Advertisement

Non malvagio l'1'02"98 di Ceccon nei 100 rana

Non malvagio l'1'02"98 di Ceccon nei 100 rana
 
1
risposta

Sabato mattina a Milano la Fangio ha nuotato il personale nei 100 rana in 1'08"09, migliorando di 4 centesimi il tempo fatto registrare a Riccione lo scorso Dicembre. La gara è stata vinta dalla Castiglioni in 1'07"72.

Nella doppia distanza invece la Fangio ha nuotato in 2'27"34, circa 3 secondi in più rispetto al PB.

Sabato mattina a Milano la Fangio ha nuotato il personale nei 100 rana in 1'08"09, migliorando di 4 centesimi il tempo fatto registrare a Riccione lo scorso Dicembre. La gara è stata vinta dalla Castiglioni in 1'07"72. Nella doppia distanza invece la Fangio ha nuotato in 2'27"34, circa 3 secondi in più rispetto al PB.
 
0
risposta

Galossi 3'57"24.
UN po' il risultato che mi attendevo...vediamo ne i prossimi anni che ne uscirà fuori.
Qualora progredisse con costanza, fra 2 anni potremo già tirare qualche conclusione.

Galossi 3'57"24. UN po' il risultato che mi attendevo...vediamo ne i prossimi anni che ne uscirà fuori. Qualora progredisse con costanza, fra 2 anni potremo già tirare qualche conclusione.
 
1
risposta

Per la cronaca migliora il 4.02.71 di minicozzi tra i quattordicenni. Da annotare che il tempo è anche il minimo per il settecolli. Niente male. Di quattordicenni che abbiano partecipato agli italiani assoluti estivi mi ricordo di recente solo toniato e fraschi

Per la cronaca migliora il 4.02.71 di minicozzi tra i quattordicenni. Da annotare che il tempo è anche il minimo per il settecolli. Niente male. Di quattordicenni che abbiano partecipato agli italiani assoluti estivi mi ricordo di recente solo toniato e fraschi
 
0
risposta

Galossi 3'57"24.
UN po' il risultato che mi attendevo...vediamo nei prossimi anni che ne uscirà fuori.
Qualora progredisse con costanza, fra 2 anni potremo già tirare qualche conclusione.

3'57"24 è decisamente un crono molto significativo per un ragazzo 14enne, e costituisce un progresso rispetto al da noi molto elogiato 3'53"76 nuotato da Galossi in vasca corta ad inizio marzo, prima dell'interruzione delle gare causa Covid.

Alcuni dati:

1) Migliora di quasi 5 secondi e mezzo il precedente RI14 di Minicozzi (4.02.71)

2) E' migliore del 3'57"87 con cui il 16enne Luca De Tullio ha vinto i 400 sl nella categoria ragazzi agli ultimi Campionati italiani di categoria, nell'agosto 2019, mentre, tra i 14enni, cioè la categoria in cui si trova Galossi, vinse Mora in 4.09.91.

3) Nell'estate del 2019 Galossi vinse i Campionati regionali esordienti in 4.14.44, quindi ha progredito di 17 secondi abbondanti in un anno, nonostante i problemi causati (a tutti) dal Covid.

Detto questo, il futuro è tutto da scrivere, e abbiamo visto casi di ogni tipo.

>Galossi 3'57"24. >UN po' il risultato che mi attendevo...vediamo nei prossimi anni che ne uscirà fuori. >Qualora progredisse con costanza, fra 2 anni potremo già tirare qualche conclusione. 3'57"24 è decisamente un crono molto significativo per un ragazzo 14enne, e costituisce un progresso rispetto al da noi molto elogiato 3'53"76 nuotato da Galossi in vasca corta ad inizio marzo, prima dell'interruzione delle gare causa Covid. Alcuni dati: 1) Migliora di quasi 5 secondi e mezzo il precedente RI14 di Minicozzi (4.02.71) 2) E' migliore del 3'57"87 con cui il 16enne Luca De Tullio ha vinto i 400 sl nella categoria ragazzi agli ultimi Campionati italiani di categoria, nell'agosto 2019, mentre, tra i 14enni, cioè la categoria in cui si trova Galossi, vinse Mora in 4.09.91. 3) Nell'estate del 2019 Galossi vinse i Campionati regionali esordienti in 4.14.44, quindi ha progredito di 17 secondi abbondanti in un anno, nonostante i problemi causati (a tutti) dal Covid. Detto questo, il futuro è tutto da scrivere, e abbiamo visto casi di ogni tipo.
modificato Aug 4 a 10:37 pm
 
2
risposta

E dopo 100 e 400, Galossi non poteva certo farsi mancare il RI di categoria anche nei 200: in apertura di staffetta ha nuotato 1'53"58, migliorando di oltre un secondo il precedente di Minicozzi.

E dopo 100 e 400, Galossi non poteva certo farsi mancare il RI di categoria anche nei 200: in apertura di staffetta ha nuotato 1'53"58, migliorando di oltre un secondo il precedente di Minicozzi.
 
0
risposta

Tra me e me pensavo che nei 200 potesse scendere fino a 1'53"5 ed effettivamente, in staffetta, nuotando in prima frazione, arriva il terzo record italiano con 1'53"58, superando uno dei record più difficili del panorama giovanile, l'1"54"66 di Minicozzi.
Vediamo se saprà migliorarsi Venerdì, giornata in cui risulta iscritto anche nei 1500, con il 15'49"90 di Calloni ad altissima difficoltà di tenuta.

Tra me e me pensavo che nei 200 potesse scendere fino a 1'53"5 ed effettivamente, in staffetta, nuotando in prima frazione, arriva il terzo record italiano con 1'53"58, superando uno dei record più difficili del panorama giovanile, l'1"54"66 di Minicozzi. Vediamo se saprà migliorarsi Venerdì, giornata in cui risulta iscritto anche nei 1500, con il 15'49"90 di Calloni ad altissima difficoltà di tenuta.
 
0
risposta

terrei d'occhio anche il passaggio degli 800 a sto punto anche. Vedremo come influirà il 200 che si nuota prima. Per curiosità dove lo avete visto il crono della staffetta ? la fin non l'ha scritto e la fin lazio non da i passaggi. Se ho fatto i conti giusti col 3.57.24 galossi è in top ten ragazzi in italia tra il nono e il decimo tempo (non sono riuscita a vedere i crono di rosolino a 16 anni il dubbio mi viene da lì). A livello fino a 16 anni di recente solo Mantegazza l'anno scorso ha fatto meglio nei 400 misti sesto all time

terrei d'occhio anche il passaggio degli 800 a sto punto anche. Vedremo come influirà il 200 che si nuota prima. Per curiosità dove lo avete visto il crono della staffetta ? la fin non l'ha scritto e la fin lazio non da i passaggi. Se ho fatto i conti giusti col 3.57.24 galossi è in top ten ragazzi in italia tra il nono e il decimo tempo (non sono riuscita a vedere i crono di rosolino a 16 anni il dubbio mi viene da lì). A livello fino a 16 anni di recente solo Mantegazza l'anno scorso ha fatto meglio nei 400 misti sesto all time
 
0
risposta

Riportato su swimswam:

https://swimswam.com/galossi-firma-anche-il-record-italiano-di-categoria-nei-200-stile/

Effettivamente il risultato al momento appare ufficioso... In attesa di qualche fonte con i crismi dell'ufficialità

Riportato su swimswam: https://swimswam.com/galossi-firma-anche-il-record-italiano-di-categoria-nei-200-stile/ Effettivamente il risultato al momento appare ufficioso... In attesa di qualche fonte con i crismi dell'ufficialità
 
0
risposta

Riportato su swimswam:

https://swimswam.com/galossi-firma-anche-il-record-italiano-di-categoria-nei-200-stile/

Effettivamente il risultato al momento appare ufficioso... In attesa di qualche fonte con i crismi dell'ufficialità

Sulla pagina dei risultati continuano a non comparire i parziali della 4x200 sl vinta dal Tiro a Volo, ma anche su nuoto.com si dà notizia dell'1.53.58 in prima frazione di staffetta per Lorenzo Galossi.

In previsione del 1500 sl di venerdì mattina, qualche confronto sui miglioramenti, rispetto all'estate 2019, già fatti da Galossi (nato a fine maggio 2006) nelle altre distanze.

Nei 100 sl, nell'ultimo anno da esordiente, aveva un PB di 56.31 ed ora è passato a 52.76, quindi un progresso di 3 secondi e 55 centesimi.
Nei 200 sl aveva un PB di 2.01.33 ed ha ottenuto un 1.53.58, quindi un progresso di 7 secondi e 75 centesimi, cioè 3 secondi e 87 centesimi per ogni 100 metri.
Nei 400 sl aveva un PB di 4.14.44 ed ha nuotato 3.57.24, quindi un progresso di 17 secondi e 20 centesimi, cioè 4 secondi e 30 centesimi per ogni 100 metri.

Il fatto che il miglioramento per ogni 100 m aumenti con l'aumentare della distanza di gara è comprensibile, visto che stiamo parlando di un 14enne in crescita esponenziale, e d'altra parte è indicativo di come le caratteristiche naturali di Galossi possano trovare, anche nella piena maturità, nei 200 e 400 sl forse il terreno migliore per esprimersi al massimo.

Nei 1500 sl Galossi ha un PB da esordiente di 16.39.32 e ha già nuotato 15.40.59 in vasca corta nel periodo invernale.
Ipotizzando che nei 1500 sl (distanza dove conta molto la leggerezza e che forse è meno adatta a Galossi rispetto ai 400 sl) il progresso per ogni 100 metri si collochi intorno ai 3 secondi e 80 centesimi, si avrebbe un miglioramento di 57 secondi rispetto al 16.39 da esordiente, e quindi un crono intorno al 15.42.

Ho visto però che il programma di venerdì 7 agosto colloca i 1500 sl poco dopo (in mezzo ci sono solo due serie dei 200 dorso) i 200 sl, per cui questo impedirà a Galossi di esprimere il massimo nei 1500 sl.
La situazione migliorerebbe se, per i 200 sl, si partisse con la serie più forte (quella di Galossi) e a seguire si disputassero le altre sei. In questo caso aumenterebbe il tempo di recupero in vista dei successivi 1500 sl.

Ultimi riferimenti cronometrici.

Già adesso il 3.57.24 di Galossi nei 400 sl è migliore del record Usa per 14enni di Evan Pinion (3.57.61) ed il suo 1.53.58 nei 200 sl è a meno di 3 decimi dal record di Dare Rose (1.53.30).
Per curiosità, il record di categoria nei 1500 sl è del "mitico" Jesse Vassallo (15.31.03).
Questi record possono essere conseguiti fino ad un giorno prima dal compimento del 15esimo anno di età, quindi Galossi, in base alla normativa Usa, avrebbe ancora diversi mesi di tempo per migliorarli.

>Riportato su swimswam: >https://swimswam.com/galossi-firma-anche-il-record-italiano-di-categoria-nei-200-stile/ >Effettivamente il risultato al momento appare ufficioso... In attesa di qualche fonte con i crismi dell'ufficialità Sulla pagina dei risultati continuano a non comparire i parziali della 4x200 sl vinta dal Tiro a Volo, ma anche su nuoto.com si dà notizia dell'1.53.58 in prima frazione di staffetta per Lorenzo Galossi. In previsione del 1500 sl di venerdì mattina, qualche confronto sui miglioramenti, rispetto all'estate 2019, già fatti da Galossi (nato a fine maggio 2006) nelle altre distanze. Nei 100 sl, nell'ultimo anno da esordiente, aveva un PB di 56.31 ed ora è passato a 52.76, quindi un progresso di 3 secondi e 55 centesimi. Nei 200 sl aveva un PB di 2.01.33 ed ha ottenuto un 1.53.58, quindi un progresso di 7 secondi e 75 centesimi, cioè 3 secondi e 87 centesimi per ogni 100 metri. Nei 400 sl aveva un PB di 4.14.44 ed ha nuotato 3.57.24, quindi un progresso di 17 secondi e 20 centesimi, cioè 4 secondi e 30 centesimi per ogni 100 metri. Il fatto che il miglioramento per ogni 100 m aumenti con l'aumentare della distanza di gara è comprensibile, visto che stiamo parlando di un 14enne in crescita esponenziale, e d'altra parte è indicativo di come le caratteristiche naturali di Galossi possano trovare, anche nella piena maturità, nei 200 e 400 sl forse il terreno migliore per esprimersi al massimo. Nei 1500 sl Galossi ha un PB da esordiente di 16.39.32 e ha già nuotato 15.40.59 in vasca corta nel periodo invernale. Ipotizzando che nei 1500 sl (distanza dove conta molto la leggerezza e che forse è meno adatta a Galossi rispetto ai 400 sl) il progresso per ogni 100 metri si collochi intorno ai 3 secondi e 80 centesimi, si avrebbe un miglioramento di 57 secondi rispetto al 16.39 da esordiente, e quindi un crono intorno al 15.42. Ho visto però che il programma di venerdì 7 agosto colloca i 1500 sl poco dopo (in mezzo ci sono solo due serie dei 200 dorso) i 200 sl, per cui questo impedirà a Galossi di esprimere il massimo nei 1500 sl. La situazione migliorerebbe se, per i 200 sl, si partisse con la serie più forte (quella di Galossi) e a seguire si disputassero le altre sei. In questo caso aumenterebbe il tempo di recupero in vista dei successivi 1500 sl. Ultimi riferimenti cronometrici. Già adesso il 3.57.24 di Galossi nei 400 sl è migliore del record Usa per 14enni di Evan Pinion (3.57.61) ed il suo 1.53.58 nei 200 sl è a meno di 3 decimi dal record di Dare Rose (1.53.30). Per curiosità, il record di categoria nei 1500 sl è del "mitico" Jesse Vassallo (15.31.03). Questi record possono essere conseguiti fino ad un giorno prima dal compimento del 15esimo anno di età, quindi Galossi, in base alla normativa Usa, avrebbe ancora diversi mesi di tempo per migliorarli.
 
2
risposta

Post bellissimo, che inquadra statisticamente i miglioramenti del ragazzo.

Tra l'altro volevo anche io verificare i migliori tempi per i 14enni Usa, mi hai anticipato.

Altro quattordicenne molto particolare quanto a risultati è Thorpe, nato nell'ottobre del 1982, che nell'agosto del 1997 a 14 anni e 10 mesi ha nuotato in 1.51.46 e 3.49.64 ai Panpacifici di Fukuoka. Galossi è del Maggio 2006 quindi ha ancora 7 mesi per raggiungere la Thorpedo e sui 200 sono solo 2 secondi.
Più difficile possa ripetere i tempi di Ian a 15 anni (1.46.70 e 3.44.35 ai Commonwealth games di Kuala Lumpur nel settembre del 199smile.

Post bellissimo, che inquadra statisticamente i miglioramenti del ragazzo. Tra l'altro volevo anche io verificare i migliori tempi per i 14enni Usa, mi hai anticipato. Altro quattordicenne molto particolare quanto a risultati è Thorpe, nato nell'ottobre del 1982, che nell'agosto del 1997 a 14 anni e 10 mesi ha nuotato in 1.51.46 e 3.49.64 ai Panpacifici di Fukuoka. Galossi è del Maggio 2006 quindi ha ancora 7 mesi per raggiungere la Thorpedo e sui 200 sono solo 2 secondi. Più difficile possa ripetere i tempi di Ian a 15 anni (1.46.70 e 3.44.35 ai Commonwealth games di Kuala Lumpur nel settembre del 1998).
 
0
risposta

Post bellissimo, che inquadra statisticamente i miglioramenti del ragazzo.

Tra l'altro volevo anche io verificare i migliori tempi per i 14enni Usa, mi hai anticipato.

Altro quattordicenne molto particolare quanto a risultati è Thorpe, nato nell'ottobre del 1982, che nell'agosto del 1997 a 14 anni e 10 mesi ha nuotato in 1.51.46 e 3.49.64 ai Panpacifici di Fukuoka. Galossi è del Maggio 2006 quindi ha ancora 7 mesi per raggiungere la Thorpedo e sui 200 sono solo 2 secondi.
Più difficile possa ripetere i tempi di Ian a 15 anni (1.46.70 e 3.44.35 ai Commonwealth games di Kuala Lumpur nel settembre del 1998 ).

Ho evitato il raffronto con Thorpe perché è davvero troppo impegnativo per chiunque smile , ma, visto che hai citato il riferimento massimo in quanto a precocità (e anche risultati complessivi) nei 200 e 400 sl, sono andato a riguardarmi alcune tappe significative della carriera dell'immenso (anche fisicamente) Thorpe.

Intanto una similitudine, dal video postato da Pot, l'abbiamo già trovata: anche Galossi, come Thorpe, respira a sinistra smile

Thorpe è nato il 13 ottobre del 1982 e nel gennaio 1997 scese per la prima volta sotto i 4' nei 400 sl, nuotando 3.59.43, primo 14enne (aveva per la precisione 14 anni e 3 mesi) nella storia del nuoto australiano ad abbattere il muro dei 4'.
Abbiamo visto che Galossi ha ottenuto un 3.57.24 a 14 anni e 2 mesi, quindi fin qui saremmo addirittura in vantaggio smile , ma i successivi progressi di Thorpe furono davvero micidiali:

1) Nel marzo 1997, agli Assoluti australiani, giunse terzo nella finale dei 400 sl nuotando in 3.53.44 (a 14 anni e 5 mesi), ottenendo anche la qualificazione per i Panpacifici di Fukuoka, la stessa città che ospiterà i Mondiali 2001 dove Thorpe darà la sua massima dimostrazione di forza.

2) Nell'agosto 1997, ai Panpacifici di Fukuoka, arrivò secondo nella finale dei 400 sl in 3.49.64 (a 14 anni e 10 mesi). La gara fu vinta da Hackett in 3.47.27 e direi che fu quello l'ultimo successo di Hackett su Thorpe in un 400 sl.
E, come hai scritto, sempre a quei Panpacifici 1997 nuotò un 1.51.46 nei 200 sl.

3) Nel gennaio 1998, ai Mondiali di Perth, vinse i 400 sl in 3.46.29 (a 15 anni e 3 mesi appena compiuti, o forse nemmeno: dipende dal giorno in cui si svolse la finale dei 400 sl).

4) Nel marzo 1998, ai Campionati nazionali di Melbourne, vinse i 200 sl in 1.47.24 (a 15 anni e 5 mesi)

5) Nel settembre 1998, ai Giochi del Commonwealth di Kuala Lumpur, vinse i 200 sl in 1.46.70 (a un solo centesimo dall'ormai tante volte citato WR di Giorgio Lamberti) e i 400 sl in 3.44.35.

Quindi, come hai perfettamente scritto, a 15 anni e 11 mesi (cioè prima del compimento del 16esimo anno di età) Thorpe nuotò 1.46.70 nei 200 sl e 3.44.35 nei 400 sl, che lo rendevano, peraltro, il più forte nuotatore al mondo nei 200 sl e 400 sl.

Thorpe fu un fenomeno in tutti i sensi, anche di precocità, e - anche tenendo conto del citato progresso generale del nuoto - resta un riferimento quasi impossibile per chiunque.

A Galossi, rispettando i suoi tempi naturali di crescita, possiamo augurare di avere una carriera assai più longeva rispetto a quella del monumento Thorpe.
Per quanto riguarda i risultati e il dominio nei 200 e (soprattutto) 400 sl, vale quanto detto sopra: Thorpe è un riferimento quasi impossibile da eguagliare.

>Post bellissimo, che inquadra statisticamente i miglioramenti del ragazzo. >Tra l'altro volevo anche io verificare i migliori tempi per i 14enni Usa, mi hai anticipato. >Altro quattordicenne molto particolare quanto a risultati è Thorpe, nato nell'ottobre del 1982, che nell'agosto del 1997 a 14 anni e 10 mesi ha nuotato in 1.51.46 e 3.49.64 ai Panpacifici di Fukuoka. Galossi è del Maggio 2006 quindi ha ancora 7 mesi per raggiungere la Thorpedo e sui 200 sono solo 2 secondi. >Più difficile possa ripetere i tempi di Ian a 15 anni (1.46.70 e 3.44.35 ai Commonwealth games di Kuala Lumpur nel settembre del 1998 ). Ho evitato il raffronto con Thorpe perché è davvero troppo impegnativo per chiunque ;) , ma, visto che hai citato il riferimento massimo in quanto a precocità (e anche risultati complessivi) nei 200 e 400 sl, sono andato a riguardarmi alcune tappe significative della carriera dell'immenso (anche fisicamente) Thorpe. Intanto una similitudine, dal video postato da Pot, l'abbiamo già trovata: anche Galossi, come Thorpe, respira a sinistra :) Thorpe è nato il 13 ottobre del 1982 e nel gennaio 1997 scese per la prima volta sotto i 4' nei 400 sl, nuotando 3.59.43, primo 14enne (aveva per la precisione 14 anni e 3 mesi) nella storia del nuoto australiano ad abbattere il muro dei 4'. Abbiamo visto che Galossi ha ottenuto un 3.57.24 a 14 anni e 2 mesi, quindi fin qui saremmo addirittura in vantaggio ;) , ma i successivi progressi di Thorpe furono davvero micidiali: 1) Nel marzo 1997, agli Assoluti australiani, giunse terzo nella finale dei 400 sl nuotando in 3.53.44 (a 14 anni e 5 mesi), ottenendo anche la qualificazione per i Panpacifici di Fukuoka, la stessa città che ospiterà i Mondiali 2001 dove Thorpe darà la sua massima dimostrazione di forza. 2) Nell'agosto 1997, ai Panpacifici di Fukuoka, arrivò secondo nella finale dei 400 sl in 3.49.64 (a 14 anni e 10 mesi). La gara fu vinta da Hackett in 3.47.27 e direi che fu quello l'ultimo successo di Hackett su Thorpe in un 400 sl. E, come hai scritto, sempre a quei Panpacifici 1997 nuotò un 1.51.46 nei 200 sl. 3) Nel gennaio 1998, ai Mondiali di Perth, vinse i 400 sl in 3.46.29 (a 15 anni e 3 mesi appena compiuti, o forse nemmeno: dipende dal giorno in cui si svolse la finale dei 400 sl). 4) Nel marzo 1998, ai Campionati nazionali di Melbourne, vinse i 200 sl in 1.47.24 (a 15 anni e 5 mesi) 5) Nel settembre 1998, ai Giochi del Commonwealth di Kuala Lumpur, vinse i 200 sl in 1.46.70 (a un solo centesimo dall'ormai tante volte citato WR di Giorgio Lamberti) e i 400 sl in 3.44.35. Quindi, come hai perfettamente scritto, a 15 anni e 11 mesi (cioè prima del compimento del 16esimo anno di età) Thorpe nuotò 1.46.70 nei 200 sl e 3.44.35 nei 400 sl, che lo rendevano, peraltro, il più forte nuotatore al mondo nei 200 sl e 400 sl. Thorpe fu un fenomeno in tutti i sensi, anche di precocità, e - anche tenendo conto del citato progresso generale del nuoto - resta un riferimento quasi impossibile per chiunque. A Galossi, rispettando i suoi tempi naturali di crescita, possiamo augurare di avere una carriera assai più longeva rispetto a quella del monumento Thorpe. Per quanto riguarda i risultati e il dominio nei 200 e (soprattutto) 400 sl, vale quanto detto sopra: Thorpe è un riferimento quasi impossibile da eguagliare.
modificato Aug 5 a 7:09 pm
 
0
risposta

Intanto dura pochissimo il record di Galossi nei 100. Dalla Calabria, con furore, Passafaro abbassa il limite da 52"76 a 52"42 😁

Intanto dura pochissimo il record di Galossi nei 100. Dalla Calabria, con furore, Passafaro abbassa il limite da 52"76 a 52"42
modificato Aug 5 a 7:34 pm
 
1
risposta

vediamo la staffetta 4*100 sl venerdì per galossi se risponderà. non male comunque passafaro

vediamo la staffetta 4*100 sl venerdì per galossi se risponderà. non male comunque passafaro
 
0
risposta

vediamo la staffetta 4*100 sl venerdì per galossi se risponderà. non male comunque passafaro

Tra l'altro è nato pure ad Ottobre Passafaro....
Nei giorni precedenti aveva nuotato i 200 e i 50 che non facevano presagire a un risultato simile, in particolare il 25"46 nella distanza breve (oggi al passaggio ha fatto un tempo inferiore ed è ritornato pure forte)

>vediamo la staffetta 4*100 sl venerdì per galossi se risponderà. non male comunque passafaro Tra l'altro è nato pure ad Ottobre Passafaro.... Nei giorni precedenti aveva nuotato i 200 e i 50 che non facevano presagire a un risultato simile, in particolare il 25"46 nella distanza breve (oggi al passaggio ha fatto un tempo inferiore ed è ritornato pure forte)
 
0
risposta

Intanto dura pochissimo il record di Galossi nei 100. Dalla Calabria, con furore, Passafaro abbassa il limite da 52"76 a 52"42

Risultato strepitoso, che fa già sognare per la 4x100 sl (e 4x200 sl) italiana alle Olimpiadi del 2028 smile

Avevo citato brevemente Passafaro sul forum, ma ne avevo seguito i progressi nel corso della stagione, anche perché, già a fine 2019, è stato l'unico ad interrompere il dominio di Galossi nello stile libero.

Passafaro ha nuotato (ovviamente in vasca da 25 m) 24.24 nei 50 sl nel gennaio 2020, e 52.94 nei 100 sl nel dicembre 2019, e il 24.24 nei 50 sl aveva raggiunto la vetta di un ranking per il resto monopolizzato da Galossi, nello stile libero primo anno ragazzi.
Nei 200 sl Passafaro aveva come miglior crono 1.57.14 in vasca da 25 metri, prima della sosta forzata causa Covid.

In questi Campionati Calabresi di categoria ha nuotato un 1.58.54 nei 200 sl che costituisce comunque un progresso rispetto all'1.57.14 in vasca da 25 m, e ancor più rispetto al 2.07.10 in vasca da 50 m che aveva lo scorso anno da esordiente.

Nei 50 sl ha ottenuto un 25.46 che, come rilevato da Pot, non rispecchia certo il suo attuale valore, visto il passaggio che è stato in grado di fare nei 100 sl di oggi: 25.34, seguito da un 27.08 nella vasca di ritorno per un 52.42 complessivo che è davvero un grande crono, ancor di più se si pensa che Passafaro deve ancora compiere 14 anni.

Da esordiente il PB di Passafaro nei 100 sl in vasca da 50 m era di 56.12, quindi siamo a 3 secondi e 7 decimi di progresso, lievemente superiore, per ora, a quello di Galossi nella stessa distanza.

Quindi, se Galossi appare forse più portato per i 200 e 400 sl, ma è impressionante il suo range che va dai 100 ai 1500 sl, Passafaro appare estremamente vocato per i 100 sl, e poi per i 50 e 200 sl.

Insomma, se Galossi è Thorpe, Passafaro è Van den Hoogenband (o Biondi) smile

>Intanto dura pochissimo il record di Galossi nei 100. Dalla Calabria, con furore, Passafaro abbassa il limite da 52"76 a 52"42 Risultato strepitoso, che fa già sognare per la 4x100 sl (e 4x200 sl) italiana alle Olimpiadi del 2028 8) Avevo citato brevemente Passafaro sul forum, ma ne avevo seguito i progressi nel corso della stagione, anche perché, già a fine 2019, è stato l'unico ad interrompere il dominio di Galossi nello stile libero. Passafaro ha nuotato (ovviamente in vasca da 25 m) 24.24 nei 50 sl nel gennaio 2020, e 52.94 nei 100 sl nel dicembre 2019, e il 24.24 nei 50 sl aveva raggiunto la vetta di un ranking per il resto monopolizzato da Galossi, nello stile libero primo anno ragazzi. Nei 200 sl Passafaro aveva come miglior crono 1.57.14 in vasca da 25 metri, prima della sosta forzata causa Covid. In questi Campionati Calabresi di categoria ha nuotato un 1.58.54 nei 200 sl che costituisce comunque un progresso rispetto all'1.57.14 in vasca da 25 m, e ancor più rispetto al 2.07.10 in vasca da 50 m che aveva lo scorso anno da esordiente. Nei 50 sl ha ottenuto un 25.46 che, come rilevato da Pot, non rispecchia certo il suo attuale valore, visto il passaggio che è stato in grado di fare nei 100 sl di oggi: 25.34, seguito da un 27.08 nella vasca di ritorno per un 52.42 complessivo che è davvero un grande crono, ancor di più se si pensa che Passafaro deve ancora compiere 14 anni. Da esordiente il PB di Passafaro nei 100 sl in vasca da 50 m era di 56.12, quindi siamo a 3 secondi e 7 decimi di progresso, lievemente superiore, per ora, a quello di Galossi nella stessa distanza. Quindi, se Galossi appare forse più portato per i 200 e 400 sl, ma è impressionante il suo range che va dai 100 ai 1500 sl, Passafaro appare estremamente vocato per i 100 sl, e poi per i 50 e 200 sl. Insomma, se Galossi è Thorpe, Passafaro è Van den Hoogenband (o Biondi) ;)
modificato Aug 5 a 9:36 pm
 
1
risposta

Sempre partendo dal presupposto che i record di precocità non sono importanti, ma contano i risultati all'apice della carriera e la longevità della carriera stessa, ho comunque fatto una ricerca in rete per cercare di capire quali siano stati i migliori crono realizzati da 13enni e 14enni nei 100 sl in vasca da 50 m.

Per i 13enni ho trovato un solo crono migliore del 52.42 di Davide Passafaro, e cioè il 52.29 che il 13enne Kyle Chalmers nuotò il 12 aprile 2012, quando aveva 13 anni e 9 mesi.
Poi ho trovato un 52.58 del tedesco Johannes Hintze, ottenuto nel 2013, mentre tra gli statunitensi i migliori crono di 13enni sono il 53.63 di Andrew Trepanier nel 2014 e il 53.99 di Dare Rose nel 2016.
E i più volte citati David Popovici e Jacob Whittle? Di Popovici non ho trovato quasi nessun risultato a 13 anni, mentre Whittle ha realizzato il record britannico tra i 13enni con un 53.59.

Se si considerano i 14enni le cose ovviamente cambiano molto.
Il più veloce è David Popovici, vincitore dei 100 sl agli Eyof 2019 in 49.82, a 14 anni e 10 mesi.
Poi c'è Jacob Whittle, che ha nuotato 49.97 in due occasioni, la prima agli Eurojuniors di inizio luglio 2019 (a 14 anni e 9 mesi) e poi nel turno preliminare degli Eyof già citati.
Per Kyle Chalmers ho trovato come miglior crono, prima del compimento del 15esimo anno di età, il 50.86 nuotato il 10 aprile 2013, mentre tra gli statunitensi il record tra i 14enni appartiene a Michael Andrew con 51.30.

Ciò detto, quello che importa è la progressione di anno in anno, e quindi sono andato a vedere le due superstar della distanza: Kyle Chalmers e Caeleb Dressel.

Kyle Chalmers, nato nel giugno del 1998, ha ottenuto 52.29 a 13 anni, 50.86 a 14 anni, 49.68 a 15 anni, 49.27 a 16 anni. Poi ha vinto con 48.47 i Mondiali Junior di Singapore 2015 a 17 anni e 2 mesi, e l'anno successivo il titolo olimpico in 47.58 a 18 anni e 1 mese.
Qualche problema fisico nel post-Rio ha fatto sì che il suo miglior crono del 2017 sia stato un 48.20, poi nel 2018, dopo avere subito una inaspettata sconfitta da Duncan Scott nella finale dei CG di Gold Coast, ha vinto i Panpacifici di Tokyo in 48.00.
Infine, il ritorno alla piena efficienza fisica nel 2019, con PB migliorato in stagione fino al 47.08 dei Mondiali (a 21 anni e 1 mese esatto), che gli è valso solo l'argento perché Dressel è stato capace di nuotare uno straordinario 46.96.

Se Chalmers è stato sia molto precoce che poi estremamente solido nella progressione cronometrica di anno in anno, Dressel ha avuto (solo in questo smile ) una "partenza un po' meno veloce dai blocchi" rispetto al suo grande rivale australiano.

Dressel è nato nell'agosto 1996 e il primo crono significativo che ho trovato è stato un 52.53 del 9 agosto 2011, pochi giorni prima di compiere i 15 anni.
Nel maggio del 2012 si è portato a 51.40 (a 15 anni e 9 mesi), poi a fine agosto 2013, ai Mondiali Junior di Dubai, a 48.97 (a 17 anni).
L'anno seguente fu difficile, con problemi respiratori che gli impedirono una buona preparazione, per cui realizzò un 49.93 ai Campionati nazionali di Irvine, nell'agosto 2014.
Recupero nel 2015, e ai Campionati nazionali di San Antonio, pochi giorni prima di compiere 19 anni, portò il PB a 48.78.
Nel 2016 si qualificò per i 100 sl olimpici e nella batteria di Rio, una settimana prima di compiere i 20 anni, infranse la barriera dei 48" nuotando in 47.91.
Il 2017 fu l'anno della consacrazione a livelli siderali, con il titolo mondiale a Budapest in 47.17 (a 20 anni e 11 mesi).
2018 complicato, dopo un'entusiasmante conclusione di carriera universitaria, anche per un incidente motociclistico di cui si seppe in ritardo, e miglior crono ai Panpacifici in 48.13.
Infine, Dressel di nuovo inarrestabile nel 2019, con conferma del titolo mondiale e prima volta sotto i 47" in virtù del 46.96 di Gwangju (a 22 anni e 11 mesi).

Sempre partendo dal presupposto che i record di precocità non sono importanti, ma contano i risultati all'apice della carriera e la longevità della carriera stessa, ho comunque fatto una ricerca in rete per cercare di capire quali siano stati i migliori crono realizzati da 13enni e 14enni nei 100 sl in vasca da 50 m. Per i 13enni ho trovato un solo crono migliore del 52.42 di Davide Passafaro, e cioè il 52.29 che il 13enne Kyle Chalmers nuotò il 12 aprile 2012, quando aveva 13 anni e 9 mesi. Poi ho trovato un 52.58 del tedesco Johannes Hintze, ottenuto nel 2013, mentre tra gli statunitensi i migliori crono di 13enni sono il 53.63 di Andrew Trepanier nel 2014 e il 53.99 di Dare Rose nel 2016. E i più volte citati David Popovici e Jacob Whittle? Di Popovici non ho trovato quasi nessun risultato a 13 anni, mentre Whittle ha realizzato il record britannico tra i 13enni con un 53.59. Se si considerano i 14enni le cose ovviamente cambiano molto. Il più veloce è David Popovici, vincitore dei 100 sl agli Eyof 2019 in 49.82, a 14 anni e 10 mesi. Poi c'è Jacob Whittle, che ha nuotato 49.97 in due occasioni, la prima agli Eurojuniors di inizio luglio 2019 (a 14 anni e 9 mesi) e poi nel turno preliminare degli Eyof già citati. Per Kyle Chalmers ho trovato come miglior crono, prima del compimento del 15esimo anno di età, il 50.86 nuotato il 10 aprile 2013, mentre tra gli statunitensi il record tra i 14enni appartiene a Michael Andrew con 51.30. Ciò detto, quello che importa è la progressione di anno in anno, e quindi sono andato a vedere le due superstar della distanza: Kyle Chalmers e Caeleb Dressel. Kyle Chalmers, nato nel giugno del 1998, ha ottenuto 52.29 a 13 anni, 50.86 a 14 anni, 49.68 a 15 anni, 49.27 a 16 anni. Poi ha vinto con 48.47 i Mondiali Junior di Singapore 2015 a 17 anni e 2 mesi, e l'anno successivo il titolo olimpico in 47.58 a 18 anni e 1 mese. Qualche problema fisico nel post-Rio ha fatto sì che il suo miglior crono del 2017 sia stato un 48.20, poi nel 2018, dopo avere subito una inaspettata sconfitta da Duncan Scott nella finale dei CG di Gold Coast, ha vinto i Panpacifici di Tokyo in 48.00. Infine, il ritorno alla piena efficienza fisica nel 2019, con PB migliorato in stagione fino al 47.08 dei Mondiali (a 21 anni e 1 mese esatto), che gli è valso solo l'argento perché Dressel è stato capace di nuotare uno straordinario 46.96. Se Chalmers è stato sia molto precoce che poi estremamente solido nella progressione cronometrica di anno in anno, Dressel ha avuto (solo in questo :) ) una "partenza un po' meno veloce dai blocchi" rispetto al suo grande rivale australiano. Dressel è nato nell'agosto 1996 e il primo crono significativo che ho trovato è stato un 52.53 del 9 agosto 2011, pochi giorni prima di compiere i 15 anni. Nel maggio del 2012 si è portato a 51.40 (a 15 anni e 9 mesi), poi a fine agosto 2013, ai Mondiali Junior di Dubai, a 48.97 (a 17 anni). L'anno seguente fu difficile, con problemi respiratori che gli impedirono una buona preparazione, per cui realizzò un 49.93 ai Campionati nazionali di Irvine, nell'agosto 2014. Recupero nel 2015, e ai Campionati nazionali di San Antonio, pochi giorni prima di compiere 19 anni, portò il PB a 48.78. Nel 2016 si qualificò per i 100 sl olimpici e nella batteria di Rio, una settimana prima di compiere i 20 anni, infranse la barriera dei 48" nuotando in 47.91. Il 2017 fu l'anno della consacrazione a livelli siderali, con il titolo mondiale a Budapest in 47.17 (a 20 anni e 11 mesi). 2018 complicato, dopo un'entusiasmante conclusione di carriera universitaria, anche per un incidente motociclistico di cui si seppe in ritardo, e miglior crono ai Panpacifici in 48.13. Infine, Dressel di nuovo inarrestabile nel 2019, con conferma del titolo mondiale e prima volta sotto i 47" in virtù del 46.96 di Gwangju (a 22 anni e 11 mesi).
modificato Aug 6 a 4:19 pm
 
3
risposta

Bellissima la tua ricerca.
Ormai anticipi anche le mie esigenze di approfondimento statistico.
Rimuginavo ieri sui fenomeni di precocità. Mi sovveniva ( ho verificato, poi naturalmente)
Kornelia Ender medaglia d'argento a 13 anni e 10 mesi a Monaco sui 200 ms e la grandissima Kristina Egserzesi oro a Seul a 14 anni appena compiuti, senza scomodare la più recente Ruta Melutyte oro olimpico a Londra a 15 anni e 4 mesi.
Fra gli uomini sua maestà Phelps, quarto alle olimpiadi di Sydney a 15 anni e 2 mesi, e Holland, WR dei 1500 m a 15 anni nel 1973. In Italia, prima della Pellegrini, la Calligaris, primatista italiana a 13 anni.

Bellissima la tua ricerca. Ormai anticipi anche le mie esigenze di approfondimento statistico. Rimuginavo ieri sui fenomeni di precocità. Mi sovveniva ( ho verificato, poi naturalmente) Kornelia Ender medaglia d'argento a 13 anni e 10 mesi a Monaco sui 200 ms e la grandissima Kristina Egserzesi oro a Seul a 14 anni appena compiuti, senza scomodare la più recente Ruta Melutyte oro olimpico a Londra a 15 anni e 4 mesi. Fra gli uomini sua maestà Phelps, quarto alle olimpiadi di Sydney a 15 anni e 2 mesi, e Holland, WR dei 1500 m a 15 anni nel 1973. In Italia, prima della Pellegrini, la Calligaris, primatista italiana a 13 anni.
 
1
risposta

La Pilato argento mondiale a 14 anni la vogliamo dimenticare? Ricordiamo anche gyurta argento olimpico a 15 anni. Intanto il ri14 dei 200 sl ha vita ancora più breve di quello dei 100 galossi stamattina ha nuotato 1.52.39

La Pilato argento mondiale a 14 anni la vogliamo dimenticare? Ricordiamo anche gyurta argento olimpico a 15 anni. Intanto il ri14 dei 200 sl ha vita ancora più breve di quello dei 100 galossi stamattina ha nuotato 1.52.39
modificato Aug 7 a 10:46 am
 
0
risposta

La Pilato argento mondiale a 14 anni la vogliamo dimenticare? Ricordiamo anche gyurta argento olimpico a 15 anni. Intanto il ri14 dei 200 sl ha vita ancora più breve di quello dei 100 galossi stamattina ha nuotato 1.52.39

Un tempone! Fatemi sgonare smile sono già proiettato alle olimpiadi 2024 e 2028 smilesmile
a parte gi scherzi (ma mica tanto) ho trovato anche i passaggi:

1’52″39 (26″81, 56″03, 1’25″09)

quasi in negative split!! ultima vasca in 27"30! smile

>La Pilato argento mondiale a 14 anni la vogliamo dimenticare? Ricordiamo anche gyurta argento olimpico a 15 anni. Intanto il ri14 dei 200 sl ha vita ancora più breve di quello dei 100 galossi stamattina ha nuotato 1.52.39 Un tempone! Fatemi sgonare :) sono già proiettato alle olimpiadi 2024 e 2028 :) :) a parte gi scherzi (ma mica tanto) ho trovato anche i passaggi: 1’52″39 (26″81, 56″03, 1’25″09) quasi in negative split!! ultima vasca in 27"30! :)
 
0
risposta
Dettagli Discussione
17.33k
viste
600 risposte
22 followers
anteprima immediata
inserisci almeno 10 caratteri
ATTENZIONE: Hai menzionato %MENTIONS%, ma non possono vedere questo messaggio e non ne riceveranno notifica
Salvataggio...
Salvato
With selected deselect posts show selected posts
Tutti i messaggi di questo argomento saranno cancellato ?
Bozza in attesa ... Click per tornare alla modifica
Elimina la bozza