Advertisement

Sto seguendo poco l'ISL, nonostante la curiosità iniziale (soprattutto perchè non essendo abbonato Sky non ho Eurosport, ma non solo), ma ho appena visto la staffetta mista maschile di ieri a Napoli, particolarmente degna di nota per la nostra nazionale. La staffetta della squadra "italiana" infatti era composta da soli azzurri (Sabbioni, Martinenghi, Rivolta e Miressi) e non solo ha vinto davanti a squadre come l'Energy Standard di Kolesnikov, Shymanovich, Le Clos e Bilis o i Cali Condors di Larkin, Fink, Dressel e Becker ma il tempo rilevato (seppur non rilevante per la competizione e non omolagabile per i record) è due secondi inferiore al record italiano nuotato lo scorso anno ai mondiali di corta. Non male per essere a Ottobre, chissà però se riusciremo mai a sconfiggere la maledizione della mista maschile italiana che continua a far vedere segnali incoraggianti per poi trovare passi falsi nei grandi eventi.

Notevole soprattutto lo stato di forma di Martinenghi che sta nuotando costantemente sotto i suoi personali in corta già da Indianapolis.
Mentre guardando tra i risultati (che fortunatamente a questa tappa sono stati postati in modo completo da SwimSwam dopo che ad Indianapolis ero riuscito a trovare veramente poco) ho notato anche una quasi incredibile prestazione della Di Liddo nei 50 dorso che è data a 26.68, a 1 centesimo dal RI della Scalia.

Sto seguendo poco l'ISL, nonostante la curiosità iniziale (soprattutto perchè non essendo abbonato Sky non ho Eurosport, ma non solo), ma ho appena visto la staffetta mista maschile di ieri a Napoli, particolarmente degna di nota per la nostra nazionale. La staffetta della squadra "italiana" infatti era composta da soli azzurri (Sabbioni, Martinenghi, Rivolta e Miressi) e non solo ha vinto davanti a squadre come l'Energy Standard di Kolesnikov, Shymanovich, Le Clos e Bilis o i Cali Condors di Larkin, Fink, Dressel e Becker ma il tempo rilevato (seppur non rilevante per la competizione e non omolagabile per i record) è due secondi inferiore al record italiano nuotato lo scorso anno ai mondiali di corta. Non male per essere a Ottobre, chissà però se riusciremo mai a sconfiggere la maledizione della mista maschile italiana che continua a far vedere segnali incoraggianti per poi trovare passi falsi nei grandi eventi. Notevole soprattutto lo stato di forma di Martinenghi che sta nuotando costantemente sotto i suoi personali in corta già da Indianapolis. Mentre guardando tra i risultati (che fortunatamente a questa tappa sono stati postati in modo completo da SwimSwam dopo che ad Indianapolis ero riuscito a trovare veramente poco) ho notato anche una quasi incredibile prestazione della Di Liddo nei 50 dorso che è data a 26.68, a 1 centesimo dal RI della Scalia.
modificato Oct 15 '19 a 1:58 am
 
1
risposta

Mentre guardando tra i risultati ...

Se vuoi li puoi consultare QUI a fine articolo smile

>Mentre guardando tra i risultati ... Se vuoi li puoi consultare [QUI a fine articolo](https://wp.me/p7nKdw-7ZQ) ;)
modificato Oct 14 '19 a 1:38 pm
 
0
risposta

buon esordio di ceccon 47.35 nei 100 sl 21.75 nei 50 sl e 27.35 nei 50 rana
fangio 2.22.39 nei 200 rana
la scorsa settimana segnalo il 2003 cerasuolo 27.29 nei 50 rana

buon esordio di ceccon 47.35 nei 100 sl 21.75 nei 50 sl e 27.35 nei 50 rana fangio 2.22.39 nei 200 rana la scorsa settimana segnalo il 2003 cerasuolo 27.29 nei 50 rana
 
0
risposta

buon esordio di ceccon 47.35 nei 100 sl 21.75 nei 50 sl e 27.35 nei 50 rana
fangio 2.22.39 nei 200 rana
la scorsa settimana segnalo il 2003 cerasuolo 27.29 nei 50 rana

Ceccon ha disputato anche i 200 misti, vincendoli in 1.56.16. Ottimo il 47.35 nei 100 stile libero, all'esordio stagionale.
Comincia bene la stagione anche Mora: 51.79 nei 100 dorso.

>buon esordio di ceccon 47.35 nei 100 sl 21.75 nei 50 sl e 27.35 nei 50 rana > fangio 2.22.39 nei 200 rana >la scorsa settimana segnalo il 2003 cerasuolo 27.29 nei 50 rana Ceccon ha disputato anche i 200 misti, vincendoli in 1.56.16. Ottimo il 47.35 nei 100 stile libero, all'esordio stagionale. Comincia bene la stagione anche Mora: 51.79 nei 100 dorso.
 
0
risposta

RI di Simona Quadarella nei 1500sl in vasca da 25m: 15.35.82 il nuovo crono che migliora sensibilmente il 15.44.76 realizzato circa un anno fa, nello stesso appuntamento di Roma organizzato dalla Aniene.

RI di Simona Quadarella nei 1500sl in vasca da 25m: 15.35.82 il nuovo crono che migliora sensibilmente il 15.44.76 realizzato circa un anno fa, nello stesso appuntamento di Roma organizzato dalla Aniene.
 
1
risposta

In diretta da Bolzano Ceccon 52.79 sui 100 misti e 23.0 sui 50 delfino. Non male come inizio stagione

In diretta da Bolzano Ceccon 52.79 sui 100 misti e 23.0 sui 50 delfino. Non male come inizio stagione
 
0
risposta

In diretta da Bolzano Ceccon 52.79 sui 100 misti e 23.0 sui 50 delfino. Non male come inizio stagione

Sì, anche ricordando i crono dello scorso weekend.
Tra l'altro il 52.79 nei 100 misti soddisfa il TL (52.8 ) previsto nella tabella di qualificazione agli Europei in vasca corta di Glasgow che si disputeranno tra un mese.

>In diretta da Bolzano Ceccon 52.79 sui 100 misti e 23.0 sui 50 delfino. Non male come inizio stagione Sì, anche ricordando i crono dello scorso weekend. Tra l'altro il 52.79 nei 100 misti soddisfa il TL (52.8 ) previsto nella tabella di qualificazione agli Europei in vasca corta di Glasgow che si disputeranno tra un mese.
 
0
risposta

Martina Carraro a Bolzano 1.04.68 sui 100 rana.. ottimo!

Martina Carraro a Bolzano 1.04.68 sui 100 rana.. ottimo!
 
0
risposta

Martina Carraro a Bolzano 1.04.68 sui 100 rana.. ottimo!

E RI, precedente l'1.04.73 della stessa Carraro agli scorsi Mondiali di corta.

1) Molto significativo migliorarsi il 3 novembre, in pieno carico e in una piscina, quella di Bolzano, con una bella cornice di pubblico vicinissima agli atleti, ma certo non ottimale per trovare la prestazione massimale.

2) Netti i progressi della Carraro nella fase di start e discreti anche quelli in fase di virata, per quanto lo streaming e un campo partenti non di grandissimo livello potesse permettere di capire.

3) Lo speaker è simpatico e ci mette molti (troppi?) decibel nella presentazione degli atleti, ma prima di rendersi conto che il crono della Carraro era il nuovo RI c'è voluto un bel po' smile (e la stessa Carraro non glielo ha detto durante la domanda di rito al momento della premiazione), mentre quando ha chiesto a Martinenghi se agli Europei di corta aveva intenzione di insidiare la leadership di sua maestà Peaty, Mart gli ha risposto: "vorrei, ma penso che non ci sia". Vabbè accontentiamoci di entusiasmo e decibel smile

4) I 50sl maschili conclusivi erano, forse, la gara più attesa del programma, per la presenza di Cielo accanto ai vari Orsi, Bocchia e Ceccon. Ha vinto "the King Shark" Bocchia in 21.65, con Ceccon secondo in 22.11 appena davanti a Cielo e Orsi. Spettacolino di rito alla fine della gara, con Bocchia che addenta una mela: è decisamente uno squalo pacifico smile

>Martina Carraro a Bolzano 1.04.68 sui 100 rana.. ottimo! E RI, precedente l'1.04.73 della stessa Carraro agli scorsi Mondiali di corta. 1) Molto significativo migliorarsi il 3 novembre, in pieno carico e in una piscina, quella di Bolzano, con una bella cornice di pubblico vicinissima agli atleti, ma certo non ottimale per trovare la prestazione massimale. 2) Netti i progressi della Carraro nella fase di start e discreti anche quelli in fase di virata, per quanto lo streaming e un campo partenti non di grandissimo livello potesse permettere di capire. 3) Lo speaker è simpatico e ci mette molti (troppi?) decibel nella presentazione degli atleti, ma prima di rendersi conto che il crono della Carraro era il nuovo RI c'è voluto un bel po' :) (e la stessa Carraro non glielo ha detto durante la domanda di rito al momento della premiazione), mentre quando ha chiesto a Martinenghi se agli Europei di corta aveva intenzione di insidiare la leadership di sua maestà Peaty, Mart gli ha risposto: "vorrei, ma penso che non ci sia". Vabbè accontentiamoci di entusiasmo e decibel :) 4) I 50sl maschili conclusivi erano, forse, la gara più attesa del programma, per la presenza di Cielo accanto ai vari Orsi, Bocchia e Ceccon. Ha vinto "the King Shark" Bocchia in 21.65, con Ceccon secondo in 22.11 appena davanti a Cielo e Orsi. Spettacolino di rito alla fine della gara, con Bocchia che addenta una mela: è decisamente uno squalo pacifico :)
 
0
risposta

Benedetta Pilato record italiano al Trofeo Sapio di Genova nei 50 rana (batterie) con 29.41
Precedente 29.59 della Carraro a Hangzhou lo scorso anno ai Mondiali di corta

Benedetta **Pilato** record italiano al Trofeo Sapio di Genova nei 50 rana (batterie) con **29.41** Precedente 29.59 della Carraro a Hangzhou lo scorso anno ai Mondiali di corta
 
0
risposta

Nel pomeriggio si aggiungono anche i RI di Mora nei 200 dorso in 1.50.45 (precedente 1.50.75 di Sabbioni agli europei di Netanya 2015) e della Fangio nei 200 rana in 2.20.56 (che migliora il 2.20.93 della De Ascentis risalente agli europei di Herning 2013).

Nel pomeriggio si aggiungono anche i RI di Mora nei 200 dorso in 1.50.45 (precedente 1.50.75 di Sabbioni agli europei di Netanya 2015) e della Fangio nei 200 rana in 2.20.56 (che migliora il 2.20.93 della De Ascentis risalente agli europei di Herning 2013).
 
0
risposta

la scorsa settimana segnalo il 2003 cerasuolo 27.29 nei 50 rana

E stamane grande tempo del 2003 Simone Cerasuolo nelle batterie dei 50 rana del Nico Sapio: 26.66 per lui, che gareggerà nella finale di oggi pomeriggio vicino a Martinenghi e Scozzoli.

Ritmo di progresso cronometrico davvero notevole in questo inizio di stagione per lo junior romagnolo (come Scozzoli, speriamo che sia di buon auspicio).

>la scorsa settimana segnalo il 2003 cerasuolo 27.29 nei 50 rana E stamane grande tempo del 2003 Simone Cerasuolo nelle batterie dei 50 rana del Nico Sapio: 26.66 per lui, che gareggerà nella finale di oggi pomeriggio vicino a Martinenghi e Scozzoli. Ritmo di progresso cronometrico davvero notevole in questo inizio di stagione per lo junior romagnolo (come Scozzoli, speriamo che sia di buon auspicio).
 
1
risposta

Ottimo il 100 rana della Pilato, 1.05.40. La vasca corta sicuramente la aiuta a reggere la doppia distanza ma mi è piaciuta la sua distribuzione.

Ottimo il 100 rana della Pilato, 1.05.40. La vasca corta sicuramente la aiuta a reggere la doppia distanza ma mi è piaciuta la sua distribuzione.
 
0
risposta

Ottimo il 100 rana della Pilato, 1.05.40. La vasca corta sicuramente la aiuta a reggere la doppia distanza ma mi è piaciuta la sua distribuzione.

Sono d'accordo. Peraltro sottolineo anche io (e ancora una volta) la grande differenza tra nuoto in vasca da 50m e da 25m.
Ho appena finito di guardare le gare odierne dei Campionati russi in vasca corta e nei 100 rana femminili Evgeniia Chikunova, quasi coetanea della Pilato e autrice di un tempo finale molto simile (1.05.50), avrebbe quasi sicuramente vinto, se la gara si fosse disputata in vasca da 50m, mentre nella finale di oggi è arrivata quarta dopo avere fatto dei pasticci incredibili in quasi ogni virata, arrivando lunghissima di bracciata sia ai 25m che ai 75m e quindi perdendo molto in spinta, dove già è parecchio inferiore ad altre.
Dopo l'ultima virata dei 75m, la 2004 Chikunova, specialista dei 200 rana, stava rimontando a velocità doppia, ma il muro è arrivato ben presto.

Insomma, per chi nuota lungo, come la Chikunova, le virate ogni 25 metri non solo interrompono la progressione natatoria (che è un punto di forza), ma anche, spesso, costringono a variare l'azione, per cui c'è un duplice svantaggio, che si somma poi ad una virata inferiore ad altre nuotatrici, spesso più compatte e potenti, sia come fisico che come bracciata.

Scusate questa parentesi sui Campionati russi, ma un altro che è svantaggiatissimo dalla vasca corta, ma è ugualmente riuscito a vincere (con anche un discreto 4.04.90) è Ilya Borodin, 2003 russo di cui ricorderete l'argento nei 400 misti con un gran 4.12.95 ai Mondiali Junior di Budapest dello scorso agosto.
Borodin ha subacquee davvero scarse (mentre tra gli stili soffre solo nel delfino) ed era incredibile la differenza con il compagno di corsia, ma alla fine, facendo leva sul nuotato, è riuscito a prevalere di mezzo secondo.
In vasca da 50m non ci sarebbe stata letteralmente gara.

Borodin mi ha (ancora una volta) impressionato in ottica 400 misti in vasca lunga: per lui l'Olimpiade arriva forse un po' troppo presto, ma mi sembra il probabile protagonista della distanza del prossimo quadriennio.

Evgeniia Chikunova, invece, nei 200 rana potrebbe essere protagonista già a Tokyo.

>Ottimo il 100 rana della Pilato, 1.05.40. La vasca corta sicuramente la aiuta a reggere la doppia distanza ma mi è piaciuta la sua distribuzione. Sono d'accordo. Peraltro sottolineo anche io (e ancora una volta) la grande differenza tra nuoto in vasca da 50m e da 25m. Ho appena finito di guardare le gare odierne dei Campionati russi in vasca corta e nei 100 rana femminili Evgeniia Chikunova, quasi coetanea della Pilato e autrice di un tempo finale molto simile (1.05.50), avrebbe quasi sicuramente vinto, se la gara si fosse disputata in vasca da 50m, mentre nella finale di oggi è arrivata quarta dopo avere fatto dei pasticci incredibili in quasi ogni virata, arrivando lunghissima di bracciata sia ai 25m che ai 75m e quindi perdendo molto in spinta, dove già è parecchio inferiore ad altre. Dopo l'ultima virata dei 75m, la 2004 Chikunova, specialista dei 200 rana, stava rimontando a velocità doppia, ma il muro è arrivato ben presto. Insomma, per chi nuota lungo, come la Chikunova, le virate ogni 25 metri non solo interrompono la progressione natatoria (che è un punto di forza), ma anche, spesso, costringono a variare l'azione, per cui c'è un duplice svantaggio, che si somma poi ad una virata inferiore ad altre nuotatrici, spesso più compatte e potenti, sia come fisico che come bracciata. Scusate questa parentesi sui Campionati russi, ma un altro che è svantaggiatissimo dalla vasca corta, ma è ugualmente riuscito a vincere (con anche un discreto 4.04.90) è Ilya Borodin, 2003 russo di cui ricorderete l'argento nei 400 misti con un gran 4.12.95 ai Mondiali Junior di Budapest dello scorso agosto. Borodin ha subacquee davvero scarse (mentre tra gli stili soffre solo nel delfino) ed era incredibile la differenza con il compagno di corsia, ma alla fine, facendo leva sul nuotato, è riuscito a prevalere di mezzo secondo. In vasca da 50m non ci sarebbe stata letteralmente gara. Borodin mi ha (ancora una volta) impressionato in ottica 400 misti in vasca lunga: per lui l'Olimpiade arriva forse un po' troppo presto, ma mi sembra il probabile protagonista della distanza del prossimo quadriennio. Evgeniia Chikunova, invece, nei 200 rana potrebbe essere protagonista già a Tokyo.
modificato Nov 9 '19 a 6:51 pm
 
0
risposta

Alcune note a margine della giornata di ieri al Nico Sapio (stavolta non parlo del Campionato russo smile )

1) Ormai dovrei essere abituato, ma le prestazioni di Ceccon continuano a disorientarmi.
Partito benissimo al meeting di Halloween a fine ottobre (47.35 nei 100sl, 1.56.16 nei 200 misti, 21.75 nei 100 rana etc) al Nico Sapio ha disputato poche gare (200sl e 100 dorso) ma non certo in modo splendente.
Ovviamente, come per tutti, può dipendere dalla preparazione che sta svolgendo, ma mi ha fatto una certa impressione vedergli arrivare così vicino (meno di 4 decimi tra i due) nei 100 dorso Michele Lamberti, i cui crono nelle categorie giovanili sembravano davvero troppo distanti per vedere, un giorno, gara con Ceccon.
Ripeto: nel nuoto contano i grandi appuntamenti, cioè Campionati nazionali (specie in vasca lunga) e grandi manifestazioni internazionali e i meeting in-stagione sono solo tappe di passaggio, ancor più all'inizio della stagione olimpica, ma sarebbe interessante cercare di capire i programmi e gli obiettivi di Ceccon, talento enorme di cui si attende sempre la maturazione piena.
Intanto, bravo Michele Lamberti a portare il suo PB nei 100 dorso a 52.37 (e ha nuotato i PB anche nei 50 e 200 dorso) e quindi a continuare la sua graduale ascesa.

2) Matteo Ciampi è un ottimo nuotatore e spero che in questa stagione acquisti piena consapevolezza della sua forza.

3) Una curiosità: nei 200 misti femminili il parziale più veloce a sl, anche rispetto alle finaliste assolute, è stato quello della Gorlier (2005 il suo anno di nascita) che ha vinto la finale junior in 2.15.42. Il tempo finale, di per sé, non è eccezionale, ma è significativo quel suo 30.83 a sl, unica a scendere sotto i 31" (la Pirovano ha vinto la finale assoluta in 2.09.37 con un 50 finale in 31.08 ).

Alcune note a margine della giornata di ieri al Nico Sapio (stavolta non parlo del Campionato russo :) ) 1) Ormai dovrei essere abituato, ma le prestazioni di Ceccon continuano a disorientarmi. Partito benissimo al meeting di Halloween a fine ottobre (47.35 nei 100sl, 1.56.16 nei 200 misti, 21.75 nei 100 rana etc) al Nico Sapio ha disputato poche gare (200sl e 100 dorso) ma non certo in modo splendente. Ovviamente, come per tutti, può dipendere dalla preparazione che sta svolgendo, ma mi ha fatto una certa impressione vedergli arrivare così vicino (meno di 4 decimi tra i due) nei 100 dorso Michele Lamberti, i cui crono nelle categorie giovanili sembravano davvero troppo distanti per vedere, un giorno, gara con Ceccon. Ripeto: nel nuoto contano i grandi appuntamenti, cioè Campionati nazionali (specie in vasca lunga) e grandi manifestazioni internazionali e i meeting in-stagione sono solo tappe di passaggio, ancor più all'inizio della stagione olimpica, ma sarebbe interessante cercare di capire i programmi e gli obiettivi di Ceccon, talento enorme di cui si attende sempre la maturazione piena. Intanto, bravo Michele Lamberti a portare il suo PB nei 100 dorso a 52.37 (e ha nuotato i PB anche nei 50 e 200 dorso) e quindi a continuare la sua graduale ascesa. 2) Matteo Ciampi è un ottimo nuotatore e spero che in questa stagione acquisti piena consapevolezza della sua forza. 3) Una curiosità: nei 200 misti femminili il parziale più veloce a sl, anche rispetto alle finaliste assolute, è stato quello della Gorlier (2005 il suo anno di nascita) che ha vinto la finale junior in 2.15.42. Il tempo finale, di per sé, non è eccezionale, ma è significativo quel suo 30.83 a sl, unica a scendere sotto i 31" (la Pirovano ha vinto la finale assoluta in 2.09.37 con un 50 finale in 31.08 ).
modificato Nov 10 '19 a 4:40 pm
 
0
risposta

Nel fine settimana si è svolto anche un meeting a Roma, sempre in vasca da 25m, con alcuni risultati interessanti.

Segnalo in particolare il 53.19 di Silvia Di Pietro nei 100sl (52.9 il crono limite per la qualificazione agli Europei di Glasgow) che, assieme al 24.40 nei 50sl e al 25.92 nei 50 delfino, fa ben sperare per un suo completo recupero dopo i guai fisici a tutti noti.

Nel fine settimana si è svolto anche un meeting a Roma, sempre in vasca da 25m, con alcuni risultati interessanti. Segnalo in particolare il 53.19 di Silvia Di Pietro nei 100sl (52.9 il crono limite per la qualificazione agli Europei di Glasgow) che, assieme al 24.40 nei 50sl e al 25.92 nei 50 delfino, fa ben sperare per un suo completo recupero dopo i guai fisici a tutti noti.
 
1
risposta

Ottimo il 100 rana della Pilato, 1.05.40. La vasca corta sicuramente la aiuta a reggere la doppia distanza ma mi è piaciuta la sua distribuzione.

Rimanendo nella rana, ma passando alla Carraro, è una mia impressione o ha migliorato notevolmente i particolari di virata (mi ricorda un certo Scozzoli smile )
Davvero brava !

>Ottimo il 100 rana della Pilato, 1.05.40. La vasca corta sicuramente la aiuta a reggere la doppia distanza ma mi è piaciuta la sua distribuzione. Rimanendo nella rana, ma passando alla Carraro, è una mia impressione o ha migliorato notevolmente i particolari di virata (mi ricorda un certo Scozzoli (wasntme) ) Davvero brava !
 
0
risposta

Rimanendo nella rana, ma passando alla Carraro, è una mia impressione o ha migliorato notevolmente i particolari di virata (mi ricorda un certo Scozzoli smile )
Davvero brava !

Ho visto in streaming i suoi 100 rana al meeting di Bolzano e l'impressione (lo ho anche scritto) è che abbia migliorato sensibilmente rispetto alla scorsa stagione sia in partenza che in virata.
E' probabile che il lavoro di "potenziamento mirato" che sta facendo da quando si allena con Scozzoli stia dando i suoi frutti.
Tra l'altro, nuota per l'Imolanuoto (la società non militare di Scozzoli) anche la grande rivelazione di questo inizio di stagione, cioè il 2003 Cerasuolo.
Volendo "allargarsi" (non è ancora certo ai livelli di Cerasuolo, anche tenendo conto dell'anno in meno), c'è anche Alex Sabattani, buon ranista del 2004, che nuota per l'Imolanuoto.
D'altra parte, non abbiamo sempre detto che Scozzoli faceva le analisi post-gara più lucide? E che quindi ha una carriera da coach molto promettente, quando deciderà (tra diverse stagioni) di smettere con l'agonismo.

PS Migliorare di qualche decimo in partenza e in ogni virata è spesso la via più percorribile per abbassare, anche sensibilmente, i propri record. Se ripenso al 1500sl di Grgic dei Mondiali Juniores, e alle sue virate non certo eccezionali, è evidente come possa buttare giù secondi solo migliorando nelle varie fasi della virata (ingresso, spinta, subacquea, aggancio della bracciata senza perdere l'abbrivio). Due decimi di progresso ad ogni virata fanno quasi 6 secondi totali in un 1500sl.
Idem per gli altri grandi talenti (ad esempio Borodin ha virate molto, molto insufficienti, eppure è già fortissimo nel 400 misti) visti nuotare anche recentemente.

>Rimanendo nella rana, ma passando alla Carraro, è una mia impressione o ha migliorato notevolmente i particolari di virata (mi ricorda un certo Scozzoli (wasntme) ) >Davvero brava ! Ho visto in streaming i suoi 100 rana al meeting di Bolzano e l'impressione (lo ho anche scritto) è che abbia migliorato sensibilmente rispetto alla scorsa stagione sia in partenza che in virata. E' probabile che il lavoro di "potenziamento mirato" che sta facendo da quando si allena con Scozzoli stia dando i suoi frutti. Tra l'altro, nuota per l'Imolanuoto (la società non militare di Scozzoli) anche la grande rivelazione di questo inizio di stagione, cioè il 2003 Cerasuolo. Volendo "allargarsi" (non è ancora certo ai livelli di Cerasuolo, anche tenendo conto dell'anno in meno), c'è anche Alex Sabattani, buon ranista del 2004, che nuota per l'Imolanuoto. D'altra parte, non abbiamo sempre detto che Scozzoli faceva le analisi post-gara più lucide? E che quindi ha una carriera da coach molto promettente, quando deciderà (tra diverse stagioni) di smettere con l'agonismo. PS Migliorare di qualche decimo in partenza e in ogni virata è spesso la via più percorribile per abbassare, anche sensibilmente, i propri record. Se ripenso al 1500sl di Grgic dei Mondiali Juniores, e alle sue virate non certo eccezionali, è evidente come possa buttare giù secondi solo migliorando nelle varie fasi della virata (ingresso, spinta, subacquea, aggancio della bracciata senza perdere l'abbrivio). Due decimi di progresso ad ogni virata fanno quasi 6 secondi totali in un 1500sl. Idem per gli altri grandi talenti (ad esempio Borodin ha virate molto, molto insufficienti, eppure è già fortissimo nel 400 misti) visti nuotare anche recentemente.
modificato Nov 11 '19 a 2:30 pm
 
1
risposta

Alcune note a margine della giornata di ieri al Nico Sapio (stavolta non parlo del Campionato russo smile )

1) Ormai dovrei essere abituato, ma le prestazioni di Ceccon continuano a disorientarmi.
Partito benissimo al meeting di Halloween a fine ottobre (47.35 nei 100sl, 1.56.16 nei 200 misti, 21.75 nei 100 rana etc) al Nico Sapio ha disputato poche gare (200sl e 100 dorso) ma non certo in modo splendente.
Ovviamente, come per tutti, può dipendere dalla preparazione che sta svolgendo, ma mi ha fatto una certa impressione vedergli arrivare così vicino (meno di 4 decimi tra i due) nei 100 dorso Michele Lamberti, i cui crono nelle categorie giovanili sembravano davvero troppo distanti per vedere, un giorno, gara con Ceccon.
Ripeto: nel nuoto contano i grandi appuntamenti, cioè Campionati nazionali (specie in vasca lunga) e grandi manifestazioni internazionali e i meeting in-stagione sono solo tappe di passaggio, ancor più all'inizio della stagione olimpica, ma sarebbe interessante cercare di capire i programmi e gli obiettivi di Ceccon, talento enorme di cui si attende sempre la maturazione piena.
Intanto, bravo Michele Lamberti a portare il suo PB nei 100 dorso a 52.37 (e ha nuotato i PB anche nei 50 e 200 dorso) e quindi a continuare la sua graduale ascesa.

Sempre e comunque disorientante smile L'ho pensato anch'io, è vero che rispetto ad altri non aveva bisogno di qualificarsi per gli europei e che il meeting era assolutamente di passaggio, però dopo gli ottimi risultati delle ultime settimane mi aspettavo di più...

2) Matteo Ciampi è un ottimo nuotatore e spero che in questa stagione acquisti piena consapevolezza della sua forza.

D'accordissimo, l'impressione è che sia uno di quegli atleti che patisce un po' mentalmente visto che è sempre molto competitivo durante la stagione ma nelle gare individuali importanti tende a perdersi un po'. Però sta crescendo sempre di più e anche il fatto di vincere gare, seppur non di primo livello, in cui ormai il livello della competizione è sempre abbastanza alto (ottimi i duelli con Ballo degli ultimi mesi) spero possa dargli la fiducia e la consistenza per esprimersi al meglio anche quando conta davvero.

Segnalo in particolare il 53.19 di Silvia Di Pietro nei 100sl (52.9 il crono limite per la qualificazione agli Europei di Glasgow) che, assieme al 24.40 nei 50sl e al 25.92 nei 50 delfino, fa ben sperare per un suo completo recupero dopo i guai fisici a tutti noti.

Molto bene, i tempi sono tutti leggermente superiori ai limiti di qualificazione per Glasgow ma nei criteri di selezione è specificato che per favorire lo sviluppo della velocità femminile verrà convocata la migliore del ranking nei 100 (e nei 200) stile del periodo valido per i risultati qualificanti e credo che questo tempo dovrebbe bastarle per soddisfare questo criterio. E tornare a gareggiare a livello internazionale in corta dove può esprimersi molto bene potrebbe ridarle fiducia all'inizio di una stagione così importante.

Ho visto in streaming i suoi 100 rana al meeting di Bolzano e l'impressione (lo ho anche scritto) è che abbia migliorato sensibilmente rispetto alla scorsa stagione sia in partenza che in virata.
E' probabile che il lavoro di "potenziamento mirato" che sta facendo da quando si allena con Scozzoli stia dando i suoi frutti.
Tra l'altro, nuota per l'Imolanuoto (la società non militare di Scozzoli) anche la grande rivelazione di questo inizio di stagione, cioè il 2003 Cerasuolo.
Volendo "allargarsi" (non è ancora certo ai livelli di Cerasuolo, anche tenendo conto dell'anno in meno), c'è anche Alex Sabattani, buon ranista del 2004, che nuota per l'Imolanuoto.
D'altra parte, non abbiamo sempre detto che Scozzoli faceva le analisi post-gara più lucide? E che quindi ha una carriera da coach molto promettente, quando deciderà (tra diverse stagioni) di smettere con l'agonismo.

Non a caso quello di Imola, dove nuotano anche Poggio e Castello, è stato recentemente nominato dalla federazione come centro di specializzazione per la rana e alla Carraro il passaggio a Imola in effetti sembra aver fatto molto bene.

>Alcune note a margine della giornata di ieri al Nico Sapio (stavolta non parlo del Campionato russo :) ) >1) Ormai dovrei essere abituato, ma le prestazioni di Ceccon continuano a disorientarmi. >Partito benissimo al meeting di Halloween a fine ottobre (47.35 nei 100sl, 1.56.16 nei 200 misti, 21.75 nei 100 rana etc) al Nico Sapio ha disputato poche gare (200sl e 100 dorso) ma non certo in modo splendente. >Ovviamente, come per tutti, può dipendere dalla preparazione che sta svolgendo, ma mi ha fatto una certa impressione vedergli arrivare così vicino (meno di 4 decimi tra i due) nei 100 dorso Michele Lamberti, i cui crono nelle categorie giovanili sembravano davvero troppo distanti per vedere, un giorno, gara con Ceccon. >Ripeto: nel nuoto contano i grandi appuntamenti, cioè Campionati nazionali (specie in vasca lunga) e grandi manifestazioni internazionali e i meeting in-stagione sono solo tappe di passaggio, ancor più all'inizio della stagione olimpica, ma sarebbe interessante cercare di capire i programmi e gli obiettivi di Ceccon, talento enorme di cui si attende sempre la maturazione piena. >Intanto, bravo Michele Lamberti a portare il suo PB nei 100 dorso a 52.37 (e ha nuotato i PB anche nei 50 e 200 dorso) e quindi a continuare la sua graduale ascesa. Sempre e comunque disorientante (wasntme) L'ho pensato anch'io, è vero che rispetto ad altri non aveva bisogno di qualificarsi per gli europei e che il meeting era assolutamente di passaggio, però dopo gli ottimi risultati delle ultime settimane mi aspettavo di più... >2) Matteo Ciampi è un ottimo nuotatore e spero che in questa stagione acquisti piena consapevolezza della sua forza. D'accordissimo, l'impressione è che sia uno di quegli atleti che patisce un po' mentalmente visto che è sempre molto competitivo durante la stagione ma nelle gare individuali importanti tende a perdersi un po'. Però sta crescendo sempre di più e anche il fatto di vincere gare, seppur non di primo livello, in cui ormai il livello della competizione è sempre abbastanza alto (ottimi i duelli con Ballo degli ultimi mesi) spero possa dargli la fiducia e la consistenza per esprimersi al meglio anche quando conta davvero. > Segnalo in particolare il 53.19 di Silvia Di Pietro nei 100sl (52.9 il crono limite per la qualificazione agli Europei di Glasgow) che, assieme al 24.40 nei 50sl e al 25.92 nei 50 delfino, fa ben sperare per un suo completo recupero dopo i guai fisici a tutti noti. Molto bene, i tempi sono tutti leggermente superiori ai limiti di qualificazione per Glasgow ma nei criteri di selezione è specificato che per favorire lo sviluppo della velocità femminile verrà convocata la migliore del ranking nei 100 (e nei 200) stile del periodo valido per i risultati qualificanti e credo che questo tempo dovrebbe bastarle per soddisfare questo criterio. E tornare a gareggiare a livello internazionale in corta dove può esprimersi molto bene potrebbe ridarle fiducia all'inizio di una stagione così importante. > Ho visto in streaming i suoi 100 rana al meeting di Bolzano e l'impressione (lo ho anche scritto) è che abbia migliorato sensibilmente rispetto alla scorsa stagione sia in partenza che in virata. E' probabile che il lavoro di "potenziamento mirato" che sta facendo da quando si allena con Scozzoli stia dando i suoi frutti. Tra l'altro, nuota per l'Imolanuoto (la società non militare di Scozzoli) anche la grande rivelazione di questo inizio di stagione, cioè il 2003 Cerasuolo. Volendo "allargarsi" (non è ancora certo ai livelli di Cerasuolo, anche tenendo conto dell'anno in meno), c'è anche Alex Sabattani, buon ranista del 2004, che nuota per l'Imolanuoto. D'altra parte, non abbiamo sempre detto che Scozzoli faceva le analisi post-gara più lucide? E che quindi ha una carriera da coach molto promettente, quando deciderà (tra diverse stagioni) di smettere con l'agonismo. Non a caso quello di Imola, dove nuotano anche Poggio e Castello, è stato recentemente nominato dalla federazione come centro di specializzazione per la rana e alla Carraro il passaggio a Imola in effetti sembra aver fatto molto bene.
modificato Nov 11 '19 a 11:55 pm
 
0
risposta

Non a caso quello di Imola, dove nuotano anche Poggio e Castello, è stato recentemente nominato dalla federazione come centro di specializzazione per la rana e alla Carraro il passaggio a Imola in effetti sembra aver fatto molto bene.

A tal proposito c'è stato un comunicato stampa di Imolanuoto dove dichiarano il progretto a rischio a seguito dell'affidamento della gestione della piscina a un gestore privato

>Non a caso quello di Imola, dove nuotano anche Poggio e Castello, è stato recentemente nominato dalla federazione come centro di specializzazione per la rana e alla Carraro il passaggio a Imola in effetti sembra aver fatto molto bene. A tal proposito c'è stato un comunicato stampa di Imolanuoto dove dichiarano il progretto a rischio a seguito dell'affidamento della gestione della piscina a un gestore privato
 
0
risposta
Dettagli Discussione
14.32k
viste
556 risposte
21 followers
anteprima immediata
inserisci almeno 10 caratteri
ATTENZIONE: Hai menzionato %MENTIONS%, ma non possono vedere questo messaggio e non ne riceveranno notifica
Salvataggio...
Salvato
With selected deselect posts show selected posts
Tutti i messaggi di questo argomento saranno cancellato ?
Bozza in attesa ... Click per tornare alla modifica
Elimina la bozza