella caratteristica tipica di tutti i nuotatori, specialmente se campioni, che è appunto la modestia...:D
 
0
risposta

Arrivate le decisioni della Procura antidoping e, lungi dal chiudere il caso, le sanzioni richieste per Magnini (soprattutto) e Santucci sono pesantissime: 8 anni per il bi-campione mondiale dei 100sl, 4 anni per il pluri-titolare della 4x100sl italiana.

L'accusa è di uso o tentato uso di sostanze dopanti, favoreggiamento e - solo per Magnini - somministrazione o tentata somministrazione di sostanza vietata.

Il processo verrà celebrato nell'autunno e solo lì, non certo su dei forum o dei giornali, si emetterà la sentenza.

Certo, restano (inutile dire che si consolidano, perchè certe cose erano difficilmente spiegabili fin dall'inizio) tutte le perplessità "umane", più volte esplicitate nei post precedenti, e che quindi è inutile che ripeta.

Ultima notazione: non sono certo un esperto in materia, ma richieste di pena così elevate da parte della Procura antidoping le ricordo solo in pochi casi "eclatanti" (tipo Riccò per il ciclismo o Barbi per l'atletica).
Che il nuoto (tra l'altro con un bi-campione del mondo come Magnini che aveva fatto della lotta al doping un manifesto, e con un nazionale italiano per tanti anni come Santucci) sia entrato in questo triste elenco mi amareggia profondamente.

Comunque, attendiamo l'epilogo giudiziario.

Arrivate le decisioni della Procura antidoping e, lungi dal chiudere il caso, le sanzioni richieste per Magnini (soprattutto) e Santucci sono pesantissime: 8 anni per il bi-campione mondiale dei 100sl, 4 anni per il pluri-titolare della 4x100sl italiana. L'accusa è di uso o tentato uso di sostanze dopanti, favoreggiamento e - solo per Magnini - somministrazione o tentata somministrazione di sostanza vietata. Il processo verrà celebrato nell'autunno e solo lì, non certo su dei forum o dei giornali, si emetterà la sentenza. Certo, restano (inutile dire che si consolidano, perchè certe cose erano difficilmente spiegabili fin dall'inizio) tutte le perplessità "umane", più volte esplicitate nei post precedenti, e che quindi è inutile che ripeta. Ultima notazione: non sono certo un esperto in materia, ma richieste di pena così elevate da parte della Procura antidoping le ricordo solo in pochi casi "eclatanti" (tipo Riccò per il ciclismo o Barbi per l'atletica). Che il nuoto (tra l'altro con un bi-campione del mondo come Magnini che aveva fatto della lotta al doping un manifesto, e con un nazionale italiano per tanti anni come Santucci) sia entrato in questo triste elenco mi amareggia profondamente. Comunque, attendiamo l'epilogo giudiziario.
 
1
risposta

Mi è capitato di leggere, su repubblica.it, un articolo su Stefano Morini "leone da tastiera" (diciamo così..) oltre che famoso allenatore di nuoto, che mi ha lasciato basito (e non mi riferisco alle opinioni politiche, perchè sono un voltairiano convinto)

PS A proposito, quella indagine sugli insulti social alla Pellegrini di Tommaso Morini, figlio di Stefano, è finita in nulla, vero?

PPS ha ragione Bierre quando dice che ormai scrivere qualcosa di argomentato annoia.
E infatti spesso mi chiedo se per uno come me che evita ogni insulto e ogni polemica pretestuosa, valga la pena continuare a dedicare tempo, scrivendo lunghi e noiosi post, a un mondo in cui celebrati nuotatori e celebrati coach si rivelano - dal mio punto di vista - così deludenti sul piano umano.

Mi è capitato di leggere, su repubblica.it, un articolo su Stefano Morini "leone da tastiera" (diciamo così..) oltre che famoso allenatore di nuoto, che mi ha lasciato basito (e non mi riferisco alle opinioni politiche, perchè sono un voltairiano convinto) PS A proposito, quella indagine sugli insulti social alla Pellegrini di Tommaso Morini, figlio di Stefano, è finita in nulla, vero? PPS ha ragione Bierre quando dice che ormai scrivere qualcosa di argomentato annoia. E infatti spesso mi chiedo se per uno come me che evita ogni insulto e ogni polemica pretestuosa, valga la pena continuare a dedicare tempo, scrivendo lunghi e noiosi post, a un mondo in cui celebrati nuotatori e celebrati coach si rivelano - dal mio punto di vista - così deludenti sul piano umano.
 
0
risposta

Puoi per cortesia postare il link? Leggo Repubblica.it abitualmente ed ho appena effettuato una ricerca, anche su Google ma non risulta niente.

Puoi per cortesia postare il link? Leggo Repubblica.it abitualmente ed ho appena effettuato una ricerca, anche su Google ma non risulta niente.
 
0
risposta

Puoi per cortesia postare il link? Leggo Repubblica.it abitualmente ed ho appena effettuato una ricerca, anche su Google ma non risulta niente.

La pagina non è più disponibile (si può leggere solo il titolo facendo una ricerca del tipo: Stefano Morini su repubblica).

Lo era ieri pomeriggio, ma già verso sera non c'era più (chissà cosa è successo..).

Meglio così, perchè mi rendo conto che è meglio sapere il meno possibile della "vita reale" dei nostri "eroi natatori"...

>Puoi per cortesia postare il link? Leggo Repubblica.it abitualmente ed ho appena effettuato una ricerca, anche su Google ma non risulta niente. La pagina non è più disponibile (si può leggere solo il titolo facendo una ricerca del tipo: Stefano Morini su repubblica). Lo era ieri pomeriggio, ma già verso sera non c'era più (chissà cosa è successo..). Meglio così, perchè mi rendo conto che è meglio sapere il meno possibile della "vita reale" dei nostri "eroi natatori"...
 
0
risposta

La pagina non è più disponibile (si può leggere solo il titolo facendo una ricerca del tipo: Stefano Morini su repubblica)

Ma è precisamente quello che ho fatto e l'articolo più recente che lo menziona è degli italiani ad Aprile.

>>La pagina non è più disponibile (si può leggere solo il titolo facendo una ricerca del tipo: Stefano Morini su repubblica) Ma è precisamente quello che ho fatto e l'articolo più recente che lo menziona è degli italiani ad Aprile.
 
0
risposta

Ma è precisamente quello che ho fatto e l'articolo più recente che lo menziona è degli italiani ad Aprile.

Forse intendeva ricerca su google.

Ieri sera ho provato anch'io a cercarlo ed era rimasta solo qualche traccia, cioè altri siti che riportavano il titolo e le prime righe dell'articolo, ma non l'intero contenuto.
Oggi sono sparite anche le tracce.
Ci deve essere un Mr. Wolf anche nel nuoto.

Aggiungo, ma forse è una combinazione, che stamattina Arcobelli nel suo blog ha scritto un articolo sul caso Fraser-Kyrgios, immigrazione in Australia ecc ecc..

>Ma è precisamente quello che ho fatto e l'articolo più recente che lo menziona è degli italiani ad Aprile. Forse intendeva ricerca su google. Ieri sera ho provato anch'io a cercarlo ed era rimasta solo qualche traccia, cioè altri siti che riportavano il titolo e le prime righe dell'articolo, ma non l'intero contenuto. Oggi sono sparite anche le tracce. Ci deve essere un Mr. Wolf anche nel nuoto. Aggiungo, ma forse è una combinazione, che stamattina Arcobelli nel suo blog ha scritto un articolo sul caso Fraser-Kyrgios, immigrazione in Australia ecc ecc..
modificato Jun 19 a 7:06 pm
 
1
risposta

Mi rendo conto di essere stato uno dei pochi "privilegiati" (diciamo così..smile ) ad averlo letto prima che fosse fatto sparire dal web..

Sinceramente, ma davvero, avrei preferito non leggerlo e restare a vivere, ignaro, nel mio mondo di noiosi parametri numerici (per lavoro), volontariato e amici in carne e ossa, avendo come uniche conoscenze natatorie i risultati dei vari eventi che seguo sul web.

Comunque: già detto che le persone che apprezzo sono ben lontane da tutto quello che è stato trattato in questo topic.

PS Certo, Nuotatore, intendevo ricerca su google del tipo: Stefano Morini su repubblica.

Non ho cercato altrove (quello che ho letto mi è bastato e avanzato), ma è davvero.. significativo il fatto che, come dice Miro, nessun altro sito lo abbia riportato e sia ben presto sparito anche su repubblica.

Vabbè, niente di nuovo (qui in Italia, dove ai vincenti e ai famosi si perdona tutto per poi magari accanirsi quando il vento gira) anche per un'anima candida come me.

Mi rendo conto di essere stato uno dei pochi "privilegiati" (diciamo così..(wasntme) ) ad averlo letto prima che fosse fatto sparire dal web.. Sinceramente, ma davvero, avrei preferito non leggerlo e restare a vivere, ignaro, nel mio mondo di noiosi parametri numerici (per lavoro), volontariato e amici in carne e ossa, avendo come uniche conoscenze natatorie i risultati dei vari eventi che seguo sul web. Comunque: già detto che le persone che apprezzo sono ben lontane da tutto quello che è stato trattato in questo topic. PS Certo, Nuotatore, intendevo ricerca su google del tipo: Stefano Morini su repubblica. Non ho cercato altrove (quello che ho letto mi è bastato e avanzato), ma è davvero.. significativo il fatto che, come dice Miro, nessun altro sito lo abbia riportato e sia ben presto sparito anche su repubblica. Vabbè, niente di nuovo (qui in Italia, dove ai vincenti e ai famosi si perdona tutto per poi magari accanirsi quando il vento gira) anche per un'anima candida come me.
modificato Jun 19 a 8:38 pm
 
0
risposta

La pagina non è più disponibile (si può leggere solo il titolo facendo una ricerca del tipo: Stefano Morini su repubblica)

Ma è precisamente quello che ho fatto e l'articolo più recente che lo menziona è degli italiani ad Aprile.

Ho verificato adesso su google ed è sparito anche il titolo smile ; in altri termini non c'è più alcuna traccia di quell'articolo.

Cronologia di quanto avvenuto.

1) Articolo leggibile per intero gratuitamente (non era tra quelli a pagamento) verso le 18 di ieri sulla home page di repubblica.

2) Dopo un paio d'ore (forse meno), l'articolo era sparito dalla home page di repubblica

3) Ho fatto una rapida ricerca su google oggi pomeriggio dopo la richiesta di Nuotatore e veniva riportato il titolo, ma cliccando dava "pagina non trovata".

4) Ora ho ricontrollato e non c'è più nulla, nemmeno il titolo.

>>>La pagina non è più disponibile (si può leggere solo il titolo facendo una ricerca del tipo: Stefano Morini su repubblica) >Ma è precisamente quello che ho fatto e l'articolo più recente che lo menziona è degli italiani ad Aprile. Ho verificato adesso su google ed è sparito anche il titolo :) ; in altri termini non c'è più alcuna traccia di quell'articolo. Cronologia di quanto avvenuto. 1) Articolo leggibile per intero gratuitamente (non era tra quelli a pagamento) verso le 18 di ieri sulla home page di repubblica. 2) Dopo un paio d'ore (forse meno), l'articolo era sparito dalla home page di repubblica 3) Ho fatto una rapida ricerca su google oggi pomeriggio dopo la richiesta di Nuotatore e veniva riportato il titolo, ma cliccando dava "pagina non trovata". 4) Ora ho ricontrollato e non c'è più nulla, nemmeno il titolo.
 
0
risposta

Forse intendeva ricerca su google.

Certo, come detto ho cercato anche lì ma mi rendo conto che distratto, Chrome mi aveva mandato subito al risultato di Repubblica.it, peraltro già visionato (e mancante). Fatta le debita ricerca, vedo anch'io i link sterili. Peccato che non esista copia cache delle pagine di Repubblica. O forse... meglio così da quanto ho capito.

P.S. Io ovviamente ho cercato anche altrove ma il paio di siti che lo riportavano, sempre in piedi, sono rassegne stampa col link all'originale... e in quanto al punto #4 Nuotofan, ti devo smentire perchè i risultati son sempre lì.

>>Forse intendeva ricerca su google. Certo, come detto ho cercato anche lì ma mi rendo conto che distratto, Chrome mi aveva mandato subito al risultato di Repubblica.it, peraltro già visionato (e mancante). Fatta le debita ricerca, vedo anch'io i link sterili. Peccato che non esista copia cache delle pagine di Repubblica. O forse... meglio così da quanto ho capito. P.S. Io ovviamente ho cercato anche altrove ma il paio di siti che lo riportavano, sempre in piedi, sono rassegne stampa col link all'originale... e in quanto al punto #4 **Nuotofan**, ti devo smentire perchè i risultati son sempre lì.
modificato Jun 19 a 10:45 pm
 
0
risposta

"Morale" di quanto accaduto.

O repubblica ha deciso sua sponte di eliminare l'articolo, oppure c'è stato un qualche intervento esterno per convincere repubblica a eliminarlo.

Strano, comunque, che nel mare magnum del web (dove si legge di tutto, anche cose ben peggiori di questo) nessuno lo abbia ripreso.

Nel primo caso: se Stefano Morini, liberamente, decide di esternare nei modi che ritiene opportuni sui social, con il proprio nome o cognome, perchè, dopo averlo scritto, nascondere quell'articolo? Sempre che (ma questo è ovvio) quell'articolo riportasse cose vere.

Nel secondo caso. Già dopo lo scambio social tra la Pellegrini e Paltrinieri, con intervento finale di Morini jr, la Fin aveva chiesto "prudenza" sui social, minacciando sanzioni, poi mai arrivate.

Trovo abbastanza ridicolo, se è stato fatto, continuare a cercare di nascondere cosa i propri tesserati famosi dicono.

Sono tutte persone maggiorenni, responsabili dei loro atti e degli eventuali danni di immagine che da tali atti derivano.

A meno che - equivoco di fondo - non si voglia far credere ai più giovani che basta essere un grande campione o un grande allenatore per essere un riferimento, un modello di vita.

Già detto più volte che lo trovo sbagliatissimo, e nelle vicende trattate in questo topic se ne sono avute, per me, ampie riprove.

"Morale" di quanto accaduto. O repubblica ha deciso sua sponte di eliminare l'articolo, oppure c'è stato un qualche intervento esterno per convincere repubblica a eliminarlo. Strano, comunque, che nel mare magnum del web (dove si legge di tutto, anche cose ben peggiori di questo) nessuno lo abbia ripreso. Nel primo caso: se Stefano Morini, liberamente, decide di esternare nei modi che ritiene opportuni sui social, con il proprio nome o cognome, perchè, dopo averlo scritto, nascondere quell'articolo? Sempre che (ma questo è ovvio) quell'articolo riportasse cose vere. Nel secondo caso. Già dopo lo scambio social tra la Pellegrini e Paltrinieri, con intervento finale di Morini jr, la Fin aveva chiesto "prudenza" sui social, minacciando sanzioni, poi mai arrivate. Trovo abbastanza ridicolo, se è stato fatto, continuare a cercare di nascondere cosa i propri tesserati famosi dicono. Sono tutte persone maggiorenni, responsabili dei loro atti e degli eventuali danni di immagine che da tali atti derivano. A meno che - equivoco di fondo - non si voglia far credere ai più giovani che basta essere un grande campione o un grande allenatore per essere un riferimento, un modello di vita. Già detto più volte che lo trovo sbagliatissimo, e nelle vicende trattate in questo topic se ne sono avute, per me, ampie riprove.
 
0
risposta
12
Dettagli Discussione
1.97k
viste
38 risposte
9 followers
anteprima immediata
inserisci almeno 10 caratteri
ATTENZIONE: Hai menzionato %MENTIONS%, ma non possono vedere questo messaggio e non ne riceveranno notifica
Salvataggio...
Salvato
With selected deselect posts show selected posts
Tutti i messaggi di questo argomento saranno cancellato ?
Bozza in attesa ... Click per tornare alla modifica
Elimina la bozza