Advertisement
Ammetto di non essere informatissimo circa le origini e le precendenti esperienze del giornalista della gazzetta, però ci sarà un motivo se ha deciso di essere così scontroso e controcorrente. Oggi, nell'informare che il campionato nazionale invernale si chiamerà winter open in virtù di quattro possibili partecipanti stranieri, si è messo in mezzo a un gruppo, credo ex ambiente lapresse, che veniva definito esterofilo ed antifederale, mentre pochi giorni fa ricordava di come castagnetti non gli tolse il saluto, nonostante le divergenze, come a significare che oggi qualcuno il saluto potrebbe averglielo tolto per questo motivo. Diversi post a sua firma hanno il tono di chi non le manda a dire, ma, evidentemente e comprensibilmente, non la dice tutta. Il personaggio mi incuriosisce al quanto, chi sa quali sono i suoi obiettivi e i suoi nemici?
Ammetto di non essere informatissimo circa le origini e le precendenti esperienze del giornalista della gazzetta, però ci sarà un motivo se ha deciso di essere così scontroso e controcorrente. Oggi, nell'informare che il campionato nazionale invernale si chiamerà winter open in virtù di quattro possibili partecipanti stranieri, si è messo in mezzo a un gruppo, credo ex ambiente lapresse, che veniva definito esterofilo ed antifederale, mentre pochi giorni fa ricordava di come castagnetti non gli tolse il saluto, nonostante le divergenze, come a significare che oggi qualcuno il saluto potrebbe averglielo tolto per questo motivo. Diversi post a sua firma hanno il tono di chi non le manda a dire, ma, evidentemente e comprensibilmente, non la dice tutta. Il personaggio mi incuriosisce al quanto, chi sa quali sono i suoi obiettivi e i suoi nemici?
modificato Oct 28 '11 a 2:25 pm
 
0
risposta
non so il suo background di "amici e nemici".. hehe...ma credo stia facendo un ottimo lavoro sul suo blog sulla gazzetta. Per quanto mi riguarda è ciò che da appassionato di nuoto m'interessa leggere... il "dietro le quinte"... ciò che manca a nuoto.it che è stato punto di riferimento per tanti anni, ma dove negli ultimi tempi si legge solo di risultati cronometrici italiani-internazionali, convegni, comunicati. è sempre un piacere leggere arcobelli, bello vederlo lasciare liberi commenti e opininioni a chiunque
non so il suo background di "amici e nemici".. hehe...ma credo stia facendo un ottimo lavoro sul suo blog sulla gazzetta. Per quanto mi riguarda è ciò che da appassionato di nuoto m'interessa leggere... il "dietro le quinte"... ciò che manca a nuoto.it che è stato punto di riferimento per tanti anni, ma dove negli ultimi tempi si legge solo di risultati cronometrici italiani-internazionali, convegni, comunicati. è sempre un piacere leggere arcobelli, bello vederlo lasciare liberi commenti e opininioni a chiunque
modificato Oct 28 '11 a 11:34 pm
 
0
risposta
A me piace quando Arcobelli scrive SteNtino invece di Stettino, DiNo Jukic invece di Dinko Jukic quando parla di si dice, di sembra, di pare, di forse e di sostanziali chiacchiere. Liberi commenti e opinioni a chiunque certo, sono per lo più insulti o interventi anonimi. Almeno qui ci si deve iscrivere ed è comunque molto ben controllato, mi pare più serio. A Nuoto.it non manca niente, io ricordo molto bene quando anche nuoto.it iniziò con un forum libero (Quellicheilnuoto) che dovette essere chiuso perchè era diventato un covo di personaggi che si offendevano e sbeffeggiavano a vicenda. Poi ricordo che questo forum (Corsia4) venne assistito, lanciato e promosso (è ancora linkato in home page) proprio da Nuoto.it. Su npi si pubblica una mole di notizie enorme, probabilmente come nessun altro sito web al mondo gestito da dei dilettanti del giornalismo.
A me piace quando Arcobelli scrive SteNtino invece di Stettino, DiNo Jukic invece di Dinko Jukic quando parla di si dice, di sembra, di pare, di forse e di sostanziali chiacchiere. Liberi commenti e opinioni a chiunque certo, sono per lo più insulti o interventi anonimi. Almeno qui ci si deve iscrivere ed è comunque molto ben controllato, mi pare più serio. A Nuoto.it non manca niente, io ricordo molto bene quando anche nuoto.it iniziò con un forum libero (Quellicheilnuoto) che dovette essere chiuso perchè era diventato un covo di personaggi che si offendevano e sbeffeggiavano a vicenda. Poi ricordo che questo forum (Corsia4) venne assistito, lanciato e promosso (è ancora linkato in home page) proprio da Nuoto.it. Su npi si pubblica una mole di notizie enorme, probabilmente come nessun altro sito web al mondo gestito da dei dilettanti del giornalismo.
modificato Nov 2 '11 a 5:58 pm
 
0
risposta
A me piace quando Arcobelli scrive SteNtino invece di Stettino, DiNo Jukic invece di Dinko Jukic quando parla di si dice, di sembra, di pare, di forse e di sostanziali chiacchiere. Liberi commenti e opinioni a chiunque certo, sono per lo più insulti o interventi anonimi. Almeno qui ci si deve iscrivere ed è comunque molto ben controllato, mi pare più serio. A Nuoto.it non manca niente, io ricordo molto bene quando anche nuoto.it iniziò con un forum libero (Quellicheilnuoto) che dovette essere chiuso perchè era diventato un covo di personaggi che si offendevano e sbeffeggiavano a vicenda. Poi ricordo che questo forum (Corsia4) venne assistito, lanciato e promosso (è ancora linkato in home page) proprio da Nuoto.it. Su npi si pubblica una mole di notizie enorme, probabilmente come nessun altro sito web al mondo gestito da dei dilettanti del giornalismo.Nuoto.it,fonte preziosa di notizie alle quali attingiamo anche noi spesso e volentieri, e' gestito da un grande, quel Walter in calce agli articoli e' Walter Bolognani, il C.T.della Nazionale giovanile di nuoto.Walter abbina ad una non comune competenza una grande gentilezza e disponibilita'(sopratutto nei miei riguardi che voglio sempre sapere i retroscena, grazie Walter). Una volta tanto voglio ricordare anche il padre di questo sito, senza il quale non saremmo qui e che continua a lavorare nell'ombra,restio ad ogni pubblicita'. Grazie Icona.
A me piace quando Arcobelli scrive SteNtino invece di Stettino, DiNo Jukic invece di Dinko Jukic quando parla di si dice, di sembra, di pare, di forse e di sostanziali chiacchiere. Liberi commenti e opinioni a chiunque certo, sono per lo più insulti o interventi anonimi. Almeno qui ci si deve iscrivere ed è comunque molto ben controllato, mi pare più serio. A Nuoto.it non manca niente, io ricordo molto bene quando anche nuoto.it iniziò con un forum libero (Quellicheilnuoto) che dovette essere chiuso perchè era diventato un covo di personaggi che si offendevano e sbeffeggiavano a vicenda. Poi ricordo che questo forum (Corsia4) venne assistito, lanciato e promosso (è ancora linkato in home page) proprio da Nuoto.it. Su npi si pubblica una mole di notizie enorme, probabilmente come nessun altro sito web al mondo gestito da dei dilettanti del giornalismo.Nuoto.it,fonte preziosa di notizie alle quali attingiamo anche noi spesso e volentieri, e' gestito da un grande, quel Walter in calce agli articoli e' Walter Bolognani, il C.T.della Nazionale giovanile di nuoto.Walter abbina ad una non comune competenza una grande gentilezza e disponibilita'(sopratutto nei miei riguardi che voglio sempre sapere i retroscena, grazie Walter). Una volta tanto voglio ricordare anche il padre di questo sito, senza il quale non saremmo qui e che continua a lavorare nell'ombra,restio ad ogni pubblicita'. Grazie Icona.
modificato Nov 2 '11 a 7:04 pm
 
0
risposta
...Nuoto.it è senz'altro una risorsa usata anche da Arcobelli.
...Nuoto.it è senz'altro una risorsa usata anche da Arcobelli.
modificato Nov 2 '11 a 7:47 pm
 
0
risposta
si, però è gestito da dilettanti del giornalismo
si, però è gestito da dilettanti del giornalismo
modificato Nov 2 '11 a 8:54 pm
 
0
risposta
si, però è gestito da dilettanti del giornalismo Il blog di Arcobelli ha sostituito su Gazzetta.it quello di Rosolino, che non era particolarmente solerte nell'aggiornarlo. E' partito un po' in sordina ma ora sta ingranando. Arcobelli scandaglia il web a caccia di notizie che mette poi comodamente a nostra disposizione sul suo blog. I casi d'Arrigo e Ferri sono sicuramente un esempio di ottimo giornalismo, gestiti oltrettutto molto bene visto che si tratta di un argomento spinoso. Nuoto.it offre un tipo di informazione diversa, quasi istituzionale, a mio avviso irrinunciabile, per fortuna che c'è. Fa un lavoro di cui dovrebbe occuparsi la Federazione. Chi si fa carico di rendere agevolmente disponibili al grande pubblico i risultati delle gare che si svolgono sul territorio nazionale e non solo? E comunque su Nuoto.it c'è anche molto altro.
si, però è gestito da dilettanti del giornalismo Il blog di Arcobelli ha sostituito su Gazzetta.it quello di Rosolino, che non era particolarmente solerte nell'aggiornarlo. E' partito un po' in sordina ma ora sta ingranando. Arcobelli scandaglia il web a caccia di notizie che mette poi comodamente a nostra disposizione sul suo blog. I casi d'Arrigo e Ferri sono sicuramente un esempio di ottimo giornalismo, gestiti oltrettutto molto bene visto che si tratta di un argomento spinoso. Nuoto.it offre un tipo di informazione diversa, quasi istituzionale, a mio avviso irrinunciabile, per fortuna che c'è. Fa un lavoro di cui dovrebbe occuparsi la Federazione. Chi si fa carico di rendere agevolmente disponibili al grande pubblico i risultati delle gare che si svolgono sul territorio nazionale e non solo? E comunque su Nuoto.it c'è anche molto altro.
modificato Nov 2 '11 a 11:06 pm
 
0
risposta
Il blog di Arcobelli ha sostituito su Gazzetta.it quello di Rosolino, che non era particolarmente solerte nell'aggiornarlo. E' partito un po' in sordina ma ora sta ingranando. Arcobelli scandaglia il web a caccia di notizie che mette poi comodamente a nostra disposizione sul suo blog. I casi d'Arrigo e Ferri sono sicuramente un esempio di ottimo giornalismo, gestiti oltrettutto molto bene visto che si tratta di un argomento spinoso. Carissimo xman, sono 1001 volte su 100 d'accordo con quello che pubblichi sul forum, ma stavolta, con immutata stima, dissento in modo totale e assoluto con te. Il blog di Arcobelli è semplicemente vergognoso. E' indegno di una persona che fa di mestiere il giornalista, per di più su un giornale sportivo di prestigio come Gazzetta, lasciare microfono aperto a commenti che sono spesso solo invettive, offese e diffamazioni ANONIME, senza il minimo riscontro, lasciate lì e pubblicate per il solo gusto della polemichetta da giornaletto scandalistico. Per me non si fa così e anche i suoi pur talvolta interessanti interventi vengono squalificati dal ciarpame del commento a ruota libera tipo Radio Radicale di tanti anni fa (chi ha qualche anno sulle spalle come me ricorda). Spero vivamente che il Dr. Arcobelli si accorga di essere andato fuori strada e rientri in carreggiata, riprendendo quel VERO giornalismo che ha dimostrato nel passato di saper fare.
Il blog di Arcobelli ha sostituito su Gazzetta.it quello di Rosolino, che non era particolarmente solerte nell'aggiornarlo. E' partito un po' in sordina ma ora sta ingranando. Arcobelli scandaglia il web a caccia di notizie che mette poi comodamente a nostra disposizione sul suo blog. I casi d'Arrigo e Ferri sono sicuramente un esempio di ottimo giornalismo, gestiti oltrettutto molto bene visto che si tratta di un argomento spinoso. Carissimo xman, sono 1001 volte su 100 d'accordo con quello che pubblichi sul forum, ma stavolta, con immutata stima, dissento in modo totale e assoluto con te. Il blog di Arcobelli è semplicemente vergognoso. E' indegno di una persona che fa di mestiere il giornalista, per di più su un giornale sportivo di prestigio come Gazzetta, lasciare microfono aperto a commenti che sono spesso solo invettive, offese e diffamazioni ANONIME, senza il minimo riscontro, lasciate lì e pubblicate per il solo gusto della polemichetta da giornaletto scandalistico. Per me non si fa così e anche i suoi pur talvolta interessanti interventi vengono squalificati dal ciarpame del commento a ruota libera tipo Radio Radicale di tanti anni fa (chi ha qualche anno sulle spalle come me ricorda). Spero vivamente che il Dr. Arcobelli si accorga di essere andato fuori strada e rientri in carreggiata, riprendendo quel VERO giornalismo che ha dimostrato nel passato di saper fare.
modificato Nov 2 '11 a 11:18 pm
 
0
risposta
Il blog di Arcobelli è semplicemente vergognoso . Mi pare di capire che non condividi la moderazione, i commenti ai post. La possibilità di intervenire senza essere registrati dà origine a qualche eccesso: bisogna vedere chi ha deciso questa formula.
Il blog di Arcobelli è semplicemente vergognoso . Mi pare di capire che non condividi la moderazione, i commenti ai post. La possibilità di intervenire senza essere registrati dà origine a qualche eccesso: bisogna vedere chi ha deciso questa formula.
modificato Nov 3 '11 a 12:07 am
 
0
risposta
Carissimo xman, sono 1001 volte su 100 d'accordo con quello che pubblichi sul forum, ma stavolta, con immutata stima, dissento in modo totale e assoluto con te. Il blog di Arcobelli è semplicemente vergognoso. E' indegno di una persona che fa di mestiere il giornalista, per di più su un giornale sportivo di prestigio come Gazzetta, lasciare microfono aperto a commenti che sono spesso solo invettive, offese e diffamazioni ANONIME, senza il minimo riscontro, lasciate lì e pubblicate per il solo gusto della polemichetta da giornaletto scandalistico. Per me non si fa così e anche i suoi pur talvolta interessanti interventi vengono squalificati dal ciarpame del commento a ruota libera tipo Radio Radicale di tanti anni fa (chi ha qualche anno sulle spalle come me ricorda). Spero vivamente che il Dr. Arcobelli si accorga di essere andato fuori strada e rientri in carreggiata, riprendendo quel VERO giornalismo che ha dimostrato nel passato di saper fare. Chi come me è nuovo nell'ambiente del nuoto, avrebbe impigato anni o forse mai a scoprire alcune delle cose che in pochi interventi sono state messe in luce da Arcobelli. Tant'è che mi son chiesto, e da qui nasce questa discussione, ma chi glielo fa fare? In un paese come l'Italia dove per scrivere su un giornale bisogna ottenere il nulla osta di un ordine "professionale" non mi pare il caso di parlare di cattivo o buon giornalismo, ma gli effetti del blog di Arcobelli si fanno sentire positivamente, almeno per quanto mi riguarda. Le discussioni più fastidiose nascono comunque tutte da comunicazioni firmate di persone coinvolte nei fatti. Sembra proprio che alle controparti sia permesso di ribattere ampiamente, Ispra pubblica perfino una bozza di contratto, e tantissimi commentatori si firmano con nome e cognome. Da gennaio, se ho capito bene, sarà necessario per tutti registrarsi. Qualcuno ha più volte ricordato che il blog è sotto osservazione della polizia postale per individuare chi commentando commettesse dei reati come quelli da te ipotizzati. Se devo muovere una critica dico che il blog è organizzato malissimo, è quasi illeggibile e che l'autore non è particolarmente attento a correggere gli strafalcioni che scrive. Finchè dura così, è tutto grasso che cola:cool:
Carissimo xman, sono 1001 volte su 100 d'accordo con quello che pubblichi sul forum, ma stavolta, con immutata stima, dissento in modo totale e assoluto con te. Il blog di Arcobelli è semplicemente vergognoso. E' indegno di una persona che fa di mestiere il giornalista, per di più su un giornale sportivo di prestigio come Gazzetta, lasciare microfono aperto a commenti che sono spesso solo invettive, offese e diffamazioni ANONIME, senza il minimo riscontro, lasciate lì e pubblicate per il solo gusto della polemichetta da giornaletto scandalistico. Per me non si fa così e anche i suoi pur talvolta interessanti interventi vengono squalificati dal ciarpame del commento a ruota libera tipo Radio Radicale di tanti anni fa (chi ha qualche anno sulle spalle come me ricorda). Spero vivamente che il Dr. Arcobelli si accorga di essere andato fuori strada e rientri in carreggiata, riprendendo quel VERO giornalismo che ha dimostrato nel passato di saper fare. Chi come me è nuovo nell'ambiente del nuoto, avrebbe impigato anni o forse mai a scoprire alcune delle cose che in pochi interventi sono state messe in luce da Arcobelli. Tant'è che mi son chiesto, e da qui nasce questa discussione, ma chi glielo fa fare? In un paese come l'Italia dove per scrivere su un giornale bisogna ottenere il nulla osta di un ordine "professionale" non mi pare il caso di parlare di cattivo o buon giornalismo, ma gli effetti del blog di Arcobelli si fanno sentire positivamente, almeno per quanto mi riguarda. Le discussioni più fastidiose nascono comunque tutte da comunicazioni firmate di persone coinvolte nei fatti. Sembra proprio che alle controparti sia permesso di ribattere ampiamente, Ispra pubblica perfino una bozza di contratto, e tantissimi commentatori si firmano con nome e cognome. Da gennaio, se ho capito bene, sarà necessario per tutti registrarsi. Qualcuno ha più volte ricordato che il blog è sotto osservazione della polizia postale per individuare chi commentando commettesse dei reati come quelli da te ipotizzati. Se devo muovere una critica dico che il blog è organizzato malissimo, è quasi illeggibile e che l'autore non è particolarmente attento a correggere gli strafalcioni che scrive. Finchè dura così, è tutto grasso che cola:cool:
modificato Nov 3 '11 a 4:26 am
 
0
risposta
Mi pare di capire che non condividi la moderazione, i commenti ai post. La possibilità di intervenire senza essere registrati dà origine a qualche eccesso: bisogna vedere chi ha deciso questa formula. Hai colto in pieno il mio pensiero. Non essendo il blog dell'associazione "Lanciatori del Fegatello" ma il blog del giornalista esperto di nuoto del più importante giornale sportivo italiano, non ci si può permettere di lasciare spazio ad accuse anonime e non verificate. Nessun inento censorio, assolutamente, ma rispetto della verità e soprattutto responsabilità personale delle affermazioni fatte. La moderazione è necessaria e severa, proprio per la tutela di tutti.
Mi pare di capire che non condividi la moderazione, i commenti ai post. La possibilità di intervenire senza essere registrati dà origine a qualche eccesso: bisogna vedere chi ha deciso questa formula. Hai colto in pieno il mio pensiero. Non essendo il blog dell'associazione "Lanciatori del Fegatello" ma il blog del giornalista esperto di nuoto del più importante giornale sportivo italiano, non ci si può permettere di lasciare spazio ad accuse anonime e non verificate. Nessun inento censorio, assolutamente, ma rispetto della verità e soprattutto responsabilità personale delle affermazioni fatte. La moderazione è necessaria e severa, proprio per la tutela di tutti.
modificato Nov 3 '11 a 1:25 pm
 
0
risposta
Devo dire che leggendo gli interventi, poco moderati in tutti sensi, riguardanti la lettera della Tarquini ho provato fastidio vicino al disgusto il livello veramente basso che si e' raggiunti. Una lettera firmata in cui si racconta, ovviamente dal proprio punto di vista, dei fatti accaduti e' una cosa ma dare la possibilita' a chicchesia di vomitare insulti nascondendosi dietro l'anonimato non e' mi sembra ammissibile.
Devo dire che leggendo gli interventi, poco moderati in tutti sensi, riguardanti la lettera della Tarquini ho provato fastidio vicino al disgusto il livello veramente basso che si e' raggiunti. Una lettera firmata in cui si racconta, ovviamente dal proprio punto di vista, dei fatti accaduti e' una cosa ma dare la possibilita' a chicchesia di vomitare insulti nascondendosi dietro l'anonimato non e' mi sembra ammissibile.
modificato Nov 3 '11 a 1:54 pm
 
0
risposta
Non sono daccordo. Non so dove troviate in giro questi esempi di migliore rettitudine giornalistica, dato che viviamo nell'epoca dello sputtanamento gratuito globale, e in quale modo la gazzetta possa essere un giornale più serio del blog di arcobelli. Il risultato per tutti è maggiore informazione. Tarquini ha potuto scrivere ciò che pensava e ne è scaturita una discussione che si è gonfiata anche di un numero di anonimi riottosi ma non privi di significato, perchè manifestano comunque un umore di ambiente che idilliaco non è. All'interno della discussione molti nomi e cognomi hanno preso parola per dire cose che non si sentono tutti i giorni, almeno da parte mia, e la discussione era talmente viva e coinvolgente che persino arcobelli si è trovato a definire il presidente del livorno come una persona triste. E' chiaro che uno come Arcobelli non lo si vorrebbe in mezzo ai piedi dove un cerino potrebbe scatenare un incendio perchè lui ha tutto l'interesse ad appiccare il fuoco, ma il materiale incendiabile non è roba sua. Lui è assolutamente non politically correct, ma è quanto di meglio si possa chiedere a un cronista. Ai commenti anonimi, ognuno dia il peso che ritiene, forse zero, o forse solo un indicatore ambientale o poco meno, ma non buttiamo il bambino con l'acqua sporca. Capisco che per me è facile e interessante vedere quasi tutte le squadre di serie A sul banco degli imputati, perchè sono l'ultimo arrivato e non sono coinvolto in nulla, ma se nessuno mantiene la pressione almeno su argomenti sui quali tutti sembrano essere daccordo come i vincoli, tra dieci anni saremo ancora allo stesso punto con centinaia di ragazzi e ragazze che non hanno la libertà di scegliere con chi allenarsi. A me pare che il gioco valga la candela.
Non sono daccordo. Non so dove troviate in giro questi esempi di migliore rettitudine giornalistica, dato che viviamo nell'epoca dello sputtanamento gratuito globale, e in quale modo la gazzetta possa essere un giornale più serio del blog di arcobelli. Il risultato per tutti è maggiore informazione. Tarquini ha potuto scrivere ciò che pensava e ne è scaturita una discussione che si è gonfiata anche di un numero di anonimi riottosi ma non privi di significato, perchè manifestano comunque un umore di ambiente che idilliaco non è. All'interno della discussione molti nomi e cognomi hanno preso parola per dire cose che non si sentono tutti i giorni, almeno da parte mia, e la discussione era talmente viva e coinvolgente che persino arcobelli si è trovato a definire il presidente del livorno come una persona triste. E' chiaro che uno come Arcobelli non lo si vorrebbe in mezzo ai piedi dove un cerino potrebbe scatenare un incendio perchè lui ha tutto l'interesse ad appiccare il fuoco, ma il materiale incendiabile non è roba sua. Lui è assolutamente non politically correct, ma è quanto di meglio si possa chiedere a un cronista. Ai commenti anonimi, ognuno dia il peso che ritiene, forse zero, o forse solo un indicatore ambientale o poco meno, ma non buttiamo il bambino con l'acqua sporca. Capisco che per me è facile e interessante vedere quasi tutte le squadre di serie A sul banco degli imputati, perchè sono l'ultimo arrivato e non sono coinvolto in nulla, ma se nessuno mantiene la pressione almeno su argomenti sui quali tutti sembrano essere daccordo come i vincoli, tra dieci anni saremo ancora allo stesso punto con centinaia di ragazzi e ragazze che non hanno la libertà di scegliere con chi allenarsi. A me pare che il gioco valga la candela.
modificato Nov 4 '11 a 5:12 am
 
0
risposta
L'ho letto e trovo che interventi interessanti e notizie sportive si alternino a interventi del tutto fuori luogo, che non giovano in alcun modo all'ambiente. Non mi sembra quella la sede dove discutere di contrasti, ripicche, tira e molla, etc... Insomma un conto è il telegiornale, un conto il reality con zuffa in diretta: sono programmi diversi che vanno in onda in orari diversi e che hanno dei pubblici diversi. Metterli in onda sulla medesima pagina web? Bah!?
L'ho letto e trovo che interventi interessanti e notizie sportive si alternino a interventi del tutto fuori luogo, che non giovano in alcun modo all'ambiente. Non mi sembra quella la sede dove discutere di contrasti, ripicche, tira e molla, etc... Insomma un conto è il telegiornale, un conto il reality con zuffa in diretta: sono programmi diversi che vanno in onda in orari diversi e che hanno dei pubblici diversi. Metterli in onda sulla medesima pagina web? Bah!?
modificato Nov 6 '11 a 9:43 am
 
0
risposta
..... a interventi del tutto fuori luogo, che non giovano in alcun modo all'ambiente..... Quello è l'ambiente. I commenti, anche i più strumentali e offensivi, non arrivano mica da marte o da tifosi di calcio che passano da lì. Apriamo gli occhi, l'ambiente del nuoto è fatto anche di persone rozze, maleducate e disoneste e di società che se non le sputtani pubblicamente continueranno ad approfittare dei regolamenti medievali e vessatori come nulla fosse. L'ambiente è anche fatto di persone, attori non protagonisti, che per anni avrebbero potuto parlare e non lo hanno fatto per la normale italiana connivenza da buon vicinato e che oggi dovrebbero masticare un po' amaro se l'ultimo arrivato, arcobelli, riuscisse davvero a smuovere qualcosa, come sembra stia accadendo.
..... a interventi del tutto fuori luogo, che non giovano in alcun modo all'ambiente..... Quello è l'ambiente. I commenti, anche i più strumentali e offensivi, non arrivano mica da marte o da tifosi di calcio che passano da lì. Apriamo gli occhi, l'ambiente del nuoto è fatto anche di persone rozze, maleducate e disoneste e di società che se non le sputtani pubblicamente continueranno ad approfittare dei regolamenti medievali e vessatori come nulla fosse. L'ambiente è anche fatto di persone, attori non protagonisti, che per anni avrebbero potuto parlare e non lo hanno fatto per la normale italiana connivenza da buon vicinato e che oggi dovrebbero masticare un po' amaro se l'ultimo arrivato, arcobelli, riuscisse davvero a smuovere qualcosa, come sembra stia accadendo.
modificato Nov 7 '11 a 5:22 am
 
0
risposta
Rimango dell'idea che le problematiche si risolvono nelle sedi competenti e non sui blog, come del resto accadrà quando si metterà mano alla questione. Dispiace che si debba sempre ricorrere alla piazza per mettere mano alle questioni.
Rimango dell'idea che le problematiche si risolvono nelle sedi competenti e non sui blog, come del resto accadrà quando si metterà mano alla questione. Dispiace che si debba sempre ricorrere alla piazza per mettere mano alle questioni.
modificato Nov 7 '11 a 8:39 am
 
0
risposta
Rimango dell'idea che le problematiche si risolvono nelle sedi competenti e non sui blog, come del resto accadrà quando si metterà mano alla questione. Dispiace che si debba sempre ricorrere alla piazza per mettere mano alle questioni. Hai ragione, è un vero schifo che proprio nelle sedi competenti ci siano tanti conflitti d'interesse e che per questo si sia costretti ad utilizzare la piazza. Speriamo per il futuro.
Rimango dell'idea che le problematiche si risolvono nelle sedi competenti e non sui blog, come del resto accadrà quando si metterà mano alla questione. Dispiace che si debba sempre ricorrere alla piazza per mettere mano alle questioni. Hai ragione, è un vero schifo che proprio nelle sedi competenti ci siano tanti conflitti d'interesse e che per questo si sia costretti ad utilizzare la piazza. Speriamo per il futuro.
modificato Nov 7 '11 a 2:14 pm
 
0
risposta
Tanto per dare un idea della correttezza del giornalista in questione, ieri sul suo blog ho trovato un suo post che parlava del fatto che la FINA avesse prolungato fino al 18 giugno il limite entro cui ottenere i tempi di qualificazione paventando che fosse stato fatto per includere il 7 colli e far si che se qualche atleta italiano eccellente non avesse ancora ottenuto il tempo avrebbe avuto quest'ultima occasione (come se poi la federazione italiana avesse questo potere a livello internazionale). Ho lasciato un commento dicendo che forse si era confuso perche' il 18 giugno e' sempre stato il termine ultimo entro cui far pervenire le iscrizioni ufficiali degli atleti e' che sul sito FINA non vi era traccia che la data ultima per ottenere i tempi (il 1 giugno) e che per gli atleti italiani eccellenti il problema e' il limite imposto dalla nostra federazione e non da quella internazionale (e per corroborare le parole con dati gli ho scritto la lista degli italiani che avrebbero gia' conseguito il "OQT" valido per la FINA). Cosa immaginate sia successo? il suo post e' sparito (almeno io stamani non lo ho trovato) e dubito che il mio commento abbia mai visto la luce.
Tanto per dare un idea della correttezza del giornalista in questione, ieri sul suo blog ho trovato un suo post che parlava del fatto che la FINA avesse prolungato fino al 18 giugno il limite entro cui ottenere i tempi di qualificazione paventando che fosse stato fatto per includere il 7 colli e far si che se qualche atleta italiano eccellente non avesse ancora ottenuto il tempo avrebbe avuto quest'ultima occasione (come se poi la federazione italiana avesse questo potere a livello internazionale). Ho lasciato un commento dicendo che forse si era confuso perche' il 18 giugno e' sempre stato il termine ultimo entro cui far pervenire le iscrizioni ufficiali degli atleti e' che sul sito FINA non vi era traccia che la data ultima per ottenere i tempi (il 1 giugno) e che per gli atleti italiani eccellenti il problema e' il limite imposto dalla nostra federazione e non da quella internazionale (e per corroborare le parole con dati gli ho scritto la lista degli italiani che avrebbero gia' conseguito il "OQT" valido per la FINA). Cosa immaginate sia successo? il suo post e' sparito (almeno io stamani non lo ho trovato) e dubito che il mio commento abbia mai visto la luce.
modificato Dec 5 '11 a 6:26 am
 
0
risposta
Tanto per dare un idea della correttezza del giornalista in questione, ieri sul suo blog ho trovato un suo post che parlava del fatto che la FINA avesse prolungato fino al 18 giugno il limite entro cui ottenere i tempi di qualificazione paventando che fosse stato fatto per includere il 7 colli e far si che se qualche atleta italiano eccellente non avesse ancora ottenuto il tempo avrebbe avuto quest'ultima occasione (come se poi la federazione italiana avesse questo potere a livello internazionale). Ho lasciato un commento dicendo che forse si era confuso perche' il 18 giugno e' sempre stato il termine ultimo entro cui far pervenire le iscrizioni ufficiali degli atleti e' che sul sito FINA non vi era traccia che la data ultima per ottenere i tempi (il 1 giugno) e che per gli atleti italiani eccellenti il problema e' il limite imposto dalla nostra federazione e non da quella internazionale (e per corroborare le parole con dati gli ho scritto la lista degli italiani che avrebbero gia' conseguito il "OQT" valido per la FINA). Cosa immaginate sia successo? il suo post e' sparito (almeno io stamani non lo ho trovato) e dubito che il mio commento abbia mai visto la luce. Grande prof, è così che mi piaci:)
Tanto per dare un idea della correttezza del giornalista in questione, ieri sul suo blog ho trovato un suo post che parlava del fatto che la FINA avesse prolungato fino al 18 giugno il limite entro cui ottenere i tempi di qualificazione paventando che fosse stato fatto per includere il 7 colli e far si che se qualche atleta italiano eccellente non avesse ancora ottenuto il tempo avrebbe avuto quest'ultima occasione (come se poi la federazione italiana avesse questo potere a livello internazionale). Ho lasciato un commento dicendo che forse si era confuso perche' il 18 giugno e' sempre stato il termine ultimo entro cui far pervenire le iscrizioni ufficiali degli atleti e' che sul sito FINA non vi era traccia che la data ultima per ottenere i tempi (il 1 giugno) e che per gli atleti italiani eccellenti il problema e' il limite imposto dalla nostra federazione e non da quella internazionale (e per corroborare le parole con dati gli ho scritto la lista degli italiani che avrebbero gia' conseguito il "OQT" valido per la FINA). Cosa immaginate sia successo? il suo post e' sparito (almeno io stamani non lo ho trovato) e dubito che il mio commento abbia mai visto la luce. Grande prof, è così che mi piaci:)
modificato Dec 5 '11 a 8:21 am
 
0
risposta
Tanto per dare un idea della correttezza del giornalista in questione, ieri sul suo blog ho trovato un suo post che parlava del fatto che la FINA avesse prolungato fino al 18 giugno il limite entro cui ottenere i tempi di qualificazione paventando che fosse stato fatto per includere il 7 colli e far si che se qualche atleta italiano eccellente non avesse ancora ottenuto il tempo avrebbe avuto quest'ultima occasione (come se poi la federazione italiana avesse questo potere a livello internazionale). Ho lasciato un commento dicendo che forse si era confuso perche' il 18 giugno e' sempre stato il termine ultimo entro cui far pervenire le iscrizioni ufficiali degli atleti e' che sul sito FINA non vi era traccia che la data ultima per ottenere i tempi (il 1 giugno) e che per gli atleti italiani eccellenti il problema e' il limite imposto dalla nostra federazione e non da quella internazionale (e per corroborare le parole con dati gli ho scritto la lista degli italiani che avrebbero gia' conseguito il "OQT" valido per la FINA). Cosa immaginate sia successo? il suo post e' sparito (almeno io stamani non lo ho trovato) e dubito che il mio commento abbia mai visto la luce. :confused: Ah,ecco...è sparito! Mi sembrava di aver letto anche a me delle cose del genere e di aver pensato "bòh?",ma poi non mi ci sono focalizzata più di tanto,ripromettendomi di leggere per bene più tardi...ma di commenti non mi sembra ce ne fossero stati...forse non lo avevi ancora inviato!? ....Comunque...roba da matti...
Tanto per dare un idea della correttezza del giornalista in questione, ieri sul suo blog ho trovato un suo post che parlava del fatto che la FINA avesse prolungato fino al 18 giugno il limite entro cui ottenere i tempi di qualificazione paventando che fosse stato fatto per includere il 7 colli e far si che se qualche atleta italiano eccellente non avesse ancora ottenuto il tempo avrebbe avuto quest'ultima occasione (come se poi la federazione italiana avesse questo potere a livello internazionale). Ho lasciato un commento dicendo che forse si era confuso perche' il 18 giugno e' sempre stato il termine ultimo entro cui far pervenire le iscrizioni ufficiali degli atleti e' che sul sito FINA non vi era traccia che la data ultima per ottenere i tempi (il 1 giugno) e che per gli atleti italiani eccellenti il problema e' il limite imposto dalla nostra federazione e non da quella internazionale (e per corroborare le parole con dati gli ho scritto la lista degli italiani che avrebbero gia' conseguito il "OQT" valido per la FINA). Cosa immaginate sia successo? il suo post e' sparito (almeno io stamani non lo ho trovato) e dubito che il mio commento abbia mai visto la luce. :confused: Ah,ecco...è sparito! Mi sembrava di aver letto anche a me delle cose del genere e di aver pensato "bòh?",ma poi non mi ci sono focalizzata più di tanto,ripromettendomi di leggere per bene più tardi...ma di commenti non mi sembra ce ne fossero stati...forse non lo avevi ancora inviato!? ....Comunque...roba da matti...
modificato Dec 5 '11 a 10:52 am
 
0
risposta
123
anteprima immediata
inserisci almeno 10 caratteri
ATTENZIONE: Hai menzionato %MENTIONS%, ma non possono vedere questo messaggio e non ne riceveranno notifica
Salvataggio...
Salvato
With selected deselect posts show selected posts
Tutti i messaggi di questo argomento saranno cancellato ?
Bozza in attesa ... Click per tornare alla modifica
Elimina la bozza