Advertisement

Partiamo dalla 4x100 sl uomini. La stagione ha detto che gli Usa sono favoriti e probabilmente onoreranno il pronostico. Guidata da Adrian, con Dressel in gran crescita (esplosivo in frazione interna personalmente lo posizionerei all'anchor leg, con Nathan al lancio). Completano il talento Haas e il nuovo Apple. Un gruppo già pronto per vincere ma con margini di crescita per il domani. Poi in griglia di partenza russi e brasiliani, con i primi più abituati a gestire le dinamiche di squadra e i secondi per il momento da podio solo per il mero computo della somma tempi. I russi hanno buoni rincalzi per le batterie ed eventualmente riprogrammare il quartetto della finale. I brasiliani dovevano essere pronti per Rio 2016, ma hanno fallito. Ora riprovano con meno pressione e questo dovrebbe aiutarli. L'Australia paga l'assenza forzata di Chalmers e la rinuncia del cristallino (nel senso di fragile) Magnussen. McEvoy è al bivio decisivo della carriera: campione o talento inespresso, farà la sua parte ma il resto della staffetta è formato da oggetti misteriosi. Comunque non si possono sottovalutare i canguri, nel 2005 andarono a podio raccattando i duecentisti che si trovavano sul posto. E poi l'Italia. Dopo anni schieriamo un vero ricambio generazionale con gli interessanti e futuribili Miressi e Vendrame, che accompagneranno Dotto e il super veterano Mganini. Tre generazioni (ieri-oggi-domani) nello stesso Team. Siccome il taglio nelle batterie non sembra proibitivo forse si poteva portare anche Zazzeri, ma ormai la scelta è stata fatta. Siamo nel gruppetto che si litiga il bronzo, soprattutto se Dotto rilucida la forma del 2016. Destano una certa curiosità gli ungheresi padroni di casa. I magiari hanno sempre avuto una mista forte e una veloce modesta. Vediamo cosa combinano ma forse saranno più pronti agli Europei del prossimo anno. Spicca l'assenza della Francia, che ha caratterizzato gli ultimi 10 anni. Hanno un buco clamoroso sul quarto e la Federazione non ha iscritto la squadra. Metella, Stravius, Mignon devono sperare nel ritorno di Manaudou, altrimenti le loro ambizioni resteranno frustrate.

tempi:

1) Usa 3'12"27
2) Brasile 3'13"99
3) Russia 3'14"34
4) Australia 3'14"52
5) Italia 3'14"90
6) Ungheria 3'15"63

Partiamo dalla 4x100 sl uomini. La stagione ha detto che gli Usa sono favoriti e probabilmente onoreranno il pronostico. Guidata da Adrian, con Dressel in gran crescita (esplosivo in frazione interna personalmente lo posizionerei all'anchor leg, con Nathan al lancio). Completano il talento Haas e il nuovo Apple. Un gruppo già pronto per vincere ma con margini di crescita per il domani. Poi in griglia di partenza russi e brasiliani, con i primi più abituati a gestire le dinamiche di squadra e i secondi per il momento da podio solo per il mero computo della somma tempi. I russi hanno buoni rincalzi per le batterie ed eventualmente riprogrammare il quartetto della finale. I brasiliani dovevano essere pronti per Rio 2016, ma hanno fallito. Ora riprovano con meno pressione e questo dovrebbe aiutarli. L'Australia paga l'assenza forzata di Chalmers e la rinuncia del cristallino (nel senso di fragile) Magnussen. McEvoy è al bivio decisivo della carriera: campione o talento inespresso, farà la sua parte ma il resto della staffetta è formato da oggetti misteriosi. Comunque non si possono sottovalutare i canguri, nel 2005 andarono a podio raccattando i duecentisti che si trovavano sul posto. E poi l'Italia. Dopo anni schieriamo un vero ricambio generazionale con gli interessanti e futuribili Miressi e Vendrame, che accompagneranno Dotto e il super veterano Mganini. Tre generazioni (ieri-oggi-domani) nello stesso Team. Siccome il taglio nelle batterie non sembra proibitivo forse si poteva portare anche Zazzeri, ma ormai la scelta è stata fatta. Siamo nel gruppetto che si litiga il bronzo, soprattutto se Dotto rilucida la forma del 2016. Destano una certa curiosità gli ungheresi padroni di casa. I magiari hanno sempre avuto una mista forte e una veloce modesta. Vediamo cosa combinano ma forse saranno più pronti agli Europei del prossimo anno. Spicca l'assenza della Francia, che ha caratterizzato gli ultimi 10 anni. Hanno un buco clamoroso sul quarto e la Federazione non ha iscritto la squadra. Metella, Stravius, Mignon devono sperare nel ritorno di Manaudou, altrimenti le loro ambizioni resteranno frustrate. tempi: 1) Usa 3'12"27 2) Brasile 3'13"99 3) Russia 3'14"34 4) Australia 3'14"52 5) Italia 3'14"90 6) Ungheria 3'15"63
 
0
risposta

1) Usa favoriti, certo, perchè hanno dei punti fermi in un panorama, quello della 4x100sl maschile, assai "liquido" (e per questo molto interessante anche per l'Italia).
Dressel è stato messo in prima frazione, a Rio, perchè ha un tuffo da fermo spropositato, frutto di una potenza esplosiva di cui si è parlato molto e lo avvicina, come balzo in alto da fermo, ai migliori atleti della Nba e Nfl.
Probabile, quindi, che faccia ancora il lancio.

2) Nell'Australia, azzoppata dal forfeit di Chalmers che si è aggiunto a quello noto da tempo di Magnussen, ci sono giovani interessanti, soprattutto Jack Cartwright, ma è chiaro che, prendendo a prestito il nome di uno di loro, sono Incerti (Zac) su quale potrà essere il rendimento a breve..

3) Terrei d'occhio l'Ungheria, che abbina ad atleti già collaudati a livello assoluto (e comunque ancora giovani come Kozma) i grandi talenti Nemeth e Milak.
Possibile new entry per un podio aperto, ovviamente, anche a Brasile, Russia ed Italia.

1) Usa favoriti, certo, perchè hanno dei punti fermi in un panorama, quello della 4x100sl maschile, assai "liquido" (e per questo molto interessante anche per l'Italia). Dressel è stato messo in prima frazione, a Rio, perchè ha un tuffo da fermo spropositato, frutto di una potenza esplosiva di cui si è parlato molto e lo avvicina, come balzo in alto da fermo, ai migliori atleti della Nba e Nfl. Probabile, quindi, che faccia ancora il lancio. 2) Nell'Australia, azzoppata dal forfeit di Chalmers che si è aggiunto a quello noto da tempo di Magnussen, ci sono giovani interessanti, soprattutto Jack Cartwright, ma è chiaro che, prendendo a prestito il nome di uno di loro, sono Incerti (Zac) su quale potrà essere il rendimento a breve.. 3) Terrei d'occhio l'Ungheria, che abbina ad atleti già collaudati a livello assoluto (e comunque ancora giovani come Kozma) i grandi talenti Nemeth e Milak. Possibile new entry per un podio aperto, ovviamente, anche a Brasile, Russia ed Italia.
 
0
risposta

Anch'io avrei portato Zazzeri.
Senza Belgio, Francia, GBR, col Canada (se c'è) senza Condorelli, la Cina (se c'è) senza Ning, si può ipotizzare un tempo d'ingresso di poco inferiore ai 3'16". Senza rischiare più di tanto, avremmo trovato i 4 migliori da schierare in finale.
L'incognita credo che sia Miressi, soprattutto per via della maturità. Ma se sarà al meglio della forma, allora ci divertiremo. In staffetta può essere devastante, ha dimostrato di avere quella sicurezza che finora in gara individuale gli è mancata.
Dotto, Vendrame e Magnini danno più garanzie.

Anch'io avrei portato Zazzeri. Senza Belgio, Francia, GBR, col Canada (se c'è) senza Condorelli, la Cina (se c'è) senza Ning, si può ipotizzare un tempo d'ingresso di poco inferiore ai 3'16". Senza rischiare più di tanto, avremmo trovato i 4 migliori da schierare in finale. L'incognita credo che sia Miressi, soprattutto per via della maturità. Ma se sarà al meglio della forma, allora ci divertiremo. In staffetta può essere devastante, ha dimostrato di avere quella sicurezza che finora in gara individuale gli è mancata. Dotto, Vendrame e Magnini danno più garanzie.
 
0
risposta

L'assenza della Francia è uno shock solo apparente. Spesso i francesi hanno completato la loro staffetta con atleti che centisti puri non erano ma che poi in staffetta si trasformavano. Da parte Agnel che era un fuoriclasse assoluto, duecentista mostruoso e ottimo centista, ma Stravius era fenomenale come poliedricità ma non certo un centista, senza parlare di Lefert, che incredibilmente faceva parte della staffetta oro a Londra 2012. Lo stesso Manaodou è un cinquantista prestato ai cento.
Persa la generazione dei vari Gilot, Mallet, Meynard e Leveaux non avevano ricambi all'altezza, e lo si sapeva. Noi al contrario abbiamo Miressi, Vendrame e dietro Bori, Izzo e Zazzeri.
Tutto sta a vedere come staranno i nostri nelle batterie. La medaglia è possibile. Solo gli USA mi paiono inavvicinabili.
Ciao Ciao smile

L'assenza della Francia è uno shock solo apparente. Spesso i francesi hanno completato la loro staffetta con atleti che centisti puri non erano ma che poi in staffetta si trasformavano. Da parte Agnel che era un fuoriclasse assoluto, duecentista mostruoso e ottimo centista, ma Stravius era fenomenale come poliedricità ma non certo un centista, senza parlare di Lefert, che incredibilmente faceva parte della staffetta oro a Londra 2012. Lo stesso Manaodou è un cinquantista prestato ai cento. Persa la generazione dei vari Gilot, Mallet, Meynard e Leveaux non avevano ricambi all'altezza, e lo si sapeva. Noi al contrario abbiamo Miressi, Vendrame e dietro Bori, Izzo e Zazzeri. Tutto sta a vedere come staranno i nostri nelle batterie. La medaglia è possibile. Solo gli USA mi paiono inavvicinabili. Ciao Ciao :)
 
0
risposta

Passiamo alla 4x200 donne.
Dopo aver iscritto la staffetta l'Italia si è accorta che non aveva sufficienti elementi per disputarla ed è corsa frettolosamente ai ripari chiamando all'ultimo momento la Mascolo, reduce dagli Eurojunior. Costei è un'atleta con un fisico interessante da sviluppare nei prossimi anni. Può nuotare 1'59" o 2'01", dipende se sarà in grado di gestire l'emozione del debutto in nazionale maggiore. Se la Quadarella uscirà bene dai 1500 immagino farà la batteria, per poi inserire Federica in finale (se ci qualifichiamo...). Pirozzi e Mizzau sono imprevedibili, capaci di fornire prestazioni di alto livello o di affondare.
L'oro è promesso agli Stati Uniti, con Ledecky da 1'53", la Smith in continua crescita e il talento di Comerford. La quarta non è un problema. Poi ci sono le cinesi, giovani e vagamente misteriose. L'Australia punta sulla McKeon come locomotiva (che sa finalizzare il grande appuntamento). In batteria test tra la mistista Ngawati e la velocista Jack per decidere la quarta, oltre a Titmus e Wilson. Le sorti del Canada dipendono dalla condizione della Oleksiak. Se non fosse a posto può approfittarne il Giappone guidato dalla Ikee. Alla fine le nordamericane potrebbero rimpiangere il mancato ripescaggio della Ruck, pimpante al Mare Nostrum. L'Ungheria inserisce la fresca Kesely in mezzo alle solite veterane e spera nel fattore campo. La Russia ha un quartetto compatto, guidato dalla solita Popova, che nessuno è ancora riuscito a capire se sia una centista, una duecentista o una quattrocentista... Valida anche l'Olanda con Heemskerk e Steenbergen. Con la Sjostrom che ha tirato definitivamente la saracinesca sui 200, la Svezia non ha senso che presenti una squadra, che infatti manca.

i tempi:

1) Usa 7'45"37
2) Cin 7'47"31
3) Aus 7'49"50
4) Gia 7'50"53
5) Rus 7'51"18
6) Can 7'51"61
7) Ola 7'51"91
8 Ung 7'52"43
9) Ita 7'52"64

Passiamo alla 4x200 donne. Dopo aver iscritto la staffetta l'Italia si è accorta che non aveva sufficienti elementi per disputarla ed è corsa frettolosamente ai ripari chiamando all'ultimo momento la Mascolo, reduce dagli Eurojunior. Costei è un'atleta con un fisico interessante da sviluppare nei prossimi anni. Può nuotare 1'59" o 2'01", dipende se sarà in grado di gestire l'emozione del debutto in nazionale maggiore. Se la Quadarella uscirà bene dai 1500 immagino farà la batteria, per poi inserire Federica in finale (se ci qualifichiamo...). Pirozzi e Mizzau sono imprevedibili, capaci di fornire prestazioni di alto livello o di affondare. L'oro è promesso agli Stati Uniti, con Ledecky da 1'53", la Smith in continua crescita e il talento di Comerford. La quarta non è un problema. Poi ci sono le cinesi, giovani e vagamente misteriose. L'Australia punta sulla McKeon come locomotiva (che sa finalizzare il grande appuntamento). In batteria test tra la mistista Ngawati e la velocista Jack per decidere la quarta, oltre a Titmus e Wilson. Le sorti del Canada dipendono dalla condizione della Oleksiak. Se non fosse a posto può approfittarne il Giappone guidato dalla Ikee. Alla fine le nordamericane potrebbero rimpiangere il mancato ripescaggio della Ruck, pimpante al Mare Nostrum. L'Ungheria inserisce la fresca Kesely in mezzo alle solite veterane e spera nel fattore campo. La Russia ha un quartetto compatto, guidato dalla solita Popova, che nessuno è ancora riuscito a capire se sia una centista, una duecentista o una quattrocentista... Valida anche l'Olanda con Heemskerk e Steenbergen. Con la Sjostrom che ha tirato definitivamente la saracinesca sui 200, la Svezia non ha senso che presenti una squadra, che infatti manca. i tempi: 1) Usa 7'45"37 2) Cin 7'47"31 3) Aus 7'49"50 4) Gia 7'50"53 5) Rus 7'51"18 6) Can 7'51"61 7) Ola 7'51"91 8 Ung 7'52"43 9) Ita 7'52"64
 
0
risposta

Anche qui staffetta dove i vuoti (le assenze) dominano.

Le Usa, rispetto a Rio, mancano di Schmitt, Di Rado e Franklin (anche se l'ultima Missy non era certo granchè), ma restano le solide favorite perchè dietro il totem Ledecky possono presentare la solidissima Leah Smith, l'emergente Comerford (molto interessante soprattutto sui 100) e una quarta da scegliere tra la velocista Manuel e la polivalente Margalis.

La Svezia non ci sarà proprio (così come il Giappone, mi pare) e il Canada dovrà far fronte all'assenza della Ruck, elemento fondamentale per le staffette, a cui vanno aggiunti gli interrogativi sulla Oleksiak (capace di un sub 1.55 lanciato a Rio), reduce da vari problemi fisici. Da seguire i progressi di altre giovanissime canadesi, soprattutto Kayla Sanchez
Anche l'Australia, rispetto a 12 mesi fa, mancherà di Tamsin Cook e Bronte Barratt.

Ergo, le misteriosi (chissà quando potremo mettere in soffitta questo aggettivo parlando di loro..) cinesi sembrerebbero lanciate verso il podio, anzi: le uniche antagoniste delle Usa dopo gli ottimi trials di aprile e avendo comunque talenti indiscutibili come Ai Yanhan e Li Bingjie, oltre alla mai completamente espressa Shen Duo e una Liu Zixuan da 1.57.0.

Poi, da considerare anche l'Ungheria, certo, con Ajna Kesely al primo test probante a livello assoluto e l'Olanda.

Italia che, pur in una panorama con tanti vuoti, secondo me senza la Pellegrini ha possibilità assai ridotte di andare in finale. Ovviamente spero di sbagliarmi.

Anche qui staffetta dove i vuoti (le assenze) dominano. Le Usa, rispetto a Rio, mancano di Schmitt, Di Rado e Franklin (anche se l'ultima Missy non era certo granchè), ma restano le solide favorite perchè dietro il totem Ledecky possono presentare la solidissima Leah Smith, l'emergente Comerford (molto interessante soprattutto sui 100) e una quarta da scegliere tra la velocista Manuel e la polivalente Margalis. La Svezia non ci sarà proprio (così come il Giappone, mi pare) e il Canada dovrà far fronte all'assenza della Ruck, elemento fondamentale per le staffette, a cui vanno aggiunti gli interrogativi sulla Oleksiak (capace di un sub 1.55 lanciato a Rio), reduce da vari problemi fisici. Da seguire i progressi di altre giovanissime canadesi, soprattutto Kayla Sanchez Anche l'Australia, rispetto a 12 mesi fa, mancherà di Tamsin Cook e Bronte Barratt. Ergo, le misteriosi (chissà quando potremo mettere in soffitta questo aggettivo parlando di loro..) cinesi sembrerebbero lanciate verso il podio, anzi: le uniche antagoniste delle Usa dopo gli ottimi trials di aprile e avendo comunque talenti indiscutibili come Ai Yanhan e Li Bingjie, oltre alla mai completamente espressa Shen Duo e una Liu Zixuan da 1.57.0. Poi, da considerare anche l'Ungheria, certo, con Ajna Kesely al primo test probante a livello assoluto e l'Olanda. Italia che, pur in una panorama con tanti vuoti, secondo me senza la Pellegrini ha possibilità assai ridotte di andare in finale. Ovviamente spero di sbagliarmi.
 
0
risposta

Sono da poco uscite le entry list.
Nella 4x200 donne ci sono solo 10 nazioni, tra cui il Giappone. Nonostante ciò non sarà facile per noi l'ingresso in finale. Bisogna vedere le altre nazioni chi faranno riposare. Sulla carta dietro di noi ci sono solo le danesi.
Da notare le 30 e passa nazioni iscritte nella 4x100 mista mixed, tra cui la temibile Aruba.
Quello che in molti temevano si sta verificando: le staffette classiche snobbate da molte nazioni che non vogliono portare troppi nuoptatori.

Sono da poco uscite le entry list. Nella 4x200 donne ci sono solo 10 nazioni, tra cui il Giappone. Nonostante ciò non sarà facile per noi l'ingresso in finale. Bisogna vedere le altre nazioni chi faranno riposare. Sulla carta dietro di noi ci sono solo le danesi. Da notare le 30 e passa nazioni iscritte nella 4x100 mista mixed, tra cui la temibile Aruba. Quello che in molti temevano si sta verificando: le staffette classiche snobbate da molte nazioni che non vogliono portare troppi nuoptatori.
 
0
risposta

Sono da poco uscite le entry list.
Nella 4x200 donne ci sono solo 10 nazioni, tra cui il Giappone. Nonostante ciò non sarà facile per noi l'ingresso in finale. Bisogna vedere le altre nazioni chi faranno riposare. Sulla carta dietro di noi ci sono solo le danesi.
Da notare le 30 e passa nazioni iscritte nella 4x100 mista mixed, tra cui la temibile Aruba.
Quello che in molti temevano si sta verificando: le staffette classiche snobbate da molte nazioni che non vogliono portare troppi nuoptatori.

Infatti.
Lo stesso Giappone ha rinunciato a convocare i migliori 4 in diversi casi ( e per questo pensavo che rinunciasse alla 4x200sl femminile, poi - evidentemente - visto il numero ridottissimo di nazioni iscritte non ha "potuto fare a meno di partecipare"smile.
Mi abituerò anche a questo, ma trovo assurdo che ci sia la progressiva desertificazione della 4x200sl a scapito della new entry olimpica 4x100 mista mixed smile .

>Sono da poco uscite le entry list. >Nella 4x200 donne ci sono solo 10 nazioni, tra cui il Giappone. Nonostante ciò non sarà facile per noi l'ingresso in finale. Bisogna vedere le altre nazioni chi faranno riposare. Sulla carta dietro di noi ci sono solo le danesi. >Da notare le 30 e passa nazioni iscritte nella 4x100 mista mixed, tra cui la temibile Aruba. >Quello che in molti temevano si sta verificando: le staffette classiche snobbate da molte nazioni che non vogliono portare troppi nuoptatori. Infatti. Lo stesso Giappone ha rinunciato a convocare i migliori 4 in diversi casi ( e per questo pensavo che rinunciasse alla 4x200sl femminile, poi - evidentemente - visto il numero ridottissimo di nazioni iscritte non ha "potuto fare a meno di partecipare"). Mi abituerò anche a questo, ma trovo assurdo che ci sia la progressiva desertificazione della 4x200sl a scapito della new entry olimpica 4x100 mista mixed |( .
 
1
risposta

Il Giappone si è iscritto alla 4x200 donne (sarebbe stato ridicolo se non l'avesse fatto) ma non ha portato la Takana, quindi in batteria entrerà la Imai e forse anche la farfallista Hasegawa se la Ikee (che ha i 100 e un programma fornito) dovesse rinunciare. Non so se vedremo Federica in batteria, negli ultimi tempi è stata critica nella gestione della 4x200 donne. Mizzau è un'atleta imprevedibile, va piano quando ti aspetti che vada forte e viceversa. La Pirozzi speriamo abbia lavorato in funzione sl, tralasciando i misti dove è scarsa a livello planetario. Abbiamo anche la Quadarella: di solito i mezzofondisti quando sono in gran forma producono frazioni della 4x200 sorprendenti, siccome Simona entra in lizza prima della staffetta avremo qualche indicazione in anticipo...
...
E' normale che la mista/mista presenti un'entry list chilometrica. E' una staffetta che si può arrangiare con gli atleti già sul posto (per molti di loro il mondiale inizia e finisce al mattino e dal momento che non passano le batterie delle rispettive gare individuali hanno una gara in più per divertirsi), senza dover convocare elementi supplementari.

Il Giappone si è iscritto alla 4x200 donne (sarebbe stato ridicolo se non l'avesse fatto) ma non ha portato la Takana, quindi in batteria entrerà la Imai e forse anche la farfallista Hasegawa se la Ikee (che ha i 100 e un programma fornito) dovesse rinunciare. Non so se vedremo Federica in batteria, negli ultimi tempi è stata critica nella gestione della 4x200 donne. Mizzau è un'atleta imprevedibile, va piano quando ti aspetti che vada forte e viceversa. La Pirozzi speriamo abbia lavorato in funzione sl, tralasciando i misti dove è scarsa a livello planetario. Abbiamo anche la Quadarella: di solito i mezzofondisti quando sono in gran forma producono frazioni della 4x200 sorprendenti, siccome Simona entra in lizza prima della staffetta avremo qualche indicazione in anticipo... ... E' normale che la mista/mista presenti un'entry list chilometrica. E' una staffetta che si può arrangiare con gli atleti già sul posto (per molti di loro il mondiale inizia e finisce al mattino e dal momento che non passano le batterie delle rispettive gare individuali hanno una gara in più per divertirsi), senza dover convocare elementi supplementari.
 
0
risposta

Infatti.
Lo stesso Giappone ha rinunciato a convocare i migliori 4 in diversi casi ( e per questo pensavo che rinunciasse alla 4x200sl femminile, poi - evidentemente - visto il numero ridottissimo di nazioni iscritte non ha "potuto fare a meno di partecipare"smile.
Mi abituerò anche a questo, ma trovo assurdo che ci sia la progressiva desertificazione della 4x200sl a scapito della new entry olimpica 4x100 mista mixed smile .

Giappone che è iscritto anche nella 4x200 maschile.
Mi ricordo che ad aprile avevamo insultati per la scelta assurda di non portare ai mondiali la staffetta bronzo a Rio. E invece ci hanno fatto lo scherzetto.
Un avversario in più per l'ingresso in finale dei nostri, ma così è una bella gara. Direi la staffetta più attesa ed equilibrata, visto che gli USA non sembrano così imbattibili.

Metto i tempi stagionali dei quartetti probabili che si giocano le medaglie:

USA 7.04.97
Haas 1.45.03
Pieroni 1.46.30
Grothe 1.46.39
Dwyer 1.47.25

GBR 7.05.65
Guy 1.45.55
Scott 1.45.80
Jervis 1.47.02
Grainger 1.47.28 (Milne 1.46.70 l'anno scorso)

CHN 7.07.56
Sun 1.44.91
Wang Shun 1.46.57
Ji Xinjie1.47.98
Ma Tianchi 1.48.10 (Qiu Ziao)

RUS 7.08.18
Dovgalyuk 1.46.89
Vekovishchev 1.47.01
Krasnykh 1.47.12
Izotov 1.47.16

AUS 7.09.39
Horton 1.46.83
Graham 1.47.39
Cartwright 1.47.57
McEvoy 1.47.60 (o Mckeon)

JAP 7.09.47
Ehara 1.47.02
Hagino 1.47.10
Matsumoto 1.47.59
Seto 1.47.76

>Infatti. >Lo stesso Giappone ha rinunciato a convocare i migliori 4 in diversi casi ( e per questo pensavo che rinunciasse alla 4x200sl femminile, poi - evidentemente - visto il numero ridottissimo di nazioni iscritte non ha "potuto fare a meno di partecipare"). >Mi abituerò anche a questo, ma trovo assurdo che ci sia la progressiva desertificazione della 4x200sl a scapito della new entry olimpica 4x100 mista mixed |( . Giappone che è iscritto anche nella 4x200 maschile. Mi ricordo che ad aprile avevamo insultati per la scelta assurda di non portare ai mondiali la staffetta bronzo a Rio. E invece ci hanno fatto lo scherzetto. Un avversario in più per l'ingresso in finale dei nostri, ma così è una bella gara. Direi la staffetta più attesa ed equilibrata, visto che gli USA non sembrano così imbattibili. Metto i tempi stagionali dei quartetti probabili che si giocano le medaglie: **USA 7.04.97** Haas 1.45.03 Pieroni 1.46.30 Grothe 1.46.39 Dwyer 1.47.25 **GBR 7.05.65** Guy 1.45.55 Scott 1.45.80 Jervis 1.47.02 Grainger 1.47.28 (Milne 1.46.70 l'anno scorso) **CHN 7.07.56** Sun 1.44.91 Wang Shun 1.46.57 Ji Xinjie1.47.98 Ma Tianchi 1.48.10 (Qiu Ziao) **RUS 7.08.18** Dovgalyuk 1.46.89 Vekovishchev 1.47.01 Krasnykh 1.47.12 Izotov 1.47.16 **AUS 7.09.39** Horton 1.46.83 Graham 1.47.39 Cartwright 1.47.57 McEvoy 1.47.60 (o Mckeon) **JAP 7.09.47** Ehara 1.47.02 Hagino 1.47.10 Matsumoto 1.47.59 Seto 1.47.76
 
1
risposta

Infatti.
Lo stesso Giappone ha rinunciato a convocare i migliori 4 in diversi casi ( e per questo pensavo che rinunciasse alla 4x200sl femminile, poi - evidentemente - visto il numero ridottissimo di nazioni iscritte non ha "potuto fare a meno di partecipare"smile.
Mi abituerò anche a questo, ma trovo assurdo che ci sia la progressiva desertificazione della 4x200sl a scapito della new entry olimpica 4x100 mista mixed smile .

Giappone che è iscritto anche nella 4x200 maschile.
Mi ricordo che ad aprile avevamo insultati per la scelta assurda di non portare ai mondiali la staffetta bronzo a Rio. E invece ci hanno fatto lo scherzetto.
Un avversario in più per l'ingresso in finale dei nostri, ma così è una bella gara. Direi la staffetta più attesa ed equilibrata, visto che gli USA non sembrano così imbattibili.

Metto i tempi stagionali dei quartetti probabili che si giocano le medaglie:

USA 7.04.97
Haas 1.45.03
Pieroni 1.46.30
Grothe 1.46.39
Dwyer 1.47.25

GBR 7.05.65
Guy 1.45.55
Scott 1.45.80
Jervis 1.47.02
Grainger 1.47.28 (Milne 1.46.70 l'anno scorso)

CHN 7.07.56
Sun 1.44.91
Wang Shun 1.46.57
Ji Xinjie1.47.98
Ma Tianchi 1.48.10 (Qiu Ziao)

RUS 7.08.18
Dovgalyuk 1.46.89
Vekovishchev 1.47.01
Krasnykh 1.47.12
Izotov 1.47.16

AUS 7.09.39
Horton 1.46.83
Graham 1.47.39
Cartwright 1.47.57
McEvoy 1.47.60 (o Mckeon)

JAP 7.09.47
Ehara 1.47.02
Hagino 1.47.10
Matsumoto 1.47.59
Seto 1.47.76

Con questi tempi e con lo Scott di Rio vedo un filo avanti gli inglesi
Tuttavia la variante può essere Dwyer che ha già nuotato, e più volte (condizione 2017 permettendo) l' 1'45 dal blocco e ci potrebbe essere Conger anch'esso da 1'45 alto e che tra parantesi ha solo i 200fa
A Rio mi sembra, hanno fatto dei "Post Trials" inserendo le persone più performanti

>>Infatti. >>Lo stesso Giappone ha rinunciato a convocare i migliori 4 in diversi casi ( e per questo pensavo che rinunciasse alla 4x200sl femminile, poi - evidentemente - visto il numero ridottissimo di nazioni iscritte non ha "potuto fare a meno di partecipare"). >>Mi abituerò anche a questo, ma trovo assurdo che ci sia la progressiva desertificazione della 4x200sl a scapito della new entry olimpica 4x100 mista mixed |( . >Giappone che è iscritto anche nella 4x200 maschile. >Mi ricordo che ad aprile avevamo insultati per la scelta assurda di non portare ai mondiali la staffetta bronzo a Rio. E invece ci hanno fatto lo scherzetto. >Un avversario in più per l'ingresso in finale dei nostri, ma così è una bella gara. Direi la staffetta più attesa ed equilibrata, visto che gli USA non sembrano così imbattibili. >Metto i tempi stagionali dei quartetti probabili che si giocano le medaglie: >**USA 7.04.97** >Haas 1.45.03 >Pieroni 1.46.30 >Grothe 1.46.39 >Dwyer 1.47.25 >**GBR 7.05.65** >Guy 1.45.55 >Scott 1.45.80 >Jervis 1.47.02 >Grainger 1.47.28 (Milne 1.46.70 l'anno scorso) >**CHN 7.07.56** >Sun 1.44.91 >Wang Shun 1.46.57 >Ji Xinjie1.47.98 >Ma Tianchi 1.48.10 (Qiu Ziao) >**RUS 7.08.18** >Dovgalyuk 1.46.89 >Vekovishchev 1.47.01 >Krasnykh 1.47.12 >Izotov 1.47.16 >**AUS 7.09.39** >Horton 1.46.83 >Graham 1.47.39 >Cartwright 1.47.57 >McEvoy 1.47.60 (o Mckeon) >**JAP 7.09.47** >Ehara 1.47.02 >Hagino 1.47.10 >Matsumoto 1.47.59 >Seto 1.47.76 Con questi tempi e con lo Scott di Rio vedo un filo avanti gli inglesi Tuttavia la variante può essere Dwyer che ha già nuotato, e più volte (condizione 2017 permettendo) l' 1'45 dal blocco e ci potrebbe essere Conger anch'esso da 1'45 alto e che tra parantesi ha solo i 200fa A Rio mi sembra, hanno fatto dei "Post Trials" inserendo le persone più performanti
 
0
risposta

Infatti.
Lo stesso Giappone ha rinunciato a convocare i migliori 4 in diversi casi ( e per questo pensavo che rinunciasse alla 4x200sl femminile, poi - evidentemente - visto il numero ridottissimo di nazioni iscritte non ha "potuto fare a meno di partecipare"smile.
Mi abituerò anche a questo, ma trovo assurdo che ci sia la progressiva desertificazione della 4x200sl a scapito della new entry olimpica 4x100 mista mixed smile .

Giappone che è iscritto anche nella 4x200 maschile.
Mi ricordo che ad aprile avevamo insultati per la scelta assurda di non portare ai mondiali la staffetta bronzo a Rio. E invece ci hanno fatto lo scherzetto.
Un avversario in più per l'ingresso in finale dei nostri, ma così è una bella gara. Direi la staffetta più attesa ed equilibrata, visto che gli USA non sembrano così imbattibili.

Metto i tempi stagionali dei quartetti probabili che si giocano le medaglie:

USA 7.04.97
Haas 1.45.03
Pieroni 1.46.30
Grothe 1.46.39
Dwyer 1.47.25

GBR 7.05.65
Guy 1.45.55
Scott 1.45.80
Jervis 1.47.02
Grainger 1.47.28 (Milne 1.46.70 l'anno scorso)

CHN 7.07.56
Sun 1.44.91
Wang Shun 1.46.57
Ji Xinjie1.47.98
Ma Tianchi 1.48.10 (Qiu Ziao)

RUS 7.08.18
Dovgalyuk 1.46.89
Vekovishchev 1.47.01
Krasnykh 1.47.12
Izotov 1.47.16

AUS 7.09.39
Horton 1.46.83
Graham 1.47.39
Cartwright 1.47.57
McEvoy 1.47.60 (o Mckeon)

JAP 7.09.47
Ehara 1.47.02
Hagino 1.47.10
Matsumoto 1.47.59
Seto 1.47.76

Con questi tempi e con lo Scott di Rio vedo un filo avanti gli inglesi
Tuttavia la variante può essere Dwyer che ha già nuotato, e più volte (condizione 2017 permettendo) l' 1'45 dal blocco e ci potrebbe essere Conger anch'esso da 1'45 alto e che tra parantesi ha solo i 200fa
A Rio mi sembra, hanno fatto dei "Post Trials" inserendo le persone più performanti

Per la 4x100sl senz'altro (gara regolare con piastre verso la fine del raduno di Atlanta, pochi giorni prima di partire per Rio): furono diffusi sia i crono che il video.
Per la 4x200sl c'era meno incertezza, con i posti per la finale già praticamente assegnati (Phelps, Lochte, Dwyer e Haas).

D'accordo con Miro sulla bellezza della 4x200sl maschile, dall'esito non scontato.
Posto che gli Usa sono sempre i favoriti, la Gran Bretagna potrebbe ripetere lo "scherzetto" di Kazan: dipenderà dai due big, Guy e Scott, ma soprattutto dal rendimento di tradizionali uomini-staffetta, come ad esempio Calum Jarvis.

Anche l'Australia potrebbe fare bene se McEvoy sarà on sui 200sl, perchè credo che l'emergente Cartwright si farà valere anche qui, oltre che nei 100sl.

Lotta per il podio aperta alle nazioni indicate da Miro, con l'Italia che potrebbe anche provare ad inserirsi se il quartetto Detti, Dotto, Magnini, Megli nuotasse davvero al top.

>>>Infatti. >>>Lo stesso Giappone ha rinunciato a convocare i migliori 4 in diversi casi ( e per questo pensavo che rinunciasse alla 4x200sl femminile, poi - evidentemente - visto il numero ridottissimo di nazioni iscritte non ha "potuto fare a meno di partecipare"). >>>Mi abituerò anche a questo, ma trovo assurdo che ci sia la progressiva desertificazione della 4x200sl a scapito della new entry olimpica 4x100 mista mixed |( . >>Giappone che è iscritto anche nella 4x200 maschile. >>Mi ricordo che ad aprile avevamo insultati per la scelta assurda di non portare ai mondiali la staffetta bronzo a Rio. E invece ci hanno fatto lo scherzetto. >>Un avversario in più per l'ingresso in finale dei nostri, ma così è una bella gara. Direi la staffetta più attesa ed equilibrata, visto che gli USA non sembrano così imbattibili. >>Metto i tempi stagionali dei quartetti probabili che si giocano le medaglie: >>**USA 7.04.97** >>Haas 1.45.03 >>Pieroni 1.46.30 >>Grothe 1.46.39 >>Dwyer 1.47.25 >>**GBR 7.05.65** >>Guy 1.45.55 >>Scott 1.45.80 >>Jervis 1.47.02 >>Grainger 1.47.28 (Milne 1.46.70 l'anno scorso) >>**CHN 7.07.56** >>Sun 1.44.91 >>Wang Shun 1.46.57 >>Ji Xinjie1.47.98 >>Ma Tianchi 1.48.10 (Qiu Ziao) >>**RUS 7.08.18** >>Dovgalyuk 1.46.89 >>Vekovishchev 1.47.01 >>Krasnykh 1.47.12 >>Izotov 1.47.16 >>**AUS 7.09.39** >>Horton 1.46.83 >>Graham 1.47.39 >>Cartwright 1.47.57 >>McEvoy 1.47.60 (o Mckeon) >>**JAP 7.09.47** >>Ehara 1.47.02 >>Hagino 1.47.10 >>Matsumoto 1.47.59 >>Seto 1.47.76 >Con questi tempi e con lo Scott di Rio vedo un filo avanti gli inglesi >Tuttavia la variante può essere Dwyer che ha già nuotato, e più volte (condizione 2017 permettendo) l' 1'45 dal blocco e ci potrebbe essere Conger anch'esso da 1'45 alto e che tra parantesi ha solo i 200fa >A Rio mi sembra, hanno fatto dei "Post Trials" inserendo le persone più performanti Per la 4x100sl senz'altro (gara regolare con piastre verso la fine del raduno di Atlanta, pochi giorni prima di partire per Rio): furono diffusi sia i crono che il video. Per la 4x200sl c'era meno incertezza, con i posti per la finale già praticamente assegnati (Phelps, Lochte, Dwyer e Haas). D'accordo con Miro sulla bellezza della 4x200sl maschile, dall'esito non scontato. Posto che gli Usa sono sempre i favoriti, la Gran Bretagna potrebbe ripetere lo "scherzetto" di Kazan: dipenderà dai due big, Guy e Scott, ma soprattutto dal rendimento di tradizionali uomini-staffetta, come ad esempio Calum Jarvis. Anche l'Australia potrebbe fare bene se McEvoy sarà on sui 200sl, perchè credo che l'emergente Cartwright si farà valere anche qui, oltre che nei 100sl. Lotta per il podio aperta alle nazioni indicate da Miro, con l'Italia che potrebbe anche provare ad inserirsi se il quartetto Detti, Dotto, Magnini, Megli nuotasse davvero al top.
 
1
risposta
Dettagli Discussione
506
viste
11 risposte
4 followers
anteprima immediata
inserisci almeno 10 caratteri
ATTENZIONE: Hai menzionato %MENTIONS%, ma non possono vedere questo messaggio e non ne riceveranno notifica
Salvataggio...
Salvato
With selected deselect posts show selected posts
Tutti i messaggi di questo argomento saranno cancellato ?
Bozza in attesa ... Click per tornare alla modifica
Elimina la bozza