Advertisement
Non posso esimermi dall'intervenire anch'io sul dibattito che si sta sviluppando intorno a Missy Franklin, ma preferisco farlo in una discussione apposita, perchè immagino che avremo molte considerazioni da fare a riguardo nei prossimi mesi. La Franklin ha compiuto 16 anni a Maggio, ed ha già stabilito due record mondiali al netto delle stagioni 2008 e 2009 (200 sl e 200 dorso). Nonostante sia evidentemente precoce non è un anticipo biologico, quindi nei prossimi anni è destinata a progredire e non alla stagnazione o al regresso dal punto di vista cronometrico. Il confronto combinato età/prestazione basterebbe di per sè ad identificare le caratteristiche vincenti della nuotatrice ma sono alcune considerazioni accessorie a lasciare sbalorditi: 1) innanzitutto direi l'altezza: 185 cm. Una petroliera o una portaerei generano meno attrito durante la navigazione (in rapporto alla stazza dislocata) rispetto a un gommone o a un peschereccio. Vale anche per i nuotatori. Del resto noi lo sappiamo bene, visti i risultati conseguiti dalla Filippi. Dati i crono ottenuti è facilmente ipotizzabile che abbia già operato lo scatto puberale principale, se cresce ancora tanto di guadagnato. 2) polivalenza dorso-stile libero, indizio di qualità neuroreattive non comuni. 3) apertura di braccia disumana: 194 cm. Le consente di coprire la vasca con meno cicli di bracciate. Meno cicli di bracciata significano meno cicli muscolari completi, con conseguente minor affaticamento lattacido del muscolo. 4) acquaticità notevolissima, sotto questo profilo sembra predestinata. Le caratteristiche elencate identificano già una potenziale fuoriclasse ma ce n'è un'altra che lascia esterrefatti (soprattutto se sommata a tutte le altre). Lei pur essendo nata in California risiede da anni in Colorado. Questa ragazza vive e si allena a 1700 metri sul livello del mare. E' come se fosse in perenne collegiale in quota, godendo dei benefici ma non delle controindicazioni della permanenza in altura (perchè il suo organismo ha ormai metabolizzato l'altitudine). I vantaggi fisiologici di cui gode sono simili (per qualità, inferiori naturalmente per quantità) a quelli di cui beneficiano i corridori keniani degli altipiani. Il nuoto ha basi aerobiche diverse rispetto alle corsa di mezzofondo ma in ogni caso si tratta di un tangibile atout. Gli allenatori della Franklin dispongono di materiale umano dal potenziale sconfinato, vedremo cosa riusciranno a ottenere da lei nei prossimi anni.
Non posso esimermi dall'intervenire anch'io sul dibattito che si sta sviluppando intorno a Missy Franklin, ma preferisco farlo in una discussione apposita, perchè immagino che avremo molte considerazioni da fare a riguardo nei prossimi mesi. La Franklin ha compiuto 16 anni a Maggio, ed ha già stabilito due record mondiali al netto delle stagioni 2008 e 2009 (200 sl e 200 dorso). Nonostante sia evidentemente precoce non è un anticipo biologico, quindi nei prossimi anni è destinata a progredire e non alla stagnazione o al regresso dal punto di vista cronometrico. Il confronto combinato età/prestazione basterebbe di per sè ad identificare le caratteristiche vincenti della nuotatrice ma sono alcune considerazioni accessorie a lasciare sbalorditi: 1) innanzitutto direi l'altezza: 185 cm. Una petroliera o una portaerei generano meno attrito durante la navigazione (in rapporto alla stazza dislocata) rispetto a un gommone o a un peschereccio. Vale anche per i nuotatori. Del resto noi lo sappiamo bene, visti i risultati conseguiti dalla Filippi. Dati i crono ottenuti è facilmente ipotizzabile che abbia già operato lo scatto puberale principale, se cresce ancora tanto di guadagnato. 2) polivalenza dorso-stile libero, indizio di qualità neuroreattive non comuni. 3) apertura di braccia disumana: 194 cm. Le consente di coprire la vasca con meno cicli di bracciate. Meno cicli di bracciata significano meno cicli muscolari completi, con conseguente minor affaticamento lattacido del muscolo. 4) acquaticità notevolissima, sotto questo profilo sembra predestinata. Le caratteristiche elencate identificano già una potenziale fuoriclasse ma ce n'è un'altra che lascia esterrefatti (soprattutto se sommata a tutte le altre). Lei pur essendo nata in California risiede da anni in Colorado. Questa ragazza vive e si allena a 1700 metri sul livello del mare. E' come se fosse in perenne collegiale in quota, godendo dei benefici ma non delle controindicazioni della permanenza in altura (perchè il suo organismo ha ormai metabolizzato l'altitudine). I vantaggi fisiologici di cui gode sono simili (per qualità, inferiori naturalmente per quantità) a quelli di cui beneficiano i corridori keniani degli altipiani. Il nuoto ha basi aerobiche diverse rispetto alle corsa di mezzofondo ma in ogni caso si tratta di un tangibile atout. Gli allenatori della Franklin dispongono di materiale umano dal potenziale sconfinato, vedremo cosa riusciranno a ottenere da lei nei prossimi anni.
modificato Jul 30 '11 a 1:46 am
 
0
risposta
Non posso esimermi dall'intervenire anch'io sul dibattito che si sta sviluppando intorno a Missy Franklin, ma preferisco farlo in una discussione apposita, perchè immagino che avremo molte considerazioni da fare a riguardo nei prossimi mesi. La Franklin ha compiuto 16 anni a Maggio, ed ha già stabilito due record mondiali al netto delle stagioni 2008 e 2009 (200 sl e 200 dorso). Nonostante sia evidentemente precoce non è un anticipo biologico, quindi nei prossimi anni è destinata a progredire e non alla stagnazione o al regresso dal punto di vista cronometrico. Il confronto combinato età/prestazione basterebbe di per sè ad identificare le caratteristiche vincenti della nuotatrice ma sono alcune considerazioni accessorie a lasciare sbalorditi: 1) innanzitutto direi l'altezza: 185 cm. Una petroliera o una portaerei generano meno attrito durante la navigazione (in rapporto alla stazza dislocata) rispetto a un gommone o a un peschereccio. Vale anche per i nuotatori. Del resto noi lo sappiamo bene, visti i risultati conseguiti dalla Filippi. Dati i crono ottenuti è facilmente ipotizzabile che abbia già operato lo scatto puberale principale, se cresce ancora tanto di guadagnato. 2) polivalenza dorso-stile libero, indizio di qualità neuroreattive non comuni. 3) apertura di braccia disumana: 194 cm. Le consente di coprire la vasca con meno cicli di bracciate. Meno cicli di bracciata significano meno cicli muscolari completi, con conseguente minor affaticamento lattacido del muscolo. 4) acquaticità notevolissima, sotto questo profilo sembra predestinata. Le caratteristiche elencate identificano già una potenziale fuoriclasse ma ce n'è un'altra che lascia esterrefatti (soprattutto se sommata a tutte le altre). Lei pur essendo nata in California risiede da anni in Colorado. Questa ragazza vive e si allena a 1700 metri sul livello del mare. E' come se fosse in perenne collegiale in quota, godendo dei benefici ma non delle controindicazioni della permanenza in altura (perchè il suo organismo ha ormai metabolizzato l'altitudine). I vantaggi fisiologici di cui gode sono simili (per qualità, inferiori naturalmente per quantità) a quelli di cui beneficiano i corridori keniani degli altipiani. Il nuoto ha basi aerobiche diverse rispetto alle corsa di mezzofondo ma in ogni caso si tratta di un tangibile atout. Gli allenatori della Franklin dispongono di materiale umano dal potenziale sconfinato, vedremo cosa riusciranno a ottenere da lei nei prossimi anni. Dopo ieri intervengo solo per elogiare la completezza e la puntualità di questo post sulla Franklin. Parlare di nuoto per alcuni in questo paese, è ormai parlare di Federica Pellegrini. Tutto il resto è subordinato o asservito. La prestazione nella staffetta 4x200SL di Missy Franklin ha scatenato una ridda di congetture, polemiche, malumori, stizzite repliche che hanno del ridicolo. Qualcuno si schernisce, qualcuno esorcizza, qualcuno gigioneggia, qualcuno fa i calcoli, qualcuno del paternalismo a buon mercato... Mah... non so se è grottesco, rocambolesco, donchisciottesco o cos'altro... in acqua invece qualcuno crescerà: Missy Franklin, Federica Pellegrini... I cinesi dicono: "huan shou bi, bi shou mo, mo shou wan, wan shou xin", che significa: "Il segno riceve il pennello, il pennello riceve l'inchiostro, l'inchiostro riceve il polso, il polso riceve lo spirito". Grazie.
Non posso esimermi dall'intervenire anch'io sul dibattito che si sta sviluppando intorno a Missy Franklin, ma preferisco farlo in una discussione apposita, perchè immagino che avremo molte considerazioni da fare a riguardo nei prossimi mesi. La Franklin ha compiuto 16 anni a Maggio, ed ha già stabilito due record mondiali al netto delle stagioni 2008 e 2009 (200 sl e 200 dorso). Nonostante sia evidentemente precoce non è un anticipo biologico, quindi nei prossimi anni è destinata a progredire e non alla stagnazione o al regresso dal punto di vista cronometrico. Il confronto combinato età/prestazione basterebbe di per sè ad identificare le caratteristiche vincenti della nuotatrice ma sono alcune considerazioni accessorie a lasciare sbalorditi: 1) innanzitutto direi l'altezza: 185 cm. Una petroliera o una portaerei generano meno attrito durante la navigazione (in rapporto alla stazza dislocata) rispetto a un gommone o a un peschereccio. Vale anche per i nuotatori. Del resto noi lo sappiamo bene, visti i risultati conseguiti dalla Filippi. Dati i crono ottenuti è facilmente ipotizzabile che abbia già operato lo scatto puberale principale, se cresce ancora tanto di guadagnato. 2) polivalenza dorso-stile libero, indizio di qualità neuroreattive non comuni. 3) apertura di braccia disumana: 194 cm. Le consente di coprire la vasca con meno cicli di bracciate. Meno cicli di bracciata significano meno cicli muscolari completi, con conseguente minor affaticamento lattacido del muscolo. 4) acquaticità notevolissima, sotto questo profilo sembra predestinata. Le caratteristiche elencate identificano già una potenziale fuoriclasse ma ce n'è un'altra che lascia esterrefatti (soprattutto se sommata a tutte le altre). Lei pur essendo nata in California risiede da anni in Colorado. Questa ragazza vive e si allena a 1700 metri sul livello del mare. E' come se fosse in perenne collegiale in quota, godendo dei benefici ma non delle controindicazioni della permanenza in altura (perchè il suo organismo ha ormai metabolizzato l'altitudine). I vantaggi fisiologici di cui gode sono simili (per qualità, inferiori naturalmente per quantità) a quelli di cui beneficiano i corridori keniani degli altipiani. Il nuoto ha basi aerobiche diverse rispetto alle corsa di mezzofondo ma in ogni caso si tratta di un tangibile atout. Gli allenatori della Franklin dispongono di materiale umano dal potenziale sconfinato, vedremo cosa riusciranno a ottenere da lei nei prossimi anni. Dopo ieri intervengo solo per elogiare la completezza e la puntualità di questo post sulla Franklin. Parlare di nuoto per alcuni in questo paese, è ormai parlare di Federica Pellegrini. Tutto il resto è subordinato o asservito. La prestazione nella staffetta 4x200SL di Missy Franklin ha scatenato una ridda di congetture, polemiche, malumori, stizzite repliche che hanno del ridicolo. Qualcuno si schernisce, qualcuno esorcizza, qualcuno gigioneggia, qualcuno fa i calcoli, qualcuno del paternalismo a buon mercato... Mah... non so se è grottesco, rocambolesco, donchisciottesco o cos'altro... in acqua invece qualcuno crescerà: Missy Franklin, Federica Pellegrini... I cinesi dicono: "huan shou bi, bi shou mo, mo shou wan, wan shou xin", che significa: "Il segno riceve il pennello, il pennello riceve l'inchiostro, l'inchiostro riceve il polso, il polso riceve lo spirito". Grazie.
modificato Jul 30 '11 a 9:06 am
 
0
risposta
Parlo per me. Io non ho contestato il risultato della Franklin, ma mi e' sembrato assurdo attribuirle il ruolo di favorita nei 200 a Londra nonostanle la presenza di una campionessa che domina imbattuta la specialita' da 4 anni a questa parte. Nulla c'entra che la Pellegrini sia italiana , avrei scritto le stesse cose anche se fosse nata nel Burundi. Io mi chiedo una cosa:siete esperti, sapete quindi senz'altro che l'1"52"98 del record mondiale vale in ogni caso meno del tempo della Franklin nonostante l'indubbio apporto del gommone,per cui non dovrebbe esserci alcun dubbio che la Pellegrini sia in grado di fare meglio rispetto a quanto nuotato quest'anno sia da lei stessa che dalla Franklin, eppure alcuni di voi hanno firmato una cambiale in bianco a favore dell'americana, addirittura Brix l'ha pronosticata come sicura vincitrice a Londra. Partendo dal presupposto che non sono ostili alla Pellegrini mi chiedo:come mai?
Parlo per me. Io non ho contestato il risultato della Franklin, ma mi e' sembrato assurdo attribuirle il ruolo di favorita nei 200 a Londra nonostanle la presenza di una campionessa che domina imbattuta la specialita' da 4 anni a questa parte. Nulla c'entra che la Pellegrini sia italiana , avrei scritto le stesse cose anche se fosse nata nel Burundi. Io mi chiedo una cosa:siete esperti, sapete quindi senz'altro che l'1"52"98 del record mondiale vale in ogni caso meno del tempo della Franklin nonostante l'indubbio apporto del gommone,per cui non dovrebbe esserci alcun dubbio che la Pellegrini sia in grado di fare meglio rispetto a quanto nuotato quest'anno sia da lei stessa che dalla Franklin, eppure alcuni di voi hanno firmato una cambiale in bianco a favore dell'americana, addirittura Brix l'ha pronosticata come sicura vincitrice a Londra. Partendo dal presupposto che non sono ostili alla Pellegrini mi chiedo:come mai?
modificato Jul 30 '11 a 9:32 am
 
0
risposta
La ragiione e' che nello sport si vogliono sempre cose nuove e che i dominatori stancano; la Franklin ha oggettivamente delle qualita' mostruose (elencate puntualmente da xman), e' giovane, e' nuova e quindi suscita naturalmente curiosita', simpatia e entusiasmo. L'unica possibile controindicazione fisiologica che vedo nel suo caso e' proprio il fisico smisurato; una volta terminata la botta ormonale dell'adolscenza non credo sara' facile per lei portare in giro per le piscine un corpaccione di 1.85 per 75kg, ma ovviamente molto dipendera' anche da come sara' "plasmata". Aspettiamo e vediamo.... Se poi si parla di previsioni a breve termine, tipo Londra 2012 francamente non mi sbilancerei piu' di tanto in un senso o nell'altro.
La ragiione e' che nello sport si vogliono sempre cose nuove e che i dominatori stancano; la Franklin ha oggettivamente delle qualita' mostruose (elencate puntualmente da xman), e' giovane, e' nuova e quindi suscita naturalmente curiosita', simpatia e entusiasmo. L'unica possibile controindicazione fisiologica che vedo nel suo caso e' proprio il fisico smisurato; una volta terminata la botta ormonale dell'adolscenza non credo sara' facile per lei portare in giro per le piscine un corpaccione di 1.85 per 75kg, ma ovviamente molto dipendera' anche da come sara' "plasmata". Aspettiamo e vediamo.... Se poi si parla di previsioni a breve termine, tipo Londra 2012 francamente non mi sbilancerei piu' di tanto in un senso o nell'altro.
modificato Jul 30 '11 a 9:45 am
 
0
risposta
Non posso esimermi dall'intervenire anch'io sul dibattito che si sta sviluppando intorno a Missy Franklin, ma preferisco farlo in una discussione apposita, perchè immagino che avremo molte considerazioni da fare a riguardo nei prossimi mesi. La Franklin ha compiuto 16 anni a Maggio, ed ha già stabilito due record mondiali al netto delle stagioni 2008 e 2009 (200 sl e 200 dorso). Nonostante sia evidentemente precoce non è un anticipo biologico, quindi nei prossimi anni è destinata a progredire e non alla stagnazione o al regresso dal punto di vista cronometrico. Il confronto combinato età/prestazione basterebbe di per sè ad identificare le caratteristiche vincenti della nuotatrice ma sono alcune considerazioni accessorie a lasciare sbalorditi: 1) innanzitutto direi l'altezza: 185 cm. Una petroliera o una portaerei generano meno attrito durante la navigazione (in rapporto alla stazza dislocata) rispetto a un gommone o a un peschereccio. Vale anche per i nuotatori. Del resto noi lo sappiamo bene, visti i risultati conseguiti dalla Filippi. Dati i crono ottenuti è facilmente ipotizzabile che abbia già operato lo scatto puberale principale, se cresce ancora tanto di guadagnato. 2) polivalenza dorso-stile libero, indizio di qualità neuroreattive non comuni. 3) apertura di braccia disumana: 194 cm. Le consente di coprire la vasca con meno cicli di bracciate. Meno cicli di bracciata significano meno cicli muscolari completi, con conseguente minor affaticamento lattacido del muscolo. 4) acquaticità notevolissima, sotto questo profilo sembra predestinata. Le caratteristiche elencate identificano già una potenziale fuoriclasse ma ce n'è un'altra che lascia esterrefatti (soprattutto se sommata a tutte le altre). Lei pur essendo nata in California risiede da anni in Colorado. Questa ragazza vive e si allena a 1700 metri sul livello del mare. E' come se fosse in perenne collegiale in quota, godendo dei benefici ma non delle controindicazioni della permanenza in altura (perchè il suo organismo ha ormai metabolizzato l'altitudine). I vantaggi fisiologici di cui gode sono simili (per qualità, inferiori naturalmente per quantità) a quelli di cui beneficiano i corridori keniani degli altipiani. Il nuoto ha basi aerobiche diverse rispetto alle corsa di mezzofondo ma in ogni caso si tratta di un tangibile atout. Gli allenatori della Franklin dispongono di materiale umano dal potenziale sconfinato, vedremo cosa riusciranno a ottenere da lei nei prossimi anni. Bel post!! Solo una piccola inesattezza: la FRANKLIN ha solo il WR sgommato dei 200 dorso. Il record in tessuto dei 200 sl non ce l'ha nè la PELLEGRINI nè la FRANKLIN ma una ragazzona slovena di cui ora si è perso un pò il talento; 13/08/2008, Pechino, Giochi olimpici edizione XXIX, ISAKOVIC SARA 1.54.97...
Non posso esimermi dall'intervenire anch'io sul dibattito che si sta sviluppando intorno a Missy Franklin, ma preferisco farlo in una discussione apposita, perchè immagino che avremo molte considerazioni da fare a riguardo nei prossimi mesi. La Franklin ha compiuto 16 anni a Maggio, ed ha già stabilito due record mondiali al netto delle stagioni 2008 e 2009 (200 sl e 200 dorso). Nonostante sia evidentemente precoce non è un anticipo biologico, quindi nei prossimi anni è destinata a progredire e non alla stagnazione o al regresso dal punto di vista cronometrico. Il confronto combinato età/prestazione basterebbe di per sè ad identificare le caratteristiche vincenti della nuotatrice ma sono alcune considerazioni accessorie a lasciare sbalorditi: 1) innanzitutto direi l'altezza: 185 cm. Una petroliera o una portaerei generano meno attrito durante la navigazione (in rapporto alla stazza dislocata) rispetto a un gommone o a un peschereccio. Vale anche per i nuotatori. Del resto noi lo sappiamo bene, visti i risultati conseguiti dalla Filippi. Dati i crono ottenuti è facilmente ipotizzabile che abbia già operato lo scatto puberale principale, se cresce ancora tanto di guadagnato. 2) polivalenza dorso-stile libero, indizio di qualità neuroreattive non comuni. 3) apertura di braccia disumana: 194 cm. Le consente di coprire la vasca con meno cicli di bracciate. Meno cicli di bracciata significano meno cicli muscolari completi, con conseguente minor affaticamento lattacido del muscolo. 4) acquaticità notevolissima, sotto questo profilo sembra predestinata. Le caratteristiche elencate identificano già una potenziale fuoriclasse ma ce n'è un'altra che lascia esterrefatti (soprattutto se sommata a tutte le altre). Lei pur essendo nata in California risiede da anni in Colorado. Questa ragazza vive e si allena a 1700 metri sul livello del mare. E' come se fosse in perenne collegiale in quota, godendo dei benefici ma non delle controindicazioni della permanenza in altura (perchè il suo organismo ha ormai metabolizzato l'altitudine). I vantaggi fisiologici di cui gode sono simili (per qualità, inferiori naturalmente per quantità) a quelli di cui beneficiano i corridori keniani degli altipiani. Il nuoto ha basi aerobiche diverse rispetto alle corsa di mezzofondo ma in ogni caso si tratta di un tangibile atout. Gli allenatori della Franklin dispongono di materiale umano dal potenziale sconfinato, vedremo cosa riusciranno a ottenere da lei nei prossimi anni. Bel post!! Solo una piccola inesattezza: la FRANKLIN ha solo il WR sgommato dei 200 dorso. Il record in tessuto dei 200 sl non ce l'ha nè la PELLEGRINI nè la FRANKLIN ma una ragazzona slovena di cui ora si è perso un pò il talento; 13/08/2008, Pechino, Giochi olimpici edizione XXIX, ISAKOVIC SARA 1.54.97...
modificato Jul 30 '11 a 10:26 am
 
0
risposta
Parlo per me. Io non ho contestato il risultato della Franklin, ma mi e' sembrato assurdo attribuirle il ruolo di favorita nei 200 a Londra nonostanle la presenza di una campionessa che domina imbattuta la specialita' da 4 anni a questa parte. Nulla c'entra che la Pellegrini sia italiana , avrei scritto le stesse cose anche se fosse nata nel Burundi. Io mi chiedo una cosa:siete esperti, sapete quindi senz'altro che l'1"52"98 del record mondiale vale in ogni caso meno del tempo della Franklin nonostante l'indubbio apporto del gommone,per cui non dovrebbe esserci alcun dubbio che la Pellegrini sia in grado di fare meglio rispetto a quanto nuotato quest'anno sia da lei stessa che dalla Franklin, eppure alcuni di voi hanno firmato una cambiale in bianco a favore dell'americana, addirittura Brix l'ha pronosticata come sicura vincitrice a Londra. Partendo dal presupposto che non sono ostili alla Pellegrini mi chiedo:come mai? Infatti ho apprezzato l'equilibrio dell'intervento. Anch'io penso che la Pellegrini sia la favorita per Londra. Personalmente non ho mai firmato una cambiale in bianco per la Franklin, tutt'altro. Però mi secca l'astio con cui è stata salutata la prestazione di Melissa. Mi spiego: se avesse fatto 53"0 sui 100 credo che non ci sarebbero state le medesime reazioni (a metà tra l'horror vacui e la superstizione medievale) - anche perché in staffetta veloce lo ha fatto e hanno più o meno glissato tutti, no? Il fatto che abbia nuotato bene i 200 ci ha fatti sobbalzare. Ecco questo è un atteggiamento che ha richiamato subito gli allarmi. Mi faceva specie come tutti si affrettassero a dire che bisognava stare calmi, che la gara in 4 è diversa dalla singola, che doveva masticarne ancora dell'acqua per star dietro alla nostra Fede... ma suvvia... queste sono riflessioni da bar. E sinceramente anche il discorso della crescita fisica mi sembra un po' pretestuoso, quasi a 'gufare', anche se ci sta come considerazione più organica. Secondo me la Franklin è un bel sorriso in un mondo a volte troppo compassato. Avete sentito l'intervista con la Caporale? Una ragazzina elettrizzata, ingenua e una bella ventata di allegria. Penso che non possa che fare bene, no? Ci sono le cinesi che sembrano robot; ridono poco, concedono meno, hanno fisici strani, al limite del freak (vedi gli estremi: Ye Schiwen e Liu Zige - faccio una battuta un po' fuori luogo e invereconda: ma hanno controllato la coppia di cromosomi sessuali a quest'ultima? -) ma nessuno ne parla. E sapete perché? Perché nessuna nuota i 200-400SL ai livelli della Fede. Altrimenti sai che bailamme! Tutto qui.
Parlo per me. Io non ho contestato il risultato della Franklin, ma mi e' sembrato assurdo attribuirle il ruolo di favorita nei 200 a Londra nonostanle la presenza di una campionessa che domina imbattuta la specialita' da 4 anni a questa parte. Nulla c'entra che la Pellegrini sia italiana , avrei scritto le stesse cose anche se fosse nata nel Burundi. Io mi chiedo una cosa:siete esperti, sapete quindi senz'altro che l'1"52"98 del record mondiale vale in ogni caso meno del tempo della Franklin nonostante l'indubbio apporto del gommone,per cui non dovrebbe esserci alcun dubbio che la Pellegrini sia in grado di fare meglio rispetto a quanto nuotato quest'anno sia da lei stessa che dalla Franklin, eppure alcuni di voi hanno firmato una cambiale in bianco a favore dell'americana, addirittura Brix l'ha pronosticata come sicura vincitrice a Londra. Partendo dal presupposto che non sono ostili alla Pellegrini mi chiedo:come mai? Infatti ho apprezzato l'equilibrio dell'intervento. Anch'io penso che la Pellegrini sia la favorita per Londra. Personalmente non ho mai firmato una cambiale in bianco per la Franklin, tutt'altro. Però mi secca l'astio con cui è stata salutata la prestazione di Melissa. Mi spiego: se avesse fatto 53"0 sui 100 credo che non ci sarebbero state le medesime reazioni (a metà tra l'horror vacui e la superstizione medievale) - anche perché in staffetta veloce lo ha fatto e hanno più o meno glissato tutti, no? Il fatto che abbia nuotato bene i 200 ci ha fatti sobbalzare. Ecco questo è un atteggiamento che ha richiamato subito gli allarmi. Mi faceva specie come tutti si affrettassero a dire che bisognava stare calmi, che la gara in 4 è diversa dalla singola, che doveva masticarne ancora dell'acqua per star dietro alla nostra Fede... ma suvvia... queste sono riflessioni da bar. E sinceramente anche il discorso della crescita fisica mi sembra un po' pretestuoso, quasi a 'gufare', anche se ci sta come considerazione più organica. Secondo me la Franklin è un bel sorriso in un mondo a volte troppo compassato. Avete sentito l'intervista con la Caporale? Una ragazzina elettrizzata, ingenua e una bella ventata di allegria. Penso che non possa che fare bene, no? Ci sono le cinesi che sembrano robot; ridono poco, concedono meno, hanno fisici strani, al limite del freak (vedi gli estremi: Ye Schiwen e Liu Zige - faccio una battuta un po' fuori luogo e invereconda: ma hanno controllato la coppia di cromosomi sessuali a quest'ultima? -) ma nessuno ne parla. E sapete perché? Perché nessuna nuota i 200-400SL ai livelli della Fede. Altrimenti sai che bailamme! Tutto qui.
modificato Jul 30 '11 a 10:32 am
 
0
risposta
Infatti ho apprezzato l'equilibrio dell'intervento. Anch'io penso che la Pellegrini sia la favorita per Londra. Personalmente non ho mai firmato una cambiale in bianco per la Franklin, tutt'altro. Però mi secca l'astio con cui è stata salutata la prestazione di Melissa. Mi spiego: se avesse fatto 53"0 sui 100 credo che non ci sarebbero state le medesime reazioni (a metà tra l'horror vacui e la superstizione medievale) - anche perché in staffetta veloce lo ha fatto e hanno più o meno glissato tutti, no? Il fatto che abbia nuotato bene i 200 ci ha fatti sobbalzare. Ecco questo è un atteggiamento che ha richiamato subito gli allarmi. Mi faceva specie come tutti si affrettassero a dire che bisognava stare calmi, che la gara in 4 è diversa dalla singola, che doveva masticarne ancora dell'acqua per star dietro alla nostra Fede... ma suvvia... queste sono riflessioni da bar. E sinceramente anche il discorso della crescita fisica mi sembra un po' pretestuoso, quasi a 'gufare', anche se ci sta come considerazione più organica. Secondo me la Franklin è un bel sorriso in un mondo a volte troppo compassato. Avete sentito l'intervista con la Caporale? Una ragazzina elettrizzata, ingenua e una bella ventata di allegria. Penso che non possa che fare bene, no? Ci sono le cinesi che sembrano robot; ridono poco, concedono meno, hanno fisici strani, al limite del freak (vedi gli estremi: Ye Schiwen e Liu Zige - faccio una battuta un po' fuori luogo e invereconda: ma hanno controllato la coppia di cromosomi sessuali a quest'ultima? -) ma nessuno ne parla. E sapete perché? Perché nessuna nuota i 200-400SL ai livelli della Fede. Altrimenti sai che bailamme! Tutto qui. Personalmente non sono intervenuto con astio verso la Frankiln ma ho semplicemente criticato la sostanza dei post che volevano quasi far apparire la vittoria di Federica come un regalo degli americani che non hanno messo nell'individuale la nuotatrice. Diciamo che se qualcuno ha ecceduto nell'essere tifoso c'è chi forse si è sbilanciato un pò troppo sulla Frankiln un pò come fece in passato sulla Sjoestroem che doveva distruggere la Pellegrini. In tal senso si è voluto sottolineare, secondo me giustamente, le differenze che intercorrono tra una prova individuale e una di staffetta senza però disconoscere quello che la Franklin sia e quello che sta facendo vedendo anche i 200 dorso. Quindi è mancato un pò di equilibrio.
Infatti ho apprezzato l'equilibrio dell'intervento. Anch'io penso che la Pellegrini sia la favorita per Londra. Personalmente non ho mai firmato una cambiale in bianco per la Franklin, tutt'altro. Però mi secca l'astio con cui è stata salutata la prestazione di Melissa. Mi spiego: se avesse fatto 53"0 sui 100 credo che non ci sarebbero state le medesime reazioni (a metà tra l'horror vacui e la superstizione medievale) - anche perché in staffetta veloce lo ha fatto e hanno più o meno glissato tutti, no? Il fatto che abbia nuotato bene i 200 ci ha fatti sobbalzare. Ecco questo è un atteggiamento che ha richiamato subito gli allarmi. Mi faceva specie come tutti si affrettassero a dire che bisognava stare calmi, che la gara in 4 è diversa dalla singola, che doveva masticarne ancora dell'acqua per star dietro alla nostra Fede... ma suvvia... queste sono riflessioni da bar. E sinceramente anche il discorso della crescita fisica mi sembra un po' pretestuoso, quasi a 'gufare', anche se ci sta come considerazione più organica. Secondo me la Franklin è un bel sorriso in un mondo a volte troppo compassato. Avete sentito l'intervista con la Caporale? Una ragazzina elettrizzata, ingenua e una bella ventata di allegria. Penso che non possa che fare bene, no? Ci sono le cinesi che sembrano robot; ridono poco, concedono meno, hanno fisici strani, al limite del freak (vedi gli estremi: Ye Schiwen e Liu Zige - faccio una battuta un po' fuori luogo e invereconda: ma hanno controllato la coppia di cromosomi sessuali a quest'ultima? -) ma nessuno ne parla. E sapete perché? Perché nessuna nuota i 200-400SL ai livelli della Fede. Altrimenti sai che bailamme! Tutto qui. Personalmente non sono intervenuto con astio verso la Frankiln ma ho semplicemente criticato la sostanza dei post che volevano quasi far apparire la vittoria di Federica come un regalo degli americani che non hanno messo nell'individuale la nuotatrice. Diciamo che se qualcuno ha ecceduto nell'essere tifoso c'è chi forse si è sbilanciato un pò troppo sulla Frankiln un pò come fece in passato sulla Sjoestroem che doveva distruggere la Pellegrini. In tal senso si è voluto sottolineare, secondo me giustamente, le differenze che intercorrono tra una prova individuale e una di staffetta senza però disconoscere quello che la Franklin sia e quello che sta facendo vedendo anche i 200 dorso. Quindi è mancato un pò di equilibrio.
modificato Jul 30 '11 a 10:50 am
 
0
risposta
Allora diciamo anche che la prima prova individuale da favorita non è andata tanto male, non sembra che abbia sentito granché la pressione. Luca Sacchi sembrava preoccupato del passaggio ai 100, troppo entusiasmo beata gioventù: peccato che nei secondi 100 è andata più forte della Coventry nel suo record del mondo gommato.... Nella finale dei 100 stile libero il ritorno più veloce è stato della Kromowidjojo con 27"55, ritorno della Franklin in finale di staffetta mista (quindi senza nessuno a fianco) in 27"26. Come capacità di distribuzione dello sforzo non sembra così scadente.... Se fosse stata italiana tutte queste prudenze non sarebbero state scritte. C'è da dire però che in proporzione la gara in cui è andata più piano è stata proprio i 200 stile libero.
Allora diciamo anche che la prima prova individuale da favorita non è andata tanto male, non sembra che abbia sentito granché la pressione. Luca Sacchi sembrava preoccupato del passaggio ai 100, troppo entusiasmo beata gioventù: peccato che nei secondi 100 è andata più forte della Coventry nel suo record del mondo gommato.... Nella finale dei 100 stile libero il ritorno più veloce è stato della Kromowidjojo con 27"55, ritorno della Franklin in finale di staffetta mista (quindi senza nessuno a fianco) in 27"26. Come capacità di distribuzione dello sforzo non sembra così scadente.... Se fosse stata italiana tutte queste prudenze non sarebbero state scritte. C'è da dire però che in proporzione la gara in cui è andata più piano è stata proprio i 200 stile libero.
modificato Jul 30 '11 a 2:03 pm
 
0
risposta
Come spesso accaduto nella storia il mio nuotatore preferto non è italiano e da oggi, ma la seguo già da un paio d'anni, la mia nuotatrice preferita è melissa. Se dovesse scendere in vasca contro federica, l'amore per lo sport prevarrà sull'amore per la bandiera e credo, non ne sono sicuro al 100%, che farei il tifo per franklin. Spero che continui su questa strada e non si perda come altre, ma le premesse mi sembrano molto più solide, perchè il nuoto ha bisogno di lei o di una come lei sulla quale costruire un simbolo a 360 gradi. Ha ragione chi dice che noi ci accorgiamo di lei solo quando sembra mettere il piede nel cortile di casa nostra e questo fa onore alla beniamina del nuoto nazionale, ma è un po' riduttivo farne un discorso di contrapposizione dato che franklin ha superato già oggi alcuni confini dentro i quali federica è invece costretta, se non altro per polivalenza e passaporto.
Come spesso accaduto nella storia il mio nuotatore preferto non è italiano e da oggi, ma la seguo già da un paio d'anni, la mia nuotatrice preferita è melissa. Se dovesse scendere in vasca contro federica, l'amore per lo sport prevarrà sull'amore per la bandiera e credo, non ne sono sicuro al 100%, che farei il tifo per franklin. Spero che continui su questa strada e non si perda come altre, ma le premesse mi sembrano molto più solide, perchè il nuoto ha bisogno di lei o di una come lei sulla quale costruire un simbolo a 360 gradi. Ha ragione chi dice che noi ci accorgiamo di lei solo quando sembra mettere il piede nel cortile di casa nostra e questo fa onore alla beniamina del nuoto nazionale, ma è un po' riduttivo farne un discorso di contrapposizione dato che franklin ha superato già oggi alcuni confini dentro i quali federica è invece costretta, se non altro per polivalenza e passaporto.
modificato Jul 30 '11 a 2:05 pm
 
0
risposta
Io mi chiedo una cosa: siete esperti, sapete quindi senz'altro che l'1"52"98 del record mondiale vale in ogni caso meno del tempo della Franklin nonostante l'indubbio apporto del gommone Su questa affermazione io sarei molto più prudente. I 200 stile libero (sia maschili che femminili) sono una delle gare che, per adesso, hanno in proporzione il differenziale più alto tra costume gommato ed in tessuto. Ad oggi in campo femminile siamo ad un differenziale dell'ordine dei 2 secondi, ed in campo maschile lo scarto è ancora maggiore, con 2"88 l'hanno scorso e 2"44 quest'anno. Poi è ovvia una cosa. Finché non si saranno svolti i trials USA saranno ci saranno tante ipotesi sulle gare che svolgerà la Franklin alle olimpiadi ed in questo anche lo studio degli orari di gara di Londra conterà moltissimo. Una volta qualificata immagino che la base di partenza i 100 ed i 200 dorso dove obiettivamente sembra avere una marcia in più. Le altre due gare su cui dovrebbe puntare sono i 100 e 200 stile libero, dove se al meglio non dovrebbe avere problemi a qualificarsi. Facendo i conti (comprese le staffette) diciamo che la Franklin potrebbe dover scendere in acqua la bellezza di 13 volte (comprese le finali delle tre staffette), una cosa mica da ridere..... La Pellegrini avrà il netto vantaggio di dover farlo solamente 5 volte (le staffette femminili al momento sono obiettivamente impresentabili) e ripeto, i 200 stile libero è stata la sua gara "meno" convincente.
Io mi chiedo una cosa: siete esperti, sapete quindi senz'altro che l'1"52"98 del record mondiale vale in ogni caso meno del tempo della Franklin nonostante l'indubbio apporto del gommone Su questa affermazione io sarei molto più prudente. I 200 stile libero (sia maschili che femminili) sono una delle gare che, per adesso, hanno in proporzione il differenziale più alto tra costume gommato ed in tessuto. Ad oggi in campo femminile siamo ad un differenziale dell'ordine dei 2 secondi, ed in campo maschile lo scarto è ancora maggiore, con 2"88 l'hanno scorso e 2"44 quest'anno. Poi è ovvia una cosa. Finché non si saranno svolti i trials USA saranno ci saranno tante ipotesi sulle gare che svolgerà la Franklin alle olimpiadi ed in questo anche lo studio degli orari di gara di Londra conterà moltissimo. Una volta qualificata immagino che la base di partenza i 100 ed i 200 dorso dove obiettivamente sembra avere una marcia in più. Le altre due gare su cui dovrebbe puntare sono i 100 e 200 stile libero, dove se al meglio non dovrebbe avere problemi a qualificarsi. Facendo i conti (comprese le staffette) diciamo che la Franklin potrebbe dover scendere in acqua la bellezza di 13 volte (comprese le finali delle tre staffette), una cosa mica da ridere..... La Pellegrini avrà il netto vantaggio di dover farlo solamente 5 volte (le staffette femminili al momento sono obiettivamente impresentabili) e ripeto, i 200 stile libero è stata la sua gara "meno" convincente.
modificato Aug 1 '11 a 9:39 am
 
0
risposta
Su questa affermazione io sarei molto più prudente. I 200 stile libero (sia maschili che femminili) sono una delle gare che, per adesso, hanno in proporzione il differenziale più alto tra costume gommato ed in tessuto. Ad oggi in campo femminile siamo ad un differenziale dell'ordine dei 2 secondi, ed in campo maschile lo scarto è ancora maggiore, con 2"88 l'hanno scorso e 2"44 quest'anno. Poi è ovvia una cosa. Finché non si saranno svolti i trials USA saranno ci saranno tante ipotesi sulle gare che svolgerà la Franklin alle olimpiadi ed in questo anche lo studio degli orari di gara di Londra conterà moltissimo. Una volta qualificata immagino che la base di partenza i 100 ed i 200 dorso dove obiettivamente sembra avere una marcia in più. Le altre due gare su cui dovrebbe puntare sono i 100 e 200 stile libero, dove se al meglio non dovrebbe avere problemi a qualificarsi. Facendo i conti (comprese le staffette) diciamo che la Franklin potrebbe dover scendere in acqua la bellezza di 13 volte (comprese le finali delle tre staffette), una cosa mica da ridere..... La Pellegrini avrà il netto vantaggio di dover farlo solamente 5 volte (le staffette femminili al momento sono obiettivamente impresentabili) e ripeto, i 200 stile libero è stata la sua gara "meno" convincente. Credo che anche i 200Mx potrebbero essere nel 'mirino' della giovane statunitense.
Su questa affermazione io sarei molto più prudente. I 200 stile libero (sia maschili che femminili) sono una delle gare che, per adesso, hanno in proporzione il differenziale più alto tra costume gommato ed in tessuto. Ad oggi in campo femminile siamo ad un differenziale dell'ordine dei 2 secondi, ed in campo maschile lo scarto è ancora maggiore, con 2"88 l'hanno scorso e 2"44 quest'anno. Poi è ovvia una cosa. Finché non si saranno svolti i trials USA saranno ci saranno tante ipotesi sulle gare che svolgerà la Franklin alle olimpiadi ed in questo anche lo studio degli orari di gara di Londra conterà moltissimo. Una volta qualificata immagino che la base di partenza i 100 ed i 200 dorso dove obiettivamente sembra avere una marcia in più. Le altre due gare su cui dovrebbe puntare sono i 100 e 200 stile libero, dove se al meglio non dovrebbe avere problemi a qualificarsi. Facendo i conti (comprese le staffette) diciamo che la Franklin potrebbe dover scendere in acqua la bellezza di 13 volte (comprese le finali delle tre staffette), una cosa mica da ridere..... La Pellegrini avrà il netto vantaggio di dover farlo solamente 5 volte (le staffette femminili al momento sono obiettivamente impresentabili) e ripeto, i 200 stile libero è stata la sua gara "meno" convincente. Credo che anche i 200Mx potrebbero essere nel 'mirino' della giovane statunitense.
modificato Aug 1 '11 a 9:58 am
 
0
risposta
Su questa affermazione io sarei molto più prudente. I 200 stile libero (sia maschili che femminili) sono una delle gare che, per adesso, hanno in proporzione il differenziale più alto tra costume gommato ed in tessuto. Ad oggi in campo femminile siamo ad un differenziale dell'ordine dei 2 secondi, ed in campo maschile lo scarto è ancora maggiore, con 2"88 l'hanno scorso e 2"44 quest'anno. Poi è ovvia una cosa. Finché non si saranno svolti i trials USA saranno ci saranno tante ipotesi sulle gare che svolgerà la Franklin alle olimpiadi ed in questo anche lo studio degli orari di gara di Londra conterà moltissimo. Una volta qualificata immagino che la base di partenza i 100 ed i 200 dorso dove obiettivamente sembra avere una marcia in più. Le altre due gare su cui dovrebbe puntare sono i 100 e 200 stile libero, dove se al meglio non dovrebbe avere problemi a qualificarsi. Facendo i conti (comprese le staffette) diciamo che la Franklin potrebbe dover scendere in acqua la bellezza di 13 volte (comprese le finali delle tre staffette), una cosa mica da ridere..... La Pellegrini avrà il netto vantaggio di dover farlo solamente 5 volte (le staffette femminili al momento sono obiettivamente impresentabili) e ripeto, i 200 stile libero è stata la sua gara "meno" convincente. Non a caso la Pelle, dopo la vittioria dei 200, ha detto che questi mondiali servivvano più per mettere la mano davanti che per prestazioni cronometriche da urlo in quanto sa benissimo che per vincere le prossime olimpiadi ci vuole un salto di qualità. In questo senso la Franklin è un astro nascente non solo sui 200 stile ma anche su altre specialità per cui, come dici, avrà un carico di gare notevoli. Bisognerà aspettare i trials e vedere quali saranno i tempi e le scelte però io penso , al tempo stesso, che Federica in occasione di questi mondiali abbia fatto una preparazione maggiormente incentrata sui 400 e 800 solo che lei , su questi ultimi, non era completamente convinta per i problemi che conosciamo. L'aver ottenuto 1.55 in queste condizioni , a mio modo di vedere, ha rappresentato un salto di qualità di testa che , con una preparazione su passaggi + veloci lasciando da parte gli 800, la porterà a nuotare tempi di grande livello. Tornando alla franklin ha tutto per diventare un fenomeno del nuoto quindi sarà davvero interessante a Londra vedere che cosa farà.
Su questa affermazione io sarei molto più prudente. I 200 stile libero (sia maschili che femminili) sono una delle gare che, per adesso, hanno in proporzione il differenziale più alto tra costume gommato ed in tessuto. Ad oggi in campo femminile siamo ad un differenziale dell'ordine dei 2 secondi, ed in campo maschile lo scarto è ancora maggiore, con 2"88 l'hanno scorso e 2"44 quest'anno. Poi è ovvia una cosa. Finché non si saranno svolti i trials USA saranno ci saranno tante ipotesi sulle gare che svolgerà la Franklin alle olimpiadi ed in questo anche lo studio degli orari di gara di Londra conterà moltissimo. Una volta qualificata immagino che la base di partenza i 100 ed i 200 dorso dove obiettivamente sembra avere una marcia in più. Le altre due gare su cui dovrebbe puntare sono i 100 e 200 stile libero, dove se al meglio non dovrebbe avere problemi a qualificarsi. Facendo i conti (comprese le staffette) diciamo che la Franklin potrebbe dover scendere in acqua la bellezza di 13 volte (comprese le finali delle tre staffette), una cosa mica da ridere..... La Pellegrini avrà il netto vantaggio di dover farlo solamente 5 volte (le staffette femminili al momento sono obiettivamente impresentabili) e ripeto, i 200 stile libero è stata la sua gara "meno" convincente. Non a caso la Pelle, dopo la vittioria dei 200, ha detto che questi mondiali servivvano più per mettere la mano davanti che per prestazioni cronometriche da urlo in quanto sa benissimo che per vincere le prossime olimpiadi ci vuole un salto di qualità. In questo senso la Franklin è un astro nascente non solo sui 200 stile ma anche su altre specialità per cui, come dici, avrà un carico di gare notevoli. Bisognerà aspettare i trials e vedere quali saranno i tempi e le scelte però io penso , al tempo stesso, che Federica in occasione di questi mondiali abbia fatto una preparazione maggiormente incentrata sui 400 e 800 solo che lei , su questi ultimi, non era completamente convinta per i problemi che conosciamo. L'aver ottenuto 1.55 in queste condizioni , a mio modo di vedere, ha rappresentato un salto di qualità di testa che , con una preparazione su passaggi + veloci lasciando da parte gli 800, la porterà a nuotare tempi di grande livello. Tornando alla franklin ha tutto per diventare un fenomeno del nuoto quindi sarà davvero interessante a Londra vedere che cosa farà.
modificato Aug 1 '11 a 10:28 am
 
0
risposta
Credo che anche i 200Mx potrebbero essere nel 'mirino' della giovane statunitense. Sì, ma fare 5 gare individuali ai massimi livelli è impossibile, anche per super-Melissa che, come ha ottimamente spiegato Xman ( a proposito, ma perchè non leggere Xman o Silver sulla Gazza al posto di Arcobelli? ) ha per età, intensità nell'allenamento, ambizione e assimilati vantaggi dell'altura, tutto per essere una super-polivalente. Come ho già sottolineato tempo fa, per la Franklin sarebbe davvero ragionevole abbandonare i 200 misti, dove ha grandi problemi nella rana, per concentrarsi su: 100 e 200sl e 100 e 200 dorso. Queste 4 gare individuali e le 3 staffette secondo me può davvero sostenerle a ottimi livelli a Londra 2012. Le avrebbe potuto sostenere anche ai mondiali appena conclusi dove sono convinto che avrebbe vinto i 100 dorso con un crono sotto i 59" e nei 100 e 200sl sarebbe almeno andata a podio. Comunque, ai Nationals che si disputeranno questa settimana la Franklin si cimenterà in 6 gare individuali ( anche i 50sl oltre alle gare nominate sopra ) e vedremo come affronterà gli sforzi ravvicinati. Di questa ragazza la cosa che mi ha colpito subito: nelle intervista post-gara, nei Golden Globe dello scorso autunno e in ogni manifestazione pubblica è la incredibile gioia nell'essere una campionessa di nuoto. Cioè, questa è una a cui piace nuotare e a cui, soprattutto, piace vincere e essere sotto i riflettori. Non inganni la sua apparente ingenuità, peraltro logica conseguenza dei suoi 16 anni: questa ha tutto per essere una cannibale delle vasche, una che non chiede altro che di allenarsi e vincere più gare possibili.
Credo che anche i 200Mx potrebbero essere nel 'mirino' della giovane statunitense. Sì, ma fare 5 gare individuali ai massimi livelli è impossibile, anche per super-Melissa che, come ha ottimamente spiegato Xman ( a proposito, ma perchè non leggere Xman o Silver sulla Gazza al posto di Arcobelli? ) ha per età, intensità nell'allenamento, ambizione e assimilati vantaggi dell'altura, tutto per essere una super-polivalente. Come ho già sottolineato tempo fa, per la Franklin sarebbe davvero ragionevole abbandonare i 200 misti, dove ha grandi problemi nella rana, per concentrarsi su: 100 e 200sl e 100 e 200 dorso. Queste 4 gare individuali e le 3 staffette secondo me può davvero sostenerle a ottimi livelli a Londra 2012. Le avrebbe potuto sostenere anche ai mondiali appena conclusi dove sono convinto che avrebbe vinto i 100 dorso con un crono sotto i 59" e nei 100 e 200sl sarebbe almeno andata a podio. Comunque, ai Nationals che si disputeranno questa settimana la Franklin si cimenterà in 6 gare individuali ( anche i 50sl oltre alle gare nominate sopra ) e vedremo come affronterà gli sforzi ravvicinati. Di questa ragazza la cosa che mi ha colpito subito: nelle intervista post-gara, nei Golden Globe dello scorso autunno e in ogni manifestazione pubblica è la incredibile gioia nell'essere una campionessa di nuoto. Cioè, questa è una a cui piace nuotare e a cui, soprattutto, piace vincere e essere sotto i riflettori. Non inganni la sua apparente ingenuità, peraltro logica conseguenza dei suoi 16 anni: questa ha tutto per essere una cannibale delle vasche, una che non chiede altro che di allenarsi e vincere più gare possibili.
modificato Aug 1 '11 a 11:10 am
 
0
risposta
Sì, ma fare 5 gare individuali ai massimi livelli è impossibile, anche per super-Melissa che, come ha ottimamente spiegato Xman ( a proposito, ma perchè non leggere Xman o Silver sulla Gazza al posto di Arcobelli? ) ha per età, intensità nell'allenamento, ambizione e assimilati vantaggi dell'altura, tutto per essere una super-polivalente. Come ho già sottolineato tempo fa, per la Franklin sarebbe davvero ragionevole abbandonare i 200 misti, dove ha grandi problemi nella rana, per concentrarsi su: 100 e 200sl e 100 e 200 dorso. Queste 4 gare individuali e le 3 staffette secondo me può davvero sostenerle a ottimi livelli a Londra 2012. Le avrebbe potuto sostenere anche ai mondiali appena conclusi dove sono convinto che avrebbe vinto i 100 dorso con un crono sotto i 59" e nei 100 e 200sl sarebbe almeno andata a podio. Comunque, ai Nationals che si disputeranno questa settimana la Franklin si cimenterà in 6 gare individuali ( anche i 50sl oltre alle gare nominate sopra ) e vedremo come affronterà gli sforzi ravvicinati. Di questa ragazza la cosa che mi ha colpito subito: nelle intervista post-gara, nei Golden Globe dello scorso autunno e in ogni manifestazione pubblica è la incredibile gioia nell'essere una campionessa di nuoto. Cioè, questa è una a cui piace nuotare e a cui, soprattutto, piace vincere e essere sotto i riflettori. Non inganni la sua apparente ingenuità, peraltro logica conseguenza dei suoi 16 anni: questa ha tutto per essere una cannibale delle vasche, una che non chiede altro che di allenarsi e vincere più gare possibili. Sì anch'io sono stato colpito dalla sua gioia. Parlava in modo radioso delle gare...
Sì, ma fare 5 gare individuali ai massimi livelli è impossibile, anche per super-Melissa che, come ha ottimamente spiegato Xman ( a proposito, ma perchè non leggere Xman o Silver sulla Gazza al posto di Arcobelli? ) ha per età, intensità nell'allenamento, ambizione e assimilati vantaggi dell'altura, tutto per essere una super-polivalente. Come ho già sottolineato tempo fa, per la Franklin sarebbe davvero ragionevole abbandonare i 200 misti, dove ha grandi problemi nella rana, per concentrarsi su: 100 e 200sl e 100 e 200 dorso. Queste 4 gare individuali e le 3 staffette secondo me può davvero sostenerle a ottimi livelli a Londra 2012. Le avrebbe potuto sostenere anche ai mondiali appena conclusi dove sono convinto che avrebbe vinto i 100 dorso con un crono sotto i 59" e nei 100 e 200sl sarebbe almeno andata a podio. Comunque, ai Nationals che si disputeranno questa settimana la Franklin si cimenterà in 6 gare individuali ( anche i 50sl oltre alle gare nominate sopra ) e vedremo come affronterà gli sforzi ravvicinati. Di questa ragazza la cosa che mi ha colpito subito: nelle intervista post-gara, nei Golden Globe dello scorso autunno e in ogni manifestazione pubblica è la incredibile gioia nell'essere una campionessa di nuoto. Cioè, questa è una a cui piace nuotare e a cui, soprattutto, piace vincere e essere sotto i riflettori. Non inganni la sua apparente ingenuità, peraltro logica conseguenza dei suoi 16 anni: questa ha tutto per essere una cannibale delle vasche, una che non chiede altro che di allenarsi e vincere più gare possibili. Sì anch'io sono stato colpito dalla sua gioia. Parlava in modo radioso delle gare...
modificato Aug 1 '11 a 11:19 am
 
0
risposta
Personaggio molto positivo anche per me, ho apprezzato molto il suo entusiasmo oltre agli stupefacenti risultati in vasca,ovviamente!
Personaggio molto positivo anche per me, ho apprezzato molto il suo entusiasmo oltre agli stupefacenti risultati in vasca,ovviamente!
modificato Aug 1 '11 a 9:12 pm
 
0
risposta
Nel frattempo agli US Open Melissa assaggia la prima fetta di torta dei 200 misti: 2'12"08. La rana è comprensibilmente da affinare, la farfalla è già ok, il passaggio a metà gara in linea con quello della Rice ai mondiali. Lo scorso anno aveva già nuotato in 2'11"69.
Nel frattempo agli US Open Melissa assaggia la prima fetta di torta dei 200 misti: 2'12"08. La rana è comprensibilmente da affinare, la farfalla è già ok, il passaggio a metà gara in linea con quello della Rice ai mondiali. Lo scorso anno aveva già nuotato in 2'11"69.
modificato Aug 3 '11 a 10:16 pm
 
0
risposta
Nel frattempo agli US Open Melissa assaggia la prima fetta di torta dei 200 misti: 2'12"08. La rana è comprensibilmente da affinare, la farfalla è già ok, il passaggio a metà gara in linea con quello della Rice ai mondiali. Lo scorso anno aveva già nuotato in 2'11"69. Nuota una farfalla bellissima.
Nel frattempo agli US Open Melissa assaggia la prima fetta di torta dei 200 misti: 2'12"08. La rana è comprensibilmente da affinare, la farfalla è già ok, il passaggio a metà gara in linea con quello della Rice ai mondiali. Lo scorso anno aveva già nuotato in 2'11"69. Nuota una farfalla bellissima.
modificato Aug 4 '11 a 8:36 am
 
0
risposta
Nei 100 dorso (ovviamente) va ancora meglio: 59,18. A Shanghai sarebbe stata quarta a 2 decimi dall’oro. Aver ottenuto questo tempo a soli 4 giorni dall’ultima gara disputata in Cina e con una dozzina di ore di fuso orario sul groppone, penso sia un’ulteriore conferma. P.S. Dato che sul sito della Omega i risultati non sono visualizzabili, io vado qui http://www.swmeets.com/Realtime/LC%20Nationals/2011/
Nei 100 dorso (ovviamente) va ancora meglio: 59,18. A Shanghai sarebbe stata quarta a 2 decimi dall’oro. Aver ottenuto questo tempo a soli 4 giorni dall’ultima gara disputata in Cina e con una dozzina di ore di fuso orario sul groppone, penso sia un’ulteriore conferma. P.S. Dato che sul sito della Omega i risultati non sono visualizzabili, io vado qui http://www.swmeets.com/Realtime/LC%20Nationals/2011/
modificato Aug 4 '11 a 2:58 pm
 
0
risposta
Non saprei cosa dire,i vostri giudizi sono molto ''esperti'',si vede che ve la intendete molto piu di me. Melissa fa paura infatti ho visto durante i mondiali ,mah,certi parlano di una ''phelps al femminile'' ,ma bisogna ancora vedere. Sicuramente penso che lei sia molto forte,come d'altronde molti della squadra americana,e ora la pellegrini deve stare molto attenta,anche se nelle interviste dice con tono quasi ''altezzoso'' che lei alle avversarie non ci pensa.Io non so,ma ho la sensazione che la franklin sia una delle favorite per londra,e se la pellegrini continua con queste cose mondane e non vede il vero pericolo,ci sono vari rischi.Anche se sotto sotto lei sa fare il suo dovere benissimo e non ci dovrebbero essere problemi.Poi non lo so,io non sono un'esperta,ripeto,è solo una mia preoccupazione,sono solo un ammiratrice di questo sport e lo pratico (non professionalmente).
Non saprei cosa dire,i vostri giudizi sono molto ''esperti'',si vede che ve la intendete molto piu di me. Melissa fa paura infatti ho visto durante i mondiali ,mah,certi parlano di una ''phelps al femminile'' ,ma bisogna ancora vedere. Sicuramente penso che lei sia molto forte,come d'altronde molti della squadra americana,e ora la pellegrini deve stare molto attenta,anche se nelle interviste dice con tono quasi ''altezzoso'' che lei alle avversarie non ci pensa.Io non so,ma ho la sensazione che la franklin sia una delle favorite per londra,e se la pellegrini continua con queste cose mondane e non vede il vero pericolo,ci sono vari rischi.Anche se sotto sotto lei sa fare il suo dovere benissimo e non ci dovrebbero essere problemi.Poi non lo so,io non sono un'esperta,ripeto,è solo una mia preoccupazione,sono solo un ammiratrice di questo sport e lo pratico (non professionalmente).
modificato Sep 25 '11 a 10:30 pm
 
0
risposta
Non saprei cosa dire,i vostri giudizi sono molto ''esperti'',si vede che ve la intendete molto piu di me. Melissa fa paura infatti ho visto durante i mondiali ,mah,certi parlano di una ''phelps al femminile'' ,ma bisogna ancora vedere. Sicuramente penso che lei sia molto forte,come d'altronde molti della squadra americana,e ora la pellegrini deve stare molto attenta,anche se nelle interviste dice con tono quasi ''altezzoso'' che lei alle avversarie non ci pensa.Io non so,ma ho la sensazione che la franklin sia una delle favorite per londra,e se la pellegrini continua con queste cose mondane e non vede il vero pericolo,ci sono vari rischi.Anche se sotto sotto lei sa fare il suo dovere benissimo e non ci dovrebbero essere problemi.Poi non lo so,io non sono un'esperta,ripeto,è solo una mia preoccupazione,sono solo un ammiratrice di questo sport e lo pratico (non professionalmente).Ti stai preoccupando per nulla, la cultura del lavoro della Pellegrini e'maniacale.
Non saprei cosa dire,i vostri giudizi sono molto ''esperti'',si vede che ve la intendete molto piu di me. Melissa fa paura infatti ho visto durante i mondiali ,mah,certi parlano di una ''phelps al femminile'' ,ma bisogna ancora vedere. Sicuramente penso che lei sia molto forte,come d'altronde molti della squadra americana,e ora la pellegrini deve stare molto attenta,anche se nelle interviste dice con tono quasi ''altezzoso'' che lei alle avversarie non ci pensa.Io non so,ma ho la sensazione che la franklin sia una delle favorite per londra,e se la pellegrini continua con queste cose mondane e non vede il vero pericolo,ci sono vari rischi.Anche se sotto sotto lei sa fare il suo dovere benissimo e non ci dovrebbero essere problemi.Poi non lo so,io non sono un'esperta,ripeto,è solo una mia preoccupazione,sono solo un ammiratrice di questo sport e lo pratico (non professionalmente).Ti stai preoccupando per nulla, la cultura del lavoro della Pellegrini e'maniacale.
modificato Sep 25 '11 a 10:39 pm
 
0
risposta
1234 ... 5
anteprima immediata
inserisci almeno 10 caratteri
ATTENZIONE: Hai menzionato %MENTIONS%, ma non possono vedere questo messaggio e non ne riceveranno notifica
Salvataggio...
Salvato
With selected deselect posts show selected posts
Tutti i messaggi di questo argomento saranno cancellato ?
Bozza in attesa ... Click per tornare alla modifica
Elimina la bozza