Advertisement
da Anaten.it La parte terminale della bracciata a farfalla è un momento critico per una buona nuotata a farfalla. (original : Yoshimura, Y., Tanaka, T., Oishi, K., Yasukawa, M., & Matsuo, A. (2007). Characteristics of butterfly stroking skill in elite swimmers detected by means of a speed meter. ACSM Annual Meeting New Orleans, Presentation Number, 1432. ) Questo studio è stato realizzato con un analizzatore di velocità, tipo velocimetro, collegato al nuotatore. Sono stati sottoposti a test 12 nuotatori di alto livello (tra i primi al mondo nelle classifiche 2006 mondiali) durante la nuotata a farfalla. Le curve di velocità sono state confrontate tra loro nell'analisi della massima velocità di nuotata, l'analizzatore di velocità è stato legato all'atleta in vita con una cintura. L'implicazione di questo studio è diretta verso l'analisi della parte terminale della bracciata (upsweep e seconda fase di battuta di gambe), in tutti i casi una maggiore enfasi in questa parte della bracciata ha prodotto una maggiore velocità di nuotata, una maggiore velocità di uscita della mano ed un rapido inizio della battuta di gambe. Commenti alla ricerca : questo studio , molto simile a quanto anche in Italia si analizza da tempo dal centro ricerche FIN e dal Prof. Ivo Ferretti, si sofferma su un momento della bracciata a farfalla già ritenuto fondamentale nello studio della tecnica. L'analisi dei dati però conferma quanto poteva apparire semplicemente una evidenza ovvero che il soffermarsi con l'atleta nella corretta esecuzione anche della parte terminale dell'upsweep è fondamentale per una corretta ed efficace nuotata a farfalla.
da Anaten.it La parte terminale della bracciata a farfalla è un momento critico per una buona nuotata a farfalla. (original : Yoshimura, Y., Tanaka, T., Oishi, K., Yasukawa, M., & Matsuo, A. (2007). Characteristics of butterfly stroking skill in elite swimmers detected by means of a speed meter. ACSM Annual Meeting New Orleans, Presentation Number, 1432. ) Questo studio è stato realizzato con un analizzatore di velocità, tipo velocimetro, collegato al nuotatore. Sono stati sottoposti a test 12 nuotatori di alto livello (tra i primi al mondo nelle classifiche 2006 mondiali) durante la nuotata a farfalla. Le curve di velocità sono state confrontate tra loro nell'analisi della massima velocità di nuotata, l'analizzatore di velocità è stato legato all'atleta in vita con una cintura. L'implicazione di questo studio è diretta verso l'analisi della parte terminale della bracciata (upsweep e seconda fase di battuta di gambe), in tutti i casi una maggiore enfasi in questa parte della bracciata ha prodotto una maggiore velocità di nuotata, una maggiore velocità di uscita della mano ed un rapido inizio della battuta di gambe. Commenti alla ricerca : questo studio , molto simile a quanto anche in Italia si analizza da tempo dal centro ricerche FIN e dal Prof. Ivo Ferretti, si sofferma su un momento della bracciata a farfalla già ritenuto fondamentale nello studio della tecnica. L'analisi dei dati però conferma quanto poteva apparire semplicemente una evidenza ovvero che il soffermarsi con l'atleta nella corretta esecuzione anche della parte terminale dell'upsweep è fondamentale per una corretta ed efficace nuotata a farfalla.
modificato Mar 6 '08 a 8:36 am
 
0
risposta
anteprima immediata
inserisci almeno 10 caratteri
ATTENZIONE: Hai menzionato %MENTIONS%, ma non possono vedere questo messaggio e non ne riceveranno notifica
Salvataggio...
Salvato
With selected deselect posts show selected posts
Tutti i messaggi di questo argomento saranno cancellato ?
Bozza in attesa ... Click per tornare alla modifica
Elimina la bozza