Advertisement

I risultati del Golden Gala degli italiani sono stati, con qualche bella eccezione, abbastanza mediocri.
Lo stato della nostra atletica è questo purtropo. Un paio di punte vere, ed un gruppo di buoni atleti che però troppo spesso mancano gli appuntamenti importanti.
Le solite maledette controprestazioni, che ad ogni singolo campionato importante si sommano copiose.
E anche se il Golden Gala non è un campionato, è comunque il più importante meeting italiano, uno dei pochissimi nei quali i nostri ragazzi possono competere con avversari di questo livello, con i vantaggi di giocare in casa, e pubblico dalla propria parte.
In altre parole, fare risultato qui è potenzialmente più facile che in altri contesti.
Invece, vuoi per la tensione vuoi perché siamo all'inizio di una stagione che è innaturalmente lunga, anche qui abbiamo dovuto registrare pacconate di prestazioni deludenti.
Nel peso maschile Fabbri, reduce da un bell'over 20, lancia in un deludentissimo 19.36. Dopo i brutti europei indoor anche stavolta in un contesto importante lancia un metro sotto i suoi standard.
Nel lungo la Strati supera a fatica i 6 metri, ma anche qui almeno 40 cm sotto le sue possibilità. Nel giavellotto la Bani e la Jemai non superano i 57m. La Malavisi nell'asta arriva a 4.31, che è il suo stagionale, ma sperare in qualcosa di meglio era doveroso, viste le indoor.
La Folorunso corre in 55.99 nei suoi 400hs, peggiorando lo stagionale ma soprattutto mostrando i soliti limiti. La ragazza ha grande velocità di base ma non è molto alta, quindi la sua ritmica è difficile da assimilare. La Lukudo sui 400 ha corso malissimo, in 52.98. D'accordo, esordio stagionale, ma forse era meglio esordire prima.
Infine le buone notizie. Tamberi salta bene, un esordio a 2.28 è ottimo. Il suo salto ha dimostrato che deve ancora affinare la tecnica, ma era davvero alto.
Bene anche i due siepisti. Zoghlami, che è allenato da Gaspare Polizzi a Palermo, storico allenatore di Antibo, corre la distanza in 8.20 e si qualifica per mondiali ed olimpiadi in un colpo solo. Siamo ancora molto lontani dall'elite mondiale, però è un segno di crescita. Chiappinelli fa il suo compito e si qualifica in 8.24 per i mondiali, ma da lui è lecito chiedere molto di più. il ragazzo è davvero piccolo e apparentemente fragile in mezzo a tutti gli altri, vederlo lottare è comunque un piacere ma deve migliorare.
Benino anche Tortu, anche se avevo ipotizzato un tempo all'incirca di due decimi migliore. Ha corso benino per 150 metri, poi ha rallentato. Gli manca la tenuta, che non si improvvisa. Prendiamo il buono comunque. Ossia, l'aver battuto atleti che hanno tutti personali migliori del suo, e di aver corso alla pari di Gulyev. Davanti Norman sembrava un marziano, mentre Lyles non sembra avere limiti.
Era la sua prima uscita sui 200 e possiamo accontentarci. Il ragazzo subisce una enorme pressione e dobbiamo avere pazienza. Sui 100 è più preparato, ma è sui 200 che i margini maggiori.
Perini sui 110hs a me è piaciuto. Se non avesse commesso un errore sarebbe riuscito a correre attorno al suo personale. Certo è che 13.58 a livello internazionale è poca roba, ma il ragazzo migliora di poco ogni anno.
Infine Crippa sui 5000. Il ragazzo è tanto ma tanto determinato, tatticamente accorto e velocissimo nei finali. Ricorda Alberto Cova e non di poco. Il personale demolito, sotto i 13.10 è tanta roba, ma soprattutto conta come ha corso. Ha provato a tenere i migliori, poi ha rallentato e si è posto nel gruppetto dietro, che comunque andava molto forte. Tra i battuti ben True e Filip Ingebrigtsen. Il ragazzo ha capito di avere ancora molto margine. L'obiettivo adesso è ambizioso, il muro dei 13 minuti.
Ciao Ciao smile

I risultati del Golden Gala degli italiani sono stati, con qualche bella eccezione, abbastanza mediocri. Lo stato della nostra atletica è questo purtropo. Un paio di punte vere, ed un gruppo di buoni atleti che però troppo spesso mancano gli appuntamenti importanti. Le solite maledette controprestazioni, che ad ogni singolo campionato importante si sommano copiose. E anche se il Golden Gala non è un campionato, è comunque il più importante meeting italiano, uno dei pochissimi nei quali i nostri ragazzi possono competere con avversari di questo livello, con i vantaggi di giocare in casa, e pubblico dalla propria parte. In altre parole, fare risultato qui è potenzialmente più facile che in altri contesti. Invece, vuoi per la tensione vuoi perché siamo all'inizio di una stagione che è innaturalmente lunga, anche qui abbiamo dovuto registrare pacconate di prestazioni deludenti. Nel peso maschile Fabbri, reduce da un bell'over 20, lancia in un deludentissimo 19.36. Dopo i brutti europei indoor anche stavolta in un contesto importante lancia un metro sotto i suoi standard. Nel lungo la Strati supera a fatica i 6 metri, ma anche qui almeno 40 cm sotto le sue possibilità. Nel giavellotto la Bani e la Jemai non superano i 57m. La Malavisi nell'asta arriva a 4.31, che è il suo stagionale, ma sperare in qualcosa di meglio era doveroso, viste le indoor. La Folorunso corre in 55.99 nei suoi 400hs, peggiorando lo stagionale ma soprattutto mostrando i soliti limiti. La ragazza ha grande velocità di base ma non è molto alta, quindi la sua ritmica è difficile da assimilare. La Lukudo sui 400 ha corso malissimo, in 52.98. D'accordo, esordio stagionale, ma forse era meglio esordire prima. Infine le buone notizie. Tamberi salta bene, un esordio a 2.28 è ottimo. Il suo salto ha dimostrato che deve ancora affinare la tecnica, ma era davvero alto. Bene anche i due siepisti. Zoghlami, che è allenato da Gaspare Polizzi a Palermo, storico allenatore di Antibo, corre la distanza in 8.20 e si qualifica per mondiali ed olimpiadi in un colpo solo. Siamo ancora molto lontani dall'elite mondiale, però è un segno di crescita. Chiappinelli fa il suo compito e si qualifica in 8.24 per i mondiali, ma da lui è lecito chiedere molto di più. il ragazzo è davvero piccolo e apparentemente fragile in mezzo a tutti gli altri, vederlo lottare è comunque un piacere ma deve migliorare. Benino anche Tortu, anche se avevo ipotizzato un tempo all'incirca di due decimi migliore. Ha corso benino per 150 metri, poi ha rallentato. Gli manca la tenuta, che non si improvvisa. Prendiamo il buono comunque. Ossia, l'aver battuto atleti che hanno tutti personali migliori del suo, e di aver corso alla pari di Gulyev. Davanti Norman sembrava un marziano, mentre Lyles non sembra avere limiti. Era la sua prima uscita sui 200 e possiamo accontentarci. Il ragazzo subisce una enorme pressione e dobbiamo avere pazienza. Sui 100 è più preparato, ma è sui 200 che i margini maggiori. Perini sui 110hs a me è piaciuto. Se non avesse commesso un errore sarebbe riuscito a correre attorno al suo personale. Certo è che 13.58 a livello internazionale è poca roba, ma il ragazzo migliora di poco ogni anno. Infine Crippa sui 5000. Il ragazzo è tanto ma tanto determinato, tatticamente accorto e velocissimo nei finali. Ricorda Alberto Cova e non di poco. Il personale demolito, sotto i 13.10 è tanta roba, ma soprattutto conta come ha corso. Ha provato a tenere i migliori, poi ha rallentato e si è posto nel gruppetto dietro, che comunque andava molto forte. Tra i battuti ben True e Filip Ingebrigtsen. Il ragazzo ha capito di avere ancora molto margine. L'obiettivo adesso è ambizioso, il muro dei 13 minuti. Ciao Ciao :)
 
0
risposta

Grandi cose alle finali Ncaa in svolgimento ad Austin, Texas.

Parto dai 110 hs, con l'annunciata sfida tra Grant Holloway e Daniel Roberts. Parte, al solito, meglio Holloway, che fila liscio sugli ostacoli, con la sua grande e affidabile tecnica, facendo segnare alla fine 12.98 (+0.8 il vento): migliorato il primato, davvero storico, di 13.00 ottenuto nel 1979 da Renaldo Nehemiah.
E Roberts? Roberts gli arriva a soli due centesimi, uguagliando, con 13" netti, il precedente record di Nehemiah. E la cosa che mi ha impressionato di Roberts è che ha urtato il secondo, sesto e nono ostacolo, con anche qualche sbandamento nella sua gara. Eppure, una rapidità clamorosa tra gli ostacoli e la consueta rimonta finale che ne attestano potenzialità clamorose.
Sono entrambi junior (cioè terzo anno, 21enni), ma hanno entrambi già dichiarato che le loro sfide continueranno come pro, e non c'è dubbio che saranno sfide entusiasmanti.

La giornata di Holloway - l'ultima della sua carriera universitaria - è continuata con le staffette 4x100 e 4x400, ed è continuata con grandi prove. Da segnalare, in particolare, il suo 43.75 lanciato al terzo impegno della giornata, quello nella 4x400, in cui ha trascinato Florida al secondo posto finale sotto i 3'.

Da citare poi la doppietta del nigeriano Divine Oduduru nei 100 e 200 piani con grandi crono: 9.86 nei 100 e 19.73 nei 200 (sempre +0.8 il vento, sperando che l'anemometro funzionasse..smile ). Secondo lo Usa Cravon Gillespie (9.93 e 19.93), terzo il giapponese Hakim Sani Brown (9.97, record nazionale e prima volta sotto ai 10" per lui, e 20.08 ).

Prima notazione spontanea: tutti questi corrono 100 e 200 a distanza di poco tempo e con che crono..
Seconda notazione spontanea: dopo i Norman e Benjamin dello scorso anno, la Ncaa continua a sfornare grandi talenti per la carriera pro. Pare proprio che la grande fucina universitaria Usa abbia ripreso a funzionare a pieno regime.

Grandi cose alle finali Ncaa in svolgimento ad Austin, Texas. Parto dai 110 hs, con l'annunciata sfida tra Grant Holloway e Daniel Roberts. Parte, al solito, meglio Holloway, che fila liscio sugli ostacoli, con la sua grande e affidabile tecnica, facendo segnare alla fine 12.98 (+0.8 il vento): migliorato il primato, davvero storico, di 13.00 ottenuto nel 1979 da Renaldo Nehemiah. E Roberts? Roberts gli arriva a soli due centesimi, uguagliando, con 13" netti, il precedente record di Nehemiah. E la cosa che mi ha impressionato di Roberts è che ha urtato il secondo, sesto e nono ostacolo, con anche qualche sbandamento nella sua gara. Eppure, una rapidità clamorosa tra gli ostacoli e la consueta rimonta finale che ne attestano potenzialità clamorose. Sono entrambi junior (cioè terzo anno, 21enni), ma hanno entrambi già dichiarato che le loro sfide continueranno come pro, e non c'è dubbio che saranno sfide entusiasmanti. La giornata di Holloway - l'ultima della sua carriera universitaria - è continuata con le staffette 4x100 e 4x400, ed è continuata con grandi prove. Da segnalare, in particolare, il suo 43.75 lanciato al terzo impegno della giornata, quello nella 4x400, in cui ha trascinato Florida al secondo posto finale sotto i 3'. Da citare poi la doppietta del nigeriano Divine Oduduru nei 100 e 200 piani con grandi crono: 9.86 nei 100 e 19.73 nei 200 (sempre +0.8 il vento, sperando che l'anemometro funzionasse..:) ). Secondo lo Usa Cravon Gillespie (9.93 e 19.93), terzo il giapponese Hakim Sani Brown (9.97, record nazionale e prima volta sotto ai 10" per lui, e 20.08 ). Prima notazione spontanea: tutti questi corrono 100 e 200 a distanza di poco tempo e con che crono.. Seconda notazione spontanea: dopo i Norman e Benjamin dello scorso anno, la Ncaa continua a sfornare grandi talenti per la carriera pro. Pare proprio che la grande fucina universitaria Usa abbia ripreso a funzionare a pieno regime.
modificato Jun 8 a 10:22 am
 
0
risposta

Ho potuto vedere soltanto la gara dei 110hs. Holloway è semplicemente un mostro di potenza, ma lo si conosceva. Roberta invece non lo avevo ancora visto correre. Troppi errori ma enorme reattività. Tra gli altri, il giapponese Sani Brown ( che è mezzo statunitense) mi stupisce sui 100. L'ho sempre considerato un duecentista puro. Odoudouru è semplicemente un inumano per caratteristiche fisiche. Indubbiamente sorprende come questi ragazzi reggano tour de force in pochi giorni che per i nostri paiono impossibili. Oh, nulla di nuovo, Owens certe cose le faceva 80 anni fa. Il nostro Mennea le faceva pure, nel suo piccolo. Tortu invece viene centellinato. Vedremo se sarà una politica vincente.
Ciao Ciao 😀

Ho potuto vedere soltanto la gara dei 110hs. Holloway è semplicemente un mostro di potenza, ma lo si conosceva. Roberta invece non lo avevo ancora visto correre. Troppi errori ma enorme reattività. Tra gli altri, il giapponese Sani Brown ( che è mezzo statunitense) mi stupisce sui 100. L'ho sempre considerato un duecentista puro. Odoudouru è semplicemente un inumano per caratteristiche fisiche. Indubbiamente sorprende come questi ragazzi reggano tour de force in pochi giorni che per i nostri paiono impossibili. Oh, nulla di nuovo, Owens certe cose le faceva 80 anni fa. Il nostro Mennea le faceva pure, nel suo piccolo. Tortu invece viene centellinato. Vedremo se sarà una politica vincente. Ciao Ciao
 
0
risposta

buone nuove per l'alto arrivano dai campionati italiani junior e promesse. Stefano sottile ex campione del mondo allievi un po' perso negli ultimi anni balza a 2.30 alla terza prova a 1 cm dal ri u23 di tamberi e stacca il pass per i mondiali.
rij nel martello per Olivieri 79.23 migliorando il suo 77.43 della scorsa setimana
la junior fontana sfiora di 2 centesimi con 11.44 nei 100 il rij della vigati dell'89
53.15 della borga nei 400
ottimo esordio della zenoni nei 5000 16.09.10
da segnalare il decathleta dester impegnato in contemporanea nel lungo e nei 110 che ha vinto il lungo 7.48 e nel mezzo si è qualificato per la finale degli ostacoli .

buone nuove per l'alto arrivano dai campionati italiani junior e promesse. Stefano sottile ex campione del mondo allievi un po' perso negli ultimi anni balza a 2.30 alla terza prova a 1 cm dal ri u23 di tamberi e stacca il pass per i mondiali. rij nel martello per Olivieri 79.23 migliorando il suo 77.43 della scorsa setimana la junior fontana sfiora di 2 centesimi con 11.44 nei 100 il rij della vigati dell'89 53.15 della borga nei 400 ottimo esordio della zenoni nei 5000 16.09.10 da segnalare il decathleta dester impegnato in contemporanea nel lungo e nei 110 che ha vinto il lungo 7.48 e nel mezzo si è qualificato per la finale degli ostacoli .
 
0
risposta

e buone nuove arrivano dalla marcia massimo stano a la coruna marcia in 1.17.44 a 14 secondi dal record di schwarzer e ottavo europeo di sempre

e buone nuove arrivano dalla marcia massimo stano a la coruna marcia in 1.17.44 a 14 secondi dal record di schwarzer e ottavo europeo di sempre
 
0
risposta

2.30 di Sottile nel salto in alto.
In una specialità apparentemente stagnante quest’anno, un nuovo 2.30 ista in Italia è una ottima notizia

2.30 di Sottile nel salto in alto. In una specialità apparentemente stagnante quest’anno, un nuovo 2.30 ista in Italia è una ottima notizia
 
0
risposta

Secondo il sito Queenatletica il tempo di Stano sarebbe il record italiano, visto che quello di Schwazer fu fatto nel 2012, quando l'altoatesino si dopava per sua stessa ammissione.
Per fortuna Sottile si è ripreso dopo tanti problemi. Il ragazzo ha enorme talento, e mancando ormai Chesani e Fassinotti serviva un altro altista di livello mondiale.
Infine, Eleonora Vandi fa il suo personale sugli 800, correndo in 2.00,88. A pochi centesimi dal minimo per Doha e ottava prestazione italiana di sempre. La ragazza ha solo 23 ed è reduce da un paio di annate difficili, ha una falcata splendida e gran talento. Sugli 800 con lei, Bello', Beldessari, Santijusti e magari Zenoni (che sta vincendo di tutto da quando è rientrata) in Italia non abbiamo mai avuto tanta ricchezza
Ciao Ciao

Secondo il sito Queenatletica il tempo di Stano sarebbe il record italiano, visto che quello di Schwazer fu fatto nel 2012, quando l'altoatesino si dopava per sua stessa ammissione. Per fortuna Sottile si è ripreso dopo tanti problemi. Il ragazzo ha enorme talento, e mancando ormai Chesani e Fassinotti serviva un altro altista di livello mondiale. Infine, Eleonora Vandi fa il suo personale sugli 800, correndo in 2.00,88. A pochi centesimi dal minimo per Doha e ottava prestazione italiana di sempre. La ragazza ha solo 23 ed è reduce da un paio di annate difficili, ha una falcata splendida e gran talento. Sugli 800 con lei, Bello', Beldessari, Santijusti e magari Zenoni (che sta vincendo di tutto da quando è rientrata) in Italia non abbiamo mai avuto tanta ricchezza Ciao Ciao
modificato Jun 10 a 10:21 pm
 
0
risposta

buoni risultati dai meeting stasera
fofana 13.44 nei 110 ostacoli sesto all time
Jacobs in crescita 10.13 sui 100
fantini 68.24
dal molin 13.70 nei 110 ostacoli

buoni risultati dai meeting stasera fofana 13.44 nei 110 ostacoli sesto all time Jacobs in crescita 10.13 sui 100 fantini 68.24 dal molin 13.70 nei 110 ostacoli
 
0
risposta

Dopo cinque anni l'ex fenomeno giovanile dell'asta Roberta Bruni fa il suo personale con 4.46 a Praga. Considerato che anche la Malavisi pare in forma e dietro c'è anche Helen Falda, potremmo divertirci quest'anno
Piuttosto, come eliminare questo maledetto spam?
Ciao Ciao 😀

Dopo cinque anni l'ex fenomeno giovanile dell'asta Roberta Bruni fa il suo personale con 4.46 a Praga. Considerato che anche la Malavisi pare in forma e dietro c'è anche Helen Falda, potremmo divertirci quest'anno Piuttosto, come eliminare questo maledetto spam? Ciao Ciao
 
0
risposta

Solo 10.10 per Tortu ad oslo.
Solo io lo vedo meno esplosivo dello scorso anno?
Oppure il lavoro di potenziamento fatto produrrà i frutti più tardi?

Solo 10.10 per Tortu ad oslo. Solo io lo vedo meno esplosivo dello scorso anno? Oppure il lavoro di potenziamento fatto produrrà i frutti più tardi?
 
1
risposta

Per come la vedo io ha corso peggio di un anno fa, quando al Golden Gala fece 10.04. Il che vuol dire che correndo peggio praticamente si è eguagliato, che è cosa buona. Inoltre, anche se molti scrivono che corre poco, dall'inizio dell'anno ha già fatto due uscite sui 100, una sui 200 (dopo due anni) e ha corso con la staffetta a Yokohama.
Inoltre il 10.10 è il minimo per i mondiali (dove inizia a formarsi una squadra numericamente interessante).
Il ragazzo sta per compiere 21 anni, e subisce una pressione che nessun velocista USA o Giamaicano avrà mai, perché nel loro Paese è divisa tra molti, mentre da noi succede esattamente il contrario. Tortu non è soltanto considerato erroneamente il nostro unico velocista di valore internazionale (ne abbiamo altri due, ossia Jacobs e Desalu, ma il pubblico praticamente non sa chi siano) ma è anche uno dei pochissimi di valore in senso assoluto, insieme a Tamberi, alla Palmisano (che credo non conosca praticamente nessuno) e a Stano (idem come sopra). Non è facile per nessuno sostenere la pressione a questi livelli, figuriamoci in Italia, dove peraltro torme di haters seriali attendono come squali il prossimo campione da spolpare, oltre a giornalisti che di competenza specifica spesso ne hanno poca. Fossi in Tortu mi cancellerei da qualunque social.
Se poi vogliamo farne una questione eminentemente tecnica, ricordiamo che nelle indoor, che frequenta troppo poco, quest'anno ha fatto il personale in 6.58, migliorandosi di quattro centesimi. Pare poco ma sviluppandolo sui 100 metri, e considerando la sua naturale propensione all'accelerazione prolungata, è chiaro che ci si aspetta un miglioramento significativo anche sui 100.
Il problema è però sempre lo stesso. Aumentando la potenza muscolare aumenta anche la massa fisica da spostare, il che fa per forza diminuire la resistenza, che deve quindi essere riallenata per abituare il corpo a spostare una massa maggiore. E' la solita coperta corta dei velocisti. L'equilibrio si raggiunge con il tempo.
Io comunque mi aspetto entro l'anno un tempo attorno a 9.95.
Vedremo
Ciao Ciao smile

Per come la vedo io ha corso peggio di un anno fa, quando al Golden Gala fece 10.04. Il che vuol dire che correndo peggio praticamente si è eguagliato, che è cosa buona. Inoltre, anche se molti scrivono che corre poco, dall'inizio dell'anno ha già fatto due uscite sui 100, una sui 200 (dopo due anni) e ha corso con la staffetta a Yokohama. Inoltre il 10.10 è il minimo per i mondiali (dove inizia a formarsi una squadra numericamente interessante). Il ragazzo sta per compiere 21 anni, e subisce una pressione che nessun velocista USA o Giamaicano avrà mai, perché nel loro Paese è divisa tra molti, mentre da noi succede esattamente il contrario. Tortu non è soltanto considerato erroneamente il nostro unico velocista di valore internazionale (ne abbiamo altri due, ossia Jacobs e Desalu, ma il pubblico praticamente non sa chi siano) ma è anche uno dei pochissimi di valore in senso assoluto, insieme a Tamberi, alla Palmisano (che credo non conosca praticamente nessuno) e a Stano (idem come sopra). Non è facile per nessuno sostenere la pressione a questi livelli, figuriamoci in Italia, dove peraltro torme di haters seriali attendono come squali il prossimo campione da spolpare, oltre a giornalisti che di competenza specifica spesso ne hanno poca. Fossi in Tortu mi cancellerei da qualunque social. Se poi vogliamo farne una questione eminentemente tecnica, ricordiamo che nelle indoor, che frequenta troppo poco, quest'anno ha fatto il personale in 6.58, migliorandosi di quattro centesimi. Pare poco ma sviluppandolo sui 100 metri, e considerando la sua naturale propensione all'accelerazione prolungata, è chiaro che ci si aspetta un miglioramento significativo anche sui 100. Il problema è però sempre lo stesso. Aumentando la potenza muscolare aumenta anche la massa fisica da spostare, il che fa per forza diminuire la resistenza, che deve quindi essere riallenata per abituare il corpo a spostare una massa maggiore. E' la solita coperta corta dei velocisti. L'equilibrio si raggiunge con il tempo. Io comunque mi aspetto entro l'anno un tempo attorno a 9.95. Vedremo Ciao Ciao :)
modificato Jun 14 a 9:03 am
 
0
risposta

Domanda secca al Prof, Vale, Piso, Miro e chiunque vorrà rispondere.

Secondo voi Tortu arriverà in finale nei 100m dei Mondiali?

PS Attendo con molto interesse le selezioni Usa, come da anni ormai non mi accadeva.

Domanda secca al Prof, Vale, Piso, Miro e chiunque vorrà rispondere. Secondo voi Tortu arriverà in finale nei 100m dei Mondiali? PS Attendo con molto interesse le selezioni Usa, come da anni ormai non mi accadeva.
 
0
risposta

Domanda secca al Prof, Vale, Piso, Miro e chiunque vorrà rispondere.

Secondo voi Tortu arriverà in finale nei 100m dei Mondiali?

PS Attendo con molto interesse le selezioni Usa, come da anni ormai non mi accadeva.

Risposta secca sia allora: NO
E spero ardentemente di sbagliarmi.
Ciao Ciao smile

>Domanda secca al Prof, Vale, Piso, Miro e chiunque vorrà rispondere. >Secondo voi Tortu arriverà in finale nei 100m dei Mondiali? >PS Attendo con molto interesse le selezioni Usa, come da anni ormai non mi accadeva. Risposta secca sia allora: NO E spero ardentemente di sbagliarmi. Ciao Ciao :)
 
0
risposta

Domanda secca al Prof, Vale, Piso, Miro e chiunque vorrà rispondere.

Secondo voi Tortu arriverà in finale nei 100m dei Mondiali?

PS Attendo con molto interesse le selezioni Usa, come da anni ormai non mi accadeva.

Risposta secca, dico anch'io no. Ma più che altro come sensazione, perché troppe aspettative di solito vengono disattese.
Ragionando più freddamente, in fondo l'anno scorso solo in 19 sono scesi sotto i 10", di cui 9 USA. E' vero che quest'anno si è aggiunto Odurudu che mi sembra fuori dalla portata di Tortu.
E poi, come accade nel nuoto, anche nel grande evento estivo di atletica c'è sempre spazio per qualche sorpresa e tante tante delusioni, basta infilarsi e approfittarne. Ci vuole fortuna, per capitare nella semifinale giusta, e ci vuole una condizione perfetta.
Comunque è No smile

Intanto ieri sera RE di Warholm nei 400hs. E' incredibile come una specialità che era in crisi da più di 10 anni, in poco tempo sia esplosa così.

>Domanda secca al Prof, Vale, Piso, Miro e chiunque vorrà rispondere. >Secondo voi Tortu arriverà in finale nei 100m dei Mondiali? >PS Attendo con molto interesse le selezioni Usa, come da anni ormai non mi accadeva. Risposta secca, dico anch'io no. Ma più che altro come sensazione, perché troppe aspettative di solito vengono disattese. Ragionando più freddamente, in fondo l'anno scorso solo in 19 sono scesi sotto i 10", di cui 9 USA. E' vero che quest'anno si è aggiunto Odurudu che mi sembra fuori dalla portata di Tortu. E poi, come accade nel nuoto, anche nel grande evento estivo di atletica c'è sempre spazio per qualche sorpresa e tante tante delusioni, basta infilarsi e approfittarne. Ci vuole fortuna, per capitare nella semifinale giusta, e ci vuole una condizione perfetta. Comunque è No :D Intanto ieri sera RE di Warholm nei 400hs. E' incredibile come una specialità che era in crisi da più di 10 anni, in poco tempo sia esplosa così.
 
0
risposta

Che volete che vi dica.
A meno che non corra il suo personal best in una già molto difficile semifinale, quindi un 9,95, dubito fortemente
Diciamo che coleman gatlin lyles ed altri usa sono superiori, Hughes e Prescod pure, vicaud e gulyev probabile probabile.
Aggiungi il novero di almeno 3 o 4 caraibici..., poi bing tian.

Siamo già oltre i 10

No no...difficile difficile

Che volete che vi dica. A meno che non corra il suo personal best in una già molto difficile semifinale, quindi un 9,95, dubito fortemente Diciamo che coleman gatlin lyles ed altri usa sono superiori, Hughes e Prescod pure, vicaud e gulyev probabile probabile. Aggiungi il novero di almeno 3 o 4 caraibici..., poi bing tian. Siamo già oltre i 10 No no...difficile difficile
 
0
risposta

Gara fantastica di warholm. All'arrivo ero convinto fosse record europeo, anche se non ricordavo il tempo esatto di Diagana.
Io invece attendo con ansia che si batta il vecchissimo (1987) record sui 400 piani 44.33 di Schoenlebe

Gara fantastica di warholm. All'arrivo ero convinto fosse record europeo, anche se non ricordavo il tempo esatto di Diagana. Io invece attendo con ansia che si batta il vecchissimo (1987) record sui 400 piani 44.33 di Schoenlebe
 
0
risposta

Gara fantastica di warholm. All'arrivo ero convinto fosse record europeo, anche se non ricordavo il tempo esatto di Diagana.
Io invece attendo con ansia che si batta il vecchissimo (1987) record sui 400 piani 44.33 di Schoenlebe

Intanto è stato battuto il record italiano: 45.01 per Davide Re

>Gara fantastica di warholm. All'arrivo ero convinto fosse record europeo, anche se non ricordavo il tempo esatto di Diagana. >Io invece attendo con ansia che si batta il vecchissimo (1987) record sui 400 piani 44.33 di Schoenlebe Intanto è stato battuto il record italiano: 45.01 per Davide Re
 
0
risposta

Ed anche questo era stato pronosticato dal prof e da me stesso.
Anzi...mi attendo nell’anno un 44.xx

Ed anche questo era stato pronosticato dal prof e da me stesso. Anzi...mi attendo nell’anno un 44.xx
 
0
risposta

Ed anche questo era stato pronosticato dal prof e da me stesso.
Anzi...mi attendo nell’anno un 44.xx

L'avevo pronosticato? Possibile, ma non ricordo di averlo scritto.
Comunque una bellissima corsa. Il ragazzo corre con uno stile che ricorda notevolmente Michael Johnson, che a me personalmente non piaceva, però molto redditizio.
Quel che dispiace semmai è che un tempo del genere potrebbe forse bastare per una semifinale mondiale e non di più. Il mondo va a velocità clamorose.
Comunque anche io da Re aspetto un under 45 entro l'anno.
Ciao Ciao 😀

>Ed anche questo era stato pronosticato dal prof e da me stesso. >Anzi...mi attendo nell’anno un 44.xx L'avevo pronosticato? Possibile, ma non ricordo di averlo scritto. Comunque una bellissima corsa. Il ragazzo corre con uno stile che ricorda notevolmente Michael Johnson, che a me personalmente non piaceva, però molto redditizio. Quel che dispiace semmai è che un tempo del genere potrebbe forse bastare per una semifinale mondiale e non di più. Il mondo va a velocità clamorose. Comunque anche io da Re aspetto un under 45 entro l'anno. Ciao Ciao
 
0
risposta
anteprima immediata
inserisci almeno 10 caratteri
ATTENZIONE: Hai menzionato %MENTIONS%, ma non possono vedere questo messaggio e non ne riceveranno notifica
Salvataggio...
Salvato
With selected deselect posts show selected posts
Tutti i messaggi di questo argomento saranno cancellato ?
Bozza in attesa ... Click per tornare alla modifica
Elimina la bozza