Advertisement

Sì, la Bogliolo vale almeno 12.70 in buone condizioni meteo.

Che dire? Continua la (decisamente) buona stagione dell'atletica italiana.

Per me sono stati particolarmente incoraggianti i risultati agli Europei giovanili, in qualche caso storici (come l'oro della Fontana nei 100m).

In alcune specialità che non sono andate particolarmente bene a questi Europei per nazioni (Coppa Europa era molto meglio..), tipo il lungo femminile, c'è un grande prospetto/quasi certezza alla luce del 6.58 già saltato, come Larissa Iapichino e, in generale, si preannuncia un ottimo ricambio.

So già che il prof. farà gli scongiuri (visti gli infortuni che in passato hanno falcidiato molte speranze), ma non può sempre piovere..smile

Sì, la Bogliolo vale almeno 12.70 in buone condizioni meteo. Che dire? Continua la (decisamente) buona stagione dell'atletica italiana. Per me sono stati particolarmente incoraggianti i risultati agli Europei giovanili, in qualche caso storici (come l'oro della Fontana nei 100m). In alcune specialità che non sono andate particolarmente bene a questi Europei per nazioni (Coppa Europa era molto meglio..), tipo il lungo femminile, c'è un grande prospetto/quasi certezza alla luce del 6.58 già saltato, come Larissa Iapichino e, in generale, si preannuncia un ottimo ricambio. So già che il prof. farà gli scongiuri (visti gli infortuni che in passato hanno falcidiato molte speranze), ma non può sempre piovere..;)
 
0
risposta

Ehm veramente la iapichino ha fatto 6.64 agli italiani allievi

Ehm veramente la iapichino ha fatto 6.64 agli italiani allievi
 
0
risposta

Ehm veramente la iapichino ha fatto 6.64 agli italiani allievi

Certo. Io mi riferivo all'Eurojunior, ma il PB della Iapichino è ancora migliore e hai ragione a sottolinearlo.

>Ehm veramente la iapichino ha fatto 6.64 agli italiani allievi Certo. Io mi riferivo all'Eurojunior, ma il PB della Iapichino è ancora migliore e hai ragione a sottolinearlo.
 
0
risposta

Sorpreso della sua mancata convocazione, infatti

Sorpreso della sua mancata convocazione, infatti
 
0
risposta

A mente fredda un'analisi dei risultati della Coppa Europa (perché sono anziano e la chiamo ancora così) si può fare meglio.
Il risultato complessivo è eccellente. Quattro vittorie, ed era una vita che non succedeva, e quarto posto finale. Podio mancato di un'inezia (mezzo punto dal bronzo e un punto e mezzo dall'argento) fa rabbia, ma nessuno, nemmeno tra i più ottimisti, ci dava lì.
Io ad esempio ci davo addirittura sesti, di poco dietro la Spagna. La Torre bluffando bassamente parlava di salvezza, i siti più seri ci davano quinti.
Ma occorre anche essere onesti. Noi abbiamo portato quasi la miglior formazione. Mancava Tamberi ma Sottile arrivava come leader mondiale, mancava Tortu, mancava Perini (ma Fofana aveva fatto meglio quest'anno) e avevamo un buco enorme nei 400hs, con tutti e quattro i nostri migliori infortunati (Lambrughi, Bencosme, Vergani e Contini). Mancava anche la Lukudo nei 400, ma francamente quasi non ce ne siamo accorti, e mancava la Vallortigara nell'alto ma abbiamo tamponato benissimo. Per il resto era la nazionale migliore. La GB è venuta con una nazionale B, se non C nella velocità, e incredibilmente sono stati squalificati nella 4x400 per aver iscritto per errore un pesista che in Polonia nemmeno c'era, e anche tra le donne nel mezzofondo hanno lasciato a casa diverse atlete fortissime, prima tra tutte la Muir. Chi manca ha torto, ma se parliamo del vero valore del nostro movimento non dobbiamo farci ingannare dal risultato. Non siamo migliori dei britannici, purtroppo.
La Francia peraltro ha buttato a mare 12 punti nella 4x100 vinta per una squalifica giusta, ma il risultato dimostra che erano molto forti. Noi peraltro abbiamo tirato fuori una 4x100 senza Tortu e Jacobs, con tre duecentisti e cambi da incubo. Un miracolo non essere stati squalificati. Anche la Spagna ha da recriminare, perché nei 1500 Lopez, facilmente terzo, è stato squalificato per aver messo un piede fuori dalla pista. Corretta come decisione, ma il risultato sportivo non sarebbe comunque cambiato.
Venendo alle gare dei nsotri, indubbiamente tante belle prove. La Bogliolo ha battuto la Roleder, che è un'animale da gara, e il record non l'ha fatto anche a causa del vento contrario. Lo farà presto, adesso deve riposare perché ha corso moltissimo quest'anno. Re ha dominato facilmente i 400, poi ha corso una frazione di staffetta spettacolare, portando l'Italia alla vittoria (non succedeva dal 1981, quando battemmo l'URSS campionessa Olimpionica), con un signor tempo, praticamente un 3.02 netto. Non eccezionale comunque, leggermente migliore del tempo fatto agli ultimi Europei, ma adesso possiamo dirlo: abbiamo una staffetta del miglio seria e competitiva. Se Corsa ed Aceti a Doha stessero bene, potremmo parlare di finale.
Re ha mostrato una notevole capacita di tenere su più turni. Ottimo per Doha, dove punta alla semifinale e al record italiano.
Crippa facilissimo nei 5000, poi chiaramente stanco sui 3000. Ottima la Zenoni sui 3000, e anche lei stanca sui 1500. La ragazza è rientrata da meno di un anno e sta correndo moltissimo, migliorando ogni volta i record che erano fermi a quando aveva 16 anni. E' stata spremuta e dovrebbe rallentare. Per Doha non credo ce la farà, anche se sui 1500 ha tanto margine. Bene Desalu sui 200. bella gara su tempi alti. Poteva vincere. Bene la Tommasi sui 5000, dove è chiaro che se avesse avuto più coraggio avrebbe potuto fare ancora meglio. Questa ragazza ha enormi margini.
Benissimo la Cestonaro. Personale (finalmente) e speranza per Doha, anche se mancano due cm. Forse con il ranking potrebbe rientrare. Bene la Trost, mai così in alto da tempo. E pure mostrando grinta. 1.94 piace, sperando cresca ancora.
Bene Stecchi, che alla prima uscita dell'anno dopo un infortunio supera 5.66. Per Doha,s e tutto andasse bene, potrebbe sorprenderci.
Malino la Folorunso nella sua gara, ma fantastica come sempre in staffetta.
E poi qualche delusione, che per carità ci sta, ma senza alcune prestazioni eravamo addirittura secondi. Osakue male nel disco, ed è la prima volta che sbaglia una gara. Male anche Fabbri, ad un metro e mezzo dal personale. Così non va bene, perché il ragazzo deve trovare costanza ad alti livelli. Male la Vincenzino nel lungo, ma l'alternativa Iapichino era chiedere troppo ad una ragazzina di 17 anni. Male Schembri nel triplo. Una scelta incomprensibile. Avevamo Dallavalle, Cerro, Bocchi (infortunato?) che avevano tutti fatto meglio di Schembri, e scegliamo lui? Punti buttati. Male Sottile, e sta diventando una costante. Non puoi saltare 2.33 ai nazionali e fare 2.22 pochi giorni dopo. Come ai campionati europei under 23. Ha talento ma deve mostrare carattere in gara. Imparerà, almeno speriamo.
Faloci nel disco è arrivato quarto e va tutto bene. Ma ha lanciato appena sopra i 60 metri. esattamente quanto previsto. I risultati di Latina paiono davvero poco credibili. Male Sibilio, sui suoi tempi stagionali ma nulla di più. Inspiegabile a questo punto al reazione ai nazionali. Quando si ha tanto talento si deve fare molto meglio ed essere un tantino più umile. Ma ha solo 20 anni.
Il mezzofondo veloce ha fatto quanto poteva. Spanu coraggioso nei 1500. Barontini sesto con una bella rimonta negli 800. Finalmente carattere dal ragazzo, ma come tempi siamo ancora messi male.
Infine Jacobs. Splendido in semifinale, discreto in finale dove Vicaut l'ha battuto con facilità ancora maggiore di quanto mostri il risultato cronometrico. Niente 4x100, a dimostrazione che è bravo ma delicato. Anche troppo, e a Doha la resistenza è importante quanto e più della velocità.
Ciao Ciao smile

A mente fredda un'analisi dei risultati della Coppa Europa (perché sono anziano e la chiamo ancora così) si può fare meglio. Il risultato complessivo è eccellente. Quattro vittorie, ed era una vita che non succedeva, e quarto posto finale. Podio mancato di un'inezia (mezzo punto dal bronzo e un punto e mezzo dall'argento) fa rabbia, ma nessuno, nemmeno tra i più ottimisti, ci dava lì. Io ad esempio ci davo addirittura sesti, di poco dietro la Spagna. La Torre bluffando bassamente parlava di salvezza, i siti più seri ci davano quinti. Ma occorre anche essere onesti. Noi abbiamo portato quasi la miglior formazione. Mancava Tamberi ma Sottile arrivava come leader mondiale, mancava Tortu, mancava Perini (ma Fofana aveva fatto meglio quest'anno) e avevamo un buco enorme nei 400hs, con tutti e quattro i nostri migliori infortunati (Lambrughi, Bencosme, Vergani e Contini). Mancava anche la Lukudo nei 400, ma francamente quasi non ce ne siamo accorti, e mancava la Vallortigara nell'alto ma abbiamo tamponato benissimo. Per il resto era la nazionale migliore. La GB è venuta con una nazionale B, se non C nella velocità, e incredibilmente sono stati squalificati nella 4x400 per aver iscritto per errore un pesista che in Polonia nemmeno c'era, e anche tra le donne nel mezzofondo hanno lasciato a casa diverse atlete fortissime, prima tra tutte la Muir. Chi manca ha torto, ma se parliamo del vero valore del nostro movimento non dobbiamo farci ingannare dal risultato. Non siamo migliori dei britannici, purtroppo. La Francia peraltro ha buttato a mare 12 punti nella 4x100 vinta per una squalifica giusta, ma il risultato dimostra che erano molto forti. Noi peraltro abbiamo tirato fuori una 4x100 senza Tortu e Jacobs, con tre duecentisti e cambi da incubo. Un miracolo non essere stati squalificati. Anche la Spagna ha da recriminare, perché nei 1500 Lopez, facilmente terzo, è stato squalificato per aver messo un piede fuori dalla pista. Corretta come decisione, ma il risultato sportivo non sarebbe comunque cambiato. Venendo alle gare dei nsotri, indubbiamente tante belle prove. La Bogliolo ha battuto la Roleder, che è un'animale da gara, e il record non l'ha fatto anche a causa del vento contrario. Lo farà presto, adesso deve riposare perché ha corso moltissimo quest'anno. Re ha dominato facilmente i 400, poi ha corso una frazione di staffetta spettacolare, portando l'Italia alla vittoria (non succedeva dal 1981, quando battemmo l'URSS campionessa Olimpionica), con un signor tempo, praticamente un 3.02 netto. Non eccezionale comunque, leggermente migliore del tempo fatto agli ultimi Europei, ma adesso possiamo dirlo: abbiamo una staffetta del miglio seria e competitiva. Se Corsa ed Aceti a Doha stessero bene, potremmo parlare di finale. Re ha mostrato una notevole capacita di tenere su più turni. Ottimo per Doha, dove punta alla semifinale e al record italiano. Crippa facilissimo nei 5000, poi chiaramente stanco sui 3000. Ottima la Zenoni sui 3000, e anche lei stanca sui 1500. La ragazza è rientrata da meno di un anno e sta correndo moltissimo, migliorando ogni volta i record che erano fermi a quando aveva 16 anni. E' stata spremuta e dovrebbe rallentare. Per Doha non credo ce la farà, anche se sui 1500 ha tanto margine. Bene Desalu sui 200. bella gara su tempi alti. Poteva vincere. Bene la Tommasi sui 5000, dove è chiaro che se avesse avuto più coraggio avrebbe potuto fare ancora meglio. Questa ragazza ha enormi margini. Benissimo la Cestonaro. Personale (finalmente) e speranza per Doha, anche se mancano due cm. Forse con il ranking potrebbe rientrare. Bene la Trost, mai così in alto da tempo. E pure mostrando grinta. 1.94 piace, sperando cresca ancora. Bene Stecchi, che alla prima uscita dell'anno dopo un infortunio supera 5.66. Per Doha,s e tutto andasse bene, potrebbe sorprenderci. Malino la Folorunso nella sua gara, ma fantastica come sempre in staffetta. E poi qualche delusione, che per carità ci sta, ma senza alcune prestazioni eravamo addirittura secondi. Osakue male nel disco, ed è la prima volta che sbaglia una gara. Male anche Fabbri, ad un metro e mezzo dal personale. Così non va bene, perché il ragazzo deve trovare costanza ad alti livelli. Male la Vincenzino nel lungo, ma l'alternativa Iapichino era chiedere troppo ad una ragazzina di 17 anni. Male Schembri nel triplo. Una scelta incomprensibile. Avevamo Dallavalle, Cerro, Bocchi (infortunato?) che avevano tutti fatto meglio di Schembri, e scegliamo lui? Punti buttati. Male Sottile, e sta diventando una costante. Non puoi saltare 2.33 ai nazionali e fare 2.22 pochi giorni dopo. Come ai campionati europei under 23. Ha talento ma deve mostrare carattere in gara. Imparerà, almeno speriamo. Faloci nel disco è arrivato quarto e va tutto bene. Ma ha lanciato appena sopra i 60 metri. esattamente quanto previsto. I risultati di Latina paiono davvero poco credibili. Male Sibilio, sui suoi tempi stagionali ma nulla di più. Inspiegabile a questo punto al reazione ai nazionali. Quando si ha tanto talento si deve fare molto meglio ed essere un tantino più umile. Ma ha solo 20 anni. Il mezzofondo veloce ha fatto quanto poteva. Spanu coraggioso nei 1500. Barontini sesto con una bella rimonta negli 800. Finalmente carattere dal ragazzo, ma come tempi siamo ancora messi male. Infine Jacobs. Splendido in semifinale, discreto in finale dove Vicaut l'ha battuto con facilità ancora maggiore di quanto mostri il risultato cronometrico. Niente 4x100, a dimostrazione che è bravo ma delicato. Anche troppo, e a Doha la resistenza è importante quanto e più della velocità. Ciao Ciao :)
modificato Aug 13 a 10:11 am
 
0
risposta

Arriva la clamorosa notizia che Christian Coleman avrebbe saltato 3 controlli antidoping negli ultimi 12 mesi. Pare che adesso i suoi avvocati stiano contestando uno dei 3 controlli in questione per evitare la squalifica che potrebbe essere anche di due anni.

Arriva la clamorosa notizia che Christian Coleman avrebbe saltato 3 controlli antidoping negli ultimi 12 mesi. Pare che adesso i suoi avvocati stiano contestando uno dei 3 controlli in questione per evitare la squalifica che potrebbe essere anche di due anni.
 
0
risposta

Arriva la clamorosa notizia che Christian Coleman avrebbe saltato 3 controlli antidoping negli ultimi 12 mesi. Pare che adesso i suoi avvocati stiano contestando uno dei 3 controlli in questione per evitare la squalifica che potrebbe essere anche di due anni.

Per il bene dell'atletica spero non sia vero. Peraltro, malgrado che il pubblico (per mia esperienza diretta) consideri il ciclismo come lo sport nel quale il doping sia più diffuso, debbo ammettere che invece soprattutto negli ultimi anni (i casi Jamaica, Kenya, Russia) è l'atletica ad essere al centro del problema.
Ciao Ciao smile

>Arriva la clamorosa notizia che Christian Coleman avrebbe saltato 3 controlli antidoping negli ultimi 12 mesi. Pare che adesso i suoi avvocati stiano contestando uno dei 3 controlli in questione per evitare la squalifica che potrebbe essere anche di due anni. Per il bene dell'atletica spero non sia vero. Peraltro, malgrado che il pubblico (per mia esperienza diretta) consideri il ciclismo come lo sport nel quale il doping sia più diffuso, debbo ammettere che invece soprattutto negli ultimi anni (i casi Jamaica, Kenya, Russia) è l'atletica ad essere al centro del problema. Ciao Ciao :)
 
0
risposta

La Bogliolo potrebbe ambire anche ad un quasi 12.50...magari alto

La Bogliolo potrebbe ambire anche ad un quasi 12.50...magari alto
 
0
risposta

Buon 10.21 di Tortu al rientro, con vento contrario di 1.5

Battendo netto il giapponese Sani Brown

Buon 10.21 di Tortu al rientro, con vento contrario di 1.5 Battendo netto il giapponese Sani Brown
 
0
risposta

non male anche il 5.72 di stecchi e l'8.07 di randazzo nel lungo

non male anche il 5.72 di stecchi e l'8.07 di randazzo nel lungo
 
0
risposta

Non ci sono più parole per Warholm.
46.92 nei 400hs, record europeo e secondo tempo all time.

Il record di young , 46.78 , trema

Ieri secondo benjamin a 46.98...pure lui sotto i 47

Non ci sono più parole per Warholm. 46.92 nei 400hs, record europeo e secondo tempo all time. Il record di young , 46.78 , trema Ieri secondo benjamin a 46.98...pure lui sotto i 47
 
0
risposta

Una riflessione sulla 4x100 donne ieri
Hanno preso 2 secondi dalle tedesche che hanno una squadra forte e compatta, ma senza stelle come uk Olanda o Giamaica.

Possibile che ogni nostra staffettista regala mezzo secondo alla corrispondente ragazza tedesca?

Dosso Bongiorni siragusa e hooper

Una riflessione sulla 4x100 donne ieri Hanno preso 2 secondi dalle tedesche che hanno una squadra forte e compatta, ma senza stelle come uk Olanda o Giamaica. Possibile che ogni nostra staffettista regala mezzo secondo alla corrispondente ragazza tedesca? Dosso Bongiorni siragusa e hooper
modificato Aug 30 a 8:18 am
 
0
risposta

Non ci sono più parole per Warholm.
46.92 nei 400hs, record europeo e secondo tempo all time.

Il record di young , 46.78 , trema

Ieri secondo benjamin a 46.98...pure lui sotto i 47

Una delle gare più grandi tutti i tempi. Di sicuro la più grande nei 400h.
E cosa fa la gazzetta dello "SPORT" ? On line, mette la notizia in fondo, dopo circa 200 articoli, anche dopo le fantanews del fantacalcio. Il giornale cartaceo ha la prima pagina tutta per il calcio. Verso pagina 40 finisce il calcio e a pag 51 c'è la notizia di Warholm, l'ultima notizia di sport.

Qualche giorno fa leggevo questo articolo su Queenatletica, in cui si dice che l'atletica sta morendo, come molti altri sport, perché non ci sono manager che la promuovono. Ma i manager non ci sono perché sanno che a nessuno interessa più l'atletica e il nuoto (nuotato). E perché a nessuno interessa? Perché è a pagina 51.
I giornali devono vendere, le tv devono fare ascolti. E così la gente, da sola, va dove la porta...la pancia, cioè solo verso il calcio o addirittura il wrestling, o altri sport.
Se non si esce dalla logica dell'auditel, delle tirature, dei clic, non si fa educazione.
Se a tuo figlio dai da mangiare solo pizza e torte, muore...o se va bene diventa un obeso smile .
Così è praticamente morto il cinema. In Italia non ci sono i produttori o i registi? No, non c'è il pubblico, se non per i film coi comici della tv o i blockbuster, perché da qualche decennio non è stato abituato (o educato) a vedere altro.
E in atletica non ci sono i manager? No, non c'è più nessuno che la guarda o che andrebbe allo stadio.

>Non ci sono più parole per Warholm. >46.92 nei 400hs, record europeo e secondo tempo all time. >Il record di young , 46.78 , trema >Ieri secondo benjamin a 46.98...pure lui sotto i 47 Una delle gare più grandi tutti i tempi. Di sicuro la più grande nei 400h. E cosa fa la gazzetta dello "SPORT" ? On line, mette la notizia in fondo, dopo circa 200 articoli, anche dopo le fantanews del fantacalcio. Il giornale cartaceo ha la prima pagina tutta per il calcio. Verso pagina 40 finisce il calcio e a pag 51 c'è la notizia di Warholm, l'ultima notizia di sport. Qualche giorno fa leggevo questo [articolo](https://www.atleticalive.it/latletica-e-destinata-a-morire-facciamocene-una-ragione-di-rich-perelman/ "articolo") su Queenatletica, in cui si dice che l'atletica sta morendo, come molti altri sport, perché non ci sono manager che la promuovono. Ma i manager non ci sono perché sanno che a nessuno interessa più l'atletica e il nuoto (nuotato). E perché a nessuno interessa? Perché è a pagina 51. I giornali devono vendere, le tv devono fare ascolti. E così la gente, da sola, va dove la porta...la pancia, cioè solo verso il calcio o addirittura il wrestling, o altri sport. Se non si esce dalla logica dell'auditel, delle tirature, dei clic, non si fa educazione. Se a tuo figlio dai da mangiare solo pizza e torte, muore...o se va bene diventa un obeso :) . Così è praticamente morto il cinema. In Italia non ci sono i produttori o i registi? No, non c'è il pubblico, se non per i film coi comici della tv o i blockbuster, perché da qualche decennio non è stato abituato (o educato) a vedere altro. E in atletica non ci sono i manager? No, non c'è più nessuno che la guarda o che andrebbe allo stadio.
 
1
risposta

La cosa triste è che attimi come la partenza di una gara dei 100 metri alle Olimpiadi, per esempio, come tensione, pathos ed adrenalina...non ne trovi facilmente in altri sport, specie quelli di squadra.

Ma il tifoso non si rappresenta in gatlin, Tamberi o Miller Uibo...

Vuole sanchez e Lukaku...quello cerca.

Non c’è educazione sportiva...

D’altronde dove circola moneta non c’è educazione sportiva

La cosa triste è che attimi come la partenza di una gara dei 100 metri alle Olimpiadi, per esempio, come tensione, pathos ed adrenalina...non ne trovi facilmente in altri sport, specie quelli di squadra. Ma il tifoso non si rappresenta in gatlin, Tamberi o Miller Uibo... Vuole sanchez e Lukaku...quello cerca. Non c’è educazione sportiva... D’altronde dove circola moneta non c’è educazione sportiva
 
0
risposta

Quello introdotto da Miro è un tema fondamentale.
Dico la mia opinione.

Io ho praticato tanti sport (tra i 14 e i 18 anni, quando frequentavo il liceo, ero una specie di "decatleta degli sport" ), ovviamente compreso il calcio, che fino ai 14 anni era il mio sport preferito, sia da giocare che da vedere.

Dal liceo, però, la graduatoria dei miei sport preferiti è cambiata, ed è continuata a cambiare dopo i 19 anni, con il calcio che scivolava nelle posizioni di coda.

Ho sperato, e per qualche anno creduto, che altri seguissero la mia evoluzione, nauseati anche da quegli eccessi del calcio che sono evidenti a tutti.

Poi mi sono rassegnato, anzi: ho assistito abbastanza sgomento alla crescita esponenziale di finti sport come il wrestling e i suoi affini, o sport particolarmente truculenti come le mma (arti marziali miste).

Per contro, l'atletica leggera e il nuoto, i due sport che, da sempre, hanno contrassegnato le Olimpiadi, precipitavano nella graduatoria di interesse, insieme agli altri sport olimpici classici, conoscendo un autentico seguito solo ogni 4 anni, in quelle due settimane delle Olimpiadi appunto.

Se in tutto questo devo trovare una responsabilità, per me va in chi (quotidiani sportivi in primis, ma anche scuola e famiglia) si è adeguato all'andazzo, anzi: lo ha assecondato.

Che la Gazzetta dello sport, un tempo di Quercetani e altri grandi giornalisti, dopo tonnellate di calcio parlato, metta anche articoli di gossip, wrestling, mma etc prima del meeting di Zurigo, 20 anni fa sarebbe stato considerato impossibile, una specie di mondo rovesciato.
E invece è il triste mondo in cui viviamo.

Quello introdotto da Miro è un tema fondamentale. Dico la mia opinione. Io ho praticato tanti sport (tra i 14 e i 18 anni, quando frequentavo il liceo, ero una specie di "decatleta degli sport" ), ovviamente compreso il calcio, che fino ai 14 anni era il mio sport preferito, sia da giocare che da vedere. Dal liceo, però, la graduatoria dei miei sport preferiti è cambiata, ed è continuata a cambiare dopo i 19 anni, con il calcio che scivolava nelle posizioni di coda. Ho sperato, e per qualche anno creduto, che altri seguissero la mia evoluzione, nauseati anche da quegli eccessi del calcio che sono evidenti a tutti. Poi mi sono rassegnato, anzi: ho assistito abbastanza sgomento alla crescita esponenziale di finti sport come il wrestling e i suoi affini, o sport particolarmente truculenti come le mma (arti marziali miste). Per contro, l'atletica leggera e il nuoto, i due sport che, da sempre, hanno contrassegnato le Olimpiadi, precipitavano nella graduatoria di interesse, insieme agli altri sport olimpici classici, conoscendo un autentico seguito solo ogni 4 anni, in quelle due settimane delle Olimpiadi appunto. Se in tutto questo devo trovare una responsabilità, per me va in chi (quotidiani sportivi in primis, ma anche scuola e famiglia) si è adeguato all'andazzo, anzi: lo ha assecondato. Che la Gazzetta dello sport, un tempo di Quercetani e altri grandi giornalisti, dopo tonnellate di calcio parlato, metta anche articoli di gossip, wrestling, mma etc prima del meeting di Zurigo, 20 anni fa sarebbe stato considerato impossibile, una specie di mondo rovesciato. E invece è il triste mondo in cui viviamo.
modificato Aug 30 a 4:46 pm
 
1
risposta

Non sono intervenuto in questa interessante discussione in parte perché in vacanza, ma anche perché sono di fatto della stessa opinione di Funuotofan, quindi perché ripetere gli stessi concetti? Se la Gazzetta riempie la sua pagina online di Gossip e di calcio anche minore, chiaro che gli altri sport risultano stretti in una nicchia.
Poi, certo, c'è anche una decisa responsabilità delle famiglie e del CONI, ma sarebbe un discorso davvero lunghissimo.
Di contro, è di oggi una notizia, rimbalzata dal quotidiano Tuttosport e riportata su Queenatletica, che se vera sarebbe deflagrante. Pare che il RIS abbia concluso che le provette che portarono alla positività di Schwazer del 2016 fossero state manipolate.
Dico subito che le mie posizioni sul doping sono da sempre draconiane. Radiazione alla prima positività dimostrata e nessuna possibilità di ritorno alle competizioni. Ma è una posizione che pare non abbia un grande seguito a livello legale e sportivo. Ero furioso con Schwazer per quello che successe nel 2012, e nello stesso tempo ho sempre avuto molti dubbi sulla seconda positività. L'incredibile lunghezza di questa indagine, la difficoltà di ottenere le provette, il fatto che fosse seguito da Donati, probabilmente il più grande nemico del doping in Italia. Tante cose che non mi hanno mai convinto. Inoltre, al contrario della prima volta, Schwazer si è sempre professato innocente. E stavolta, ad istinto lo ammetto, ho creduto alle sue parole.
E' ovviamente il caso di attendere le risultanze ufficiali, ma se così fosse, non soltanto è stato perseguito un innocente, distruggendogli la carriera (e ricordo che che nel 2016, appena rientrato, Schwazer già andava come un treno), ma soprattutto vorrebbe dire che qualcuno lo ha scientemente colpito.
Vedremo
Ciao Ciao

Non sono intervenuto in questa interessante discussione in parte perché in vacanza, ma anche perché sono di fatto della stessa opinione di Funuotofan, quindi perché ripetere gli stessi concetti? Se la Gazzetta riempie la sua pagina online di Gossip e di calcio anche minore, chiaro che gli altri sport risultano stretti in una nicchia. Poi, certo, c'è anche una decisa responsabilità delle famiglie e del CONI, ma sarebbe un discorso davvero lunghissimo. Di contro, è di oggi una notizia, rimbalzata dal quotidiano Tuttosport e riportata su Queenatletica, che se vera sarebbe deflagrante. Pare che il RIS abbia concluso che le provette che portarono alla positività di Schwazer del 2016 fossero state manipolate. Dico subito che le mie posizioni sul doping sono da sempre draconiane. Radiazione alla prima positività dimostrata e nessuna possibilità di ritorno alle competizioni. Ma è una posizione che pare non abbia un grande seguito a livello legale e sportivo. Ero furioso con Schwazer per quello che successe nel 2012, e nello stesso tempo ho sempre avuto molti dubbi sulla seconda positività. L'incredibile lunghezza di questa indagine, la difficoltà di ottenere le provette, il fatto che fosse seguito da Donati, probabilmente il più grande nemico del doping in Italia. Tante cose che non mi hanno mai convinto. Inoltre, al contrario della prima volta, Schwazer si è sempre professato innocente. E stavolta, ad istinto lo ammetto, ho creduto alle sue parole. E' ovviamente il caso di attendere le risultanze ufficiali, ma se così fosse, non soltanto è stato perseguito un innocente, distruggendogli la carriera (e ricordo che che nel 2016, appena rientrato, Schwazer già andava come un treno), ma soprattutto vorrebbe dire che qualcuno lo ha scientemente colpito. Vedremo Ciao Ciao
 
1
risposta

Nel frattempo la Rojas salta 15.41 nel triplo, a soli 9 cm dela record della Kravets

Nel frattempo la Rojas salta 15.41 nel triplo, a soli 9 cm dela record della Kravets
 
0
risposta

Di contro, è di oggi una notizia, rimbalzata dal quotidiano Tuttosport e riportata su Queenatletica, che se vera sarebbe deflagrante. Pare che il RIS abbia concluso che le provette che portarono alla positività di Schwazer del 2016 fossero state manipolate.
Dico subito che le mie posizioni sul doping sono da sempre draconiane. Radiazione alla prima positività dimostrata e nessuna possibilità di ritorno alle competizioni. Ma è una posizione che pare non abbia un grande seguito a livello legale e sportivo. Ero furioso con Schwazer per quello che successe nel 2012, e nello stesso tempo ho sempre avuto molti dubbi sulla seconda positività. L'incredibile lunghezza di questa indagine, la difficoltà di ottenere le provette, il fatto che fosse seguito da Donati, probabilmente il più grande nemico del doping in Italia. Tante cose che non mi hanno mai convinto. Inoltre, al contrario della prima volta, Schwazer si è sempre professato innocente. E stavolta, ad istinto lo ammetto, ho creduto alle sue parole.
E' ovviamente il caso di attendere le risultanze ufficiali, ma se così fosse, non soltanto è stato perseguito un innocente, distruggendogli la carriera (e ricordo che che nel 2016, appena rientrato, Schwazer già andava come un treno), ma soprattutto vorrebbe dire che qualcuno lo ha scientemente colpito.
Vedremo
Ciao Ciao

Un po' di tempo fa ho ascoltato, con grande interesse ma anche - devo riconoscerlo - parecchio scetticismo, la lunga intervista che Sandro Donati rilasciò a Laura Vergani (moglie di Bierre e a lungo nella redazione di Corsia4, penso che la ricordiate).
Ovviamente si parlò del caso-Schwazer e di tanto altro, con Donati che ribadì il suo j'accuse al sistema, a partire dai gruppi militari per passare ad alcuni tecnici famosi.

Se ora venisse provato che le provette di Schwazer sono state davvero manipolate, sarebbe un netto, indiscutibile punto a favore di Donati (e Schwazer ovviamente) e getterebbe ombre ancora più allarmanti rispetto alla visione disincantata con cui ormai seguo lo sport agonistico.

Se un innocente viene colpito, come si fa a credere nella neutralità di chi organizza i controlli? E nella credibilità del sistema internazionale?

Tristissimo, per noi che di sport siamo appassionati da sempre, arrivare a dubitare di tutto..smile

>Di contro, è di oggi una notizia, rimbalzata dal quotidiano Tuttosport e riportata su Queenatletica, che se vera sarebbe deflagrante. Pare che il RIS abbia concluso che le provette che portarono alla positività di Schwazer del 2016 fossero state manipolate. >Dico subito che le mie posizioni sul doping sono da sempre draconiane. Radiazione alla prima positività dimostrata e nessuna possibilità di ritorno alle competizioni. Ma è una posizione che pare non abbia un grande seguito a livello legale e sportivo. Ero furioso con Schwazer per quello che successe nel 2012, e nello stesso tempo ho sempre avuto molti dubbi sulla seconda positività. L'incredibile lunghezza di questa indagine, la difficoltà di ottenere le provette, il fatto che fosse seguito da Donati, probabilmente il più grande nemico del doping in Italia. Tante cose che non mi hanno mai convinto. Inoltre, al contrario della prima volta, Schwazer si è sempre professato innocente. E stavolta, ad istinto lo ammetto, ho creduto alle sue parole. >E' ovviamente il caso di attendere le risultanze ufficiali, ma se così fosse, non soltanto è stato perseguito un innocente, distruggendogli la carriera (e ricordo che che nel 2016, appena rientrato, Schwazer già andava come un treno), ma soprattutto vorrebbe dire che qualcuno lo ha scientemente colpito. >Vedremo >Ciao Ciao Un po' di tempo fa ho ascoltato, con grande interesse ma anche - devo riconoscerlo - parecchio scetticismo, la lunga intervista che Sandro Donati rilasciò a Laura Vergani (moglie di Bierre e a lungo nella redazione di Corsia4, penso che la ricordiate). Ovviamente si parlò del caso-Schwazer e di tanto altro, con Donati che ribadì il suo j'accuse al sistema, a partire dai gruppi militari per passare ad alcuni tecnici famosi. Se ora venisse provato che le provette di Schwazer sono state davvero manipolate, sarebbe un netto, indiscutibile punto a favore di Donati (e Schwazer ovviamente) e getterebbe ombre ancora più allarmanti rispetto alla visione disincantata con cui ormai seguo lo sport agonistico. Se un innocente viene colpito, come si fa a credere nella neutralità di chi organizza i controlli? E nella credibilità del sistema internazionale? Tristissimo, per noi che di sport siamo appassionati da sempre, arrivare a dubitare di tutto..:(
 
1
risposta

Ecco i qualificati italiani per i mondiali di Doha:
Uomini
100m - 4x100m Filippo TORTU G.A. Fiamme Gialle
100m - 4x100m Marcell L. JACOBS G.S. Fiamme Oro PD
200m - 4x100m Eseosa DESALU G.A. Fiamme Gialle
400m - 4x400m/mista Davide RE G.A. Fiamme Gialle
5000m - 10.000m Yemaneberhan CRIPPA * G.S. Fiamme Oro PD
5000m Said EL OTMANI C.S. Esercito
110hs Hassane FOFANA G.S. Fiamme Oro PD
110hs Lorenzo PERINI G.S. Aeronautica Mil.
3000st Yohanes CHIAPPINELLI C.S. Carabinieri Sez. Atl.
3000st Osama ZOGHLAMI G.S. Aeronautica Mil. / Cus Palermo
Alto Stefano SOTTILE G.S. Fiamme Azzurre / Atletica Valsesia
Alto Gianmarco TAMBERI G.A. Fiamme Gialle
Asta Claudio M. STECCHI G.A. Fiamme Gialle
Triplo Andrea DALLAVALLE G.A. Fiamme Gialle / Atl. Piacenza
Peso Leonardo FABBRI G.S. Aeronautica Mil. / Atl. Firenze Marathon SS
Disco Giovanni FALOCI G.A. Fiamme Gialle
Maratona Eyob GHEBREHIWET FANIEL G.S. Fiamme Oro PD / Venicemarathon Club
Maratona Daniele MEUCCI C.S. Esercito
Maratona Yassine RACHIK Atl. Casone Noceto
Marcia 20km Matteo GIUPPONI C.S. Carabinieri Sez. Atl.
Marcia 20km Giorgio RUBINO G.A. Fiamme Gialle
Marcia 20km Massimo STANO G.S. Fiamme Oro PD
Marcia 50km Michele ANTONELLI G.S. Aeronautica Mil. / Atl. Recanati
Marcia 50km Teodorico CAPORASO G.S. Aeronautica Mil. / Ass. Sportiva e Culturale Orionina
4x100m Federico CATTANEO G.S. Aeronautica Mil. / Atl. Riccardi Milano 1946
4x100m Antonio B. INFANTINO Athletic Club 96 Alperia
4x100m Davide MANENTI G.S. Aeronautica Mil.
4x100m Roberto RIGALI Bergamo Stars Atletica
4x400m/mista Vladimir ACETI G.A. Fiamme Gialle / Atl. Vis Nova Giussano
4x400m/mista Daniele CORSA G.S. Fiamme Oro PD / Folgore Brindisi
4x400m/mista Matteo GALVAN G.A. Fiamme Gialle
4x400m/mista Brayan LOPEZ Athletic Club 96 Alperia
4x400m/mista Edoardo SCOTTI C.S. Carabinieri Sez. Atl. / Cus Parma
4x400m/mista Michele TRICCA G.A. Fiamme Gialle
Un buona nazionale, per livello medio tra le migliori da molti anni, anche se tanti buchi nel mezzofondo e nei lanci la rendono ancora incompleta.
Dico subito che personalmente da questa selezione maschile credo si possa ragionevolmente sperare in alcuni piazzamenti tra i migliori otto. Non molto di più.
Nel dettaglio Tortu e Jacobs hanno avuto una stagione altalenante, soprattutto Tortu per motivi di salute, ma anche Jacobs ha confermato al sua "delicatezza". Ad oggi la finale per entrambi pare impossibile, la semifinale no. La staffetta, se Desalu stesse bene (ed è un grosso se), ha ambizioni concrete di finale, ma soltanto se Infantino o Manenti fossero al meglio.
davide Re è da semifinale anche lui. Potrebbe anche sorprendere, ma le medaglie sono almeno 5 decimi più lontane. la staffetta, sulla quale avevo grandi speranze, dovrà scontare l'annata mediocre di Aceti e di Corsa. Finale in forse.
Nei 110 hs Perini e Fofana possono superare un turno. la finale è oltre ogni loro possibilità. Ma potrebbero avvicinare il record di Abate.
Nelle gare di mezzofondo Chiappinelli sui 3000 siepi non pare nelle condizioni dell'anno scorso, anche se ha appena fatto il personale sui 3000. La finale sarebbe possibile solo se si migliorasse. Crippa invece ha reali speranze di piazzamento tra gli otto sui 5000. Potrebbe fare anche il record di Antibo se stesse bene.
La maratona vede un bel trio. Le gare di campionato spesso sorprendono, e senza lepri molti africani vanno in difficoltà. meucci ha già fatto bene due volte ai mondiali, e Rachik a Londra volava. Un piazzamento tra gli otto sarebbe possibile.
Vera speranza di medaglia è Stano sui 20km. Rubino ormai va troppo piano, mentre Giupponi...mah, troppi alti e bassi. Nella 50 km nessuna possibilità.
Nei concorsi, malgrado la tanta carne al fuoco e i davvero tanti talenti, soprattutto nei salti in estensione, portiamo pochi atleti. Spiace soprattutto per Bocchi, Randazzo e Bianchetti. Dallavalle nel triplo per la finale. Stecchi per qualcosa di più, ma Lysek, Kendriks, Duplantis, Lavillennie....troppi.
Nell'alto Tamberi e Sottile, per motivi diversi, hanno concrete possibilità di medaglia. Ma Sottile per adesso ha sempre fallito nelle competizioni importanti, e Tamberi non ha ancora saltato un 2.30 all'aperto. Il livello tutto sommato basso della stagione però fa sperare.
Faloci nel disco se supera 61 metri mi sorprenderà, mentre attendo da Fabbri la prima vera gara di livello. Un over 21 e l'inserimento nei piani alti, ovviamente ben distante dai mostri da oltre 22 metri che quest'anno stanno imperversando.
Ricapitolando, due sole possibilità di medaglia, quattro/cinque possibili finalisti, e forse una staffetta in finale.
Pare poco, ma è un Mondiale.
Ciao Ciao smile

Ecco i qualificati italiani per i mondiali di Doha: Uomini 100m - 4x100m Filippo TORTU G.A. Fiamme Gialle 100m - 4x100m Marcell L. JACOBS G.S. Fiamme Oro PD 200m - 4x100m Eseosa DESALU G.A. Fiamme Gialle 400m - 4x400m/mista Davide RE G.A. Fiamme Gialle 5000m - 10.000m Yemaneberhan CRIPPA * G.S. Fiamme Oro PD 5000m Said EL OTMANI C.S. Esercito 110hs Hassane FOFANA G.S. Fiamme Oro PD 110hs Lorenzo PERINI G.S. Aeronautica Mil. 3000st Yohanes CHIAPPINELLI C.S. Carabinieri Sez. Atl. 3000st Osama ZOGHLAMI G.S. Aeronautica Mil. / Cus Palermo Alto Stefano SOTTILE G.S. Fiamme Azzurre / Atletica Valsesia Alto Gianmarco TAMBERI G.A. Fiamme Gialle Asta Claudio M. STECCHI G.A. Fiamme Gialle Triplo Andrea DALLAVALLE G.A. Fiamme Gialle / Atl. Piacenza Peso Leonardo FABBRI G.S. Aeronautica Mil. / Atl. Firenze Marathon SS Disco Giovanni FALOCI G.A. Fiamme Gialle Maratona Eyob GHEBREHIWET FANIEL G.S. Fiamme Oro PD / Venicemarathon Club Maratona Daniele MEUCCI C.S. Esercito Maratona Yassine RACHIK Atl. Casone Noceto Marcia 20km Matteo GIUPPONI C.S. Carabinieri Sez. Atl. Marcia 20km Giorgio RUBINO G.A. Fiamme Gialle Marcia 20km Massimo STANO G.S. Fiamme Oro PD Marcia 50km Michele ANTONELLI G.S. Aeronautica Mil. / Atl. Recanati Marcia 50km Teodorico CAPORASO G.S. Aeronautica Mil. / Ass. Sportiva e Culturale Orionina 4x100m Federico CATTANEO G.S. Aeronautica Mil. / Atl. Riccardi Milano 1946 4x100m Antonio B. INFANTINO Athletic Club 96 Alperia 4x100m Davide MANENTI G.S. Aeronautica Mil. 4x100m Roberto RIGALI Bergamo Stars Atletica 4x400m/mista Vladimir ACETI G.A. Fiamme Gialle / Atl. Vis Nova Giussano 4x400m/mista Daniele CORSA G.S. Fiamme Oro PD / Folgore Brindisi 4x400m/mista Matteo GALVAN G.A. Fiamme Gialle 4x400m/mista Brayan LOPEZ Athletic Club 96 Alperia 4x400m/mista Edoardo SCOTTI C.S. Carabinieri Sez. Atl. / Cus Parma 4x400m/mista Michele TRICCA G.A. Fiamme Gialle Un buona nazionale, per livello medio tra le migliori da molti anni, anche se tanti buchi nel mezzofondo e nei lanci la rendono ancora incompleta. Dico subito che personalmente da questa selezione maschile credo si possa ragionevolmente sperare in alcuni piazzamenti tra i migliori otto. Non molto di più. Nel dettaglio Tortu e Jacobs hanno avuto una stagione altalenante, soprattutto Tortu per motivi di salute, ma anche Jacobs ha confermato al sua "delicatezza". Ad oggi la finale per entrambi pare impossibile, la semifinale no. La staffetta, se Desalu stesse bene (ed è un grosso se), ha ambizioni concrete di finale, ma soltanto se Infantino o Manenti fossero al meglio. davide Re è da semifinale anche lui. Potrebbe anche sorprendere, ma le medaglie sono almeno 5 decimi più lontane. la staffetta, sulla quale avevo grandi speranze, dovrà scontare l'annata mediocre di Aceti e di Corsa. Finale in forse. Nei 110 hs Perini e Fofana possono superare un turno. la finale è oltre ogni loro possibilità. Ma potrebbero avvicinare il record di Abate. Nelle gare di mezzofondo Chiappinelli sui 3000 siepi non pare nelle condizioni dell'anno scorso, anche se ha appena fatto il personale sui 3000. La finale sarebbe possibile solo se si migliorasse. Crippa invece ha reali speranze di piazzamento tra gli otto sui 5000. Potrebbe fare anche il record di Antibo se stesse bene. La maratona vede un bel trio. Le gare di campionato spesso sorprendono, e senza lepri molti africani vanno in difficoltà. meucci ha già fatto bene due volte ai mondiali, e Rachik a Londra volava. Un piazzamento tra gli otto sarebbe possibile. Vera speranza di medaglia è Stano sui 20km. Rubino ormai va troppo piano, mentre Giupponi...mah, troppi alti e bassi. Nella 50 km nessuna possibilità. Nei concorsi, malgrado la tanta carne al fuoco e i davvero tanti talenti, soprattutto nei salti in estensione, portiamo pochi atleti. Spiace soprattutto per Bocchi, Randazzo e Bianchetti. Dallavalle nel triplo per la finale. Stecchi per qualcosa di più, ma Lysek, Kendriks, Duplantis, Lavillennie....troppi. Nell'alto Tamberi e Sottile, per motivi diversi, hanno concrete possibilità di medaglia. Ma Sottile per adesso ha sempre fallito nelle competizioni importanti, e Tamberi non ha ancora saltato un 2.30 all'aperto. Il livello tutto sommato basso della stagione però fa sperare. Faloci nel disco se supera 61 metri mi sorprenderà, mentre attendo da Fabbri la prima vera gara di livello. Un over 21 e l'inserimento nei piani alti, ovviamente ben distante dai mostri da oltre 22 metri che quest'anno stanno imperversando. Ricapitolando, due sole possibilità di medaglia, quattro/cinque possibili finalisti, e forse una staffetta in finale. Pare poco, ma è un Mondiale. Ciao Ciao :)
 
0
risposta

Scusa prof. Le due possibilità di medaglia sarebbero sottile e Tamberi?

Scusa prof. Le due possibilità di medaglia sarebbero sottile e Tamberi?
 
0
risposta
anteprima immediata
inserisci almeno 10 caratteri
ATTENZIONE: Hai menzionato %MENTIONS%, ma non possono vedere questo messaggio e non ne riceveranno notifica
Salvataggio...
Salvato
With selected deselect posts show selected posts
Tutti i messaggi di questo argomento saranno cancellato ?
Bozza in attesa ... Click per tornare alla modifica
Elimina la bozza