Advertisement

Prima giornata del meeting del Titano a San Marino.
Esordio per molti in vasca lunga e, a gare ancora in corso, ho notato che nei 50 dorso femminili Erika Gaetani (2004), arrivando seconda dopo la Quaglieri, ha ottenuto un 28.83 che dovrebbe essere il nuovo record italiano per la categoria ragazze (Vale confermerà..o meno smile )

Prima giornata del meeting del Titano a San Marino. Esordio per molti in vasca lunga e, a gare ancora in corso, ho notato che nei 50 dorso femminili Erika Gaetani (2004), arrivando seconda dopo la Quaglieri, ha ottenuto un 28.83 che dovrebbe essere il nuovo record italiano per la categoria ragazze (Vale confermerà..o meno ;) )
 
0
risposta

confermo il precedente era della cocconcelli 29.30 nel 2016

confermo il precedente era della cocconcelli 29.30 nel 2016
 
1
risposta

E record italiano di categoria anche nei 100 dorso, in cui Erika Gaetani ha nuotato in 1.02.72 (precedente Montanari 1.03.50), gara in cui nella finale assoluta c'è stato un pari-merito tra la Quaglieri e la D'Innocenzo con 1.02.13.
Buoni riscontri per la 2002 D'Innocenzo in questo meeting sanmarinese che, a gare non ancora ultimate, ha anche visto un confortante 49.23 di Miressi nei 100sl (secondo, a sorpresa, il '97 Manuel Frigo che con 50.21 ha preceduto di un centesimo Marco Orsi) e la vittoria di Federico Poggio nei 100 rana (1.01.26) su Fabio Scozzoli (1.01.59).

PS Notevole 22.21 di Andrea Vergani nei 50sl

E record italiano di categoria anche nei 100 dorso, in cui Erika Gaetani ha nuotato in 1.02.72 (precedente Montanari 1.03.50), gara in cui nella finale assoluta c'è stato un pari-merito tra la Quaglieri e la D'Innocenzo con 1.02.13. Buoni riscontri per la 2002 D'Innocenzo in questo meeting sanmarinese che, a gare non ancora ultimate, ha anche visto un confortante 49.23 di Miressi nei 100sl (secondo, a sorpresa, il '97 Manuel Frigo che con 50.21 ha preceduto di un centesimo Marco Orsi) e la vittoria di Federico Poggio nei 100 rana (1.01.26) su Fabio Scozzoli (1.01.59). PS Notevole 22.21 di Andrea Vergani nei 50sl
modificato Feb 18 a 6:25 pm
 
0
risposta

Ciao.

Non sono sparito dal web, ma ho molto diradato i miei impegni. Erika Gaetani, anno 2004, prodotto della Puglia, si è messa in mostra lo scorso anno. 1'02" è un gra tempo e 28" lo è ancora di più. Attendo sviluppi, è un'osservata speciale.

bierre

Ciao. Non sono sparito dal web, ma ho molto diradato i miei impegni. Erika Gaetani, anno 2004, prodotto della Puglia, si è messa in mostra lo scorso anno. 1'02" è un gra tempo e 28" lo è ancora di più. Attendo sviluppi, è un'osservata speciale. bierre
 
0
risposta

rij di burdisso nei 200 farfalla 1.57.19 migliora il suo 1.57.23 dei primaverili

rij di burdisso nei 200 farfalla 1.57.19 migliora il suo 1.57.23 dei primaverili
 
0
risposta

c'è il thread sui campionati italiani

c'è il thread sui campionati italiani
 
0
risposta

Buoni risultati nella prima giornata del Nico Sapio e varie sorprese. Personale top ten

1) Il 57.33 con cui Martinenghi è arrivato secondo nei 100 rana (primo Scozzoli con 57.17, nuovo record della manifestazione) è estremamente significativo considerati i molti mesi di assenza dalle competizioni e il recente rientro.

2) Erika Musso autrice di un 4.00.44 nei 400sl (precedendo la Quadarella, 4.02.86 per lei) è un acuto notevole dopo varie stagioni difficili

3) Sara Morotti ha prevalso (di un centesimo sulla Carraro) nei 50 rana con un ottimo 30.53.

4) Molto bene anche la Pellegrini nei 100sl con 52.70 (prima la Dahlia in 52.56)

5) Matteo Ciampi ribadisce le sue qualità vincendo i 200sl in 1.44.20. Interessanti anche i risultati alle sue spalle (Marco De Tullio secondo me entrerà a breve nel gruppo della 4x200sl con ottime prospettive di diventarne un elemento affidabile).

6) Il 4.29.41 con cui Ilaria Cusinato ha vinto i 400 misti conferma l'acquisita solidità della mistista veneta

7) Si rivede a buon livello anche Bocchia, vincitore dei 50sl in 21.43, con Condorelli terzo in 21.68

8 ) Buoni risultati su 200 delfino (2.07.00)/400 misti (4.35) per la Polieri: non è frequente vedere atleti italiani disputare, ancorchè in vasca corta, due gare così impegnative a breve distanza di tempo nella stessa sessione.

9) Non male l'1.00.66 nei 100 misti di Costanza Cocconcelli

10) Più che discrete prove sull'1.56 nei 200 misti da parte di Razzetti e Glessi.

Buoni risultati nella prima giornata del Nico Sapio e varie sorprese. Personale top ten 1) Il 57.33 con cui Martinenghi è arrivato secondo nei 100 rana (primo Scozzoli con 57.17, nuovo record della manifestazione) è estremamente significativo considerati i molti mesi di assenza dalle competizioni e il recente rientro. 2) Erika Musso autrice di un 4.00.44 nei 400sl (precedendo la Quadarella, 4.02.86 per lei) è un acuto notevole dopo varie stagioni difficili 3) Sara Morotti ha prevalso (di un centesimo sulla Carraro) nei 50 rana con un ottimo 30.53. 4) Molto bene anche la Pellegrini nei 100sl con 52.70 (prima la Dahlia in 52.56) 5) Matteo Ciampi ribadisce le sue qualità vincendo i 200sl in 1.44.20. Interessanti anche i risultati alle sue spalle (Marco De Tullio secondo me entrerà a breve nel gruppo della 4x200sl con ottime prospettive di diventarne un elemento affidabile). 6) Il 4.29.41 con cui Ilaria Cusinato ha vinto i 400 misti conferma l'acquisita solidità della mistista veneta 7) Si rivede a buon livello anche Bocchia, vincitore dei 50sl in 21.43, con Condorelli terzo in 21.68 8 ) Buoni risultati su 200 delfino (2.07.00)/400 misti (4.35) per la Polieri: non è frequente vedere atleti italiani disputare, ancorchè in vasca corta, due gare così impegnative a breve distanza di tempo nella stessa sessione. 9) Non male l'1.00.66 nei 100 misti di Costanza Cocconcelli 10) Più che discrete prove sull'1.56 nei 200 misti da parte di Razzetti e Glessi.
modificato Nov 9 a 6:10 pm
 
0
risposta

Ovviamente i tempi sono falsati dai carichi di lavoro, detto questo: notevole il tempo di Martinenghi dopo le peripezie della scorsa stagione; ottima la Musso; discreta la Quadarella (nuota 4'03" in lunga, in corta dovrebbe valere meno di 4'02" per quanto la conversione dei tempi tra lunga e corta e viceversa non sempre sia affidabile); buon tempo per Ciampi; buono il tempo di De Tullio considerando l'età e la sua provenienza da distanze più lunghe (sperando davvero possa unirsi al gruppo dei 200isti); non eccezionali i 50isti.

Ovviamente i tempi sono falsati dai carichi di lavoro, detto questo: notevole il tempo di Martinenghi dopo le peripezie della scorsa stagione; ottima la Musso; discreta la Quadarella (nuota 4'03" in lunga, in corta dovrebbe valere meno di 4'02" per quanto la conversione dei tempi tra lunga e corta e viceversa non sempre sia affidabile); buon tempo per Ciampi; buono il tempo di De Tullio considerando l'età e la sua provenienza da distanze più lunghe (sperando davvero possa unirsi al gruppo dei 200isti); non eccezionali i 50isti.
 
0
risposta

Preoccupa un po' la 4x100sl maschile. Miressi ha un problema alla caviglia. Dotto un problema intestinale. Condorelli non sembra avere ancora assimilato i metodi di Rossetto, anzi, ha fatto un passo indietro, perché appena arrivato al Settecolli, a giugno, ha fatto 49.2, qui è fermo a 48.2. Buone notizie da Nardini, ma in prospettiva, perchè ad un mondiale serve di più. A Livorno aspettiamo Zazzeri e un miglioramento di Orsi o Condorelli.
Bene tutti gli altri.
Tra gli stranieri, Dahlia Worrell eccezionale, Kendyl Stewart bellissima.

Preoccupa un po' la 4x100sl maschile. Miressi ha un problema alla caviglia. Dotto un problema intestinale. Condorelli non sembra avere ancora assimilato i metodi di Rossetto, anzi, ha fatto un passo indietro, perché appena arrivato al Settecolli, a giugno, ha fatto 49.2, qui è fermo a 48.2. Buone notizie da Nardini, ma in prospettiva, perchè ad un mondiale serve di più. A Livorno aspettiamo Zazzeri e un miglioramento di Orsi o Condorelli. Bene tutti gli altri. Tra gli stranieri, Dahlia Worrell eccezionale, Kendyl Stewart bellissima.
modificato Nov 10 a 7:08 pm
 
0
risposta

Concordo sulla 4x100: male Condorelli, male Vendrame, male Dotto, Orsi ha voluto puntare tutto sui 100 misti dopo un 48"00 nelle batterie (a quanto leggo su microplus), alla fine si salva solo Nardini che nuota un tempo sufficiente in 47"73. Non sono per niente sicuro, ma da quello che ho capito sentendo Sacchi e Mecarozzi credo che Miressi abbia preso una storta. Un Detti felicissimo in zona mista si prende il pass per il mondiale con un buon 3'39"08 davanti a Ciampi (3'40"49) e De Tullio (3'43"07). La nuotata di Detti, come evidenziato da Sacchi, sembra effettivamente meno saltellante del solito per provare a preservare il più possibile la spalla, speriamo bene. Scozzoli (grazie a tuffo e virata) batte ancora un Martinenghi comunque molto incoraggiante. La Quadarella nuota un buon 8'15".

Concordo sulla 4x100: male Condorelli, male Vendrame, male Dotto, Orsi ha voluto puntare tutto sui 100 misti dopo un 48"00 nelle batterie (a quanto leggo su microplus), alla fine si salva solo Nardini che nuota un tempo sufficiente in 47"73. Non sono per niente sicuro, ma da quello che ho capito sentendo Sacchi e Mecarozzi credo che Miressi abbia preso una storta. Un Detti felicissimo in zona mista si prende il pass per il mondiale con un buon 3'39"08 davanti a Ciampi (3'40"49) e De Tullio (3'43"07). La nuotata di Detti, come evidenziato da Sacchi, sembra effettivamente meno saltellante del solito per provare a preservare il più possibile la spalla, speriamo bene. Scozzoli (grazie a tuffo e virata) batte ancora un Martinenghi comunque molto incoraggiante. La Quadarella nuota un buon 8'15".
 
0
risposta

Preoccupa un po' la 4x100sl maschile. Miressi ha un problema alla caviglia. Dotto un problema intestinale. Condorelli non sembra avere ancora assimilato i metodi di Rossetto, anzi, ha fatto un passo indietro, perché appena arrivato al Settecolli, a giugno, ha fatto 49.2, qui è fermo a 48.2. Buone notizie da Nardini, ma in prospettiva, perchè ad un mondiale serve di più. A Livorno aspettiamo Zazzeri e un miglioramento di Orsi o Condorelli.

Il discorso staffetta in vista mondiali sicuramente è particolare. Quest'estate ci ha detto che sembra esserci abbondanza soprattutto in prospettiva, al momento in ottica mondiale dovrei andare a guardarmi risultati vari ma credo che in proiezione, anche al meglio della forma, dovremmo essere da quinta/sesta posizione, quindi le aspettative non penso possano ancora essere troppo alte o comunque non è il mondiale in corta l'occasione in cui è importante cercare il salto di qualità.
Parlando delle singole problematiche, su Miressi bisogna capire in che modo l'incidente (accaduto in collegiale a Livigno da quanto detto, quindi probabilmente almeno un paio di settimane fa) abbia inficiato preparazione e prestazioni a questo meeting, ma può darsi ci sia spazio di recupero nel prossimo mese (il fatto che abbia gareggiato sembra quantomeno indicare che il problema non sia grave). In ogni caso per lui come per Dotto bisogna anche considerare il fatto che essendo già qualificati non dovrebbero essere in grande condizione a prescindere dai problemi fisici. Stessa cosa per Vergani, che in corta potrebbe avere un inserimento più efficace anche nella 4x100, il suo tempo di stamattina certo non lo mette in prima linea ma qua a Genova non ha mostrato la forma migliore neanche nelle sue gare. Poi tra i già qualificati c'è anche Ceccon, assente qua ma che dopo il tempo di Roma è sicuramente tra i papabili staffettisti.
Tra gli altri:

  • Orsi stando a microplustiming ha nuotato comunque un discreto 48.00 in batteria subito dopo l'ottimo 23.00 nei 50 farfalla. Ha dichiarato che si presenterà a Livorno per cercare la qualificazione diretta, quindi ci auspichiamo di vederlo abbassare ancora i suoi tempi (non so però se si focalizzerà sui 100 misti o se e quali altre cartucce si sparerà).

  • Come detto aspettiamo Zazzeri, quest'estate ci si aspettava prestazioni migliori ma nel complesso è stato abbastanza solido. Lo scorso inverno poi ha dimostrato di trovarsi particolarmente a suo agio in corta, per cui spero di trovarlo su dei buoni tempi.

  • Il tempo di Nardini è interessante soprattutto in prospettiva, ma già potrebbe essere un innesto sufficiente per la nostra staffetta.

Su Vendrame e Condorelli invece devo dire che sono un po' più "pessimista". Il primo viene da una stagione poco incoraggiante e credo che la vasca corta non lo aiuti. Il secondo già dalle apparizioni estive aveva lasciato qualche perplessità su tempi di recupero e adattamento a nuova vita/nuovi allenamenti, credo ci stia che il focus sia più sulle prossime due stagioni in lunga e mi sorprenderei a vedere già netti miglioramenti tra una settimana, anche se i tempi di questa due giorni non sono poi così malvagi.
Non so, infine, se possa inserirsi qualcun altro nella corsa, tipo Zorzetto che aveva fatto bene quest'estate.

In definitiva penso ci sia un po' di materiale su cui lavorare per presentare una staffetta decente, anche se non sarà facile per lo staff azzurro trovare la giusta quadra considerando problemi vari e l'assenza di un confronto diretto tra i possibili staffettisti.

> Preoccupa un po' la 4x100sl maschile. Miressi ha un problema alla caviglia. Dotto un problema intestinale. Condorelli non sembra avere ancora assimilato i metodi di Rossetto, anzi, ha fatto un passo indietro, perché appena arrivato al Settecolli, a giugno, ha fatto 49.2, qui è fermo a 48.2. Buone notizie da Nardini, ma in prospettiva, perchè ad un mondiale serve di più. A Livorno aspettiamo Zazzeri e un miglioramento di Orsi o Condorelli. Il discorso staffetta in vista mondiali sicuramente è particolare. Quest'estate ci ha detto che sembra esserci abbondanza soprattutto in prospettiva, al momento in ottica mondiale dovrei andare a guardarmi risultati vari ma credo che in proiezione, anche al meglio della forma, dovremmo essere da quinta/sesta posizione, quindi le aspettative non penso possano ancora essere troppo alte o comunque non è il mondiale in corta l'occasione in cui è importante cercare il salto di qualità. Parlando delle singole problematiche, su Miressi bisogna capire in che modo l'incidente (accaduto in collegiale a Livigno da quanto detto, quindi probabilmente almeno un paio di settimane fa) abbia inficiato preparazione e prestazioni a questo meeting, ma può darsi ci sia spazio di recupero nel prossimo mese (il fatto che abbia gareggiato sembra quantomeno indicare che il problema non sia grave). In ogni caso per lui come per Dotto bisogna anche considerare il fatto che essendo già qualificati non dovrebbero essere in grande condizione a prescindere dai problemi fisici. Stessa cosa per Vergani, che in corta potrebbe avere un inserimento più efficace anche nella 4x100, il suo tempo di stamattina certo non lo mette in prima linea ma qua a Genova non ha mostrato la forma migliore neanche nelle sue gare. Poi tra i già qualificati c'è anche Ceccon, assente qua ma che dopo il tempo di Roma è sicuramente tra i papabili staffettisti. Tra gli altri: - Orsi stando a microplustiming ha nuotato comunque un discreto 48.00 in batteria subito dopo l'ottimo 23.00 nei 50 farfalla. Ha dichiarato che si presenterà a Livorno per cercare la qualificazione diretta, quindi ci auspichiamo di vederlo abbassare ancora i suoi tempi (non so però se si focalizzerà sui 100 misti o se e quali altre cartucce si sparerà). - Come detto aspettiamo Zazzeri, quest'estate ci si aspettava prestazioni migliori ma nel complesso è stato abbastanza solido. Lo scorso inverno poi ha dimostrato di trovarsi particolarmente a suo agio in corta, per cui spero di trovarlo su dei buoni tempi. - Il tempo di Nardini è interessante soprattutto in prospettiva, ma già potrebbe essere un innesto sufficiente per la nostra staffetta. Su Vendrame e Condorelli invece devo dire che sono un po' più "pessimista". Il primo viene da una stagione poco incoraggiante e credo che la vasca corta non lo aiuti. Il secondo già dalle apparizioni estive aveva lasciato qualche perplessità su tempi di recupero e adattamento a nuova vita/nuovi allenamenti, credo ci stia che il focus sia più sulle prossime due stagioni in lunga e mi sorprenderei a vedere già netti miglioramenti tra una settimana, anche se i tempi di questa due giorni non sono poi così malvagi. Non so, infine, se possa inserirsi qualcun altro nella corsa, tipo Zorzetto che aveva fatto bene quest'estate. In definitiva penso ci sia un po' di materiale su cui lavorare per presentare una staffetta decente, anche se non sarà facile per lo staff azzurro trovare la giusta quadra considerando problemi vari e l'assenza di un confronto diretto tra i possibili staffettisti.
modificato Nov 11 a 1:11 am
 
0
risposta

Per il resto mi aggiungo ad alcuni commenti sulle gare di ieri e oggi.

C'era attesa soprattutto per i ritorni di Martinenghi, Detti e Di Pietro e sono stati sicuramente tra le note più positive della manifestazione.
Notevolissime le prestazioni del ranista, che oggi è sembrato addirittura insidiare un ottimo Scozzoli nella sua gara. Non so se ci riproverà a Livorno ma anche senza tempi limite credo che verrà considerata la sua convocazione per Hangzhou, anche per dare una mano alle numerose staffette in programma. Molto bene anche Detti che sembra essere uscito molto soddisfatto per le sensazioni avute nei 400, riflettutesi anche in un ottimo tempo. Qualche difficoltà in più per la Di Pietro, ma considerando che il suo era anche l'infortunio più grave i risultati ottenuti direi che non si possano che considerare più che positivi.
Purtroppo ai tre ritorni coincide invece un'assenza inaspettata della Castiglioni, colpita da pubalgia. Speriamo che si riesca a contenere e a risolvere il problema quanto prima.

La sorpresa principale è sicuramente in apertura il risultato della Musso nei 400, notevolissimo e che speriamo possa rappresentare una ripartenza per l'atleta dopo i passi indietro degli ultimi anni.

Poi bene i giovani, detto dell'ottimo tempo di Nardini nei 100 stile, anche la 4x200 continua a ricevere buone notizie, dalle prestazioni di Ciampi e De Tullio, ma non male anche il'1'46''17 dello stesso Nardini e le discrete prestazioni di Senor e Zuin. Degna di nota anche la doppietta di Razzetti nei 200 e 400 misti, anche se serviranno ulteriori miglioramenti cronometrici per diventare competitivo anche in campo internazionale. Bella anche la prestazione di Fusco nei 200 rana.

Per il resto mi aggiungo ad alcuni commenti sulle gare di ieri e oggi. C'era attesa soprattutto per i ritorni di Martinenghi, Detti e Di Pietro e sono stati sicuramente tra le note più positive della manifestazione. Notevolissime le prestazioni del ranista, che oggi è sembrato addirittura insidiare un ottimo Scozzoli nella sua gara. Non so se ci riproverà a Livorno ma anche senza tempi limite credo che verrà considerata la sua convocazione per Hangzhou, anche per dare una mano alle numerose staffette in programma. Molto bene anche Detti che sembra essere uscito molto soddisfatto per le sensazioni avute nei 400, riflettutesi anche in un ottimo tempo. Qualche difficoltà in più per la Di Pietro, ma considerando che il suo era anche l'infortunio più grave i risultati ottenuti direi che non si possano che considerare più che positivi. Purtroppo ai tre ritorni coincide invece un'assenza inaspettata della Castiglioni, colpita da pubalgia. Speriamo che si riesca a contenere e a risolvere il problema quanto prima. La sorpresa principale è sicuramente in apertura il risultato della Musso nei 400, notevolissimo e che speriamo possa rappresentare una ripartenza per l'atleta dopo i passi indietro degli ultimi anni. Poi bene i giovani, detto dell'ottimo tempo di Nardini nei 100 stile, anche la 4x200 continua a ricevere buone notizie, dalle prestazioni di Ciampi e De Tullio, ma non male anche il'1'46''17 dello stesso Nardini e le discrete prestazioni di Senor e Zuin. Degna di nota anche la doppietta di Razzetti nei 200 e 400 misti, anche se serviranno ulteriori miglioramenti cronometrici per diventare competitivo anche in campo internazionale. Bella anche la prestazione di Fusco nei 200 rana.
 
0
risposta

Il discorso staffetta in vista mondiali sicuramente è particolare. Quest'estate ci ha detto che sembra esserci abbondanza soprattutto in prospettiva, al momento in ottica mondiale dovrei andare a guardarmi risultati vari ma credo che in proiezione, anche al meglio della forma, dovremmo essere da quinta/sesta posizione, quindi le aspettative non penso possano ancora essere troppo alte o comunque non è il mondiale in corta l'occasione in cui è importante cercare il salto di qualità.
Parlando delle singole problematiche, su Miressi bisogna capire in che modo l'incidente (accaduto in collegiale a Livigno da quanto detto, quindi probabilmente almeno un paio di settimane fa) abbia inficiato preparazione e prestazioni a questo meeting, ma può darsi ci sia spazio di recupero nel prossimo mese (il fatto che abbia gareggiato sembra quantomeno indicare che il problema non sia grave). In ogni caso per lui come per Dotto bisogna anche considerare il fatto che essendo già qualificati non dovrebbero essere in grande condizione a prescindere dai problemi fisici. Stessa cosa per Vergani, che in corta potrebbe avere un inserimento più efficace anche nella 4x100, il suo tempo di stamattina certo non lo mette in prima linea ma qua a Genova non ha mostrato la forma migliore neanche nelle sue gare. Poi tra i già qualificati c'è anche Ceccon, assente qua ma che dopo il tempo di Roma è sicuramente tra i papabili staffettisti.
Tra gli altri:

  • Orsi stando a microplustiming ha nuotato comunque un discreto 48.00 in batteria subito dopo l'ottimo 23.00 nei 50 farfalla. Ha dichiarato che si presenterà a Livorno per cercare la qualificazione diretta, quindi ci auspichiamo di vederlo abbassare ancora i suoi tempi (non so però se si focalizzerà sui 100 misti o se e quali altre cartucce si sparerà).

  • Come detto aspettiamo Zazzeri, quest'estate ci si aspettava prestazioni migliori ma nel complesso è stato abbastanza solido. Lo scorso inverno poi ha dimostrato di trovarsi particolarmente a suo agio in corta, per cui spero di trovarlo su dei buoni tempi.

  • Il tempo di Nardini è interessante soprattutto in prospettiva, ma già potrebbe essere un innesto sufficiente per la nostra staffetta.

Su Vendrame e Condorelli invece devo dire che sono un po' più "pessimista". Il primo viene da una stagione poco incoraggiante e credo che la vasca corta non lo aiuti. Il secondo già dalle apparizioni estive aveva lasciato qualche perplessità su tempi di recupero e adattamento a nuova vita/nuovi allenamenti, credo ci stia che il focus sia più sulle prossime due stagioni in lunga e mi sorprenderei a vedere già netti miglioramenti tra una settimana, anche se i tempi di questa due giorni non sono poi così malvagi.
Non so, infine, se possa inserirsi qualcun altro nella corsa, tipo Zorzetto che aveva fatto bene quest'estate.

In definitiva penso ci sia un po' di materiale su cui lavorare per presentare una staffetta decente, anche se non sarà facile per lo staff azzurro trovare la giusta quadra considerando problemi vari e l'assenza di un confronto diretto tra i possibili staffettisti.

Nello stesso giorno della 4x100sl, Ceccon ha i 100 dorso in cui presumo che almeno la semi possa raggiungerla. Non farei tanto affidamento su di lui, a meno che a Livorno (se ci va) non faccia 47 netto.
Vergani non dà garanzie sui 100. In lunga ha 49.4 e non mi pare che gradisca particolarmente gareggiare in corta, anche se è vero che è più facile sopportare una distanza più lunga.
Dotto credo che sia una garanzia, un problema intestinale si supera in pochi giorni.
Non sappiamo quanto sia grave il problema alla caviglia di Miressi, ma a questo punto sarei sorpreso se ai Mondiali proseguisse la sua crescita. Prima di sapere di questo infortunio mi sarei aspettato da lui tempi intorno al 46 netto, forse anche poco sotto. Adesso no.
Zazzeri credo che a Livorno farà un ottimo tempo. Mi aspetto almeno 47 basso.
Il quarto dovrebbe essere uno tra Nardini, Orsi o Condorelli.

Prtroppo la tua proiezione da 5° - 6° posto al momento mi sembra giusta.
Le aspettative sono ovviamente in calo. Prima di Genova avrei detto abbastanza tranquillamente 3° posto, dietro USA e Russia, anche perché l'Australia ha parecchie assenze (Chalmers, Cartwright) e qualcuna anche il Brasile (Spajari, Gabriel Santos). Ci sono Giappone e Cina pericolose.
Adesso siamo dietro a tutti questi.

>Il discorso staffetta in vista mondiali sicuramente è particolare. Quest'estate ci ha detto che sembra esserci abbondanza soprattutto in prospettiva, al momento in ottica mondiale dovrei andare a guardarmi risultati vari ma credo che in proiezione, anche al meglio della forma, dovremmo essere da quinta/sesta posizione, quindi le aspettative non penso possano ancora essere troppo alte o comunque non è il mondiale in corta l'occasione in cui è importante cercare il salto di qualità. >Parlando delle singole problematiche, su Miressi bisogna capire in che modo l'incidente (accaduto in collegiale a Livigno da quanto detto, quindi probabilmente almeno un paio di settimane fa) abbia inficiato preparazione e prestazioni a questo meeting, ma può darsi ci sia spazio di recupero nel prossimo mese (il fatto che abbia gareggiato sembra quantomeno indicare che il problema non sia grave). In ogni caso per lui come per Dotto bisogna anche considerare il fatto che essendo già qualificati non dovrebbero essere in grande condizione a prescindere dai problemi fisici. Stessa cosa per Vergani, che in corta potrebbe avere un inserimento più efficace anche nella 4x100, il suo tempo di stamattina certo non lo mette in prima linea ma qua a Genova non ha mostrato la forma migliore neanche nelle sue gare. Poi tra i già qualificati c'è anche Ceccon, assente qua ma che dopo il tempo di Roma è sicuramente tra i papabili staffettisti. >Tra gli altri: >- Orsi stando a microplustiming ha nuotato comunque un discreto 48.00 in batteria subito dopo l'ottimo 23.00 nei 50 farfalla. Ha dichiarato che si presenterà a Livorno per cercare la qualificazione diretta, quindi ci auspichiamo di vederlo abbassare ancora i suoi tempi (non so però se si focalizzerà sui 100 misti o se e quali altre cartucce si sparerà). >- Come detto aspettiamo Zazzeri, quest'estate ci si aspettava prestazioni migliori ma nel complesso è stato abbastanza solido. Lo scorso inverno poi ha dimostrato di trovarsi particolarmente a suo agio in corta, per cui spero di trovarlo su dei buoni tempi. >- Il tempo di Nardini è interessante soprattutto in prospettiva, ma già potrebbe essere un innesto sufficiente per la nostra staffetta. >Su Vendrame e Condorelli invece devo dire che sono un po' più "pessimista". Il primo viene da una stagione poco incoraggiante e credo che la vasca corta non lo aiuti. Il secondo già dalle apparizioni estive aveva lasciato qualche perplessità su tempi di recupero e adattamento a nuova vita/nuovi allenamenti, credo ci stia che il focus sia più sulle prossime due stagioni in lunga e mi sorprenderei a vedere già netti miglioramenti tra una settimana, anche se i tempi di questa due giorni non sono poi così malvagi. >Non so, infine, se possa inserirsi qualcun altro nella corsa, tipo Zorzetto che aveva fatto bene quest'estate. >In definitiva penso ci sia un po' di materiale su cui lavorare per presentare una staffetta decente, anche se non sarà facile per lo staff azzurro trovare la giusta quadra considerando problemi vari e l'assenza di un confronto diretto tra i possibili staffettisti. Nello stesso giorno della 4x100sl, Ceccon ha i 100 dorso in cui presumo che almeno la semi possa raggiungerla. Non farei tanto affidamento su di lui, a meno che a Livorno (se ci va) non faccia 47 netto. Vergani non dà garanzie sui 100. In lunga ha 49.4 e non mi pare che gradisca particolarmente gareggiare in corta, anche se è vero che è più facile sopportare una distanza più lunga. Dotto credo che sia una garanzia, un problema intestinale si supera in pochi giorni. Non sappiamo quanto sia grave il problema alla caviglia di Miressi, ma a questo punto sarei sorpreso se ai Mondiali proseguisse la sua crescita. Prima di sapere di questo infortunio mi sarei aspettato da lui tempi intorno al 46 netto, forse anche poco sotto. Adesso no. Zazzeri credo che a Livorno farà un ottimo tempo. Mi aspetto almeno 47 basso. Il quarto dovrebbe essere uno tra Nardini, Orsi o Condorelli. Prtroppo la tua proiezione da 5° - 6° posto al momento mi sembra giusta. Le aspettative sono ovviamente in calo. Prima di Genova avrei detto abbastanza tranquillamente 3° posto, dietro USA e Russia, anche perché l'Australia ha parecchie assenze (Chalmers, Cartwright) e qualcuna anche il Brasile (Spajari, Gabriel Santos). Ci sono Giappone e Cina pericolose. Adesso siamo dietro a tutti questi.
 
0
risposta

Preoccupa un po' la 4x100sl maschile. Miressi ha un problema alla caviglia. Dotto un problema intestinale. Condorelli non sembra avere ancora assimilato i metodi di Rossetto, anzi, ha fatto un passo indietro, perché appena arrivato al Settecolli, a giugno, ha fatto 49.2, qui è fermo a 48.2. Buone notizie da Nardini, ma in prospettiva, perchè ad un mondiale serve di più. A Livorno aspettiamo Zazzeri e un miglioramento di Orsi o Condorelli.

Appena letto il tuo post ho pensato: "beh, per i Mondiali estivi e gli Assoluti di aprile ne manca ancora di tempo...", poi ovviamente ho capito che ti riferivi ai Mondiali di vasca corta (che non riesco a prendere sul serio come "Mondiali", ma continuo a considerarli una tappa di passaggio verso l'estate, vista la ridottissima partecipazione di tante nazioni natatoriamente importanti), e hai pienamente ragione.

Stamane ho un po' più di tempo e mi concentro su quelli che ritengo segnali importanti.

1) Nicolò Martinenghi eccezionale. Ok che la vasca corta non dà indicazioni sempre veritiere su quello che potrà avvenire in vasca da 50m (ci sono tanti esempi in proposito), ma il suo recupero è davvero eccezionale. E' visibilmente più muscolato, segno di un lavoro di potenziamento che dà già risultati tangibili in partenza (ha limitato moltissimo il deficit da uno starter eccezionale come Scozzoli) e anche in virata. Bisognerà vedere la tenuta in vasca da 50m, in particolare in quegli ultimi 15 metri della seconda vasca che sono decisivi per un 100 rana (e non solo). E' la solita "quadratura del cerchio" che bisogna ricercare: aumentare la potenza esplosiva senza perdere in fluidità di nuotata e tenuta.

2) Gabriele Detti contento a tal punto da non trattenersi nel post-garasmile .
E in effetti di motivi per esserlo ce ne sono tanti. Anche lui ha messo a frutto la forzata assenza dalle gare per curare qualche dettaglio tecnico (virate ulteriormente migliorate) e la meccanica di nuotata, molto più distesa in effetti, senza quel brusco scatto che andava ad incidere sulla spalla e che aveva messo in evidenza un commentatore su Swimswam parecchio tempo fa (qualche commento centrato si trova ancora sul web).
Avere ottenuto già adesso un 3.39 è fonte di grande ottimismo per il futuro.

3) Ilaria Cusinato "caterpillar". Ha preso ad esempio la Hosszu e ha ormai un approccio alle gare da Hosszu. Non importa la fase della preparazione, eventuali acciacchi etc: la sua prestazione è comunque di alto livello. Mistista ormai tra le più solide in assoluto del panorama internazionale sull'accoppiata 200/400 misti.

4) Simona Quadarella che continua a progredire abbassando i tempi che faceva 12 mesi fa. E sappiamo che i suoi miglioramenti in estate, nell'evento-clou, finora ci sono sempre stati

Breve cenno su Scozzoli, la cui intelligenza gestionale ne fa una certezza (già detto: tra molti anni, quando deciderà di smettere con le gare, lo vedrei benissimo con un ruolo da coach/dirigente), e mi soffermo su qualche altro nome.

Erica Musso ritrovata nel nuovo ambiente di allenamento, buone prove della Pirovano e del 2000 Fusco nella rana, bel 50 dorso di Costanza Cocconcelli e qualche progresso (in particolare il 53.17 nei 100 dorso) di Michele Lamberti, uno che pare dover ancora intraprendere qualsiasi lavoro di potenziamento il suo coach penserà utile per lui.

>Preoccupa un po' la 4x100sl maschile. Miressi ha un problema alla caviglia. Dotto un problema intestinale. Condorelli non sembra avere ancora assimilato i metodi di Rossetto, anzi, ha fatto un passo indietro, perché appena arrivato al Settecolli, a giugno, ha fatto 49.2, qui è fermo a 48.2. Buone notizie da Nardini, ma in prospettiva, perchè ad un mondiale serve di più. A Livorno aspettiamo Zazzeri e un miglioramento di Orsi o Condorelli. Appena letto il tuo post ho pensato: "beh, per i Mondiali estivi e gli Assoluti di aprile ne manca ancora di tempo...", poi ovviamente ho capito che ti riferivi ai Mondiali di vasca corta (che non riesco a prendere sul serio come "Mondiali", ma continuo a considerarli una tappa di passaggio verso l'estate, vista la ridottissima partecipazione di tante nazioni natatoriamente importanti), e hai pienamente ragione. Stamane ho un po' più di tempo e mi concentro su quelli che ritengo segnali importanti. 1) Nicolò Martinenghi eccezionale. Ok che la vasca corta non dà indicazioni sempre veritiere su quello che potrà avvenire in vasca da 50m (ci sono tanti esempi in proposito), ma il suo recupero è davvero eccezionale. E' visibilmente più muscolato, segno di un lavoro di potenziamento che dà già risultati tangibili in partenza (ha limitato moltissimo il deficit da uno starter eccezionale come Scozzoli) e anche in virata. Bisognerà vedere la tenuta in vasca da 50m, in particolare in quegli ultimi 15 metri della seconda vasca che sono decisivi per un 100 rana (e non solo). E' la solita "quadratura del cerchio" che bisogna ricercare: aumentare la potenza esplosiva senza perdere in fluidità di nuotata e tenuta. 2) Gabriele Detti contento a tal punto da non trattenersi nel post-gara:) . E in effetti di motivi per esserlo ce ne sono tanti. Anche lui ha messo a frutto la forzata assenza dalle gare per curare qualche dettaglio tecnico (virate ulteriormente migliorate) e la meccanica di nuotata, molto più distesa in effetti, senza quel brusco scatto che andava ad incidere sulla spalla e che aveva messo in evidenza un commentatore su Swimswam parecchio tempo fa (qualche commento centrato si trova ancora sul web). Avere ottenuto già adesso un 3.39 è fonte di grande ottimismo per il futuro. 3) Ilaria Cusinato "caterpillar". Ha preso ad esempio la Hosszu e ha ormai un approccio alle gare da Hosszu. Non importa la fase della preparazione, eventuali acciacchi etc: la sua prestazione è comunque di alto livello. Mistista ormai tra le più solide in assoluto del panorama internazionale sull'accoppiata 200/400 misti. 4) Simona Quadarella che continua a progredire abbassando i tempi che faceva 12 mesi fa. E sappiamo che i suoi miglioramenti in estate, nell'evento-clou, finora ci sono sempre stati Breve cenno su Scozzoli, la cui intelligenza gestionale ne fa una certezza (già detto: tra molti anni, quando deciderà di smettere con le gare, lo vedrei benissimo con un ruolo da coach/dirigente), e mi soffermo su qualche altro nome. Erica Musso ritrovata nel nuovo ambiente di allenamento, buone prove della Pirovano e del 2000 Fusco nella rana, bel 50 dorso di Costanza Cocconcelli e qualche progresso (in particolare il 53.17 nei 100 dorso) di Michele Lamberti, uno che pare dover ancora intraprendere qualsiasi lavoro di potenziamento il suo coach penserà utile per lui.
modificato Nov 11 a 10:47 am
 
0
risposta

Risultati interessanti al Mussi-Lombardi-Femiano.

Si apre il pomeriggio con la vittoria di Orsi nei 100 misti, opportunità principale per l'emiliano di centrare il pass per i mondiali di corta che viene colta senza troppi problemi a 52.12 (52.40 il tempo limite). Non lontanissimo dalla qualificazione anche il compagno di squadra Geni a 52.68.

Seconda gara, i 200 stile libero maschili, in cui il livello medio si alza ulteriormente rispetto a Genova. In una delle tante gare illuminate dalla presenza di Le Clos, che tocca per primo, primo degli italiani è di nuovo Ciampi che si conferma sotto l'1.45 (1.44.94), ma dietro gli si avvicinano gli altri giovani azzurri: in ordine Proietti Colonna con 1.45.03, Zuin a 1.45.19, e Senor a 1.45.38. Solo quinto Megli (1.45.53), che però non deve cercare la qualificazione per il mondiale.

Nel delfino veloce i risultati più interessanti in campo azzurro (perchè i 22.53 e 49.52 di Le Clos male male da vedere non sono stati) sono il 50.15 di Rivolta nei 100, che dovrebbe permettere anche a lui di unirsi al team azzurro per la trasferta cinese, e la netta vittoria della Cocconcelli nei 50 femminili con un 26.88 che peraltro è un centesimo peggio di quanto nuotato al mattino.

Nel dorso è la Scalia a prendersi i riflettori con il RI nei 50 dorso a 26.70 e con una bella prova nei 100 chiusa a 58.00.

Nella rana l'assenza di Scozzoli rende tutto facile per Martinenghi sia nei 50 che nei 100, nonostante peggiori un po' cronometricamente rispetto allo scorso weekend per via del tipo di preparazione sostenuto in settimana, secondo quanto da lui dichiarato.
Al femminile la Carraro, anche lei senza troppa concorrenza, non solo si migliora rispetto a Genova ma nuota il suo personale nei 50, 30.18, che dovrebbe valerle anche la qualificazione ai mondiali. Un po' peggio nei 100 che vince comunque senza troppi problemi a 1.06.02.

Ceccon torna in gara dopo gli YOG nei 200 misti e fa subito una prestazione eccezionale (1.54.64) che sarebbe stata da RI se non avesse "come al solito allentato all'arrivo, ma pazienza lo farò la prossima volta il record" (cit. delle sue dichiarazioni alla Caporale). In lunga abbiamo discusso più volte di come affronti questa gara con difficoltà e di come il lavoro necessario per prepararla potrebbe portarlo ad accantonarla, ma in corta è veramente impressionante vedere la semplicità con cui la nuota a questi livelli. Ai microfoni RAI ha detto anche di aver cambiato atteggiamento dalle olimpiadi giovanili nell'affrontare le gare, concentrandosi più su se stesso che sugli altri, e che queste gare internazionali lo stanno aiutando a maturare. Sicuramente a Buenos Aires si è visto un miglioramento importante nella gestione delle gare, verificheremo se si tratta effettivamente di un miglioramento "definitivo".

Infine capitolo 100 sl maschile di cui si era parlato lo scorso weekend soprattutto in ottica staffetta. L'attesa era soprattutto per Zazzeri, non presente a Genova e tra i migliori interpreti azzurri della distanza soprattutto in vasca corta. Ed è lui effettivamente a far registrare il miglior tempo di questo inizio di stagione chiudendo la gara dietro Le Clos a 46.98. Tuttavia confessa alla Caporale che si aspettava un tempo migliore (il suo personale risalente all'anno scorso è di 46.72) per le sensazioni avute in allenamento e in mattinata nelle batterie dei 50 che ha nuotato in 21.33 "con una certa facilità" (non ha poi disputato la finale).
Si migliora Condorelli, che scende sotto i 48'' in entrambi i turni (47.86 il tempo della finale). Non si conferma invece Nardini, addirittura oltre i 49''. Si rivede inoltre Ceccon su questa distanza, quarto a 48.24.
Sulla carta la formazione migliore sembrerebbe essere quella dei qualificati Miressi-Dotto-Zazzeri-Orsi (che non si è visto oggi nei 100sl ma visti i risultati di questi due meeting penso potesse valere un tempo intorno al 47 e mezzo), le incognite sui recuperi di Miressi e Dotto però potrebbero richiedere la convocazione di almeno una riserva tra Nardini e Condorelli, tra i due sembrerebbe più consistente il secondo nonostante il 47.73 sia migliore di quanto nuotato dall'italo-americano.

Risultati interessanti al Mussi-Lombardi-Femiano. Si apre il pomeriggio con la vittoria di Orsi nei 100 misti, opportunità principale per l'emiliano di centrare il pass per i mondiali di corta che viene colta senza troppi problemi a 52.12 (52.40 il tempo limite). Non lontanissimo dalla qualificazione anche il compagno di squadra Geni a 52.68. Seconda gara, i 200 stile libero maschili, in cui il livello medio si alza ulteriormente rispetto a Genova. In una delle tante gare illuminate dalla presenza di Le Clos, che tocca per primo, primo degli italiani è di nuovo Ciampi che si conferma sotto l'1.45 (1.44.94), ma dietro gli si avvicinano gli altri giovani azzurri: in ordine Proietti Colonna con 1.45.03, Zuin a 1.45.19, e Senor a 1.45.38. Solo quinto Megli (1.45.53), che però non deve cercare la qualificazione per il mondiale. Nel delfino veloce i risultati più interessanti in campo azzurro (perchè i 22.53 e 49.52 di Le Clos male male da vedere non sono stati) sono il 50.15 di Rivolta nei 100, che dovrebbe permettere anche a lui di unirsi al team azzurro per la trasferta cinese, e la netta vittoria della Cocconcelli nei 50 femminili con un 26.88 che peraltro è un centesimo peggio di quanto nuotato al mattino. Nel dorso è la Scalia a prendersi i riflettori con il RI nei 50 dorso a 26.70 e con una bella prova nei 100 chiusa a 58.00. Nella rana l'assenza di Scozzoli rende tutto facile per Martinenghi sia nei 50 che nei 100, nonostante peggiori un po' cronometricamente rispetto allo scorso weekend per via del tipo di preparazione sostenuto in settimana, secondo quanto da lui dichiarato. Al femminile la Carraro, anche lei senza troppa concorrenza, non solo si migliora rispetto a Genova ma nuota il suo personale nei 50, 30.18, che dovrebbe valerle anche la qualificazione ai mondiali. Un po' peggio nei 100 che vince comunque senza troppi problemi a 1.06.02. Ceccon torna in gara dopo gli YOG nei 200 misti e fa subito una prestazione eccezionale (1.54.64) che sarebbe stata da RI se non avesse "come al solito allentato all'arrivo, ma pazienza lo farò la prossima volta il record" (cit. delle sue dichiarazioni alla Caporale). In lunga abbiamo discusso più volte di come affronti questa gara con difficoltà e di come il lavoro necessario per prepararla potrebbe portarlo ad accantonarla, ma in corta è veramente impressionante vedere la semplicità con cui la nuota a questi livelli. Ai microfoni RAI ha detto anche di aver cambiato atteggiamento dalle olimpiadi giovanili nell'affrontare le gare, concentrandosi più su se stesso che sugli altri, e che queste gare internazionali lo stanno aiutando a maturare. Sicuramente a Buenos Aires si è visto un miglioramento importante nella gestione delle gare, verificheremo se si tratta effettivamente di un miglioramento "definitivo". Infine capitolo 100 sl maschile di cui si era parlato lo scorso weekend soprattutto in ottica staffetta. L'attesa era soprattutto per Zazzeri, non presente a Genova e tra i migliori interpreti azzurri della distanza soprattutto in vasca corta. Ed è lui effettivamente a far registrare il miglior tempo di questo inizio di stagione chiudendo la gara dietro Le Clos a 46.98. Tuttavia confessa alla Caporale che si aspettava un tempo migliore (il suo personale risalente all'anno scorso è di 46.72) per le sensazioni avute in allenamento e in mattinata nelle batterie dei 50 che ha nuotato in 21.33 "con una certa facilità" (non ha poi disputato la finale). Si migliora Condorelli, che scende sotto i 48'' in entrambi i turni (47.86 il tempo della finale). Non si conferma invece Nardini, addirittura oltre i 49''. Si rivede inoltre Ceccon su questa distanza, quarto a 48.24. Sulla carta la formazione migliore sembrerebbe essere quella dei qualificati Miressi-Dotto-Zazzeri-Orsi (che non si è visto oggi nei 100sl ma visti i risultati di questi due meeting penso potesse valere un tempo intorno al 47 e mezzo), le incognite sui recuperi di Miressi e Dotto però potrebbero richiedere la convocazione di almeno una riserva tra Nardini e Condorelli, tra i due sembrerebbe più consistente il secondo nonostante il 47.73 sia migliore di quanto nuotato dall'italo-americano.
modificato Nov 17 a 7:10 pm
 
1
risposta

Ottimo il report di Andrea.Zam.

1) Su Ceccon aggiungo che - dopo gli ottimi risultati delle Olimpiadi giovanili di Buenos Aires - l'ho visto (in streaming) nuotare al meeting di Bolzano e, per quello che vale la sensazione che ne ho ricavato, mi è sembrato decisamente migliorato/maturato come atteggiamento in gara e nel post-gara rispetto a quanto mi era sembrato in passato.

Un Ceccon con la "giusta" predisposizione in allenamento può porsi grandi obiettivi, tra cui - certo- anche costruire un grande 200 misti in vasca lunga, perchè talento e facilità con cui nuota i 4 stili sono davvero notevoli (e in vasca da 25 metri gli consentono di ottenere buoni crono con un certo agio). Curioso di vedere le scelte di chi lo segue.

2) Le Clos è un campione a livello assoluto, lo sappiamo, e lo ha confermato nuotando (e vincendo) 4 prove in un'ora, con due crono (nei 50 e 100 delfino) migliori del RI. Ottimo anche il 46.72 con cui ha prevalso nel 100sl conclusivo su un ottimo Zazzeri.

3) Considerate le caratteristiche che non si adattano certo alla vasca da 25m, buone le prove della Caponi nei 200 e 400sl. Chissà che, dopo i segnali dati dalla Musso, anche la Caponi possa ritrovare quella brillantezza che a fine 2015 l'aveva portata sul podio dei Mondiali Juniores e, in generale, a far parlare di un interessante gruppo di 400iste italiane che si andava formando.

4) Felice per il bel crono (con qualificazione mondiale) nei 100 misti di Marco Orsi. Su di lui in passato abbiamo scritto tanto (e il bolognese, con grandi prestazioni, non solo in vasca corta, ha meritato grandi elogi), primo tra tutti Silver che era il suo tifoso numero uno sul forum. Sarebbe bello vederlo tornare ai suoi migliori livelli anche nei 50 e 100sl.

Ottimo il report di Andrea.Zam. 1) Su Ceccon aggiungo che - dopo gli ottimi risultati delle Olimpiadi giovanili di Buenos Aires - l'ho visto (in streaming) nuotare al meeting di Bolzano e, per quello che vale la sensazione che ne ho ricavato, mi è sembrato decisamente migliorato/maturato come atteggiamento in gara e nel post-gara rispetto a quanto mi era sembrato in passato. Un Ceccon con la "giusta" predisposizione in allenamento può porsi grandi obiettivi, tra cui - certo- anche costruire un grande 200 misti in vasca lunga, perchè talento e facilità con cui nuota i 4 stili sono davvero notevoli (e in vasca da 25 metri gli consentono di ottenere buoni crono con un certo agio). Curioso di vedere le scelte di chi lo segue. 2) Le Clos è un campione a livello assoluto, lo sappiamo, e lo ha confermato nuotando (e vincendo) 4 prove in un'ora, con due crono (nei 50 e 100 delfino) migliori del RI. Ottimo anche il 46.72 con cui ha prevalso nel 100sl conclusivo su un ottimo Zazzeri. 3) Considerate le caratteristiche che non si adattano certo alla vasca da 25m, buone le prove della Caponi nei 200 e 400sl. Chissà che, dopo i segnali dati dalla Musso, anche la Caponi possa ritrovare quella brillantezza che a fine 2015 l'aveva portata sul podio dei Mondiali Juniores e, in generale, a far parlare di un interessante gruppo di 400iste italiane che si andava formando. 4) Felice per il bel crono (con qualificazione mondiale) nei 100 misti di Marco Orsi. Su di lui in passato abbiamo scritto tanto (e il bolognese, con grandi prestazioni, non solo in vasca corta, ha meritato grandi elogi), primo tra tutti Silver che era il suo tifoso numero uno sul forum. Sarebbe bello vederlo tornare ai suoi migliori livelli anche nei 50 e 100sl.
 
0
risposta

Sono state diramate le convocazioni della nazionale per i mondiali di corta, che ho pensato di commentare qui per chiudere alcuni discorsi aperti con le gare degli ultimi fine-settimana, spero non sia troppo off-topic.

Nel comunicato uscito oggi viene anche reso noto che Dotto salterà l'evento a causa di un risentimento all'articolazione della spalla. Problemi fisici quindi non solo legati al problema intestinale, speriamo non sia nulla di grave, giusto comunque per lui riposare per cercare di arrivare in forma alla parte più importante della stagione la prossima estate.

In ottica staffetta quest'assenza ha portato alla convocazione, oltre che del preventivato Zazzeri, di entrambi gli atleti che hanno nuotato sub 48'' negli scorsi weekend, Nardini e Condorelli. Almeno uno dei due dovrebbe comunque essere solo riserva, considerando Miressi e Zazzeri titolari e auspicando di trovare un Orsi in forma anche sui 100sl. Idem nella 4x50 dove l'inserimento di Vergani potrebbe escludere entrambi dalla staffetta, anche se Miressi non esprimendosi al meglio sui 50 potrebbe lasciare spazio a Condorelli.

Integrata anche la 4x200 con Ciampi, Proietti Colonna e Zuin che dovrebbero affiancare Megli e Detti. Vedremo poi se in batteria ci sarà anche la volontà di provare a inserire Miressi, di cui comunque bisognerà sempre capire con che forma arriverà all'evento.

Infine integrate le miste come previsto con Martinenghi e Rivolta al maschile e con Carraro al femminile (per gli ultimi due mi ero fidato delle loro dichiarazioni post gara sul fatto che i tempi fatti a Livorno fossero sufficienti per la qualificazione, mentre si sono poi corretti successivamente perchè entrambi erano di qualche centesimo peggiori, ma alla fine comunque abbastanza vicini da convincere Butini). E' comunque, almeno per il momento, ancora in lista la Castiglioni nonostante i problemi che le hanno fatto saltare le ultime competizioni in corta. Niente convocazione invece per Silvia Scalia, più lontana ai tempi limite, nonostante il RI ottenuto nei 50, rispetto a Carraro e Rivolta ma che probabilmente avrebbe permesso alle miste femminili (e forse anche mista mista?) di essere più competitive, viste le caratteristiche che la rendono più efficace di Zofkova e Panziera in vasca corta, specie nei 50.

Nessuna integrazione per le staffette a stile libero femminili che quindi verosimilmente non verranno schierate (non so se ci sia anche una questione di qualificazione non raggiunta in questo evento). Si potrebbe azzardare una 4x200 Pellegrini-Musso-Quadarella-Panziera, ma non ne vedrei molto il senso. Praticamente impossibile invece trovare componenti tra le qualificate per le staffette veloci. In questo senso peraltro trovo significativa l'assenza della Ferraioli, che oltre ad essere stata negli ultimi anni la più salda componente di queste staffette è anche un'ottima interprete della gare in corta. Credo che quest'assenza potrebbe darle da riflettere sul proseguimento della sua carriera.

Sono state diramate le convocazioni della nazionale per i mondiali di corta, che ho pensato di commentare qui per chiudere alcuni discorsi aperti con le gare degli ultimi fine-settimana, spero non sia troppo off-topic. Nel comunicato uscito oggi viene anche reso noto che Dotto salterà l'evento a causa di un risentimento all'articolazione della spalla. Problemi fisici quindi non solo legati al problema intestinale, speriamo non sia nulla di grave, giusto comunque per lui riposare per cercare di arrivare in forma alla parte più importante della stagione la prossima estate. In ottica staffetta quest'assenza ha portato alla convocazione, oltre che del preventivato Zazzeri, di entrambi gli atleti che hanno nuotato sub 48'' negli scorsi weekend, Nardini e Condorelli. Almeno uno dei due dovrebbe comunque essere solo riserva, considerando Miressi e Zazzeri titolari e auspicando di trovare un Orsi in forma anche sui 100sl. Idem nella 4x50 dove l'inserimento di Vergani potrebbe escludere entrambi dalla staffetta, anche se Miressi non esprimendosi al meglio sui 50 potrebbe lasciare spazio a Condorelli. Integrata anche la 4x200 con Ciampi, Proietti Colonna e Zuin che dovrebbero affiancare Megli e Detti. Vedremo poi se in batteria ci sarà anche la volontà di provare a inserire Miressi, di cui comunque bisognerà sempre capire con che forma arriverà all'evento. Infine integrate le miste come previsto con Martinenghi e Rivolta al maschile e con Carraro al femminile (per gli ultimi due mi ero fidato delle loro dichiarazioni post gara sul fatto che i tempi fatti a Livorno fossero sufficienti per la qualificazione, mentre si sono poi corretti successivamente perchè entrambi erano di qualche centesimo peggiori, ma alla fine comunque abbastanza vicini da convincere Butini). E' comunque, almeno per il momento, ancora in lista la Castiglioni nonostante i problemi che le hanno fatto saltare le ultime competizioni in corta. Niente convocazione invece per Silvia Scalia, più lontana ai tempi limite, nonostante il RI ottenuto nei 50, rispetto a Carraro e Rivolta ma che probabilmente avrebbe permesso alle miste femminili (e forse anche mista mista?) di essere più competitive, viste le caratteristiche che la rendono più efficace di Zofkova e Panziera in vasca corta, specie nei 50. Nessuna integrazione per le staffette a stile libero femminili che quindi verosimilmente non verranno schierate (non so se ci sia anche una questione di qualificazione non raggiunta in questo evento). Si potrebbe azzardare una 4x200 Pellegrini-Musso-Quadarella-Panziera, ma non ne vedrei molto il senso. Praticamente impossibile invece trovare componenti tra le qualificate per le staffette veloci. In questo senso peraltro trovo significativa l'assenza della Ferraioli, che oltre ad essere stata negli ultimi anni la più salda componente di queste staffette è anche un'ottima interprete della gare in corta. Credo che quest'assenza potrebbe darle da riflettere sul proseguimento della sua carriera.
modificato Nov 23 a 3:32 pm
 
0
risposta

Idem nella 4x50 dove l'inserimento di Vergani potrebbe escludere entrambi dalla staffetta, anche se Miressi non esprimendosi al meglio sui 50 potrebbe lasciare spazio a Condorelli.

La 4x50 sl non c'è nel programma. C'è solo la mixed, sia a stile che mista.
Invece c'è tutto agli europei.
Auspicare un unico programma-gare è chiedere troppo.

Spiace l'assenza di De Tullio, anche per la staffetta.
La Scalia forse meritava la convocazione, però nella 4x100 mista non garantisce molto di più di Panziera e Zofkova. Nella 4x50 mista mixed, abbiamo visto che conviene sempre schierare dei maschi nelle prime due frazioni, salvo fenomeni.
Condorelli non l'avrei convocato. Se Miressi sta bene, c'è uno staffettista di troppo.

> Idem nella 4x50 dove l'inserimento di Vergani potrebbe escludere entrambi dalla staffetta, anche se Miressi non esprimendosi al meglio sui 50 potrebbe lasciare spazio a Condorelli. La 4x50 sl non c'è nel programma. C'è solo la mixed, sia a stile che mista. Invece c'è tutto agli europei. Auspicare un unico programma-gare è chiedere troppo. Spiace l'assenza di De Tullio, anche per la staffetta. La Scalia forse meritava la convocazione, però nella 4x100 mista non garantisce molto di più di Panziera e Zofkova. Nella 4x50 mista mixed, abbiamo visto che conviene sempre schierare dei maschi nelle prime due frazioni, salvo fenomeni. Condorelli non l'avrei convocato. Se Miressi sta bene, c'è uno staffettista di troppo.
modificato Nov 23 a 4:27 pm
 
0
risposta

Ho letto sulla gazzetta che il dt Butini ha dichiarato che "ai Mondiali di corta tutte le nazioni saranno presenti al completo tranne rare eccezioni".
Mah.., forse ha letto l'elenco dei partecipanti del, poi soppresso, Energy for Swim di Torino smile

In realtà l'Italia sarà forse l'unica nazione presente ai Mondiali di vasca corta al gran completo (a parte i pochi infortunati/sulla via del recupero), addirittura il Canada non ha convocato nessun nuotatore che abbia partecipato alle due manifestazioni più importanti del 2018, cioè CG e Panpacs, quindi sarà senza tutti i suoi atleti da medaglia, soprattutto in campo femminile. E, in generale, tante stelle del nuoto mondiale saranno assenti, nonostante la cancellazione dell succitato Energy for Swim di Torino che ne aveva attirate diverse che avevano già dichiarato la loro non partecipazione ai Mondiali di corta ad Hangzhou.
E' vero che gli Usa parteciperanno con una rappresentativa molto più qualificata che in passato (rappresentativa in cui comunque mancheranno, anche lì, tante punte), ma, quelli cinesi, restano mondiali di vasca corta e in più in un momento in cui varie stelle del nuoto mondiale, oltre a programmare il 2019, dimostrano scarso entusiasmo verso le manifestazioni Fina.

L'Italia, invece, e questa ormai è una consuetudine, onora al meglio tutte le manifestazioni "ufficiali", in vasca corta e lunga, a differenza di quasi tutte le altre nazioni.
Gli assenti hanno sempre torto, e mi sta bene che questo venga detto, ma è inutile far finta che siano presenti smile

Ho letto sulla gazzetta che il dt Butini ha dichiarato che "ai Mondiali di corta tutte le nazioni saranno presenti al completo tranne rare eccezioni". Mah.., forse ha letto l'elenco dei partecipanti del, poi soppresso, Energy for Swim di Torino :) In realtà l'Italia sarà forse l'unica nazione presente ai Mondiali di vasca corta al gran completo (a parte i pochi infortunati/sulla via del recupero), addirittura il Canada non ha convocato nessun nuotatore che abbia partecipato alle due manifestazioni più importanti del 2018, cioè CG e Panpacs, quindi sarà senza tutti i suoi atleti da medaglia, soprattutto in campo femminile. E, in generale, tante stelle del nuoto mondiale saranno assenti, nonostante la cancellazione dell succitato Energy for Swim di Torino che ne aveva attirate diverse che avevano già dichiarato la loro non partecipazione ai Mondiali di corta ad Hangzhou. E' vero che gli Usa parteciperanno con una rappresentativa molto più qualificata che in passato (rappresentativa in cui comunque mancheranno, anche lì, tante punte), ma, quelli cinesi, restano mondiali di vasca corta e in più in un momento in cui varie stelle del nuoto mondiale, oltre a programmare il 2019, dimostrano scarso entusiasmo verso le manifestazioni Fina. L'Italia, invece, e questa ormai è una consuetudine, onora al meglio tutte le manifestazioni "ufficiali", in vasca corta e lunga, a differenza di quasi tutte le altre nazioni. Gli assenti hanno sempre torto, e mi sta bene che questo venga detto, ma è inutile far finta che siano presenti ;)
 
0
risposta

Idem nella 4x50 dove l'inserimento di Vergani potrebbe escludere entrambi dalla staffetta, anche se Miressi non esprimendosi al meglio sui 50 potrebbe lasciare spazio a Condorelli.

La 4x50 sl non c'è nel programma. C'è solo la mixed, sia a stile che mista.
Invece c'è tutto agli europei.
Auspicare un unico programma-gare è chiedere troppo.

Nel programma ufficiale sono segnate anche 4x50 sl e 4x50 miste sia maschili che femminili, come prima gara nei giorni 2,4,5 e 6...

https://www.fina.org/sites/default/files/general/fina_world_swimming_championships_25m_hangzhou_2018-competition_schedule-rev.22.10.18.pdf

>> Idem nella 4x50 dove l'inserimento di Vergani potrebbe escludere entrambi dalla staffetta, anche se Miressi non esprimendosi al meglio sui 50 potrebbe lasciare spazio a Condorelli. >La 4x50 sl non c'è nel programma. C'è solo la mixed, sia a stile che mista. >Invece c'è tutto agli europei. >Auspicare un unico programma-gare è chiedere troppo. Nel programma ufficiale sono segnate anche 4x50 sl e 4x50 miste sia maschili che femminili, come prima gara nei giorni 2,4,5 e 6... https://www.fina.org/sites/default/files/general/fina_world_swimming_championships_25m_hangzhou_2018-competition_schedule-rev.22.10.18.pdf
modificato Nov 23 a 7:20 pm
 
1
risposta
Dettagli Discussione
4.24k
viste
421 risposte
9 followers
anteprima immediata
inserisci almeno 10 caratteri
ATTENZIONE: Hai menzionato %MENTIONS%, ma non possono vedere questo messaggio e non ne riceveranno notifica
Salvataggio...
Salvato
With selected deselect posts show selected posts
Tutti i messaggi di questo argomento saranno cancellato ?
Bozza in attesa ... Click per tornare alla modifica
Elimina la bozza