Advertisement
Siamo giunti al termine, ho visto quello che non volevo vedere sul finale.... Mi riferisco, partendo nell'ordine dei gamberi, al 1500 di Melloulli. Nuota bene e forte, beffa Hacket di poco che appare stanco o ancora incapace di gestire mentalmente uno scontro alla pari. Certo Melloulli non è proprio il simbolo della correttezza sportiva, del fairplay, insomma, veramente pochi atleti sono usciti sporchi da una vicenda di doping con un mea culpa e vederlo lì in cima, sentire l'inno, mi ha dato fastidio. Si va forte, fortissimo. Qualcosa è cambiato, più di 20 record vengono abbattuti, distrutti, massacrati. Sicuramente l'innovazione tecnica (costume) ha dato il suo contributo a questo ma l'evoluzione del nuoto come scienza (metodo e tipologia di allenamento) penso siano il motore principale di questi cambiamenti. Noi siamo lì, lontani da tutto e tutti. La mia sensazione è che ci siamo dedicati molto alla velocità (mi sa che in quei giorni la Chiuso era in vacanza), un salto che andava fatto ma che, in fase transitoria, abbiamo leggermente pagato. Magno è fuori subito ma con il suo passaggio più veloce. Colbertaldo si dà più in forma per il 400 che per il 1500 e così è, un ottimo 800m e poi se la fa letteralmente addosso appena vede arrivare alle spalle le cuffie del tunisino e del cinese. Quello che fa strano è vedere che soffre "a tenere" e che passa in 57'' con estrema facilità. Ma nuota male, malissimo. Nelle batterie dei 1500 è indubbiamente quello che nuota peggio, parte peggio, vira peggio. Prima di riaffrontare un discorso fisiologico dovrebbe, per un bel pò di tempo, intraprendere un percorso di lavoro tecnico che però, conoscendo Bane, non ci sarà mai. E' vero, visto lo stato dell'Italia in questa Olimpiade un oro ed un record del mondo fa perdonare tutto a Pellegrini. Qualcosa mi resta qui, all'altezza dello sterno e proprio non scende. Castagnetti non ha sbagliato niente. Il ruolo di un allenatore è quello di metterti in condizione di ottenere un risultato cronometrico. Se poi gli altri van più forte, pazienza, è la legge dello sport a cronometro. Lei però questo risultato lo ottiene anche nei 400 ma lo fa al momento sbagliato. L'errore è solo suo. Lui l'aveva "costruita" perfettamente per fare quel tempo che sarebbe valso, in finale, una medaglia d'oro. Non riesco proprio a perdonarla. Così anche per la prestazione in staffetta, non si può fare un tempo più alto del passaggio del 200. Altrettanto non si può dire di Alessia Filippi, fantastica. Ricoperta di eccessive aspettative sui 400mx, migliora il personale di oltre 1'' nuotando una gara tatticamente impeccabile. Criticarla per qualche errore tecnico negli 800? Ma anche no! Imposta la gara con la sua capacità, con la sua testa (e quanta ne ha!) e come un robot, colpisce. Vira un pò a testa alta? Non dimentichiamoci esser nata come dorsista, certi gesti non si deautomatizzano con facilità e, spesse volte, è proprio bene non farlo. Mi sentirei di darle la mia medaglia del 3° posto ma così non è, sarei troppo patriotta. Che si può andare forte anche a distanza di poco tempo gli altri ce lo fanno vedere. La regolarità di prestazioni della Coventry fa scuola, non perde mai in concentrazione e non molla bracciata su bracciata facendo incetta di medaglie e, finalmente, conquistando l'oro nei 200 do. Certo che il peso olimpico sia tosto lo si vede in diverse occasioni, la veracità della Soni è da paura però, riguardando la gara, la Jhones non penso abbia pagato la presenza dell'americana quanto il cronometro. Cioè, la Jhones è andata fortissimo.... ma la Soni ha volato. Vince il più veloce, quello che copre la distanza in minor tempo rispetto agli altri. E ancora a dar fiato alle trombe contro Castagnetti per le prestazioni della Chiuso, di Colbertaldo, di Magnini... ma lo si sa che lui allena Marin? Marin è stato, con Boggiato, la mia rivelazione olimpionica. Al 7Colli fanno piange i gatti e qui si migliorano entrambi sensibilmente (leviamo quella strafinale di Marin, un caso). Così si fa. Non si possono fare super record a 1 mese e 1/2 dall'evento clou e fare flop a Pechino. Lui era veramente carico di lavoro e qui ha fatto vedere che c'è, che nuota sui suoi livelli (mi pare + 6 decimi sui 400mx dal suo stratosferico personale). Una preparazione spostata, un pò come se avessimo paura di arrivare troppo carichi, questo mi è parso di vedere. Ancora di "ansia da prestazione" mi vien da parlare pensando ad Eamon Sullivan. Con Bernard accanto (consideriamo per cortesia il fattore onde che non ha avuto in semifinale) non riesce ad esprimersi al meglio; con Cielo Fhilo accanto (50m) non centra neanche la finale, con Jhon Lezak accanto (4x100mx) non riesce a prendere quel giusto ritmo che avrebbe forse potuto vederlo più sotto, almeno nei primi 50m. Altrettanto non si può dire della Rice, brava, grintosa e dotata di quella veracità e da qualcosa che ho letto e sentito di superficialità proprio nel senso di esser dura come l'amianto che le danno la possibilità di esser sempre serena, mai ansiosa e riuscire così ad esprimersi al 120%. La mia medaglia per il 3° posto va a lei. Non capisco molto il flop Hoff, un pò "l'altra manadou" dell'olimpiade. Non riesce a centrarne una, sbaglia un pò tutto. Si, il 400mx ai ritmi Rice era quasi innuotabile, così il 200 a ritmi Federica, e forse anche il 400sl a ritmi.... Ah si, che ho scritto prima? Si va forte, fortissimo. Lei non è pronta ad andare così forte. In sostanza, è andata mooolto vicina ai suoi personali con i quali, non avrebbe cambiato le sorti della propria olimpiade (tranne in un caso). E per chiudere lancio un sasso a quella che è la "sfiga sportiva". Tu puoi essere forte quanto vuoi, intelligente, diligente, acquatico, devoto al sacrificio, dotato di spirito tattico e, perchè no, puoi anche mettere un paio di record del mondo ma se nasci in quegli anni che ti fanno nuotare contro Michael Phelps non hai possibilità di essere il n°1. Per questo a Laszlo Czech va la mia medaglia per il 2° posto. Non occorre aggiungere altro, il cannibale di Baltimora ha parlato a suon di record, di infaticabilità, di capacità fisiche e tattiche (la scelta della bracciata in più nei 100 df). Non esiste e non è mai esistito un atleta capace di tanto. Ebbene si, lui è il LEONARDO dello sport. Ha la mia medaglia del 1° posto, mi ha regalato grandi emozioni. Ultimo applauso all'organizzazione cinese. Gli atleti in gara hanno parlato benissimo di tutto, dal villaggio olimpico, all'organizzazione delle gare. Non ho volutamente parlato di Magnini, l'ennesimo commento del bambino "non è colpa mia" non merita più che una riga. E' stata una settimana bellissima.
Siamo giunti al termine, ho visto quello che non volevo vedere sul finale.... Mi riferisco, partendo nell'ordine dei gamberi, al 1500 di Melloulli. Nuota bene e forte, beffa Hacket di poco che appare stanco o ancora incapace di gestire mentalmente uno scontro alla pari. Certo Melloulli non è proprio il simbolo della correttezza sportiva, del fairplay, insomma, veramente pochi atleti sono usciti sporchi da una vicenda di doping con un mea culpa e vederlo lì in cima, sentire l'inno, mi ha dato fastidio. Si va forte, fortissimo. Qualcosa è cambiato, più di 20 record vengono abbattuti, distrutti, massacrati. Sicuramente l'innovazione tecnica (costume) ha dato il suo contributo a questo ma l'evoluzione del nuoto come scienza (metodo e tipologia di allenamento) penso siano il motore principale di questi cambiamenti. Noi siamo lì, lontani da tutto e tutti. La mia sensazione è che ci siamo dedicati molto alla velocità (mi sa che in quei giorni la Chiuso era in vacanza), un salto che andava fatto ma che, in fase transitoria, abbiamo leggermente pagato. Magno è fuori subito ma con il suo passaggio più veloce. Colbertaldo si dà più in forma per il 400 che per il 1500 e così è, un ottimo 800m e poi se la fa letteralmente addosso appena vede arrivare alle spalle le cuffie del tunisino e del cinese. Quello che fa strano è vedere che soffre "a tenere" e che passa in 57'' con estrema facilità. Ma nuota male, malissimo. Nelle batterie dei 1500 è indubbiamente quello che nuota peggio, parte peggio, vira peggio. Prima di riaffrontare un discorso fisiologico dovrebbe, per un bel pò di tempo, intraprendere un percorso di lavoro tecnico che però, conoscendo Bane, non ci sarà mai. E' vero, visto lo stato dell'Italia in questa Olimpiade un oro ed un record del mondo fa perdonare tutto a Pellegrini. Qualcosa mi resta qui, all'altezza dello sterno e proprio non scende. Castagnetti non ha sbagliato niente. Il ruolo di un allenatore è quello di metterti in condizione di ottenere un risultato cronometrico. Se poi gli altri van più forte, pazienza, è la legge dello sport a cronometro. Lei però questo risultato lo ottiene anche nei 400 ma lo fa al momento sbagliato. L'errore è solo suo. Lui l'aveva "costruita" perfettamente per fare quel tempo che sarebbe valso, in finale, una medaglia d'oro. Non riesco proprio a perdonarla. Così anche per la prestazione in staffetta, non si può fare un tempo più alto del passaggio del 200. Altrettanto non si può dire di Alessia Filippi, fantastica. Ricoperta di eccessive aspettative sui 400mx, migliora il personale di oltre 1'' nuotando una gara tatticamente impeccabile. Criticarla per qualche errore tecnico negli 800? Ma anche no! Imposta la gara con la sua capacità, con la sua testa (e quanta ne ha!) e come un robot, colpisce. Vira un pò a testa alta? Non dimentichiamoci esser nata come dorsista, certi gesti non si deautomatizzano con facilità e, spesse volte, è proprio bene non farlo. Mi sentirei di darle la mia medaglia del 3° posto ma così non è, sarei troppo patriotta. Che si può andare forte anche a distanza di poco tempo gli altri ce lo fanno vedere. La regolarità di prestazioni della Coventry fa scuola, non perde mai in concentrazione e non molla bracciata su bracciata facendo incetta di medaglie e, finalmente, conquistando l'oro nei 200 do. Certo che il peso olimpico sia tosto lo si vede in diverse occasioni, la veracità della Soni è da paura però, riguardando la gara, la Jhones non penso abbia pagato la presenza dell'americana quanto il cronometro. Cioè, la Jhones è andata fortissimo.... ma la Soni ha volato. Vince il più veloce, quello che copre la distanza in minor tempo rispetto agli altri. E ancora a dar fiato alle trombe contro Castagnetti per le prestazioni della Chiuso, di Colbertaldo, di Magnini... ma lo si sa che lui allena Marin? Marin è stato, con Boggiato, la mia rivelazione olimpionica. Al 7Colli fanno piange i gatti e qui si migliorano entrambi sensibilmente (leviamo quella strafinale di Marin, un caso). Così si fa. Non si possono fare super record a 1 mese e 1/2 dall'evento clou e fare flop a Pechino. Lui era veramente carico di lavoro e qui ha fatto vedere che c'è, che nuota sui suoi livelli (mi pare + 6 decimi sui 400mx dal suo stratosferico personale). Una preparazione spostata, un pò come se avessimo paura di arrivare troppo carichi, questo mi è parso di vedere. Ancora di "ansia da prestazione" mi vien da parlare pensando ad Eamon Sullivan. Con Bernard accanto (consideriamo per cortesia il fattore onde che non ha avuto in semifinale) non riesce ad esprimersi al meglio; con Cielo Fhilo accanto (50m) non centra neanche la finale, con Jhon Lezak accanto (4x100mx) non riesce a prendere quel giusto ritmo che avrebbe forse potuto vederlo più sotto, almeno nei primi 50m. Altrettanto non si può dire della Rice, brava, grintosa e dotata di quella veracità e da qualcosa che ho letto e sentito di superficialità proprio nel senso di esser dura come l'amianto che le danno la possibilità di esser sempre serena, mai ansiosa e riuscire così ad esprimersi al 120%. La mia medaglia per il 3° posto va a lei. Non capisco molto il flop Hoff, un pò "l'altra manadou" dell'olimpiade. Non riesce a centrarne una, sbaglia un pò tutto. Si, il 400mx ai ritmi Rice era quasi innuotabile, così il 200 a ritmi Federica, e forse anche il 400sl a ritmi.... Ah si, che ho scritto prima? Si va forte, fortissimo. Lei non è pronta ad andare così forte. In sostanza, è andata mooolto vicina ai suoi personali con i quali, non avrebbe cambiato le sorti della propria olimpiade (tranne in un caso). E per chiudere lancio un sasso a quella che è la "sfiga sportiva". Tu puoi essere forte quanto vuoi, intelligente, diligente, acquatico, devoto al sacrificio, dotato di spirito tattico e, perchè no, puoi anche mettere un paio di record del mondo ma se nasci in quegli anni che ti fanno nuotare contro Michael Phelps non hai possibilità di essere il n°1. Per questo a Laszlo Czech va la mia medaglia per il 2° posto. Non occorre aggiungere altro, il cannibale di Baltimora ha parlato a suon di record, di infaticabilità, di capacità fisiche e tattiche (la scelta della bracciata in più nei 100 df). Non esiste e non è mai esistito un atleta capace di tanto. Ebbene si, lui è il LEONARDO dello sport. Ha la mia medaglia del 1° posto, mi ha regalato grandi emozioni. Ultimo applauso all'organizzazione cinese. Gli atleti in gara hanno parlato benissimo di tutto, dal villaggio olimpico, all'organizzazione delle gare. Non ho volutamente parlato di Magnini, l'ennesimo commento del bambino "non è colpa mia" non merita più che una riga. E' stata una settimana bellissima.
modificato Aug 17 '08 a 9:52 am
 
0
risposta
Non ho volutamente parlato di Magnini, l'ennesimo commento del bambino "non è colpa mia" non merita più che una riga. E' stata una settimana bellissima. magnini ha dichiarato che ha sbaglato lui ma che "bambino" è? che dici?
Non ho volutamente parlato di Magnini, l'ennesimo commento del bambino "non è colpa mia" non merita più che una riga. E' stata una settimana bellissima. magnini ha dichiarato che ha sbaglato lui ma che "bambino" è? che dici?
modificato Aug 17 '08 a 2:22 pm
 
0
risposta
Non dobbiamo dimenticare la riscossa dell'Europa nel settore femminile. Tutte le 5 e gare di libero donne sono state vinte da atlete europee, più la 4x100 stile. In totale 6 vittorie all' Europa, 7 all'Australia, 2 agli USA. Negli uomini invece strapotere assoluto degli yankee con 10 ori, agli altri le briciole. Un oro soltanto per l'Europa con Bernard
Non dobbiamo dimenticare la riscossa dell'Europa nel settore femminile. Tutte le 5 e gare di libero donne sono state vinte da atlete europee, più la 4x100 stile. In totale 6 vittorie all' Europa, 7 all'Australia, 2 agli USA. Negli uomini invece strapotere assoluto degli yankee con 10 ori, agli altri le briciole. Un oro soltanto per l'Europa con Bernard
modificato Aug 17 '08 a 2:44 pm
 
0
risposta
Ancora di "ansia da prestazione" mi vien da parlare pensando ad Eamon Sullivan. Con Bernard accanto (consideriamo per cortesia il fattore onde che non ha avuto in semifinale) non riesce ad esprimersi al meglio; con Cielo Fhilo accanto (50m) non centra neanche la finale, con Jhon Lezak accanto (4x100mx) non riesce a prendere quel giusto ritmo che avrebbe forse potuto vederlo più sotto, almeno nei primi 50m. Sullivan fuori dai 50 stile??? ma l'hai vista la gara??? Ma nuota male, malissimo. Nelle batterie dei 1500 è indubbiamente quello che nuota peggio, parte peggio, vira peggio. Prima di riaffrontare un discorso fisiologico dovrebbe, per un bel pò di tempo, intraprendere un percorso di lavoro tecnico che però, conoscendo Bane, non ci sarà mai. E poi dovresti aver maggior rispetto di un allenatore come Bane che da quando allena ha sempre portato grandi risultati, il miglioramento tecnico di colbertaldo negli anni è più che evidente!
Ancora di "ansia da prestazione" mi vien da parlare pensando ad Eamon Sullivan. Con Bernard accanto (consideriamo per cortesia il fattore onde che non ha avuto in semifinale) non riesce ad esprimersi al meglio; con Cielo Fhilo accanto (50m) non centra neanche la finale, con Jhon Lezak accanto (4x100mx) non riesce a prendere quel giusto ritmo che avrebbe forse potuto vederlo più sotto, almeno nei primi 50m. Sullivan fuori dai 50 stile??? ma l'hai vista la gara??? Ma nuota male, malissimo. Nelle batterie dei 1500 è indubbiamente quello che nuota peggio, parte peggio, vira peggio. Prima di riaffrontare un discorso fisiologico dovrebbe, per un bel pò di tempo, intraprendere un percorso di lavoro tecnico che però, conoscendo Bane, non ci sarà mai. E poi dovresti aver maggior rispetto di un allenatore come Bane che da quando allena ha sempre portato grandi risultati, il miglioramento tecnico di colbertaldo negli anni è più che evidente!
modificato Aug 17 '08 a 4:26 pm
 
0
risposta
Sullivan fuori dai 50 stile??? ma l'hai vista la gara??? Scusa la svista, nella concitazione del lungo scritto: non centra il podio, correggerò anche altrove. Colbertaldo è un grandissimo atleta, nel senso di capacità atletiche ma tecnicamente ho visto veramente dei miglioramenti microscopici. Si punta molto il dito verso Castagnetti senza far occhio al dovuto rispetto, personalmente lo punto altrove. Federico l'ho visto nuotare la prima volta circa 6 anni fa a Viareggio, scrivevamo entrambi altrove. Il commento che ne uscì lì per lì fu: "singolari capacità, diventerà veramente forte ma, se non cambierà qualcosa, incontrerà scogli una volta giunto ad alti livelli dove a pagare è anche il gesto".
Sullivan fuori dai 50 stile??? ma l'hai vista la gara??? Scusa la svista, nella concitazione del lungo scritto: non centra il podio, correggerò anche altrove. Colbertaldo è un grandissimo atleta, nel senso di capacità atletiche ma tecnicamente ho visto veramente dei miglioramenti microscopici. Si punta molto il dito verso Castagnetti senza far occhio al dovuto rispetto, personalmente lo punto altrove. Federico l'ho visto nuotare la prima volta circa 6 anni fa a Viareggio, scrivevamo entrambi altrove. Il commento che ne uscì lì per lì fu: "singolari capacità, diventerà veramente forte ma, se non cambierà qualcosa, incontrerà scogli una volta giunto ad alti livelli dove a pagare è anche il gesto".
modificato Aug 17 '08 a 5:28 pm
 
0
risposta
potrò sembrare di parte, ma mi sento di difendere Colbertaldo. Ha fatto un ottima olimpiade, tenendo conto che i suoi tempi in qualsiasi altra manifestazione fino ad oggi sarebbero valsi la finale alla stragrandissima. In particolare, proprio il 1500 in cui si dice fosse meno in forma. 14'51" fino ad un mese fa era un sogno lontanissimo per qualsiasi italiano, adesso ci sembra normale? Parliamoci chiaramente: Federico quest'anno è sceso di quasi 8 secondi sui 1500 e non sono pochi. Se questo tempo fantaSCIENZYfico non è bastato ad entrare in finale non è colpa sua, ma del livello stratosferico cui si è gareggiato. Dire che ha avuto timore, altrettanto, mi sembra ridicolo, in quanto uno che ha timore reverenziale non prova a passare forte con quei pesi massimi in vasca. Ma del resto, vista la prima batteria con 3 atleti sotto il 14'50" se non ci provava che poteva fare? Tra l'altro, lui per primo non sarà soddisfatto perché è un lottatore (anche se non sembra visto il "fisichino" in mezzo a quei mostri), perché si sbatte come pochi e perché si danna l'anima sempre e comunque. A questo aggiungerei che non mi sembra proprio il caso di citare Bane come un allenatore che non cura i particolari...ho nuotato una vita contro gli atleti allenati da lui, così i miei compagni e comagne di squadra...allena da oltre 20 anni nello stesso posto e in una cittadina piccolissima come Montebelluna riesce a trovare sempre talenti e a far uscire il meglio...che si vuole di più? Solo per citarne qualcuno oltre Colbertaldo, direi che tutti ricorderanno Moreno Gallina, Chiara Giavi (indimenticata dorsista di talento in memoria della quale è ora una bellissima manifestazione), il nostro CocaDj e così via. Per tornare alla classifica, invece, concordo ovviamente sui primi posti. Io citerei, al fianco della Rice, Britta Steffen che pur non essendo la più veloce del gruppo, si prende una doppietta splendida 50-100 stilelibero. ico
potrò sembrare di parte, ma mi sento di difendere Colbertaldo. Ha fatto un ottima olimpiade, tenendo conto che i suoi tempi in qualsiasi altra manifestazione fino ad oggi sarebbero valsi la finale alla stragrandissima. In particolare, proprio il 1500 in cui si dice fosse meno in forma. 14'51" fino ad un mese fa era un sogno lontanissimo per qualsiasi italiano, adesso ci sembra normale? Parliamoci chiaramente: Federico quest'anno è sceso di quasi 8 secondi sui 1500 e non sono pochi. Se questo tempo fantaSCIENZYfico non è bastato ad entrare in finale non è colpa sua, ma del livello stratosferico cui si è gareggiato. Dire che ha avuto timore, altrettanto, mi sembra ridicolo, in quanto uno che ha timore reverenziale non prova a passare forte con quei pesi massimi in vasca. Ma del resto, vista la prima batteria con 3 atleti sotto il 14'50" se non ci provava che poteva fare? Tra l'altro, lui per primo non sarà soddisfatto perché è un lottatore (anche se non sembra visto il "fisichino" in mezzo a quei mostri), perché si sbatte come pochi e perché si danna l'anima sempre e comunque. A questo aggiungerei che non mi sembra proprio il caso di citare Bane come un allenatore che non cura i particolari...ho nuotato una vita contro gli atleti allenati da lui, così i miei compagni e comagne di squadra...allena da oltre 20 anni nello stesso posto e in una cittadina piccolissima come Montebelluna riesce a trovare sempre talenti e a far uscire il meglio...che si vuole di più? Solo per citarne qualcuno oltre Colbertaldo, direi che tutti ricorderanno Moreno Gallina, Chiara Giavi (indimenticata dorsista di talento in memoria della quale è ora una bellissima manifestazione), il nostro CocaDj e così via. Per tornare alla classifica, invece, concordo ovviamente sui primi posti. Io citerei, al fianco della Rice, Britta Steffen che pur non essendo la più veloce del gruppo, si prende una doppietta splendida 50-100 stilelibero. ico
modificato Aug 17 '08 a 5:38 pm
 
0
risposta
Ringrazio swimmer per la bella discussione aperta. Concordo con lui in alcuni punti (beh su Phelps chi non concorderebbe?) Io farei una disamina su vari argomenti. Partenze e virate. Hai ragione, oramai l'apnea è diventata fondamentale anche sui 1500 (poco ma c'è), se vedevate Hackett prendeva mezzo metro ogni virata a tutti. Coughlin ha vinto i 100 dorso grazie a una apnea fantastica ai 50 metri. La Coventry in aprtenza è un vero disastro a dorso, e nei 100 l'ha pagato caro. Questi particolari vanno curati, ma in Italia il tempo per farlo spesso non c'è o non si trova. Non parlo gia' dei professionisti, parlo a livello giovanile dove sovente c'è appena il tempo per svolgere le parti condizionali (sob) poi tutti a casa perchè c'è il telefilm serale...vabbè questo è un altro discorso. Avete però visto come si vincono i 200 dorso (Lochte prende in apnea un metro a tutti), o il delfino (Phelps è dietro esce dall'apnea e te lo trovi sul collo). Partenze con Filippi che cade in acqua non sono tollerabili, così che i nostri duecentisti di indubbio valore prendano due metri nei primi 20. Questione costume: è un vero attrezzo tecnico a tutti gli effetti, fa parte della prestazione degli atleti. Ora dovrà essere scelto con cura, sono d'accordo a vietarlo nel settore giovanile perchè l'atleta deve prima essere costruito e poi il costume costruito su di lui, non viceversa. La questione dalla nazionale è stata gestita con fretta non penso per incuria (a nessuno piace giocare senza i mezzi adatti) quanto per la comparsa di un nuovo attrezzo all'ultimo. Arena obiettivamente era scarso, non adatto e lo si conosceva (nessun titolo ripeto nessuno è stato vinto con Arena, persino Adidas ha fatto meglio...sob), questo lo so per certo. Ora che ci piaccia o no il progresso è questo, allora costruiamo anche noi centisti da cento chili oppure costruiamogli addosso un costume che pareggi le prestazioni dei muscolati. Atleti: Mellouli ha fatto una pessima figura, ha pagato ma sappiamo bene che i problemi doping sono ben altri (e molto, molto più grossi). Non giustifico lui, nè alcun altro, ma non nascondiamo il doping dietro il caso di un amfetamina (il doping degli anni 40 e 50...). Altri atleti che ho visto e nessuno dico nessuno ha citato sono i cinesi. Insomma ci si deve rendere conto che hanno i mezzi, il parco umano (perchè così è) per ben figurare da qui alle prossime stagioni. Squadra non sempre giovane (le staffette sono composte da ragazzi giovani ma anche ultra ventenni, segno di un lavoro continuato nel tempo), ha vinto un oro nel delfino ma ricordiamo che la stileliberista è uscita per squalifica dopo il bronzo dei 200. Medaglia in quasi tutte le staffette femminili, protagonista spesso tra i maschi. Squadra britannica ignorata, e invece signori hanno infilato due ori e un bronzo, con la stessa atleta certo ma hanno una squadra soprattutto femminile che può solo crescere. Francia la regina della velocità, un oro due argenti e un bronzo (butta un oro sicuro ma ha molte medaglie), rana maschile con due bronzi con Dubosq. Femminucce ce ne sono, con la GB è la squadra più completa in Europa. E poi medaglie per Tunisia, Corea, Giappone Zimbabwe, Brasile; malesi e venezuelani in finale. Per cui un parco mondiale che si sta veramente allargando. Se il nuoto portasse piscine in Africa vedremmo sicuro molti più atleti di quel continente (che nell'atletica vedono grandi guadagni e riscatto). E l'Italia? La piccola Italia, perchè siamo un piccolo paese, ha fatto quel che può. Certo si poteva far di più, ma perchè lamentarsi? E' la nostra seconda miglior Olimpiade dopo Sidney, l'unico vero rimpianto sono i 400 stile della Pellegrini per una condotta di gara scriteriata (per motivi che riguardano lei e Castagnetti e basta, e che loro dovranno risolvere). La mia considerazione è che tutto è fatto a livello dilettantistico in un paese dove piscina=grandi affari e agonismo=rottura di palle. Le società che investono sono pochissime, mentre gli spazi sono ridotti. Spesso poi quando si accorgono quanto si spende riducono tutto drasticamente, fino quasi a chiudere (caso Lapresse è la punta dell'iceberg). Invece in Europa si sta capendo quanto il metodo americano è illuminato, che l'atleta non è un ignorantone che deve mollare tutto per lo sport, ma va guidato e assecondato. I ragazzi vanno a scuola, fanno sport e crescono in modo intelligente. Lo sport non è quello per cui "e' una perdita di tempo invece di studiare" ma "bravo fai sport allora ci penso io a farti studiare, anche se magari non sei proprio Carlo Rubbia". In Italia, e mi dispiace, ma siamo ancorati e lo resteremo per molto alla storia dei gruppi militari, a un dilettantismo di fondo dietro a una preparazione da professionisti. Australia e USA vanno alle Olimpiadi con allenatori per ogni stile, preparatori, motivatori, addetti stampa e ognuno fa il suo lavoro e basta; il capo tecnico dice due parole, mentre da noi Castagnetti fa tutto e i tecnici presenti sono troppo pochi e poco a conoscenza di tutte le caratteristiche dei ragazzi. Sarà questione di soldi, non lo so ma ci vogliono più tecnici a seguire tutto, se non ci sono un motivo ci sarà. Anche grosse società hanno un allenatore che segue troppi atleti, spesso forti. Così non va, deve cambiare la mentalità perchè un professionista richiederebbe allenatori professionisti. Questo il mio parere, chiaro. Un saluto bierre
Ringrazio swimmer per la bella discussione aperta. Concordo con lui in alcuni punti (beh su Phelps chi non concorderebbe?) Io farei una disamina su vari argomenti. Partenze e virate. Hai ragione, oramai l'apnea è diventata fondamentale anche sui 1500 (poco ma c'è), se vedevate Hackett prendeva mezzo metro ogni virata a tutti. Coughlin ha vinto i 100 dorso grazie a una apnea fantastica ai 50 metri. La Coventry in aprtenza è un vero disastro a dorso, e nei 100 l'ha pagato caro. Questi particolari vanno curati, ma in Italia il tempo per farlo spesso non c'è o non si trova. Non parlo gia' dei professionisti, parlo a livello giovanile dove sovente c'è appena il tempo per svolgere le parti condizionali (sob) poi tutti a casa perchè c'è il telefilm serale...vabbè questo è un altro discorso. Avete però visto come si vincono i 200 dorso (Lochte prende in apnea un metro a tutti), o il delfino (Phelps è dietro esce dall'apnea e te lo trovi sul collo). Partenze con Filippi che cade in acqua non sono tollerabili, così che i nostri duecentisti di indubbio valore prendano due metri nei primi 20. Questione costume: è un vero attrezzo tecnico a tutti gli effetti, fa parte della prestazione degli atleti. Ora dovrà essere scelto con cura, sono d'accordo a vietarlo nel settore giovanile perchè l'atleta deve prima essere costruito e poi il costume costruito su di lui, non viceversa. La questione dalla nazionale è stata gestita con fretta non penso per incuria (a nessuno piace giocare senza i mezzi adatti) quanto per la comparsa di un nuovo attrezzo all'ultimo. Arena obiettivamente era scarso, non adatto e lo si conosceva (nessun titolo ripeto nessuno è stato vinto con Arena, persino Adidas ha fatto meglio...sob), questo lo so per certo. Ora che ci piaccia o no il progresso è questo, allora costruiamo anche noi centisti da cento chili oppure costruiamogli addosso un costume che pareggi le prestazioni dei muscolati. Atleti: Mellouli ha fatto una pessima figura, ha pagato ma sappiamo bene che i problemi doping sono ben altri (e molto, molto più grossi). Non giustifico lui, nè alcun altro, ma non nascondiamo il doping dietro il caso di un amfetamina (il doping degli anni 40 e 50...). Altri atleti che ho visto e nessuno dico nessuno ha citato sono i cinesi. Insomma ci si deve rendere conto che hanno i mezzi, il parco umano (perchè così è) per ben figurare da qui alle prossime stagioni. Squadra non sempre giovane (le staffette sono composte da ragazzi giovani ma anche ultra ventenni, segno di un lavoro continuato nel tempo), ha vinto un oro nel delfino ma ricordiamo che la stileliberista è uscita per squalifica dopo il bronzo dei 200. Medaglia in quasi tutte le staffette femminili, protagonista spesso tra i maschi. Squadra britannica ignorata, e invece signori hanno infilato due ori e un bronzo, con la stessa atleta certo ma hanno una squadra soprattutto femminile che può solo crescere. Francia la regina della velocità, un oro due argenti e un bronzo (butta un oro sicuro ma ha molte medaglie), rana maschile con due bronzi con Dubosq. Femminucce ce ne sono, con la GB è la squadra più completa in Europa. E poi medaglie per Tunisia, Corea, Giappone Zimbabwe, Brasile; malesi e venezuelani in finale. Per cui un parco mondiale che si sta veramente allargando. Se il nuoto portasse piscine in Africa vedremmo sicuro molti più atleti di quel continente (che nell'atletica vedono grandi guadagni e riscatto). E l'Italia? La piccola Italia, perchè siamo un piccolo paese, ha fatto quel che può. Certo si poteva far di più, ma perchè lamentarsi? E' la nostra seconda miglior Olimpiade dopo Sidney, l'unico vero rimpianto sono i 400 stile della Pellegrini per una condotta di gara scriteriata (per motivi che riguardano lei e Castagnetti e basta, e che loro dovranno risolvere). La mia considerazione è che tutto è fatto a livello dilettantistico in un paese dove piscina=grandi affari e agonismo=rottura di palle. Le società che investono sono pochissime, mentre gli spazi sono ridotti. Spesso poi quando si accorgono quanto si spende riducono tutto drasticamente, fino quasi a chiudere (caso Lapresse è la punta dell'iceberg). Invece in Europa si sta capendo quanto il metodo americano è illuminato, che l'atleta non è un ignorantone che deve mollare tutto per lo sport, ma va guidato e assecondato. I ragazzi vanno a scuola, fanno sport e crescono in modo intelligente. Lo sport non è quello per cui "e' una perdita di tempo invece di studiare" ma "bravo fai sport allora ci penso io a farti studiare, anche se magari non sei proprio Carlo Rubbia". In Italia, e mi dispiace, ma siamo ancorati e lo resteremo per molto alla storia dei gruppi militari, a un dilettantismo di fondo dietro a una preparazione da professionisti. Australia e USA vanno alle Olimpiadi con allenatori per ogni stile, preparatori, motivatori, addetti stampa e ognuno fa il suo lavoro e basta; il capo tecnico dice due parole, mentre da noi Castagnetti fa tutto e i tecnici presenti sono troppo pochi e poco a conoscenza di tutte le caratteristiche dei ragazzi. Sarà questione di soldi, non lo so ma ci vogliono più tecnici a seguire tutto, se non ci sono un motivo ci sarà. Anche grosse società hanno un allenatore che segue troppi atleti, spesso forti. Così non va, deve cambiare la mentalità perchè un professionista richiederebbe allenatori professionisti. Questo il mio parere, chiaro. Un saluto bierre
modificato Aug 17 '08 a 6:30 pm
 
0
risposta
Sullivan fuori dai 50 stile??? ma l'hai vista la gara??? E poi dovresti aver maggior rispetto di un allenatore come Bane che da quando allena ha sempre portato grandi risultati, il miglioramento tecnico di colbertaldo negli anni è più che evidente! nessuno lo mette in dubbio ma se all'estero tutte queste cose vengono fatte meglio significa che NN E' DI LIVELLO MONDIALI e per competere a livello mondiale non solo servono talenti di livello mondiale ma anche tecnici nn è vero che i nostri partono e virano come gli altri? uno prende le analisi delle gare (che usciranno prima o poi) e trarrà le giuste considerazioni può darsi incece che colby sia effettivamente bravo in questi particolari l'analisi della gara lo evidenzierà fatto sta che a sydney fioravanti per vincere l'oro dovette nuotare 1"1 meglio di ed moses! ragazzi, un secondo e un decimo! non 3 decimi una cosa pazzesca! fosse stato bravo ed moses nel nuotato già allora avremmo avuto uno da 59"2 e senza costumoni! per intenderci così come VdH che perdeva una marea, già allora si comprendeva come un limite per i 100 metri fosse sul 47"3 quindi quando arriverà un talento da 46"5 (con il costumone) nn stupiamoci!
Sullivan fuori dai 50 stile??? ma l'hai vista la gara??? E poi dovresti aver maggior rispetto di un allenatore come Bane che da quando allena ha sempre portato grandi risultati, il miglioramento tecnico di colbertaldo negli anni è più che evidente! nessuno lo mette in dubbio ma se all'estero tutte queste cose vengono fatte meglio significa che NN E' DI LIVELLO MONDIALI e per competere a livello mondiale non solo servono talenti di livello mondiale ma anche tecnici nn è vero che i nostri partono e virano come gli altri? uno prende le analisi delle gare (che usciranno prima o poi) e trarrà le giuste considerazioni può darsi incece che colby sia effettivamente bravo in questi particolari l'analisi della gara lo evidenzierà fatto sta che a sydney fioravanti per vincere l'oro dovette nuotare 1"1 meglio di ed moses! ragazzi, un secondo e un decimo! non 3 decimi una cosa pazzesca! fosse stato bravo ed moses nel nuotato già allora avremmo avuto uno da 59"2 e senza costumoni! per intenderci così come VdH che perdeva una marea, già allora si comprendeva come un limite per i 100 metri fosse sul 47"3 quindi quando arriverà un talento da 46"5 (con il costumone) nn stupiamoci!
modificato Aug 17 '08 a 8:57 pm
 
0
risposta
nn è vero che i nostri partono e virano come gli altri? uno prende le analisi delle gare (che usciranno prima o poi) e trarrà le giuste considerazioni Non per rendere meno sistematico o scientifico un lavoro di questo tipo... ma eventualmente (non entro nel merito dei nostri nei confronti di questi fondamentali, per carità) si vede a occhio nudo, no? Dico: ai fini delle nostre discussioni
nn è vero che i nostri partono e virano come gli altri? uno prende le analisi delle gare (che usciranno prima o poi) e trarrà le giuste considerazioni Non per rendere meno sistematico o scientifico un lavoro di questo tipo... ma eventualmente (non entro nel merito dei nostri nei confronti di questi fondamentali, per carità) si vede a occhio nudo, no? Dico: ai fini delle nostre discussioni
modificato Aug 18 '08 a 6:35 am
 
0
risposta
Io voglio dire solo una cosa... Nella staffetta finale la 4x100 mista in corsia 7 c'era la Nuova Zelanda... Italia era in corsia 8. se non era per la coppa america il 90% delle persone nemmeno sapeva dove si trovava... o la confondeva per una delle tante isole tropicali... dico la Nuova Zelanda...4 milioni e mezzo di abitanti, con la vela e il Rugby sport principali. Questo al dice lunga sulla situazione del nuoto in italia, sulla scarsa organizzazione, mancanza di volonta', manifesta incapacita' tecnica, non esiste che paesi come la svezia, la finlandia, dove 3-4 mesi l'anno puoi al massimo fare un tuffo nel mar baltico o in qualche laghetto con un accogliente acqua da 13-15 C e d'inverno devi avere il paraflu non l'acqua nelle piscine altrimenti ti si ghiaccia... Siamo realisti, le colpe sono evidenti.... Tecnicamente molti atleti fanno ridere in confronto ai migliori, nelle piccole cose sono imbarazzanti, subacque e tuffi sono da fiera di paese per molti. Ci sono sport ancora piu' oscui minori, con ancora meno soldi, nessuno sponsor eppure primeggiamo anno dopo anno, nel nuoto facciamo ridere ieri oggi domani, se 1 oro e 1 argento e' tutto quello che si ottiene e si deve pure restare contenti, cioe' dico 4 ori in tutta la storia delle olimpiadi non puo' essere solo un caso, o frutto della scarsezza di mezzi economici e proprio frutto di incapacita', scarsa lungimiranza, paura ' di innovare, di stare al passo con le tendenze, di provare cose nuove...
Io voglio dire solo una cosa... Nella staffetta finale la 4x100 mista in corsia 7 c'era la Nuova Zelanda... Italia era in corsia 8. se non era per la coppa america il 90% delle persone nemmeno sapeva dove si trovava... o la confondeva per una delle tante isole tropicali... dico la Nuova Zelanda...4 milioni e mezzo di abitanti, con la vela e il Rugby sport principali. Questo al dice lunga sulla situazione del nuoto in italia, sulla scarsa organizzazione, mancanza di volonta', manifesta incapacita' tecnica, non esiste che paesi come la svezia, la finlandia, dove 3-4 mesi l'anno puoi al massimo fare un tuffo nel mar baltico o in qualche laghetto con un accogliente acqua da 13-15 C e d'inverno devi avere il paraflu non l'acqua nelle piscine altrimenti ti si ghiaccia... Siamo realisti, le colpe sono evidenti.... Tecnicamente molti atleti fanno ridere in confronto ai migliori, nelle piccole cose sono imbarazzanti, subacque e tuffi sono da fiera di paese per molti. Ci sono sport ancora piu' oscui minori, con ancora meno soldi, nessuno sponsor eppure primeggiamo anno dopo anno, nel nuoto facciamo ridere ieri oggi domani, se 1 oro e 1 argento e' tutto quello che si ottiene e si deve pure restare contenti, cioe' dico 4 ori in tutta la storia delle olimpiadi non puo' essere solo un caso, o frutto della scarsezza di mezzi economici e proprio frutto di incapacita', scarsa lungimiranza, paura ' di innovare, di stare al passo con le tendenze, di provare cose nuove...
modificato Aug 18 '08 a 2:20 pm
 
0
risposta
Io voglio dire solo una cosa... Nella staffetta finale la 4x100 mista in corsia 7 c'era la Nuova Zelanda... Italia era in corsia 8. se non era per la coppa america il 90% delle persone nemmeno sapeva dove si trovava... o la confondeva per una delle tante isole tropicali... dico la Nuova Zelanda...4 milioni e mezzo di abitanti, con la vela e il Rugby sport principali. Questo al dice lunga sulla situazione del nuoto in italia, sulla scarsa organizzazione, mancanza di volonta', manifesta incapacita' tecnica, non esiste che paesi come la svezia, la finlandia, dove 3-4 mesi l'anno puoi al massimo fare un tuffo nel mar baltico o in qualche laghetto con un accogliente acqua da 13-15 C e d'inverno devi avere il paraflu non l'acqua nelle piscine altrimenti ti si ghiaccia... Siamo realisti, le colpe sono evidenti.... Tecnicamente molti atleti fanno ridere in confronto ai migliori, nelle piccole cose sono imbarazzanti, subacque e tuffi sono da fiera di paese per molti. Ci sono sport ancora piu' oscui minori, con ancora meno soldi, nessuno sponsor eppure primeggiamo anno dopo anno, nel nuoto facciamo ridere ieri oggi domani, se 1 oro e 1 argento e' tutto quello che si ottiene e si deve pure restare contenti, cioe' dico 4 ori in tutta la storia delle olimpiadi non puo' essere solo un caso, o frutto della scarsezza di mezzi economici e proprio frutto di incapacita', scarsa lungimiranza, paura ' di innovare, di stare al passo con le tendenze, di provare cose nuove... No Mazzy, non esageriamo. Indubbiamente si poteva fare qualcosina di piu', ma da qui a dipingere un' Italia addirittura da terzo mondo nel nuoto ce ne corre. La Nuova Zelanda era in finale nella corsia al nostro fianco, e' vero. Se questo e' un indizio della nostra presunta pochezza natatoria allora mi consolo:vuol dire che Francia, Svezia, Canada sono paesi da quarto mondo, dato che in finale non ci sono neanche andati.....
Io voglio dire solo una cosa... Nella staffetta finale la 4x100 mista in corsia 7 c'era la Nuova Zelanda... Italia era in corsia 8. se non era per la coppa america il 90% delle persone nemmeno sapeva dove si trovava... o la confondeva per una delle tante isole tropicali... dico la Nuova Zelanda...4 milioni e mezzo di abitanti, con la vela e il Rugby sport principali. Questo al dice lunga sulla situazione del nuoto in italia, sulla scarsa organizzazione, mancanza di volonta', manifesta incapacita' tecnica, non esiste che paesi come la svezia, la finlandia, dove 3-4 mesi l'anno puoi al massimo fare un tuffo nel mar baltico o in qualche laghetto con un accogliente acqua da 13-15 C e d'inverno devi avere il paraflu non l'acqua nelle piscine altrimenti ti si ghiaccia... Siamo realisti, le colpe sono evidenti.... Tecnicamente molti atleti fanno ridere in confronto ai migliori, nelle piccole cose sono imbarazzanti, subacque e tuffi sono da fiera di paese per molti. Ci sono sport ancora piu' oscui minori, con ancora meno soldi, nessuno sponsor eppure primeggiamo anno dopo anno, nel nuoto facciamo ridere ieri oggi domani, se 1 oro e 1 argento e' tutto quello che si ottiene e si deve pure restare contenti, cioe' dico 4 ori in tutta la storia delle olimpiadi non puo' essere solo un caso, o frutto della scarsezza di mezzi economici e proprio frutto di incapacita', scarsa lungimiranza, paura ' di innovare, di stare al passo con le tendenze, di provare cose nuove... No Mazzy, non esageriamo. Indubbiamente si poteva fare qualcosina di piu', ma da qui a dipingere un' Italia addirittura da terzo mondo nel nuoto ce ne corre. La Nuova Zelanda era in finale nella corsia al nostro fianco, e' vero. Se questo e' un indizio della nostra presunta pochezza natatoria allora mi consolo:vuol dire che Francia, Svezia, Canada sono paesi da quarto mondo, dato che in finale non ci sono neanche andati.....
modificato Aug 18 '08 a 2:38 pm
 
0
risposta
Io voglio dire solo una cosa... Nella staffetta finale la 4x100 mista in corsia 7 c'era la Nuova Zelanda... Italia era in corsia 8. se non era per la coppa america il 90% delle persone nemmeno sapeva dove si trovava... o la confondeva per una delle tante isole tropicali... dico la Nuova Zelanda...4 milioni e mezzo di abitanti, con la vela e il Rugby sport principali. Questo al dice lunga sulla situazione del nuoto in italia, sulla scarsa organizzazione, mancanza di volonta', manifesta incapacita' tecnica, non esiste che paesi come la svezia, la finlandia, dove 3-4 mesi l'anno puoi al massimo fare un tuffo nel mar baltico o in qualche laghetto con un accogliente acqua da 13-15 C e d'inverno devi avere il paraflu non l'acqua nelle piscine altrimenti ti si ghiaccia... Siamo realisti, le colpe sono evidenti.... Tecnicamente molti atleti fanno ridere in confronto ai migliori, nelle piccole cose sono imbarazzanti, subacque e tuffi sono da fiera di paese per molti. Ci sono sport ancora piu' oscui minori, con ancora meno soldi, nessuno sponsor eppure primeggiamo anno dopo anno, nel nuoto facciamo ridere ieri oggi domani, se 1 oro e 1 argento e' tutto quello che si ottiene e si deve pure restare contenti, cioe' dico 4 ori in tutta la storia delle olimpiadi non puo' essere solo un caso, o frutto della scarsezza di mezzi economici e proprio frutto di incapacita', scarsa lungimiranza, paura ' di innovare, di stare al passo con le tendenze, di provare cose nuove... bè se la metti su questo piano allora anche lo zimbabwe è più forte di noi...dato che è arrivato davanti a noi nel medagliere!! non credo si possa giudicare una spedizione da una singola gara o staffetta o da un solo atleta...!
Io voglio dire solo una cosa... Nella staffetta finale la 4x100 mista in corsia 7 c'era la Nuova Zelanda... Italia era in corsia 8. se non era per la coppa america il 90% delle persone nemmeno sapeva dove si trovava... o la confondeva per una delle tante isole tropicali... dico la Nuova Zelanda...4 milioni e mezzo di abitanti, con la vela e il Rugby sport principali. Questo al dice lunga sulla situazione del nuoto in italia, sulla scarsa organizzazione, mancanza di volonta', manifesta incapacita' tecnica, non esiste che paesi come la svezia, la finlandia, dove 3-4 mesi l'anno puoi al massimo fare un tuffo nel mar baltico o in qualche laghetto con un accogliente acqua da 13-15 C e d'inverno devi avere il paraflu non l'acqua nelle piscine altrimenti ti si ghiaccia... Siamo realisti, le colpe sono evidenti.... Tecnicamente molti atleti fanno ridere in confronto ai migliori, nelle piccole cose sono imbarazzanti, subacque e tuffi sono da fiera di paese per molti. Ci sono sport ancora piu' oscui minori, con ancora meno soldi, nessuno sponsor eppure primeggiamo anno dopo anno, nel nuoto facciamo ridere ieri oggi domani, se 1 oro e 1 argento e' tutto quello che si ottiene e si deve pure restare contenti, cioe' dico 4 ori in tutta la storia delle olimpiadi non puo' essere solo un caso, o frutto della scarsezza di mezzi economici e proprio frutto di incapacita', scarsa lungimiranza, paura ' di innovare, di stare al passo con le tendenze, di provare cose nuove... bè se la metti su questo piano allora anche lo zimbabwe è più forte di noi...dato che è arrivato davanti a noi nel medagliere!! non credo si possa giudicare una spedizione da una singola gara o staffetta o da un solo atleta...!
modificato Aug 18 '08 a 2:42 pm
 
0
risposta
Io voglio dire solo una cosa... Nella staffetta finale la 4x100 mista in corsia 7 c'era la Nuova Zelanda... Italia era in corsia 8. se non era per la coppa america il 90% delle persone nemmeno sapeva dove si trovava... o la confondeva per una delle tante isole tropicali... dico la Nuova Zelanda...4 milioni e mezzo di abitanti, con la vela e il Rugby sport principali. Vedi a me non piace scendere in polemiche personali, ma un discorso di questo genere denota solo ignoranza del nuoto e della sua storia. La Nuova Zelanda ha una grande tradizione nel nuoto e non certo l'ultima arrivata sulla scena internazionale. @ Questo al dice lunga sulla situazione del nuoto in italia, sulla scarsa organizzazione, mancanza di volonta', manifesta incapacita' tecnica, non esiste che paesi come la svezia, la finlandia, dove 3-4 mesi l'anno puoi al massimo fare un tuffo nel mar baltico o in qualche laghetto con un accogliente acqua da 13-15 C e d'inverno devi avere il paraflu non l'acqua nelle piscine altrimenti ti si ghiaccia... Siamo realisti, le colpe sono evidenti.... Di nuovo c'e' mancanza di conoscenza del nuoto come fenomeno; il nuoto agonistico non si fa nelle acque libere, ma nelle piscine. E le piscine sono impianti che costano e vanno costruite e gestite. E nella costruzione e genstione degli impianti la Svezia e in generale tutti i paesi nordici danno dei punti a tutti. @ Tecnicamente molti atleti fanno ridere in confronto ai migliori, nelle piccole cose sono imbarazzanti, subacque e tuffi sono da fiera di paese per molti. Ci sono sport ancora piu' oscui minori, con ancora meno soldi, nessuno sponsor eppure primeggiamo anno dopo anno, nel nuoto facciamo ridere ieri oggi domani, se 1 oro e 1 argento e' tutto quello che si ottiene e si deve pure restare contenti, cioe' dico 4 ori in tutta la storia delle olimpiadi non puo' essere solo un caso, o frutto della scarsezza di mezzi economici e proprio frutto di incapacita', scarsa lungimiranza, paura ' di innovare, di stare al passo con le tendenze, di provare cose nuove... DI nuovo faccio appello a tutta la mia pazienza per non abboccare a osservazioni flammatorie e esageratamente polemiche. Il tuo e' un discorso da "tifoso di calcio" (detto in senso deteriore), cioe' quello di uno che guarda solo la punta dell'iceberg (ovvero le medaglie) senza capire assolutamente nulla del fenomeno sportivo in se'. Che il nuoto itlaiano abbia compiuot miglioramenti enormi negli ultimi 15 anni e' una cosa talmente evidente che solo chi non ha mai messo piede in una piscina puo' sostenre il contrario.
Io voglio dire solo una cosa... Nella staffetta finale la 4x100 mista in corsia 7 c'era la Nuova Zelanda... Italia era in corsia 8. se non era per la coppa america il 90% delle persone nemmeno sapeva dove si trovava... o la confondeva per una delle tante isole tropicali... dico la Nuova Zelanda...4 milioni e mezzo di abitanti, con la vela e il Rugby sport principali. Vedi a me non piace scendere in polemiche personali, ma un discorso di questo genere denota solo ignoranza del nuoto e della sua storia. La Nuova Zelanda ha una grande tradizione nel nuoto e non certo l'ultima arrivata sulla scena internazionale. Questo al dice lunga sulla situazione del nuoto in italia, sulla scarsa organizzazione, mancanza di volonta', manifesta incapacita' tecnica, non esiste che paesi come la svezia, la finlandia, dove 3-4 mesi l'anno puoi al massimo fare un tuffo nel mar baltico o in qualche laghetto con un accogliente acqua da 13-15 C e d'inverno devi avere il paraflu non l'acqua nelle piscine altrimenti ti si ghiaccia... Siamo realisti, le colpe sono evidenti.... Di nuovo c'e' mancanza di conoscenza del nuoto come fenomeno; il nuoto agonistico non si fa nelle acque libere, ma nelle piscine. E le piscine sono impianti che costano e vanno costruite e gestite. E nella costruzione e genstione degli impianti la Svezia e in generale tutti i paesi nordici danno dei punti a tutti. Tecnicamente molti atleti fanno ridere in confronto ai migliori, nelle piccole cose sono imbarazzanti, subacque e tuffi sono da fiera di paese per molti. Ci sono sport ancora piu' oscui minori, con ancora meno soldi, nessuno sponsor eppure primeggiamo anno dopo anno, nel nuoto facciamo ridere ieri oggi domani, se 1 oro e 1 argento e' tutto quello che si ottiene e si deve pure restare contenti, cioe' dico 4 ori in tutta la storia delle olimpiadi non puo' essere solo un caso, o frutto della scarsezza di mezzi economici e proprio frutto di incapacita', scarsa lungimiranza, paura ' di innovare, di stare al passo con le tendenze, di provare cose nuove... DI nuovo faccio appello a tutta la mia pazienza per non abboccare a osservazioni flammatorie e esageratamente polemiche. Il tuo e' un discorso da "tifoso di calcio" (detto in senso deteriore), cioe' quello di uno che guarda solo la punta dell'iceberg (ovvero le medaglie) senza capire assolutamente nulla del fenomeno sportivo in se'. Che il nuoto itlaiano abbia compiuot miglioramenti enormi negli ultimi 15 anni e' una cosa talmente evidente che solo chi non ha mai messo piede in una piscina puo' sostenre il contrario.
modificato Aug 18 '08 a 3:28 pm
 
0
risposta
No Mazzy, non esageriamo. Indubbiamente si poteva fare qualcosina di piu', ma da qui a dipingere un' Italia addirittura da terzo mondo nel nuoto ce ne corre. La Nuova Zelanda era in finale nella corsia al nostro fianco, e' vero. Se questo e' un indizio della nostra presunta pochezza natatoria allora mi consolo:vuol dire che Francia, Svezia, Canada sono paesi da quarto mondo, dato che in finale non ci sono neanche andati..... Il mio voleva essere solo un esempio, se una nazione come la nuova zelanda che non ha piu' risorse dell'italia, e lontato dal mondo che conta, ha un 1/10 della popolazione dell'italia, non ha tutta questa ricchezza, ha 4 nuotatori nei singoli stili che sono complessivamente migliori dei nostri, beh io lo considero molto deludente, inoltre siamo entrati solo perche' abbiamo Magnini che e' l'unico fuoriclasse maschile a disposizione, senza di lui stavamo gia' sull'aereo per casa. Che la Francia non c'era lo considero anch'esso deludente, ma non per questo deve essere una giustificazione per noi. La presunta pochezza non e' presunta, e' un dato di fatto, siamo miglioriati nelle ultime 3 olimpiade complessivamente, ma perche' era difficile fare peggio di 0 medaglie, abbiamo vinto sempre e solo 4 ori. bè se la metti su questo piano allora anche lo zimbabwe è più forte di noi...dato che è arrivato davanti a noi nel medagliere!! non credo si possa giudicare una spedizione da una singola gara o staffetta o da un solo atleta...! la staffetta era solo esempio di come la spedizione sia per me deludente oltre misura al di la' del risultato, si puo' vincere o meno, ma bisogna essere competitivi, ma alla fine solo la pellegrini lo era realmente, la Filippi ha vinto solo per il suicidio degli avversari non perche' era la seconda piu' forte del lotto, e considerando il costume dei miracoli, lo scarico, la prestazione sui 400mx e gli 800sl rimangono deludenti per il tempo, rimane solo l'argento Vedi a me non piace scendere in polemiche personali, ma un discorso di questo genere denota solo ignoranza del nuoto e della sua storia. La Nuova Zelanda ha una grande tradizione nel nuoto e non certo l'ultima arrivata sulla scena internazionale. Una grande tradizione ? Ignoranza ? la Nuova Zelanda ha vinto 2-1-3 = 6 medaglie nella storia delle olimpiadi nel nuoto, non mi pare questa grande tradizione almeno rispetto all'italia, ma non era questo il punto. la stafetta mista era solo come gia' detto l'emblema di come sono andate le cose. Per me molto deludenti, se poi per molti di voi basta partecipare per essero, beh abbiamo diverse aspettative che posso dire. Io penso che con una gestione radicalmente diversa, un nuovo spirito, potremmo diventare una nazione che conta alla pari dell'australia almeno in breve tempo, non come gli USA perche' non abbiamo i loro soldi ne la loro popolazione sia di numero sia di tipologia. Di nuovo c'e' mancanza di conoscenza del nuoto come fenomeno; il nuoto agonistico non si fa nelle acque libere, ma nelle piscine. E le piscine sono impianti che costano e vanno costruite e gestite. E nella costruzione e genstione degli impianti la Svezia e in generale tutti i paesi nordici danno dei punti a tutti. Ovvio che servono le piscine, ma se voglio trovare una piscina vicino casa non ho problemi anche qua' a Roma, piu' o meno in tutta la citta' escluso il centro storico, a helsinki per esempio non ho visto tutte queste piscine a disposizione, magari sono sperdute nella vasta tundra interna non so.. Che gli istruttori sono modesti ecco quello e' il problema alla radice, ma siamo OT per parlarne. DI nuovo faccio appello a tutta la mia pazienza per non abboccare a osservazioni flammatorie e esageratamente polemiche. Il tuo e' un discorso da "tifoso di calcio" (detto in senso deteriore), cioe' quello di uno che guarda solo la punta dell'iceberg (ovvero le medaglie) senza capire assolutamente nulla del fenomeno sportivo in se'. Che il nuoto itlaiano abbia compiuot miglioramenti enormi negli ultimi 15 anni e' una cosa talmente evidente che solo chi non ha mai messo piede in una piscina puo' sostenre il contrario. Non devi fare ricorso a nessuna pazienza, fino a 3 olimpiadi fa' eravamo come la Giamaica nel Bob sulla neve, con la differenza che in giamaica non c'e' la neve oltre ad essere poco popoloso, cosi e' normale che non siano competitivi, in italia le piscine ci sono sempre state, la passione per l'acqua non manca basta vedere come le spiaggie sono affollate in estate, cosi abbiamo le potenzialita' di essere competitivi senza troppi sforzi, ma con politiche adeguate altrimenti meglio lasciare perdere, aspettiamo che una volta ogni 15 anni un fenomeno emerga per qualche settimana e cosi ci ricordiamo del nuoto. Solo ora stiamo qualche risultati ma possiamo e dobbiamo fare di piu'. In europa facciamo una figura migliore ma perche' gli europei sono alle volte anche un po' snobbati per la verita', basta vedere quest'anno ad Eindhover con molte nazioni importanti assenti o a mezzo servizio. Ma le mie grandi critiche sono sull'aspetto tecnico, i nostri nuotatori nuotano per al gran parte con uno stile da non prendere ad esempio diciamo cosi, quello che io chiedo e mi aspetto che quando arrivi alle olimpiadi tu sia l'eccellenza di quello che il paese rappresenta. Vedere un ranista che aspira alla medaglia prendere 2 metri dopo il tuffo perche' la sua subacque e' da fiera da paese non lo trovo concepibile, dimostra la pochezza di lui e dello staff di allenatori, perche' non si e' lavorato ? quele e' lo scopo di perdere 2 metri alla partenza ? non mi aspetto che tutti siano come phelps nelle subacque, ma almeno alla pari di tutti gli altri si.
No Mazzy, non esageriamo. Indubbiamente si poteva fare qualcosina di piu', ma da qui a dipingere un' Italia addirittura da terzo mondo nel nuoto ce ne corre. La Nuova Zelanda era in finale nella corsia al nostro fianco, e' vero. Se questo e' un indizio della nostra presunta pochezza natatoria allora mi consolo:vuol dire che Francia, Svezia, Canada sono paesi da quarto mondo, dato che in finale non ci sono neanche andati..... Il mio voleva essere solo un esempio, se una nazione come la nuova zelanda che non ha piu' risorse dell'italia, e lontato dal mondo che conta, ha un 1/10 della popolazione dell'italia, non ha tutta questa ricchezza, ha 4 nuotatori nei singoli stili che sono complessivamente migliori dei nostri, beh io lo considero molto deludente, inoltre siamo entrati solo perche' abbiamo Magnini che e' l'unico fuoriclasse maschile a disposizione, senza di lui stavamo gia' sull'aereo per casa. Che la Francia non c'era lo considero anch'esso deludente, ma non per questo deve essere una giustificazione per noi. La presunta pochezza non e' presunta, e' un dato di fatto, siamo miglioriati nelle ultime 3 olimpiade complessivamente, ma perche' era difficile fare peggio di 0 medaglie, abbiamo vinto sempre e solo 4 ori. bè se la metti su questo piano allora anche lo zimbabwe è più forte di noi...dato che è arrivato davanti a noi nel medagliere!! non credo si possa giudicare una spedizione da una singola gara o staffetta o da un solo atleta...! la staffetta era solo esempio di come la spedizione sia per me deludente oltre misura al di la' del risultato, si puo' vincere o meno, ma bisogna essere competitivi, ma alla fine solo la pellegrini lo era realmente, la Filippi ha vinto solo per il suicidio degli avversari non perche' era la seconda piu' forte del lotto, e considerando il costume dei miracoli, lo scarico, la prestazione sui 400mx e gli 800sl rimangono deludenti per il tempo, rimane solo l'argento Vedi a me non piace scendere in polemiche personali, ma un discorso di questo genere denota solo ignoranza del nuoto e della sua storia. La Nuova Zelanda ha una grande tradizione nel nuoto e non certo l'ultima arrivata sulla scena internazionale. Una grande tradizione ? Ignoranza ? la Nuova Zelanda ha vinto 2-1-3 = 6 medaglie nella storia delle olimpiadi nel nuoto, non mi pare questa grande tradizione almeno rispetto all'italia, ma non era questo il punto. la stafetta mista era solo come gia' detto l'emblema di come sono andate le cose. Per me molto deludenti, se poi per molti di voi basta partecipare per essero, beh abbiamo diverse aspettative che posso dire. Io penso che con una gestione radicalmente diversa, un nuovo spirito, potremmo diventare una nazione che conta alla pari dell'australia almeno in breve tempo, non come gli USA perche' non abbiamo i loro soldi ne la loro popolazione sia di numero sia di tipologia. Di nuovo c'e' mancanza di conoscenza del nuoto come fenomeno; il nuoto agonistico non si fa nelle acque libere, ma nelle piscine. E le piscine sono impianti che costano e vanno costruite e gestite. E nella costruzione e genstione degli impianti la Svezia e in generale tutti i paesi nordici danno dei punti a tutti. Ovvio che servono le piscine, ma se voglio trovare una piscina vicino casa non ho problemi anche qua' a Roma, piu' o meno in tutta la citta' escluso il centro storico, a helsinki per esempio non ho visto tutte queste piscine a disposizione, magari sono sperdute nella vasta tundra interna non so.. Che gli istruttori sono modesti ecco quello e' il problema alla radice, ma siamo OT per parlarne. DI nuovo faccio appello a tutta la mia pazienza per non abboccare a osservazioni flammatorie e esageratamente polemiche. Il tuo e' un discorso da "tifoso di calcio" (detto in senso deteriore), cioe' quello di uno che guarda solo la punta dell'iceberg (ovvero le medaglie) senza capire assolutamente nulla del fenomeno sportivo in se'. Che il nuoto itlaiano abbia compiuot miglioramenti enormi negli ultimi 15 anni e' una cosa talmente evidente che solo chi non ha mai messo piede in una piscina puo' sostenre il contrario. Non devi fare ricorso a nessuna pazienza, fino a 3 olimpiadi fa' eravamo come la Giamaica nel Bob sulla neve, con la differenza che in giamaica non c'e' la neve oltre ad essere poco popoloso, cosi e' normale che non siano competitivi, in italia le piscine ci sono sempre state, la passione per l'acqua non manca basta vedere come le spiaggie sono affollate in estate, cosi abbiamo le potenzialita' di essere competitivi senza troppi sforzi, ma con politiche adeguate altrimenti meglio lasciare perdere, aspettiamo che una volta ogni 15 anni un fenomeno emerga per qualche settimana e cosi ci ricordiamo del nuoto. Solo ora stiamo qualche risultati ma possiamo e dobbiamo fare di piu'. In europa facciamo una figura migliore ma perche' gli europei sono alle volte anche un po' snobbati per la verita', basta vedere quest'anno ad Eindhover con molte nazioni importanti assenti o a mezzo servizio. Ma le mie grandi critiche sono sull'aspetto tecnico, i nostri nuotatori nuotano per al gran parte con uno stile da non prendere ad esempio diciamo cosi, quello che io chiedo e mi aspetto che quando arrivi alle olimpiadi tu sia l'eccellenza di quello che il paese rappresenta. Vedere un ranista che aspira alla medaglia prendere 2 metri dopo il tuffo perche' la sua subacque e' da fiera da paese non lo trovo concepibile, dimostra la pochezza di lui e dello staff di allenatori, perche' non si e' lavorato ? quele e' lo scopo di perdere 2 metri alla partenza ? non mi aspetto che tutti siano come phelps nelle subacque, ma almeno alla pari di tutti gli altri si.
modificato Aug 18 '08 a 9:06 pm
 
0
risposta
Ma le mie grandi critiche sono sull'aspetto tecnico, i nostri nuotatori nuotano per al gran parte con uno stile da non prendere ad esempio diciamo cosi, quello che io chiedo e mi aspetto che quando arrivi alle olimpiadi tu sia l'eccellenza di quello che il paese rappresenta. Vedere un ranista che aspira alla medaglia prendere 2 metri dopo il tuffo perche' la sua subacque e' da fiera da paese non lo trovo concepibile, dimostra la pochezza di lui e dello staff di allenatori, perche' non si e' lavorato ? quele e' lo scopo di perdere 2 metri alla partenza ? non mi aspetto che tutti siano come phelps nelle subacque, ma almeno alla pari di tutti gli altri si. Ho una domanda ed e' seria; che qualifiche hai per fare queste critiche? Sei un allenatore di nuoto? Sei un esperto di biomeccanica? No perche' io mi chiedo come mai quelli bravi, buoni e in gamba scrivono nei forum e invece gli sfigati allenano nei club e in nazionale. Le critiche sono sempre lecite, ma bisognerebbe avere piu' cautela e piu' rispetto del lavoro degli altri (anche del lavoro non propriamente riuscito bene). Io non so che tu faccia nella vita, ma non credo che avresti piacere di vedere uno che non ha nessuna competenza fare le pulci al tuo mestiere.
Ma le mie grandi critiche sono sull'aspetto tecnico, i nostri nuotatori nuotano per al gran parte con uno stile da non prendere ad esempio diciamo cosi, quello che io chiedo e mi aspetto che quando arrivi alle olimpiadi tu sia l'eccellenza di quello che il paese rappresenta. Vedere un ranista che aspira alla medaglia prendere 2 metri dopo il tuffo perche' la sua subacque e' da fiera da paese non lo trovo concepibile, dimostra la pochezza di lui e dello staff di allenatori, perche' non si e' lavorato ? quele e' lo scopo di perdere 2 metri alla partenza ? non mi aspetto che tutti siano come phelps nelle subacque, ma almeno alla pari di tutti gli altri si. Ho una domanda ed e' seria; che qualifiche hai per fare queste critiche? Sei un allenatore di nuoto? Sei un esperto di biomeccanica? No perche' io mi chiedo come mai quelli bravi, buoni e in gamba scrivono nei forum e invece gli sfigati allenano nei club e in nazionale. Le critiche sono sempre lecite, ma bisognerebbe avere piu' cautela e piu' rispetto del lavoro degli altri (anche del lavoro non propriamente riuscito bene). Io non so che tu faccia nella vita, ma non credo che avresti piacere di vedere uno che non ha nessuna competenza fare le pulci al tuo mestiere.
modificato Aug 18 '08 a 9:25 pm
 
0
risposta
Io non so che tu faccia nella vita, ma non credo che avresti piacere di vedere uno che non ha nessuna competenza fare le pulci al tuo mestiere. OT: e non è una bella cosa :) Comunque una cosa è migliorare la partenza e le subacquee una cosa è avere una tecnica di nuotata che lascia a desiderare (e non è così). Almeno questo lasciamoglielo!
Io non so che tu faccia nella vita, ma non credo che avresti piacere di vedere uno che non ha nessuna competenza fare le pulci al tuo mestiere. OT: e non è una bella cosa :) Comunque una cosa è migliorare la partenza e le subacquee una cosa è avere una tecnica di nuotata che lascia a desiderare (e non è così). Almeno questo lasciamoglielo!
modificato Aug 18 '08 a 9:41 pm
 
0
risposta
Atleti: Mellouli ha fatto una pessima figura, ha pagato ma sappiamo bene che i problemi doping sono ben altri (e molto, molto più grossi). Non giustifico lui, nè alcun altro, ma non nascondiamo il doping dietro il caso di un amfetamina (il doping degli anni 40 e 50...). Turrini 2 anni per negligenza Mellouli 18 mesi con retroattività in modo che la squalifica finisse a giugno e riuscisse a fare i tempi limite e partecipare alle Olimpiadi. io ci trovo 2 pesi e 2 misure. questo mi fa pensare che Mellouli non dovesse essere al via in queste gare. Hackett avrebbe vinto il 1500 e staremmo qui a parlare del primo uomo nella storia a vincere 3 medaglie d'oro in tre olimpiadi diverse nella stessa gara.
Atleti: Mellouli ha fatto una pessima figura, ha pagato ma sappiamo bene che i problemi doping sono ben altri (e molto, molto più grossi). Non giustifico lui, nè alcun altro, ma non nascondiamo il doping dietro il caso di un amfetamina (il doping degli anni 40 e 50...). Turrini 2 anni per negligenza Mellouli 18 mesi con retroattività in modo che la squalifica finisse a giugno e riuscisse a fare i tempi limite e partecipare alle Olimpiadi. io ci trovo 2 pesi e 2 misure. questo mi fa pensare che Mellouli non dovesse essere al via in queste gare. Hackett avrebbe vinto il 1500 e staremmo qui a parlare del primo uomo nella storia a vincere 3 medaglie d'oro in tre olimpiadi diverse nella stessa gara.
modificato Aug 19 '08 a 6:25 am
 
0
risposta
Ho una domanda ed e' seria; che qualifiche hai per fare queste critiche? Sei un allenatore di nuoto? Sei un esperto di biomeccanica? No perche' io mi chiedo come mai quelli bravi, buoni e in gamba scrivono nei forum e invece gli sfigati allenano nei club e in nazionale. Non credo che ci voglia un master in tecnica del nuoto per valutare un tuffo di partenza o una virata. Se ne sono accorti tutti. Il re è nudo ma bisogna dire che è ben vestito...
Ho una domanda ed e' seria; che qualifiche hai per fare queste critiche? Sei un allenatore di nuoto? Sei un esperto di biomeccanica? No perche' io mi chiedo come mai quelli bravi, buoni e in gamba scrivono nei forum e invece gli sfigati allenano nei club e in nazionale. Non credo che ci voglia un master in tecnica del nuoto per valutare un tuffo di partenza o una virata. Se ne sono accorti tutti. Il re è nudo ma bisogna dire che è ben vestito...
modificato Aug 19 '08 a 7:41 am
 
0
risposta
Turrini 2 anni per negligenza Mellouli 18 mesi con retroattività in modo che la squalifica finisse a giugno e riuscisse a fare i tempi limite e partecipare alle Olimpiadi. io ci trovo 2 pesi e 2 misure. questo mi fa pensare che Mellouli non dovesse essere al via in queste gare. Hackett avrebbe vinto il 1500 e staremmo qui a parlare del primo uomo nella storia a vincere 3 medaglie d'oro in tre olimpiadi diverse nella stessa gara. hackett poteva pensare di ripetere il tempo delle batterie e ognuno pensi a se stesso! come la mettiamo con thorpe? il sospetto dell'insabbiamento nn è forte? Ho una domanda ed e' seria; che qualifiche hai per fare queste critiche? Sei un allenatore di nuoto? Sei un esperto di biomeccanica? No perche' io mi chiedo come mai quelli bravi, buoni e in gamba scrivono nei forum e invece gli sfigati allenano nei club e in nazionale. Le critiche sono sempre lecite, ma bisognerebbe avere piu' cautela e piu' rispetto del lavoro degli altri (anche del lavoro non propriamente riuscito bene). Io non so che tu faccia nella vita, ma non credo che avresti piacere di vedere uno che non ha nessuna competenza fare le pulci al tuo mestiere. rispettare il lavoro altrui significa nn porsi delle domande? anche da semplici appassionati?
Turrini 2 anni per negligenza Mellouli 18 mesi con retroattività in modo che la squalifica finisse a giugno e riuscisse a fare i tempi limite e partecipare alle Olimpiadi. io ci trovo 2 pesi e 2 misure. questo mi fa pensare che Mellouli non dovesse essere al via in queste gare. Hackett avrebbe vinto il 1500 e staremmo qui a parlare del primo uomo nella storia a vincere 3 medaglie d'oro in tre olimpiadi diverse nella stessa gara. hackett poteva pensare di ripetere il tempo delle batterie e ognuno pensi a se stesso! come la mettiamo con thorpe? il sospetto dell'insabbiamento nn è forte? Ho una domanda ed e' seria; che qualifiche hai per fare queste critiche? Sei un allenatore di nuoto? Sei un esperto di biomeccanica? No perche' io mi chiedo come mai quelli bravi, buoni e in gamba scrivono nei forum e invece gli sfigati allenano nei club e in nazionale. Le critiche sono sempre lecite, ma bisognerebbe avere piu' cautela e piu' rispetto del lavoro degli altri (anche del lavoro non propriamente riuscito bene). Io non so che tu faccia nella vita, ma non credo che avresti piacere di vedere uno che non ha nessuna competenza fare le pulci al tuo mestiere. rispettare il lavoro altrui significa nn porsi delle domande? anche da semplici appassionati?
modificato Aug 19 '08 a 8:05 am
 
0
risposta
DA BLOG SFERE Si sono concluse le Olimpiadi di Pechino nel segno di Michael Phelps, otto medaglie d'Oro conquistate, impresa nella storia olimpica; l'insieme delle gare ha detto come i nuovi costumi e il cambio generazionale in corso stiano dando un forte impulso alle prestazioni in vasca. Gli Stati Uniti hanno migliorato il loro bilancio rispetto alla scorsa edizioni aggiungendo tre bronzi alle 28 medaglie conquistate ad Atene, mentre è l'Australia, passando da 15 a 20 medaglie, a mostrare la maggiore crescita. Se in campo maschile il dominatore è Michael Phelps, in campo femminile fallisce Katie Hoff (solo un Argento e Due Bronzi per lei) mentre la statunitense Nathalie Coughlin porta a casa sei medaglie (un Oro, due Argenti e tre Bronzi) e l'australiana Rice tre Ori. In casa Italia, ci sono solo Federica Pellegrini e Alessia Filippi: i due talenti del Nuoto femminile raccolgono un Oro e un Argento, un bilancio forse inferiore alle attese se si pensa che l'Oro dei 400 metri stile libero era abbondantemente alla portata di Federica. E' arrivato il primo Oro in campo femminile, ma dietro di loro c'è il vuoto. In campo maschile, l'Italia naufraga e per la prima volta dal 1984 non sale sul podio: scompaiono i liberisti, nessuna finale per loro, e Marin e Boggiatto danno il massimo ma sono lontano dal vertice nei 400 misti. L'Italia sembra essere una delle poche nazioni a non avere tratto vantaggi dai nuovi costumi (si veda l'esempio di Filippo Magnini rimasto sopra i 48" in una specialit dove tutti hanno tolto almeno mezzo secondo al loro personale): le responsabilità sono molte a partire da una gestione dilettantistica proprio della questione costumi da parte della Federazione con decisione finale presa solo a pochi giorni dall'inizio dei Giochi. Abbiamo criticato Federica Pellegrini per le sue giustificazioni legate all'orario delle gare, ma gli azzurri sembrano tra gli unici ad aver subito le finali al mattino. Anche in questo caso c'è stata molta leggerezza nella preparazione: perchè non correre di mattino le finali dei Campionati Italiani?
DA BLOG SFERE http://pechino2008.blogosfere.it/images/Pellegrini_Bil-thumb.JPGSi sono concluse le Olimpiadi di Pechino nel segno di Michael Phelps, otto medaglie d'Oro conquistate, impresa nella storia olimpica; l'insieme delle gare ha detto come i nuovi costumi e il cambio generazionale in corso stiano dando un forte impulso alle prestazioni in vasca. Gli Stati Uniti hanno migliorato il loro bilancio rispetto alla scorsa edizioni aggiungendo tre bronzi alle 28 medaglie conquistate ad Atene, mentre è l'Australia, passando da 15 a 20 medaglie, a mostrare la maggiore crescita. Se in campo maschile il dominatore è Michael Phelps, in campo femminile fallisce Katie Hoff (solo un Argento e Due Bronzi per lei) mentre la statunitense Nathalie Coughlin porta a casa sei medaglie (un Oro, due Argenti e tre Bronzi) e l'australiana Rice tre Ori. In casa Italia, ci sono solo Federica Pellegrini e Alessia Filippi: i due talenti del Nuoto femminile raccolgono un Oro e un Argento, un bilancio forse inferiore alle attese se si pensa che l'Oro dei 400 metri stile libero era abbondantemente alla portata di Federica. E' arrivato il primo Oro in campo femminile, ma dietro di loro c'è il vuoto. In campo maschile, l'Italia naufraga e per la prima volta dal 1984 non sale sul podio: scompaiono i liberisti, nessuna finale per loro, e Marin e Boggiatto danno il massimo ma sono lontano dal vertice nei 400 misti. L'Italia sembra essere una delle poche nazioni a non avere tratto vantaggi dai nuovi costumi (si veda l'esempio di Filippo Magnini rimasto sopra i 48" in una specialit dove tutti hanno tolto almeno mezzo secondo al loro personale): le responsabilità sono molte a partire da una gestione dilettantistica proprio della questione costumi da parte della Federazione con decisione finale presa solo a pochi giorni dall'inizio dei Giochi. Abbiamo criticato Federica Pellegrini per le sue giustificazioni legate all'orario delle gare, ma gli azzurri sembrano tra gli unici ad aver subito le finali al mattino. Anche in questo caso c'è stata molta leggerezza nella preparazione: perchè non correre di mattino le finali dei Campionati Italiani?
modificato Aug 19 '08 a 8:22 am
 
0
risposta
12
anteprima immediata
inserisci almeno 10 caratteri
ATTENZIONE: Hai menzionato %MENTIONS%, ma non possono vedere questo messaggio e non ne riceveranno notifica
Salvataggio...
Salvato
With selected deselect posts show selected posts
Tutti i messaggi di questo argomento saranno cancellato ?
Bozza in attesa ... Click per tornare alla modifica
Elimina la bozza